Benefici dei probiotici nelle patologie

Il loro potenziale terapeutico nella prevenzione di malattie alle vie respiratorie superiori, tra cui la rinofaringite virale acuta, che colpisce naso, gola, seni paranasali, tromba di Eustachio, trachea, laringe e condotti bronchiali

La guarigione รจ prendersi cura di Sรฉ

Lโ€™introduzione di probiotici nella dieta, oltre a mantenere in buona salute il microbiota intestinale e prevenire e curare problemi di disbiosi o permeabilitร  intestinale, ha dimostrato di essere particolarmente interessante nella cura di molti, concreti problemi di salute.

Per esempio, vari studi e ricerche cliniche hanno messo in evidenza il loro potenziale terapeutico nella prevenzione di malattie alle vie respiratorie superiori, tra cui la rinofaringite virale acuta, che colpisce naso, gola, seni paranasali, tromba di Eustachio, trachea, laringe e condotti bronchiali.

I probiotici hanno inoltre dimostrato di essere utili anche nella terapia dellโ€™eczema infantile. Nel 2007, i professori G. Oliveira Fuster e I. Gonzรกlez-Molero affermavano, sorretti da un buon numero di prove.

Lโ€™utilizzo di determinati ceppi di probiotici riduceva significativamente il rischio di diarrea causata da antibiotici, e che la somministrazione di probiotici e simbiotici in pazienti soggetti a trapianto epatico.

Pancreatite acuta grave o terapie intensive e chirurgiche, si stava rivelando una promettente possibilitร  terapeutica, capace, a un primo esame, di ridurre il numero di infezioni.

Sul fronte della sicurezza di probiotici e simbiotici, il bilancio benefici/rischi รจ chiaramente a favore dei primi, poichรฉ i rischi di infezione, anche in pazienti immunodepressi, sono bassi. Infezioni del tratto respiratorio, in adulti e bambini, come il trattamento orale con probiotici contribuisse a ridurre lโ€™incidenza dellโ€™otite infantile.

Ciรฒ nonostante, esistono specifiche tipologie di pazienti per le quali sono consigliabili precauzioni nellโ€™impiego. Nel 2012, solo cinque anni dopo, le professoresse M. Carmen Martรญnez-Cuesta, Carmen Pelรกez e Teresa Requena.

Potevano considerare dimostrata lโ€™efficacia di alcuni probiotici nella riduzione dellโ€™incidenza e della durata della diarrea causata da rotavirus nei bambini, e della diarrea associata a terapie antibiotiche negli adulti.

Avevano inoltre riscontrato: miglioramenti sintomatici in pazienti affetti da sindrome da intestino irritabile; sollievo in casi di malessere gastrointestinale; fra i nati prematuri, una riduzione della frequenza e della gravitร  dellโ€™enterocolite necrotizzante, e quindi della mortalitร  associata.

Gli esiti del loro studio, e di anni di attenta ricerca, dimostravano inoltre: che i benefici risultanti dallโ€™utilizzo di probiotici per determinate malattie infettive hanno origine dal ruolo che questi microrganismi svolgono in quanto possibili modulatori del microbiota intestinale e del sistema immunitario.

Che alcuni ceppi di Saccharomyces boulardii, Lactobacillus casei e Lactobacillus rhamnosus sono efficaci nella terapia della diarrea acuta da causa infettiva nei bambini, soprattutto nei casi di gastroenteriti virali.

Per quanto riguarda invece la sindrome dellโ€™intestino irritabile, altri studi clinici condotti con determinati ceppi probiotici, come il Bifidobacterium infantis 35624, hanno fornito risultati molto promettenti nella riduzione dei sintomi di dolore addominale e gonfiore associati a tale patologia.

In seguito, ulteriori ricerche hanno messo in evidenza i vantaggi dei probiotici nel ridurre conseguenze e complicazioni post-operatorie in casi di cancro colon rettale.

Nel prevenire infezioni vaginali o del tratto urinario causate da funghi, e persino nelle diete dimagranti, in quanto questi microrganismi ristabiliscono lโ€™equilibrio del microbiota intestinale nelle persone in sovrappeso.

Quando pensiamo ai probiotici, inconsciamente la nostra mente va ad alimenti ed integratori alimentari, dimenticando che il probiotico per eccellenza รจ il latte materno, un ยซprodottoยป.

Il latte umano presenta, per natura, tutti i requisiti auspicabili per gli integratori di probiotici, e prima di tutto, anche se puรฒ sembrare lapalissiano, il fatto che i batteri in esso contenuti sono di origine umana.

Perciรฒ un consumo anche prolungato non genera effetti indesiderati nel neonato. Ed รจ idoneo sia per le mucose sia per i substrati lattei.

Fra i batteri normalmente presenti nel latte materno esistono alcune specie, per esempio L. gasseri, L. plantarum, L. rhamnosus, L. salivarius, L. fermentum, E. faecium, considerate fra quelle potenzialmente probiotiche.

Varie ricerche hanno evidenziato come i batteri lattici isolati nel latte materno mostrino unโ€™enorme capacitร  di aderire alle mucose, creare barriere microbiologiche primarie e produrre sostanze antimicrobiche, importantissime nella prevenzione delle infezioni in generale.

A livello clinico, ci si sta giร  servendo di alcuni ceppi come agenti bioterapeutici nella prevenzione di infezioni neonatali e come strumenti terapeutici nella cura della mastite.

Altri batteri presenti nel latte umano, come streptococchi, staffilococchi e la Escherischia coli, potrebbero invece rivelarsi molto utili nel ridurre lโ€™incidenza di agenti patogeni su neonati ad alto rischio esposti a contesti ospedalieri pericolosi.

Fra essi troviamo per esempio gli streptococchi del gruppo viridans, in grado di fronteggiare ceppi di Staphylococcus aureus, che sono abituali colonizzatori del cavo orale dei neonati e da qualche tempo hanno sviluppato una resistenza allโ€™antibiotico meticillina.

Nel cavo orale del neonato, la presenza di Streptococcus parasanguis proveniente dal latte materno รจ fondamentale per prevenire lo sviluppo di carie e patologie periodontali, in quanto antagonista di Streptococcus mutans, il batterio responsabile di questi processi.

Infine, nel latte materno sono presenti alcuni ceppi di Escherichia coli (batterio solitamente allโ€™origine di effetti patogeni) che hanno dimostrato di essere commensali e svolgere funzioni importanti per le mucose umane, al punto che uno di loro, conosciuto col nome di Nissle 1917.

Viene impiegato come principio attivo di un popolarissimo prodotto probiotico infantile, ampiamente diffuso in Germania e Paesi dellโ€™Est europeo e utilizzato in parti pretermine o a termine per ridurre numero e gravitร  delle infezioni infantili piรน comuni.

Occorre inoltre ricordare che lโ€™allattamento al seno nei primi mesi di vita รจ associato a unโ€™incidenza considerevolmente bassa di asma e dermatite atopica nella popolazione infantile.

Bibliografia: Intestino secondo cervello Le rivoluzionarie scoperte scientifiche sulla microflora intestinale

Modificato Francesco Ciani

Losito Irene Taranto
Losito Irene Taranto
Metamorfosi di una farfalla - Mindfulness & Love Coaching
Leggi Tutto
Professionalitร , competenza e profonda attenzione alla persona: questi i requisiti che fanno di Francesco Ciani un insostituibile punto di riferimento nel percorso di comprensione, risveglio consapevole e guarigione naturale. รˆ il mio naturopata da anni, consigliatissimo! ๐ŸŒŸ๐ŸŽฏ๐Ÿ™

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarร  pubblicato.