Asse Intestino – Cervello

Uno psichiatra in Massachusetts, ci ricorda che i batteri intestinali Lactobacillus e Bifidobacterium producono il neurotrasmettitore chill-out conosciuto come GABA, mentre Bacillus e Serratia producono dopamina - un neurotrasmettitore che attiva la ricompensa e piacere centri del cervello

La connessione Mente – Intestino – Ansia – Depressione 

Non possiamo dare molta attenzione ai 100 trilioni di microbi che vivono nelle nostre viscere, ma le nuove scoperte nell’ambito della psichiatria hanno scoperto che questi organismi possono influenzare profondamente i nostri stati d’animo.

Infatti, psichiatri stanno ora esplorando la possibilità di manipolare queste popolazioni microscopiche con l’obiettivo di trattare depressione clinica e ansia – tutto senza ricorrere a farmaci potenzialmente dannosi.

Il collegamento bidirezionale tra le emozioni e l’intestino è nulla di nuovo. Gli scienziati hanno da tempo noto che il sistema nervoso enterico (ENS) trovato all’interno dell’intestino è collegato al cervello attraverso il nervo vago, ed è così influente che è spesso indicato come il “secondo cervello”.

Quando sperimentiamo la tristezza, paura o altro stato emotivo, l’intestino ne è interessato.

E tuttavia, il vero anche il contrario. Quando gli squilibri all’interno dell’intestino sono presenti, come ad esempio l’infiammazione o un’infezione, il nostro stato emotivo soffre pure ricercatori hanno preso questi risultati un ulteriore passo avanti esaminando come i microbi reali all’interno dell’intestino alterano il comportamento e l’umore.

Premysl Bercik, professore associato di gastroenterologia presso McMaster University , è uno dei primi scienziati che hanno fatto il salto da come funzione intestinale impatto microbiota a come forma di emozioni. Bercik si rese conto che una parte significativa dei suoi pazienti non erano solo affetti da malattie gastrointestinali, ma anche sostanziale depressione e ansia.

Scavando più a fondo, Bercik e il suo team ha scoperto ” infiammazioni intestinali causate da infezione parassitaria cronica … inducendo comportamenti ansiosi” .
Secondo il AltNet, ” i microbi che vivono nel vostro intestino potrebbe produrre ansia o depressione”: .

“Uno studio ha confrontato i topi convenzionale e privo di germi, trovando differenze comportamentali chimica del cervello e tra i due gruppi. Hanno iniziato con due diversi tipi di topi.

Anche se ancora nella sua infanzia, molti in professione psichiatrica sta prendendo questa linea di studio a cuore Emily Deans, MD, uno psichiatra in Massachusetts, ci ricorda che i batteri intestinali Lactobacillus e Bifidobacterium producono il neurotrasmettitore chill-out conosciuto come GABA, mentre Bacillus e Serratia producono dopamina – un neurotrasmettitore che attiva la ricompensa e piacere centri del cervello.

Lei ammette che c’è ancora molto che non sappiamo su come i microrganismi nell’intestino influenza emozioni e stati d’animo. Una solide prove a sostegno di una quotidiana abitudine di consumare probiotici alimenti ricchi come yogurt, kefir, kombucha e verdure fermentate – o integratori probiotici, Vit D, OX-M,Depurazione collegata ad un protocollo Alimentare – incoraggiano umori equilibranti e una prospettiva luminosa.

Fonti per questo articolo L’autore: Carolanne crede che se vogliamo vedere cambiamenti nel mondo, dobbiamo essere il cambiamento come un nutrizionista, alimenti naturali chef e wellness coach, ha incoraggiato altri ad abbracciare uno stile di vita sano di vivere verde per oltre 13 anni.. Attraverso il suo sito www.Thrive-Living.net, lei aspetta il collegamento con altre persone che la pensano che condividono una visione simile.

Seguici su Facebook: www.facebook.com/pages/Thrive-Living/4995788 … Per Pinterest fans: www.pinterest.com/thriveliving/ Trova su Google+: www.goo.gl / cEZiyR e Twitter: www.twitter.com / Thrive_Living Leggi altri suoi articoli su Notizie Natural qui: www.naturalnews.com/Author1183.html

Learn more: https://www.naturalnews.com/044988_gut_bacteria_probiotics_microbiota.html?fbclid=IwAR1y4liw6XbOTSsESwTW0p53n9Vm_wU6z0VDcFLnd7Pd-2f0SrTV1vLc_lk##ixzz30w6ZcSfq

Newsletter Updates

Inserisci la tua email se desideri iscriverti alla newsletter

Leave a Reply

× Sono qui per aiutarti