Cetrioli

Il succo di cetrioli appena centrifugato è il tonico più rigenerante che esista. Contiene composti di elettroliti specificamente destinati a nutrire e raffreddare ghiandole surrenali sovrastimolate e reni,

Molti soffrono di disidratazione cronica senza avere alcuna idea degli effetti negativi che questo stato produce sulla salute

I cetrioli sono l’antidoto perfetto. Sono una fonte di giovinezza che idrata le cellule al livello più profondo e in più rinfrescano, cosa che li rende particolarmente efficaci per raffreddare il fegato intasato e surriscaldato.

Consumati quotidianamente, i cetrioli possono riparare i danni al fegato, annullando dieci o quindici anni di esposizione alle tossine (comprese quelle da metalli pesanti e pesticidi come il DDT) e di cattiva alimentazione. Queste proprietà rendono il cetriolo (che in realtà è un frutto) un alleato particolarmente prezioso per ridurre il gonfiore.

Il succo di cetrioli appena centrifugato è il tonico più rigenerante che esista. Contiene composti di elettroliti specificamente destinati a nutrire e raffreddare ghiandole surrenali sovrastimolate e reni, che faticano a filtrare i residui tossici e si surriscaldano per via dell’acido urico.

Se hai una malattia renale, sei in dialisi o hai un rene solo, trarrai un notevole giovamento bevendo succo di cetriolo tutti i giorni. Sempre grazie all’effetto rinfrescante su ghiandole e organi, i cetrioli sono fantastici anche per abbassare la temperatura, sia nei bambini sia negli adulti; il succo rilascia infatti magici composti e agenti antipiretici che placano la febbre.

Gli aminoacidi, come la glicina e la glutammina, combinati all’elevato contenuto di enzimi e coenzimi altamente attivi e all’abbondanza di oligoelementi – oltre cinquanta – rendono i cetrioli un eccellente sistema di trasporto per i neurotrasmettitori chimici, e questa è un’ottima notizia se soffri d’ansia o di disturbi neurologici.

I cetrioli sono ricchi di altre importanti sostanze nutritive, come la clorofilla della buccia, che si lega alle vitamine A, C e a quelle del gruppo B. Inoltre i cetrioli favoriscono la digestione: i loro coenzimi, non ancora resi pubblici chiamati talafine, insieme agli enzimi già riconosciuti (come l’erepsina) aiutano il corpo a digerire le proteine, per ricavare il meglio dal cibo che mangi.

Se hai una delle seguenti

Malattie ai reni, insufficienza renale, mancanza di un rene, affaticamento surrenale, ansia, diabete, ipoglicemia, emicrania, eczema, psoriasi, attacco ischemico transitorio, infertilità misteriosa, malattia infiammatoria pelvica, batteri e scariche dell’apparato riproduttivo, raffreddore, influenza, citomegalovirus,  herpes zoster, sindrome da stanchezza cronica, da Escherichia coli, e/o da streptococco, scottature solari.

Se hai uno dei seguenti

Febbre, forfora, gonfiore, spasmi gastrici, fegato stagnante, disidratazione, mal di testa, secchezza o prurito alla pelle, vampate, accumulo di peso, sintomi della menopausa, sindrome premestruale, ansia, intolleranze alimentari, infiammazioni, intossicazione del sangue, acidosi, mal di schiena, tutti i sintomi neurologici (compresi formicolio, intorpidimento, spasmi, contrazioni involontarie, carenza di acido cloridrico.

C’è una ragione per cui nei paesi anglosassoni si usa l’espressione “freddo come un cetriolo”. Se hai problemi di rabbia, introduci i cetrioli nella tua alimentazione, offrili a chiunque sia scontento, intrattabile, nervoso, irritato, ostile o incline ad arrabbiarsi facilmente.

Siccome il cetriolo è verde e lo mangiamo nell’insalata, tendiamo a considerarlo una verdura, ma se lo apriamo tutti quei semi ci ricordano che si tratta di un frutto. Questo ci ricorda che le etichette che ci affibbiano gli altri non sempre corrispondono alla nostra vera essenza; spesso abbiamo una qualità o un dono non intuibile al primo sguardo.

Per avere risultati visibili, mangia due cetrioli al giorno. Invece di centrifugare una grande quantità di frutti e verdure in una volta, prova a centrifugare i cetrioli da soli.

Come quello di sedano, il puro succo di cetriolo ha straordinarie capacità curative; bere regolarmente 450 grammi di puro succo di cetriolo può cambiare la tua vita. Se stai riducendo al minimo il consumo di cereali, prova a trasformare i cetrioli in spaghetti tagliandoli alla julienne con un’affettatrice o un pelapatate: sono più idratanti e gustosi delle zucchine.

Spaghetti di

Per due porzioni:

4 cetrioli
2 grosse carote
2 cucchiaini d’olio di sesamo
2 cucchiaini di semi di sesamo
Succo di lime (circa due frutti)
Pepe di Cayenna in grani (facoltativo)
½ tazza di foglie di coriandolo sminuzzate
½ tazza di foglie di basilico sminuzzate
½ tazza di anacardi sminuzzati

Taglia i cetrioli e le carote a strisce sottili usando un pelapatate, un coltello o un’affettatrice. Sistema gli “spaghetti” di cetrioli e carote in una grossa ciotola e condisci con l’olio e i semi di sesamo, il succo di lime e, se lo desideri, i grani di pepe. Poco prima di servire, aggiungi il coriandolo, il basilico e gli anacardi.

Buon appetito!

Paolo Musso
Paolo Musso
Asti
Leggi Tutto
Ho avuto la fortuna e l'onore di conoscere Francesco, un persona straordinaria, di quelle che oggigiorno non le trovi più! Il primo impatto un po' sconvolge, perché davvero non si e più abituati a trovare così tanta preparazione e cultura e al tempo stesso così tanta umiltà e gentilezza. Mi ha dedicato una marea di tempo tra telefonate e chat, ed è sempre pronto e presente a darti un consiglio, e grazie a lui, oltre a trovare una cura che mi sta dando finalmente evidenti risultati, sto ritrovando quell'equilibrio interiore che da troppi anni avevo perduto. Che dire, ci voglio bene come a un amico, in poche parole GRAZIE

Newsletter Updates

Inserisci la tua email se desideri iscriverti alla newsletter

Leave a Reply

× Sono qui per aiutarti