Distacco

A me sembra che più diventiamo materialisti, più, come popolo, diventiamo diffidenti. Più cose possediamo, meno siamo interessati a comunicare valori umani fondamentali

Il distacco è l'unico mezzo di trasporto che ti porti dai travagli al traguardo

Si potrebbe pensare che in una terra in cui c’è abbondanza di tutto la gente viva in uno stato di felicità e di soddisfazione permanente. Sembrerebbe logico pensare che noi, abitanti dell’Occidente opulento, fossimo le persone più felici del pianeta. Consumiamo una gran parte delle risorse naturali della terra e godiamo del livello di vita più alto in tutta la storia dell’umanità.

Siamo abbondantemente riforniti di frigoriferi, televisioni e automobili. Questi beni che a noi ormai sembrano necessità sono in realtà articoli di lusso per il 90 per cento della popolazione mondiale. Paragonati con molti altri popoli della Terra siamo più ricchi di quanto essi possano mai immaginare in sogno. 

Eppure non godiamo della grazia della contentezza, della felicità e della gioia.

A me sembra che più diventiamo materialisti, più, come popolo, diventiamo diffidenti. Più cose possediamo, meno siamo interessati a comunicare valori umani fondamentali e diamo invece importanza al portafoglio e ai beni materiali, nostri e altrui.

Quando possediamo molto poco siamo obbligati a entrare in relazione gli uni con gli altri e a guardarci negli occhi, non essendovi interessi materiali a distrarci. A mano a mano che diventiamo più ricchi, spostiamo lo sguardo sui nostri possessi, distogliendolo così dalla nostra reciproca umanità. 

Di conseguenza, nella nostra attuale società, la più materialistica della storia dell’umanità, vi sono livelli molto alti di solitudine e di disperazione. Perdendo interesse per l’interazione fra esseri umani, abbiamo anche prodotto una delle culture più violente della storia dell’umanità. 

Solitudine e violenza sembrano essere il frutto naturale di una società eccessivamente materialistica.

Interrogandoti sul tuo posto in questa cultura, ti porrai probabilmente le seguenti domande: come posso essere una persona felice, piena d’amore, realizzata e allo stesso tempo essere integrato e agire in una struttura sociale che sembra interamente dominata dal materialismo?

E possibile vivere con un senso di gioia e di armonia interiore in un contesto generale di avidità e accumulazione? Come posso vivere una vita quotidiana di amore e armonia e, sì, anche di successo, quando mi sento circondato da persone che, nella loro continua corsa ad avere di più, si fanno portatrici di solitudine e violenza?

Credo che la risposta a tali interrogativi si possa trovare nel distacco.
Il distacco è un fatto non scritto dell’universo, un fenomeno sempre in atto; la questione è dunque se tu sia disposto o meno a metterti in sintonia con tale fenomeno, servendotene nella vita quotidiana.

Nella nostra società materialista il distacco è un principio che chi è alla ricerca affannosa di un successo sempre maggiore tende a respingere: molti se ne fanno beffe perché mette in discussione il fondamento stesso delle tradizioni e dei principi ispiratori che hanno seguito per tutta la vita.

Ti prego di comprendere che non sto sostenendo che l’accumulazione di beni materiali e di ricchezze sia un male. Io stesso, diventato ricco dopo una giovinezza di povertà, sono felice dei frutti che ho raccolto avendo guadagnato molti soldi; mi danno soddisfazione e li apprezzo. Sono fiero di quel che ho realizzato e non sento di dovermi scusare per il fatto che con i proventi del mio lavoro posso permettermi qualsiasi cosa.

Distacco non significa negare la gioia che deriva dall’aver raggiunto l’abbondanza: ben lungi dall’importi di disfarti di tutti i tuoi beni, il distacco, paradossalmente, porterà una maggiore abbondanza nella tua vita. Nello stesso tempo ti sarà facile gustare dei tuoi beni, se non ti identifichi con essi, se questa sarà la strada che sceglierai.

(Wayne W.)

Elena Bambi
Elena Bambi
Firenze
Leggi Tutto
Ho avuto il piacere e la fortuna di conoscere Francesco, da cui è nata una bellissima amicizia e collaborazione, persona umile e sempre disponibile, molto preparato professionalmente....l'unico che è stato in grado di rimettere in pista il mio intestino...

Newsletter Updates

Inserisci la tua email se desideri iscriverti alla newsletter

Leave a Reply

× Sono qui per aiutarti