Steatosi Epatica

NAFLD (Non Alcoholic Fatty Liver Diseas = steatosi epatica non alcolica), in genere si raccomandano diete ipocaloriche e ipolipidiche.

La salute รจ conoscenza di Sรฉ

Dopo una diagnosi di steatosi epatica o NAFLD (Non Alcoholic Fatty Liver Diseas = steatosi epatica non alcolica), in genere si raccomandano diete ipocaloriche e ipolipidiche.

Oltre a essere difficili da seguire a lungo, tali diete non affrontano le cause radice.

In un trial clinico sul trattamento di NAFLD, una dieta a basso contenuto di grassi si รจ rivelata peggiore di una a basso contenuto di carboidrati[678].

Invece, le diete chetogeniche, riducendo i carboidrati, contrastano in modo efficace la steatosi epatica, per 4 ragioni:

  1. riducono il grasso epatico,
  2. abbattono i livelli di insulina e lโ€™insulino-resistenza,
  3. possono invertire il procedere della malattia,
  4. diminuiscono il senso di fame e migliorano i marcatori cardiovascolari.

Riduzione del grasso epatico

In uno studio RCT (trial randomizzato controllato) di 8 settimane, condotto su 106 persone con NAFLD, la dieta a basso contenuto glucidico ha diminuito il grasso epatico e addominale, in misura maggiore rispetto a una dieta povera di grassi[679].

Altri studi, piรน piccoli, hanno rilevato una diminuzione del grasso del fegato per mezzo di un approccio a basso contenuto di carboidrati[680],[681].

Riduzione insulino-resistenza

Una dieta chetogenica, della durata di 6 giorni, ha permesso la diminuzione del 58% per la resistenza all’insulina e del 53% per i livelli di insulina su pazienti con steatosi epatica.

Secondo i ricercatori, livelli bassi di insulina hanno consentito che il grasso epatico si convertisse in chetoni[682].

Inversione della malattia

Dopo 12 settimane di dieta chetogenica, 13 persone su 14 con sindrome metabolica e NAFLD hanno constatato un calo dei livelli di grasso epatico e 3 di loro sono guariti[683].

Un altro piccolo studio, 5 pazienti con NAFLD hanno seguito una dieta con 20 g di carboidrati al giorno per 6 mesi. Su 5 pazienti, 4 hanno ridotto la steatosi epatica, l’infiammazione e la fibrosi[684].

Nell’analisi dei dati annuali di uno studio condotto dal gruppo Virta Health, i pazienti con diabete di tipo 2 e steatosi, seguendo una dieta a bassissimo contenuto di carboidrati, hanno avuto una riduzione dei punteggi di grasso epatico e di fibrosi[685].

Riduzione della fame e dei fattori di rischio cardiovascolare

Diversi studi, tra cui una meta-analisi di RCT (Randomized Controlled Trial), hanno dimostrato che le diete chetogeniche contribuiscono a ridurre l’appetito[686].

Lโ€™attenuazione del senso di fame e la perdita di grasso addominale si manifestano senza limitare le calorie[687]. Altri benefici: calo dei trigliceridi, della glicemia e della pressione[688].

La riduzione glucidica, inoltre, risulta sostenibile nel lungo termine[689],[690],[691].

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarร  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *