è tempo di riprendersi anima

Giorni
Ore
Minuti
Secondi

Quando due persone si incontrano, e vivono nel momento del nostro sentire interiore, (grazie al campo comune che si è creato), si perde del tutto o in parte o anche solo per una frazione la percezione di essere solo un individuo/personalità anagraficamente definito.

Per percepire qualcosa che va oltre il personale (qualcosa che è in ognuno sepolto ed è per lo più oscurato dalla consapevolezza spazio/temporale ordinaria), si ha la comprensione interiore del nostro esistere, del nostro Sè, anche in una dimensione a-temporale e a-spaziale: la dimensione dell’Essere (dell’io esisto, qui e ora) si apre per noi e ci fa cogliere l’elemento essenziale della nostra vita.

ti sei perso?

Sfrutta la possibilità ti ricordare chi sei

Puoi navigare attraverso "L' Arte di Vivere" o utilizzare questa barra di ricerca:

L’elemento essenziale che si chiama “sentirsi parte del Tutto, sentirsi il Tutto”.

Il senso di materialità e il senso di spazialità vengono a diluirsi sino a scomparire quasi del tutto o del tutto: le esperienze sono varie e variegate per ognuno e mutano ogni volta. Solo dopo molto tempo di pratica assidua si iniziano a fissare modalità nuove di Consapevolezza di Sé e della vera Realtà dentro e fuori di noi, non solo filtrata dai sensi.

La Consapevolezza nuova del sentirsi contemporaneamente personalità che si muove nel Tempo e nello Spazio e Coscienza che sa di esistere e di essere (è il senso dell’Essere) in una dimensione che contiene il Tempo e lo Spazio medesimi; nell’attimo dell’eterno presente dell’essere.

Sentire di essere individuo ma anche parte del Tutto e al Tutto collegato per mezzo di questa piccola “particella” dell’Essere che è in noi e che siamo anche noi; particella che ci permette di essere in presa diretta con il Tutto.

È come in una rete dove il singolo nodo è comunque legato alla rete stessa indissolubilmente e di essa è parte costituente fondamentale e imprescindibile, essendo esso stesso “creazione” dello/dallo stesso filo che costituisce la rete medesima.

Così per l’Uomo, così per l’universo visibile e non visibile, per il micro e per il macrocosmo. Senza più separazione ne dualità alcuna. Così per l’Uomo, così per l’universo visibile e non visibile, per il micro e per il macrocosmo. Senza più separazione ne dualità alcuna

Sentire di essere individuo ma anche parte del Tutto e al Tutto collegato per mezzo di questa piccola “particella” dell’Essere che è in noi e che siamo anche noi; particella che ci permette di essere in presa diretta con il Tutto.

È come in una rete dove il singolo nodo è comunque legato alla rete stessa indissolubilmente e di essa è parte costituente fondamentale e imprescindibile, essendo esso stesso “creazione” dello/dallo stesso filo che costituisce la rete medesima.

Così per l’Uomo, così per l’universo visibile e non visibile, per il micro e per il macrocosmo. Senza più separazione ne dualità alcuna. Così per l’Uomo, così per l’universo visibile e non visibile, per il micro e per il macrocosmo. Senza più separazione ne dualità alcuna

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su whatsapp
WhatsApp
× Sono qui per aiutarti