Ciclo mestruale

Con il termine ciclo mestruale si intende il periodo, in media di 28 giorni, che intercorre tra l’inizio di una mestruazione e l’inizio della successiva

Indicazioni nella ciclica perdita di sangue

Una mestruazione che si presenta in anticipo (almeno 3 giorni) è un’alterazione comune e se isolata è fisiologica. Fattori scatenanti possono essere stanchezza e stress. Se il problema persiste sono utili i dosaggi ormonali.

Frequentemente il problema è legato a “insufficienza luteale” ovvero a un’inadeguata produzione di progesterone da parte dell’ovaio nella seconda parte del ciclo mestruale.

Potrebbero esservi anche iperprolattinemia o alterazioni tiroidee, altre situazioni sono più rare. La terapia sarà mirata alla causa.

Un ritardo mestruale è un’evenienza frequente. Una volta esclusa una gravidanza, se il fenomeno è isolato non ci sono problemi. Se invece si ripete può essere opportuno eseguire accertamenti fra cui dosaggi ormonali, ecografia pelvica ed eventuali altri esami. Una delle cause più comuni è la sindrome dell’ovaio policistico.

Altrettanto frequenti sono le forme ipotalamiche (derivanti da stress fisici o psichici, anoressia nervosa, bulimia e più raramente lesioni organiche) che possono portare a oligomenorrea o ad amenorrea.

L’iperprolattinemia si associa spesso a oligomenorrea, più raramente a polimenorrea. Più infrequentemente invece è coinvolta l’ipofisi (adenomi, insufficienza funzionale ecc.) e altrettanto rare sono le cause surrenaliche dovute a deficit su base ereditaria che si escludono con il test all’ACTH e con i dosaggi di testosterone, DHEA, d4-androstenedione, 17-idrossiprogesterone.

Consiste in un ritardo mestruale che si protrae per almeno tre mesi (secondo altri autori l’assenza deve perdurare da almeno sei mesi).

Anche qui, una volta esclusa una gravidanza, sarà opportuno eseguire accertamenti per identificarne la causa: visita ginecologica, ecografia pelvica, dosaggi ormonali ed esami specifici suggeriti dai sospetti diagnostici.

Le cause di amenorrea sono sostanzialmente quelle che determinano oligomenorrea, cui possono aggiungersi la menopausa precoce, la sindrome di Asherman (amenorrea insorta generalmente dopo raschiamenti a causa di sinechie o aderenze che “incollano” tra loro le pareti uterine) e altre sindromi più rare.

Una mestruazione abbondante è evenienza frequente nella vita di una donna. Il ripetersi di mestruazioni abbondanti va invece indagato anche per il conseguente rischio di anemia.

Le indagini diagnostiche sono: ecografia pelvica, dosaggi ormonali, esami ematici generali a cui si aggiungano quelli specifici in base al sospetto clinico (per esempio isteroscopia, esami radiologici).

Fra le cause più frequenti: polipi endometriali, fibromi uterini, ispessimenti endometri ali da iperstimolazione estrogenica, molto comuni in situazioni di anovulatorietà e quindi in premenopausa.

Si tratta di un flusso mestruale scarso, può capitare e non deve allarmare. Stress e stanchezza possono alterare la ciclicità ovarica ma la persistenza consiglia accertamenti diagnostici: dosaggi ormonali, ecografia pelvica ed eventuali altri esami. Le alterazioni della secrezione ormonale sono fra le cause più frequenti.

Menorragia, meno-metrorragia e metrorragia. Una mestruazione con carattere di emorragia oppure un’emorragia intermestruale rappresentano la maggior parte delle emergenze ginecologiche e richiedono accertamenti diagnostici associare Oligoelementi come Zico Rame

L’M-DMG è il rimedio da utilizzare sempre, come base per la sua potente azione antiossidante è quindi utile per tutte le patologie del disordine dell’apparato epato-biliare e del sistema Milza-Pancreas, del sistema Cardiovascolare, delle strutture muscolo-scheletriche, per tutte le alterazioni del sistema immunitario e ormonale.

DismenoVin: Indicato quale coadiuvante per attenuare i disturbi associati a ciclo mestruale, dismenorrea, amenorrea, mestruazioni irregolari, spasmi a livello pelvico. La combinazione con macerati glicerinati rende il prodotto adatto anche nelle adolescenti e può essere assunto per lunghi periodi.

Si tratta di una piccola perdita ematica che si verifica a metà ciclo, non in relazione con le mestruazioni. Per lo più è dovuta a un’alterata stimolazione ormonale dell’endometrio, infatti è frequente durante l’assunzione di contraccettivi a basso dosaggio.

Se tende a ripresentarsi andranno eseguiti accertamenti (visita ginecologica, Pap test, ecografia pelvica e dosaggi ormonali) poiché anche patologie ginecologiche tumorali potrebbero avere questo esordio.

Naturalmente ci guideranno anche anamnesi ed età della paziente.

AnimA
Monica Laugeni
Monica Laugeni
Leggi Tutto
Francesco e' molto professionale, profondo, la sue spiegazioni ti aprono finestre su mondi. E' di una pacatezza disarmante, le sua parole arrivano in un millisecondo chiare e cristalline, una bell'anima illuminata capace di rischiarare anche la tua.

Ti sei perso?

Puoi utilizzare questa barra di ricerca o usare WhatsApp

Newsletter Updates

Inserisci la tua email se desideri iscriverti alla newsletter

Leave a Reply

× Sono qui per aiutarti