Occhi pollini o calli

Malattia Espressione dell’AnimA
Gli «occhi» inferiori offrono una prospettiva completamente diversa da quella che ci viene data dagli occhi superiori. La denominazione deriva dagli occhi a bottone dei polli e la loro formazione avviene sul punto del piede sottoposto a pressione, su cui la scarpa preme.

In questo contesto il rapporto fra sotto e sopra testimoniato dalla presenza delle zone di riflesso, è particolarmente evidente. I calli, che si formano soprattutto sulle dita dei piedi, segnalano che su precise parti del corpo viene esercitata una determinata pressione.
Se una persona ha qualcosa sui piedi, a lungo andare prova dolore alle estremità, anche se gli impedimenti che ne derivano sono essenzialmente di tipo sociale.
piedi
Può anche capitare che ci pestiamo i piedi da soli, impedendoci di procedere con successo per la nostra strada.
Ciò avviene sicuramente quando indossiamo scarpe troppo strette: in questa situazione, che riguarda soprattutto le donne, si consente a un ideale di bellezza e di eleganza di ostacolare il progresso concreto.
Anatomicamente gli cechi pollini sono formati da un supporto duro che li protegge dalle pressioni esteriori, per cui rappresentano un vero e proprio tentativo di fortificare i punti deboli. Sappiamo per esperienza che queste specie di piastre resistenti diventano con il tempo punti di uscita del dolore.
Chi cerca di evitare ogni pena finisce immancabilmente per soffrire molto. È quindi necessario rinunciare a corazzarsi fisicamente e a riflettere maggiormente sulle misure psico-spirituali opportune per auto-proteggersi.
È necessario confrontarsi con ciò che ci opprime e comportarci di conseguenza allo scopo di liberarci dalla pressioni esterne. Si potrebbe ad esempio rinunciare a un punto di vista che genera tanta resistenza o consolidarlo con argomenti più validi.
Domande
1. Chi mi sta pestando i piedi?
2. Dove mi ostino a rimanere fermo sul mio punto di vista, anche se ho ormai raggiunto la soglia del dolore e qualcuno mi sta già pestando i piedi?
3. In che misura la mia paura o la mia politica di sicurezza mi procura dolore e mi impedisce di andare avanti?
4. Quali punti di pressione devo allontanare dalla mia vita?
5. Dove urto dolorosamente contro dei confini?
(Dott. Rudiger Dahlke)
 
Via Piave, 22, 61032 Fano PU, Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *