I microbi nello stomaco influiscono sulla tua salute mentale

È stato dimostrato, ad esempio, che quando le feci umane con depressione vengono introdotte nei topi , riproducono i sintomi tipici di tale malattia. Nella nostra specie sono stati anche osservati legami tra disturbi gastrointestinali e patologie psichiatriche come l'autismo, l'ansia o la depressione.

Studi recenti mostrano la relazione tra la diversità dei batteri che popolano l’intestino umano e malattie come la depressione o l’ansia.

Il consumo di yogurt è stato correlato a una maggiore diversità batterica nell’intestino, qualcosa associato a una migliore salute, senza zucchero ovviamente, magari fatto da latte crudo.

Virus, Microscopio, Infezione, Malattia, Morte, Medico

Fino a meno di un decennio fa, cambiare il comportamento di una persona con un trapianto di feci sarebbe sembrato pazzesco. Né è qualcosa che accadrà domani, ma la ricerca sugli animali suggerisce che potrebbe non essere un’idea così pazza. Quello che viene trovato nei laboratori sull’influenza dei batteri che abitano il nostro intestino indica che non svolgono solo compiti fondamentali per la salute del nostro stomaco. Inoltre influenzano lo stato del cervello.

Luci, Holiday, Luminoso, Bagliore, Festeggiare, Design

Questi batteri sono già stati trapiantati sperimentalmente nell’uomo per combattere le infezioni intestinali e per lo stesso percorso, o attraverso la dieta o alimenti probiotici, che includono microrganismi, servirebbero a trattare malattie psichiatriche o neurologiche.

Un buon numero di esperimenti su animali, principalmente topi da laboratorio allevati in condizioni molto controllate, hanno dimostrato che i microrganismi nell’intestino possono influenzare il loro comportamento e modificare l’equilibrio chimico del loro cervello.

Koli Batteri, Escherichia Coli, Batteri, Malattia

È stato dimostrato, ad esempio, che quando le feci umane con depressione vengono introdotte nei topi , riproducono i sintomi tipici di tale malattia. Nella nostra specie sono stati anche osservati legami tra disturbi gastrointestinali e patologie psichiatriche come l’autismo, l’ansia o la depressione.

Il trapianto di feci di persone depresse nei topi induce la malattia negli animali

Agar, Terreno Fertile, Rosso, Cellule Del Sangue

“Ci sono stati studi negli esseri umani in cui il microbiota di persone sane rispetto ad altri che hanno una certa malattia ed è stato dimostrato che dal modificando l’ecosistema intestinale o le sue funzioni in grado di ridurre stati di ansia , “dice Yolanda Sanz , ricercatrice del CSIC e coordinatrice del progetto europeo MyNewGut , un’iniziativa finanziata con 9 milioni di euro dall’Unione Europea per studiare i batteri intestinali. Tuttavia, aggiunge, “con malattie più gravi non ci sono prove di causa ed effetto”.

Verdure, Vegano, Insalata, Pomodoro, Pomodorini

Sanz menziona anche l’interesse di qualcosa che quasi tutti hanno vissuto, la relazione tra stati emotivi alterati e disagio intestinale. “Nelle persone con disturbi gastrointestinali, come la sindrome dell’intestino irritabile, era stato osservato che avevano problemi come ansia o addirittura depressione”, dice Sanz. “In questi pazienti con questi disturbi mentali, è stato osservato che metà aveva problemi al sistema digestivo”, continua.

Avena, Cibo, Sano, Nutrizione, Secco, Goji

Ora, dice lo scienziato presso il CSIC, la sfida del futuro è quello di capire che cosa è la causa e quale l’effetto nelle relazioni tra problemi intestinali e mentali. Un modo per raggiungere questo obiettivo sono costituiti da interventi nei pazienti “attraverso il cibo o batteri prebiotici o probiotici” che modificano l’equilibrio tra microbi che fanno la differenza tra la malattia e la salute.

Apple, Caduta, Succosa, Cibo, Autunno, Frutta, Red

Tuttavia, Sanz riconosce che la conoscenza è ancora scarsa di pensare a intervenire sul ecosistema microbico con successo: “Ci sono alcune pubblicazioni che mostrano che alcuni probiotici possono ridurre l’ansia, ma piccoli studi non hanno per lo più riprodotto”. “

È presto per poter fare raccomandazioni generalizzate, perché la complessità dell’ecosistema intestinale è molto alta e pensare che con un singolo batterio risolveremo il problema è semplicistico. Dovremo pensare a modificare l’ecosistema con interventi più integrali “, conclude.

Salmone, Piatto, Cibo, Pasto, Di Pesce, Frutti Di Mare

Alcuni probiotici sono riusciti a ridurre l’ansia, anche se in esperimenti non replicati

I ricercatori di tutto il mondo stanno iniziando a identificare i meccanismi attraverso i quali i batteri nell’intestino, attraverso la produzione di ormoni o le molecole che generano nutrendosi, modificano la chimica del nostro cervello. Tuttavia, per ora, la conoscenza dell’influenza del microbioma è arrivata più attraverso lo studio delle correlazioni che l’analisi dei processi specifici che li producono.

Vegetale, Sabji, Vegetariano, Verde, Fresco, Veg, Sano

Una serie di studi recentemente pubblicati sulla rivista Science ha mostrato che una maggiore diversità batterica nell’intestino era correlata a una salute migliore. Inoltre, collegava tale diversità al consumo di yogurt o caffè, e indicava alcuni farmaci come ansiolitici o antibiotici o il mangiare troppo colpevole di una diminuzione della varietà microbica.

La complessità del problema può essere compresa attraverso le figure sulla flora intestinale. Ogni persona ha più di un chilo di microrganismi nel suo stomaco, la maggior parte dei batteri, di 1.200 specie diverse. Manipolare questo equipaggiamento per adattarlo alle nostre esigenze senza produrre effetti indesiderati non sarà facile.

Pancia, Cuore, Amore, Ragazza, Relax, Rilassarsi

“Siamo di fronte a un settore promettente, ma ancora incipiente”, afferma Vicent Balanzá, ricercatore presso il Centro di ricerca biomedica nella rete di salute mentale dell’Università di Valencia. “

La maggior parte degli studi riguarda i topi e abbiamo il problema di trasferirli all’uomo, e gli studi umani sono trasversali, quindi abbiamo problemi nell’individuare la causalità”, continua. “Un’altra domanda che è ancora nell’aria è qual è la composizione normale o salutare del microbiota umano.”

Prima Colazione, Cibo, Piatto, Colazione Inglese

Ogni persona ha nel suo stomaco più di un chilo di microrganismi di 1.200 specie diverse

Esiste già uno studio clinico con probiotici per trattare la depressione che migliora i sintomi, ma sono risultati che devono essere confermati. Oltre a questi prodotti che includono microbi benefici, Balanzá evidenzia le possibilità della dieta di riparare il microbiota umano danneggiato associato alla malattia mentale.

Prima Colazione, Sano, Hummus, Diffusione

“Abbiamo dati scientifici che una buona dieta, senza alimenti insulinici, carboidrati ecc, aumenta la diversità del microbiota intestinale e ha effetti anti-infiammatori”, dice. Lo psichiatra UV sottolinea che questo tipo di intervento “è considerato come aggiunto a farmaci psicotropi o altri trattamenti”.

Data l’eterogeneità dei disturbi psichiatrici, che sono definiti da sintomi che possono avere basi fisiologiche diverse, un singolo trattamento non può essere considerato. Balanzá indica che le condizioni particolari dovrebbero essere distinte all’interno dei disturbi che portano lo stesso nome.

Salmone, Cotto, Cibo, Di Pesce, Erbe, Delizioso, Red

Nel caso della depressione, ad esempio, il ricercatore spiega che “grazie agli studi di Michael Maes, sappiamo che un terzo dei pazienti affetti da depressione ha la sindrome dell’intestino permeabile”. “

Questo non si trova in tutte le persone con depressione, quindi gli interventi volti a modulare il microbiota intestinale non sarebbero utili per tutti i pazienti, sarebbe identificare quelli che possono beneficiare degli interventi”, dice.
Lo studio del microbioma può essere un modo per comprendere le connessioni tra lo stato della mente e la salute fisica che deriverebbero da processi comuni.

Prima Colazione, Delizioso, Drink, Cibo

L’infiammazione è un legame comune che unisce diabete, malattie autoimmuni o cancro e potrebbe aiutare a spiegare che certe malattie mentali come la depressione associata ad altre malattie infiammatorie come la sindrome dell’intestino irritabile si verificano con frequenza.

Comprendere il ruolo dei microbi che abitano il nostro intestino nell’infiammazione aiuterebbe ad avere una visione più ampia di una serie di malattie che, anche se sembrano isolate, potrebbero essere affrontate con maggiori possibilità di successo con una visione più ampia.
Qui, conclude Balanzá.

Fragole, Ciotola, Estate, Frutta, Prima Colazione

https://elpais.com/elpais/2016/05/20/ciencia/1463758597_456201.html?fbclid=IwAR3N7bRpdRtmJ4Gy5J8RA_CYmG_vMHiYOzSULwHYPl6HIXWg20MPVs5eXoY

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *