Un fattore nascosto il Microbioma intestinale

Un nuovo studio sui topi dimostra che la manipolazione del microbioma intestinale può influenzare l’entità del danno cerebrale causato da un ictus

Micrograph mostrando necrosi pseudolaminar corticale, un risultato visto in imaging durante l’autopsia. Nefroni / Wikimedia Commons , CC BY-SA 3.0

I batteri che popolano le nostre viscere sono diventati giocatori chiave per i neuroscienziati. Un crescente corpo di ricerca li lega ad una vasta gamma di disturbi mentali e neurologici ansia e depressione alla schizofrenia e il morbo di Alzheimer. Ora un studio sui topi pubblicato questa settimana su Nature

Medicine suggerisce che offrire un armonico equilibrio microbico giusto potrebbe causare cambiamenti nel sistema immunitario che riducono in modo significativo i danni al cervello dopo un ictus, la seconda causa di morte e invalidità per le persone in tutto il mondo. (Scientific American è parte di Springer natur.)

Risultati immagini per microbioma

Gli esperti hanno noto da tempo che la gravità dell’ictus è influenzata dalla presenza di due tipi di cellule, che si trova in abbondanza all’interno dell’intestino, che calibrano risposte immunitarie: cellule T regolatorie hanno un effetto infiammatorio benefica, proteggere un individuo da ictus. Ma le cellule T gamma delta producono una citochina che causa l’infiammazione nociva dopo un ictus.

Un team di ricercatori della Weill Cornell Medical College e il Memorial Sloan Kettering Cancer Center si mise a indagare se potevano pendere la bilancia di queste cellule in favore di cellule benefiche per armeggiare con i residenti batterica del corpo. Per farlo, hanno allevato due colonie di topi:

Uno del gruppo è resistente agli antibiotici, mentre altri batteri intestinali era vulnerabile al trattamento. Come risultato, quando somministrato una combinazione di antibiotici nel corso di due settimane, solo un microbiota intestinale di quest’ultimo ha subito il cambiamento.

I ricercatori hanno poi ostruiti arterie cerebrali dei topi, inducendo un ictus ischemico (il tipo più comune). Essi hanno scoperto che il successivo danno al cervello è stata del 60 per cento più piccolo in topi droga sensibili, di quanto non fosse in un altro gruppo.

Per confermare che questo risultato potrebbe veramente essere attribuito alla variazione flora intestinale, i ricercatori hanno eseguito trapianti fecali. Cioè, hanno preso il contenuto dei due punti di topi che avevano sperimentato corsa ridotta e ha dato questo materiale per nuovi mouse. Questa volta, però, la squadra non ha somministrare antibiotici, creando così un gruppo di topi con batteri intestinali alterate, ma non esposizione al farmaco.

Risultati immagini per microbioma

Inducendo un attacco ischemico in questo gruppo, i ricercatori hanno scoperto che questi topi avevano anche acquisito una protezione contro l’ictus.

I ricercatori hanno scoperto che modificando la flora intestinale avevano indirettamente spinto il rapporto tra cellule immunitarie a favore delle cellule T “buoni” regolamentazione sopprimendo le cellule T gamma delta più dannose.

Il team hanno rintracciato entrambi i tipi di cellule, come hanno lasciato l’intestino e viaggiato al cervello, dove si stabilirono sulle meningi e, i ricercatori sospettano, che il cervello – intestino ha risposto alla corsa. Questo risposta infiammatoria sistemica -supportata da T-cellule può essere utile, aprendo il cervello di cellule morte, o debilitanti, provocando edema cerebrale e ulteriori danni.

“Queste cellule determinano quale tipo di risposta immunitaria infiammatoria del cervello sta per sperimentare dopo l’ictus”, spiega il neurologo Costantino Iadecola, direttore del Brain and Mind Institute di ricerca presso Weill Cornell e uno degli autori dello studio. Cambiando il paesaggio batterica dell’intestino, spiega, “le cellule immunitarie finiscono per dare una mano, invece di contribuire al danno che si verifica.”

“Ora il microbioma è un altro elemento in questa equazione, non è solo il diabete, ipertensione e obesità”. “Ci sono anche altri fattori che abbiamo bisogno di sapere al fine di adattare il trattamento.” Lo studio suggerisce che tale trattamento può comportare antibiotici, probiotici, cambiamenti nella dieta o altri interventi che avrebbero cambiato microbiota dell’intestino per essere di supporto delle cellule T regolatorie e ridurre Le cellule T gamma delta.

Risultati immagini per microbioma

Ad esempio, i pazienti sottoposti a chirurgia cardiaca, molti dei quali finiscono per subire un ictus, potrebbe fare una speciale dieta preventiva.

Tali interventi rimangono molto lontano, però.

In questo momento stanno lavorando sull’identificazione dei batteri specifici coinvolti nelle loro conclusioni, nonché il meccanismo molecolare-esattamente come l’intestino e il cervello interagire e comunicare, che sta alla base delle risposte immunitarie osservati in questo studio. Entrambi i percorsi di ricerca sono importanti per lo sviluppo di approcci terapeutici mirati su tutta la linea.

http://www.scientificamerican.com/article/a-hidden-factor-in-stroke-severity-the-microbes-in-your-gut/

Via Piave, 22, 61032 Fano PU, Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *