Immunologia

IL17 è una citochina proinfiammatoria implicata in malattie autoimmuni e infiammatorie.

Nelle malattie autoimmuni e infiammatorie

Le odierne conoscenze in immunologia interagiscano in modo suggestivo con la Medicina di Segnale, ponendo in relazione immunità, microbiota intestinale e stili di vita. Consideriamo un nuovo attore dell’immunità: le cellule T-helper CD4+ esprimenti IL17 (Th17).

Tale linea cellulare si affianca al binomio Th1 e Th2 e si differenzia da queste per rispondere a stimoli diversi ed esprimere una citochina specifica. Le cellule Th17 sono implicate in modo ambiguo nella difesa contro le infezioni, ma inducono malattie autoimmuni, malattie infiammatorie croniche e allergie.

A questo si è arrivati perché in studi su topi si è evidenziato che l’anticorpo anti IFN-gamma, citochina prodotta dai Th1, che si riteneva unico responsabile dell’autoimmunità, non incideva sul livello di infiammazione o sull’evoluzione della malattia autoimmune.

Ciò ha indotto a trovare una nuova linea cellulare responsabile dell’autoimmunità: le Th17, appunto. Nelle artriti sperimentali murine erano presenti alti livelli di IL17 a livello sia ematico sia articolare e un anticorpo anti IL17 bloccava l’evoluzione dell’artrite. Nell’uomo alti livelli di IL17 sono stati riscontrati nell’artrite reumatoide, nelle connettiviti, nella malattia di Crohn, nella sindrome di Sjögren.

IL17 è una citochina proinfiammatoria implicata in malattie autoimmuni e infiammatorie. Il fattore attivante i linfociti B (BAFF), importante citochina infiammatoria legata al sistema TNF, si riteneva esercitasse il proprio ruolo patogenetico nel sostenere la sopravvivenza e la proliferazione delle cellule B. I Th17 sono presenti in grande quantità sulla pelle e sulle mucose.

In condizioni normali rispondono contro le infezioni da batteri o funghi ma quando l’omeostasi a livello cutaneo, polmonare o intestinale è compromessa promuovono una risposta abnorme con scatenamento dell’autoimmunità (per esempio psoriasi, sindrome di Churg-Strauss, artrite reumatoide).

Quando è presente una corretta omeostasi, con grande quantità di TGF-beta, il sistema viene controllato dalle cellule T-reg o T-suppressor che regolano la risposta Th1 e Th2 e mantengono una normale risposta Th17 per la difesa della barriera mucosale.

Una corretta alimentazione ricca di fibre induce nel microbiota intestinale la produzione di acidi grassi a catena corta (SCAF) e tra questi il butirrato. Aumentando l’azione delle T-reg e diminuendo quella delle Th17, il butirrato incrementa il fenomeno della tolleranza utile a livello della mucosa intestinale.

Blocca inoltre l’azione dello HIF, fattore di trascrizione favorente l’accrescimento tumorale. La combinazione di fibre e butirrato configura dunque una bella accoppiata! Di fronte a un’infezione della mucosa le cellule dendritiche agiscono tramite i TLR (Toll-Like Receptor, recettori di tipo Toll).

Questi recettori   sono presenti su molti tipi cellulari. Interagiscono con particolari profili molecolari (Pattern Recognition Receptor o PRR) e sono implicati nell’immunità innata essendo in grado di riconoscere patogeni, microbi e parassiti.

Le cellule dendritiche secernono IL6 e IL23 che agiscono sulla linea delle T-reg: le IL6 inibendole, mentre IL23 stimola direttamente le Th17 a svolgere la propria funzione di difesa contro l’aggressione esterna.

Nella fase finale arrivano nelle sede del danno le cellule Th1 e Th2 che attivando la funzione killer macrofagica promuovono la risposta anticorpale e inoltre, risolto l’insulto esterno, esprimono IL4 e IFN-gamma che reprimono l’azione delle Th17 non più necessaria.

Se l’alterazione del microbiota permane a lungo per cause alimentari, infettive o iatrogene si innesca un circolo vizioso per cui la risposta infiammatoria si protrae a lungo e l’attivazione delle Th17 scatena un processo autoimmune.

L’alterazione prolungata del microbiota determina un rilascio di IL6 costante e in eccesso, per cui il meccanismo di tolleranza viene meno e si produce una quantità più o meno rilevante di IL23 con conseguente scatenamento della risposta Th17.

IL23 è prodotta da cheratinociti e APC (cellule presentanti l’antigene) attivate, cellule di Langerhans, macrofagi e cellule dendritiche. IL23 è la citochina chiave che spinge alla differenziazione delle cellule T in cellule Th17. La relazione Th17/IL23 innesca il processo infiammatorio cronico.

probiotici ok

L’alterazione dell’omeostasi intestinale determina processi di citrulli nazione come nell’artrite reumatoide con successiva presentazione dell’antigene da parte delle cellule APC, attivazione delle cellule T effettrici come le Th17 e inibizione delle T-reg con conseguente attivazione dei linfociti B e generazione di anticorpi anticomplessi citrullinati da parte delle plasmacellule.

Questi anticorpi, sottoposti a mutazione somatica e immissione in circolo di epitopi, portano alla perpetuazione del segnale patologico e infine alla malattia. Tutti i giorni si aggiungono altre citochine al complesso di quelle già note, per cui il processo è ancora più complesso di quello presentato per le malattie autoimmuni.

Per esempio, non sappiamo se la differenziazione delle Th17 o l’intensità di tale differenziazione o la produzione di determinate citochine sia sottoposta a un controllo genetico specifico per cui in soggetti suscettibili uno stile di vita scorretto può innescare l’autoimmunità.

immunitario

Bibliografia: Medicina di Segnale

Daniela Nicolè
Daniela Nicolè
Taglio di po
Leggi Tutto
Che dire di Francesco un professionista, con la P maiuscola che sa guardare dentro, non fermandosi all'apparenza. A me personalmente ha aperto gli occhi del cuore guardando dietro i miei sintomi. Grazie Francesco per esistere🙏💗💗

Cerchi Soluzioni?

Puoi utilizzare questa barra di ricerca o usare WhatsApp

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.