Vitamina K2 pastiglie

25,00 IVA Inclusa

Conf. da 60 cps una al dì

7 disponibili

Descrizione

La vitamina K contribuisce alla normale coagulazione del sangue e al normale mantenimento della salute delle ossa.

Brodo, Verdure, Broccoli, Porro, Pepe, Grani, Cibo

Indicazioni

Vitamina K è un termine generico (che deriva dalla parola koagulation, che significa coagulazione) utilizzato per un gruppo di sostanze liposolubili che esercitano un’attività antiemorragica e sono importanti anche in altri processi, come, ad esempio, il metabolismo osseo.

La vitamina K1 (fillochinone) è la sorgente principale della vitamina K. Le verdure a foglia verde ne sono ricche, la seconda sorgente più importante sono gli oli vegetali, come l’olio d’oliva.

La vitamina K2, anch’essa liposolubile, è un termine collettivo per un insieme di sostanze conosciute come menachinoni. La vitamina K2 si trova nel tuorlo d’uovo, nel burro, nel fegato bovino, in alcuni formaggi e nei prodotti di fermentazione della soia. La vitamina K2 è prodotta anche da alcuni batteri della microflora intestinale, partendo dalla K1 assunta col cibo.

Valeriana, Rucola, Funghi Funghi Marroni, Cibo Crudo

La vitamina K è emostatica e può anche svolgere un’attività anti-osteoporotica, antiossidante e anti-cancerogena.

Due proteine dipendenti dalla vitamina K sono state trovate nell’osso: l’osteocalcina, la più abbondante proteina non collagenica, e la proteina Gla della matrice. L’osteocalcina sembra agire come un regolatore della mineralizzazione dell’osso.

La vitamina K2 inibisce il riassorbimento dell’osso e aumenta la mineralizzazione indotta dagli osteoblasti. La vitamina K-idrochinone, la forma ridotta della vitamina K1, è un potente scavenger di radicali liberi e inibisce la perossidazione dei lipidi.

È stato documentato che una forma di vitamina K, naftochinone, possiede, in vivo, un’attività anti-tumorale. Il meccanismo della sua possibile attività anti-tumorale non è del tutto conosciuto.

Pomodori, Bio, Balcone, Pioggia, Verdure, Mangiare

Keywords Coagulazione, Calcificazione, Calcio, Fosforo, Ipocalcemia, Osteomalacia, Osteoporosi

interviene da regolatore trascrizionale di marker genetici ossei e di geni correlati alla matrice extracellulare. Secondo recenti ricerche, bassi livelli ematici di vitamina K potrebbero essere correlati ad artrosi, fratture ossee e osteoporosi.

Oltre a salvaguardare la salute del sistema cardiovascolare, la vitamina K è anche un cofattore per il fissaggio del calcio nelle cellule; è infatti coinvolta nella sintesi di osteocalcina, proteina con funzioni endocrine prodotta principalmente dagli osteoblasti; ne deriva che la vitamina K agisce anche sul metabolismo osseo e promuove l’omeostasi ossea:

Alimentari, Mangiare, Spinaci, Fritto, Cibo, Delizioso

Modalità d’uso:
Si consiglia l’assunzione di 1 pastiglia una volta al giorno durante uno qualsiasi dei pasti.

Richiudere accuratamente dopo l’utilizzo.
Prodotto adatto ai vegani.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Vitamina K2 pastiglie”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare…