L’integrazione contro le malattie moderne

Introduzione
La medicina moderna ci ha abituato a rispondere alle malattie che ci affliggono con una quantità illimitata di medicine, ognuna delle quali è focalizzata a risolvere il sintomo di una specifica malattia, non essendo però mai in grado di risolvere la causa scatenante della stessa.

Uva, Grappolo, Frutta, Azienda, Vendemmia, Mature

Il nostro corpo, al contrario delle medicine, ha nel proprio dna la risposta per risolvere ogni tipo di malattia, non sollevandoci semplicemente dai sintomi ma curandoci, eliminando la causa stessa della malattia.

Risultati immagini per rimedi naturali integrazione

D’altronde la malattie compaiono a seguito di una perdita di omeostasi del nostro corpo, quindi il semplice ripristino di tale equilibrio, è in grado di far cessare il motivo dell’insorgenza della malattia.

Quindi di che cosa ha bisogno il nostro corpo per ripristinare la omeostasi?

Cibo, Insalata, Crudo, Carote

Sicuramente necessita di un’alimentazione corretta, accompagnata da quei micronutrienti, presenti negli alimenti e che molto spesso non assumiamo a sufficienza. Inoltre proprio in caso di emergenza, occorre aumentarne la quantità per facilitare l’organismo nella sua capacità rigenerativa.

integrazione alimentare

In questo capitolo affronteremo le malattie del nostro tempo, imparando a conoscere i micronutrienti specifici che più di altri, si sono resi molto efficienti nel contrastarle e guarirle.

L’obesità e l’integrazione

integrazione alimentare

L’integrazione può essere un valido aiuto per prevenire e curare l’obesità o anche il semplice l’accumulo di grasso. L’azione svolta dai vari micronutrienti opera su diversi fronti d’intervento:

1) Il miglioramento dei processi di utilizzo degli acidi grassi nei mitocondri.
Il coenzima Q10 è un enzima che migliora la produzione di Atp nel processo della respirazione cellulare. In vari studi è stato verificato che la presenza di tale sostanza aumenta la produzione energetica da parte dei mitocondri ed un maggior consumo di acidi grassi.

L’arginina è un aminoacido che stimola le nostre cellule all’utilizzo degli acidi grassi, inibendo la produzione di cortisolo, che al contrario aumenta il consumo del glucosio da parte delle cellule.

Risultati immagini per rimedi naturali integrazione piante officinali

La carnitina è un dipepdide (composto da due aminoacidi) che è necessario alla cellula che lo utilizza come biovettore per far entrare gli acidi grassi nei mitocondri. Durante gli allenamenti aumenta del 25% il consumo di grassi.

La glutammina è un aminoacido non essenziale che aumenta il consumo degli acidi grassi all’interno del mitocondrio inibendo il processo di catabolismo della massa magra (produzione endogena di glucosio dai propri muscoli). In alcuni studi è stato riscontrato un minor accumulo di grasso in pazienti che integravano tale aminoacido.

Piante officinali della farmacopea

La taurina è un aminoacido solforato che migliora lo scambio di ossigeno tra il sangue e le cellule, permettendo una maggiore utilizzazione degli acidi grassi nei mitocondri.

La ornitina alfa chetoglutarato (composto da due unità di ornitina con una molecola di alfaketoglutarato) inibisce l’effetto catabolico (trasformazione della massa magra in glucosio) aumentando il consumo degli acidi grassi. È utilizzato dagli sportivi per diminuire i depositi di grasso (maggior definizione del corpo).

Sole vitamina D

2) L’aumento del consumo calorico giornaliero.
Il pepe nero aumenta la produzione di calore da parte del corpo che utilizza il grasso proprio per tale scopo. E’ stato verificato che se introdotto ad ogni pasto può aumentare del 10% il consumo di calorie.

3) Diminuire il glucosio nel sangue (evitando un assimilazione eccessiva da parte dei neuroni) migliorando l’effetto dell’insulina e diminuendo il fenomeno di accumulo di grasso negli adipociti e la produzione di leptina (leptino – resistenza).

Risultati immagini per rimedi naturali integrazione

Elenco dei nutrienti necessari: curcuma, resveretrolo, cannella, taurina, glutammina, carnitina, arginina, vanadio, potassio, magnesio, manganese, vitamina D, vitamina B1, cromo. Le spiegazioni sul loro effetto si possono trovare nel capitolo “Il diabete ed i carboidrati”.

4) Diminuire la secrezione del cortisolo, in quanto agisce direttamente nell’aumentare la glicemia ed induce il rallentamento della tiroide (stress cronico). lo stato di acidosi. Elenco dei nutrienti necessari: cordyceps sinensis, schisandra, ginseng, teanina, L’epimedium, rhodiola rosea, magnonolo e l’onochiolo, tirosina, fosfatidilserina, melatonina, vitamina D.

Frutti Di Bosco, Fresco, Frutta, Bio, Autunno, Maturo

5) Contrastare la disbiosi, la Sibo, la permeabilità intestinale, responsabile dell’infiammazione cronica e quindi delle citochine che inducono la diminuzione dell’azione enzimatica necessaria a trasformare il T4 in T3 (con l’aumento invece del rT3) inducendo una diminuzione del consumo energetico.

Elenco dei nutrienti necessari: vitamina B9, chiodi di garofano, origano, zenzero, cannella, Curcuma, pepe nero. Le spiegazioni sul loro effetto le trovate nel capitolo “Le malattie intestinali ed i carboidrati insulinici”.

raffreddamento sistema immunitario

6) L’aumento del consumo calorico giornaliero. Il pepe nero aumenta la produzione di calore da parte del corpo che utilizza il grasso proprio per tale scopo. E’ stato verificato che se introdotto ad ogni pasto può aumentare del 10% il consumo di calorie.

Vivere 120 Anni

Quanto succo possiamo bere in sicurezza?

Succhi freschi di frutta e verdura

Tanto quanto ciascuno di noi può berne sentendosi bene e senza sforzarsi.

Come regola generale, ½ l al giorno è il minimo che possa mostrare qualche risultato riscontrabile, ma preferibilmente si dovrebbe andare da uno a quattro litri circa o di più.

Dobbiamo ricordare che più succhi berremo, più veloci saranno i risultati. Quando si è cominciato a leggere qualcosa sui succhi, c’erano indicazioni che suggerivano di assumerli in piccole dosi.

Vino, Vetro, White, Uva, Bevande, Alcool, Barile

Questo era sicuramente dovuto al fatto che non c’erano all’epoca elettrodomestici sul mercato in grado di produrne in quantità ragionevoli. Facendo tutto a mano, era già difficile ricavare una tazza di succo e richiedeva molto tempo.

Se non si fosse riusciti a ottenerne in maggiori quantità

certo il mercato per gli spremitori a mano sarebbe rimasto molto circoscritto a causa di tutto il lavoro che richiedevano.

Melone, Succo Di Frutta Fresca, Succo Di Anguria, Rosso

Oggi secondo noi gli attrezzi più efficienti sono il trituratore elettrico e la pressa idraulica che garantiscono alcuni aspetti essenziali. Primo, il rilascio di minerali ed elementi chimici, vitamine e ormoni dalle cellule microscopiche delle fibre di verdure e frutta; secondo, il fatto che questi vengano raccolti e separati, insieme al succo, dalle fibre.

Gli spremitori manuali rompono solo in parte le fibre e siccome non possono triturare (polverizzare), non è possibile estrarre tutti gli elementi vitali dai vegetali.

Frullato, Succo, Sciroppo, Appena Spremuto, Direktsaft

La triturazione (polverizzazione) è un principio fondamentale per l’ottenimento di questi elementi vitali.

Malgrado ciò, le centrifughe o altri elettrodomestici di questo genere restano comunque utili quando non è di vitale importanza l’estrema qualità del succo. Peraltro questi attrezzi non richiedono spese notevoli come invece accade per i trituratori e per la pressa idraulica.

Il meccanismo su cui si basa la centrifuga per succhi è costituito da una sorta di piatto che ruota velocemente con una superficie affilata adatta per grattugiare in fondo al cestello della macchina stessa.

Lampone, Mirtillo, Frullati, Succo, Pressato, Fresco

Poiché la rotazione è estremamente veloce, la polpa che viene grattugiata sul piatto posizionato sul fondo viene gettata dalla forza centrifuga contro i lati del cestello forato e il succo viene quindi separato dalla polpa e raccolto in un beccuccio.

Si capisce dunque come sia fisicamente e meccanicamente impossibile estrarre tutto il succo con la centrifuga, benché ciò che si ottiene sia generalmente buono.

Risultati immagini per succhi freschi di frutta e verdura

Non è conservabile a lungo e andrebbe bevuto subito.

Nonostante questo metodo di estrazione presenti degli svantaggi, restano comunque i tanti benefici che si hanno bevendo succhi freschi. Il loro naturale contenuto di acqua ha peraltro caratteristiche di acqua viva, quindi di grande valore nutritivo.

Stesso dicasi per le vitamine e i minerali che sono contenuti in questi succhi. Quando parliamo di acqua, il primo pensiero va senz’altro a quella del rubinetto, o all’acqua di fonte, e non l’acqua della pioggia.

Frutti Di Bosco, Bevande, Cocktail, Colore, Drink

Poche persone sanno, o hanno compreso, che c’è un’acqua viva e un’acqua inorganica. La natura ha organizzato il mondo vegetale in modo che funzioni come un laboratorio in cui convertire l’acqua inorganica della pioggia in atomi vitali di acqua “organica”.

L’acqua del rubinetto è inorganica perché gli atomi che la compongono appartengono a minerali, completamente privi di principi vitali.

Quasi tutte le città trattano l’acqua con cloro inorganico e altre sostanze chimiche, rendendola assolutamente inadatta al consumo umano e animale. Anche l’acqua dei fiumi, dei ruscelli e delle sorgenti è inorganica, proprio come la pioggia.

Sfondo, Frutti Di Bosco, Bacca, More, Blackberry

L’unica fonte di acqua organica è rappresentata dai vegetali – la nostra verdura e la nostra frutta e in particolar modo i succhi che se ne ottengono.

Questi succhi, però, mantengono inalterate le loro qualità vitali solo se freschi e non trattati, non devono essere sottoposti a trattamenti termici, lavorati, inscatolati o pastorizzati.

Frutta, Stand Di Frutta, Succo Di Frutta, Succo

Quando i succhi vengono sottoposti a cottura, lavorati, inscatolati o pastorizzati, tutti gli enzimi vengono distrutti e gli atomi vengono convertiti in atomi inorganici e morti; questo accade all’H2O (acqua) ma anche ai minerali e agli atomi chimici che compongono il succo.

Riuscire a ridurre i vegetali in una poltiglia liquida o semiliquida senza eliminare la cellulosa ha uno scarso valore dal punto di vista del succo stesso.

Immagine correlata

Bere succhi fa sì che il corpo riesca ad assimilare tutti gli elementi vitali in modo veloce e opportuno e rende ciò possibile senza sovraccaricare di lavoro l’apparato digerente come accade invece quando è presente la cellulosa.

Insomma, bere succhi preparati in modo adeguato rende il corpo capace di assimilarli in dieci o quindici minuti, mentre invece la presenza di polpa nei vegetali cosiddetti liquidi o liquefatti, o succhi nei quali sia rimasta della polpa, richiedono ore per essere digeriti.

Uva, Grappolo, Frutta, Azienda, Vendemmia, Mature

Peraltro bere succhi dai quali non sia stata estratta la polpa affatica l’apparato digerente più ancora di quando i vegetali si mangiano, in quanto una buona masticazione dei vegetali e dei frutti crudi così come una adeguata insalivazione, sono essenziali per una completa digestione dei vegetali stessi quando è presente la fibra di cellulosa.

Masticazione e insalivazione non ci sono quando le fibre restano parte della poltiglia o del vegetale liquefatto; invece i succhi dai quali sia stata rimossa la fibra rendono disponibili, senza interferenza alcuna, tutti i singoli principi nutritivi contenuti nel vegetale e li rendono velocemente e prontamente assimilabili dal corpo.

Immagine correlata

I succhi vegetali conterranno tutti quelli che si chiamano elementi vitali; tutte le vitamine e i minerali organici vitali e i sali propri del vegetale stesso, a patto che siano preparati in modo adeguato mediante triturazione o frantumazione, in modo che le fibre vegetali vengano letteralmente squarciate riducendo il tutto a una polpa così fine che potrebbe essere spalmata come burro.

Facendo passare questa polpa attraverso una garza filtrante e spremendola con una pressa idraulica o uno strumento analogo

– dovrebbe essere di dimensioni non troppo grandi in modo da poter essere maneggiata agevolmente su un tavolo da cucina
– che eserciti diverse tonnellate di pressione, ecco che otterremo un succo che, in confronto a quelli preparati in altro modo, differiscono come la panna dal latte.

byDottorNormanW.Walker

Come proteggersi da pesticidi in questo mondo avvelenato

Succhi freschi di frutta e verdura

C’è una cosa che pochi sanno sull’effetto dei pesticidi sulle nostre verdure e la nostra frutta e alla quale, di questi tempi, si dovrebbe dare più pubblicità.

Succo Di Carota, Succo, Carote, Succo Di Verdura

Sappiamo come sia stato dimostrato che i pesticidi e gli insetticidi possono essere dannosi quando utilizzati su verdure e frutta che noi consumiamo: sono le fibre di questi alimenti che raccolgono tali tossine.

Gli enzimi, gli atomi e le molecole sono allergici a esse. Ciò che segue potrà essere utile come guida per l’utilizzo di succhi correttamente ottenuti.

Insalata, Frutta, Frutti Di Bosco, Sano, Vitamine

Frutta e verdura coltivate su terreni devitalizzati o con fertilizzanti o compost inadeguati, saranno carenti di fattori vitali. La mancanza di nutri

enti nel cibo corrisponderà in proporzione alla carenza di nutrienti del suolo. Per di più, in condizioni ideali di terreno l’utilizzo di insetticidi e pesticidi comporterà il loro passaggio nelle piante e nelle radici e saranno completamente assorbiti dalle fibre che vi si trovano.

Uva, Grappolo, Frutta, Viticoltura, Sweet, Red, Mature

Le piante continueranno a crescere e a irrobustirsi non grazie a queste tossine, ma malgrado la loro presenza. Perché? Perché gli enzimi, gli atomi e le molecole continueranno il loro lavoro senza interruzioni malgrado le fibre si siano saturate di veleno.

Sorge dunque una domanda: come ottenere dai vegetali gli enzimi, gli atomi e le molecole senza utilizzare le fibre avvelenate?

Smoothie, Succo, Drink, Cibo, Vegetariano, Vegan, Sano

Dopo tutto questi enzimi, questi atomi e queste molecole sono gli elementi nutritivi di cui abbiamo bisogno. Le fibre non hanno pressoché alcun valore nutritivo.

La risposta è semplice: quando le verdure sono correttamente triturate (polverizzate) le cellule delle fibre si aprono rilasciando questi elementi. È importante notare che essi sono allergici alle tossine come l’olio lo è all’acqua, non si mischiano mai.

Quindi manterranno la loro “virtù virginale” senza mischiarsi con le fibre triturate (polverizzate).

Prima Colazione, Delizioso, Drink, Cibo

Spremendo la polpa tritata (polverizzata) con apposite attrezzature di filtraggio, gli enzimi, gli atomi e le molecole dei succhi vengono estratti dalle fibre e separati dalle tossine di cui le fibre sono sature.

Ecco dunque che abbiamo trovato il modo per evitare di restare vittime dell’inquinamento che ha infestato il cibo prodotto ormai in tutta la nostra nazione.

Va comunque detto che il fatto che si utilizzi il trituratore elettrico (strumento che riesce a polverizzare) e la pressa idraulica non mette per forza fuori gioco l’utilizzo della centrifuga.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è vitamin-c-3684098_1920.jpg

Benché sia noto che l’azione centrifugante non riesca a estrarre tutti gli enzimi, gli atomi e le molecole, occorre però sottolineare come l’uso di un filtro nell’estrattore della centrifuga sia sufficiente per evitare che le fibre si mischino con il succo.

Così possiamo ottenere un succo privo di fibre sature di veleni.

Succo Di Barbabietola Rossa, Succo, Barbabietola Rossa

L’utilizzo del frullatore, detto anche mixer, non è adatto per ottenere i succhi.

Esso si limita a tagliare le verdure tanto sottili quanto lo si desidera, ma la polpa resta comunque intera. Noi utilizziamo il mixer in cucina per preparare condimenti, dessert o cose simili, per le quali è adattissimo.

Frutta, Pera, Cestino Di Pere, Sweet, Bio, Mercato

Per quanto riguarda la nostra scelta di verdure e cibo di altro genere, acquistiamo i prodotti in qualsiasi negozio o supermercato che garantisca la maggiore freschezza e la migliore qualità o nei negozi di prodotti biologici e naturali, magari a km 0 e che ami ciò che fa, nel coltivare i suoi rimedi . La nostra scelta punta sempre sulla qualità.

Non c’è nulla che la possa sostituire e se il prezzo è alto, nel lungo periodo risulterà comunque più sicuro e più economico.

Frutta, Apple, Tangerini, Noci, Succo D'Arancia, Fresco

Inoltre le vibrazioni del nostro cibo lo condurranno al livello nutrizionale più alto e per noi sarà una benedizione che andrà ben al di là di quanto pensiamo di meritarci. Ora lo sapete anche voi.

byDottorNormanW.Walker

Il Succo di lattuga

Il succo di lattuga ha molte proprietà essenziali per l’organismo umano.

Contiene grandi quantità di ferro e magnesio. Il ferro è l’elemento più attivo nel corpo ed è necessario rinnovarlo più di frequente rispetto agli altri.

Mangiare, Insalata, Cocomeri, Cibo, Pomodori, Misti

Il fegato e la milza sono i luoghi di stoccaggio del ferro, dove viene immagazzinato in vista di una improvvisa necessità che il corpo può avere, per esempio la rapida formazione di globuli rossi in caso di forte perdita di sangue.

Il ferro è immagazzinato nel fegato anche per un’altra ragione precisa: fornire minerali a qualsiasi parte del corpo in caso di emergenza, come per esempio un’emorragia, anche nell’eventualità che il cibo ingerito non contenga la necessaria quantità di questo elemento nella sua forma organica e vitale.

Insalata, Valeriana, Foglie Di Lattuga, Verde, Fresco

L’accumulo di ferro nella milza agisce come una batteria elettrica dove il sangue viene ricaricato con l’elettricità necessaria alle sue peculiari funzioni. Il magnesio nella lattuga ha un potere rivitalizzante eccezionale, soprattutto per i tessuti muscolari, il cervello e i nervi.

I sali organici e vitali di magnesio servono alla formazione delle cellule, specialmente di quelle del sistema nervoso e dei tessuti dei polmoni.

Aiutano anche a mantenere la normale fluidità del sangue e garantiscono altre funzioni senza le quali sarebbe impossibile per il metabolismo funzionare regolarmente.

Kohl, Cavolo, Foglie Di Cavolo, Alimentari, Sano

I sali di magnesio però sono efficaci solo in presenza di sufficiente calcio, quindi la combinazione di questi elementi nella lattuga la rende un alimento di grandissimo valore.

Se miscelato con succo di carota, il succo di lattuga intensifica le proprietà grazie all’aggiunta della vitamina A della carota e del sodio che permette di mantenere il calcio presente in una costante soluzione fino a che il corpo non lo utilizza.

La lattuga contiene oltre il 38% di potassio, il 15% di calcio, più del 5% di ferro e circa il 6% di magnesio. Contiene anche più del 9% di fosforo, uno dei principali costituenti del cervello e una fonte notevole di zolfo, uno dei componenti dell’emoglobina nel sangue che agisce come agente ossidante.

Cibo, Insalata, Lattuga, Sano, Verdure, Verde

Molti disturbi nervosi sono dovuti principalmente a questi due elementi, zolfo e fosforo, assunti in forma inorganica sotto forma di cereali e carne. Insieme al silicio, presente nella lattuga in percentuale superiore all’8%, zolfo e fosforo sono essenziali per il corretto mantenimento e lo sviluppo della pelle, dei tendini e dei capelli.

Se si assumono quantità eccessive di questi elementi in forma inorganica, per esempio con i cereali e gli alimenti devitalizzati, le radici dei capelli non ricevono il nutrimento necessario: è una delle ragioni della loro caduta.

Lattuga, Cibo, Fresco, Verde, Sano, Naturale, Crudo

Bere ogni giorno abbondanti quantità di succo di carota, lattuga e spinaci fornisce alimento per le radici e le nervature dei capelli, oltre a stimolarne la crescita. Le lozioni su questo fronte non servono a nulla se non a massaggiare il cuoio capelluto.

Non possono nutrire il capello, possono solo stimolare l’azione dei nervi e dei vasi sanguigni per fare in modo che il nutrimento necessario arrivi alle radici dei capelli attraverso il flusso sanguigno.

Insalata, Foglia Di Lattuga, Bio, Fresco, Sano, Lattuga
Un’altra efficace combinazione di succhi per favorire la crescita dei capelli e riportarli al loro colore naturale è costituita da carota, lattuga, peperone verde e alfalfa fresca.

Quando si prepara il succo di lattuga per uno scopo terapeutico ben preciso, è meglio usare le foglie che hanno la colorazione verde più intensa, eliminando quelle più interne che restano bianche; quelle verdi infatti sono più ricche di clorofilla e di altri importanti elementi vitali rispetto a quelle più chiare.

Salmone, Di Pesce, Pesce Alla Griglia, Grill, Piatto

Il succo di foglie di lattuga si è dimostrato molto utile per aiutare chi soffre di tubercolosi e di disturbi gastrici. È anche un valido diuretico.

Essendo ricco di ferro e di altri elementi vitali importanti, il succo di lattuga viene dato anche ai bambini piccoli insieme al succo di carota, con risultati molto soddisfacenti sia quando sono allattati al seno che in caso assumano latte artificiale.

Succhi freschi di frutta e verdura byDottorNormanW.Walker

Avena

Avena (Avena sativa)

 
Parti utilizzate: parti aeree e frutti.
Nell’avena sono contenute le vitamine B1, B2, B6, la trigonellina, amido, ferro e fosforo.

Ha proprietà energetiche, rinfrescanti, diuretiche, antiemorroidali, ipoglicemizzanti, stimola la tiroide.
 
Avena, Cereali, Campo, Cibo, Grano, Sano, Nutrizione
 
Questa pianta è utile ai fumatori, infatti sembra che sia in grado di disintossicare i fumatori dalla nicotina grazie ad un alcaloide in essa contenuta (trigonellina), la quale ha una struttura chimica analoga alla nicotina.
 
È comunemente usata come fiocchi per colazione, per fibre solubili e insolubili. Nella medicina popolare è usata dai tempi, in forma di tisane.
 
Immagine correlataTinture (per insonnia 40 gocce prima di coricarsi, per astenia 20 gocce in poca acqua, tre volte al giorno prima dei pasti principali), bagni con paglia d’avena contro gotta e reumatismi (nel sacchetto).
Nei centri d’alimenti naturali si trova il succo d’avena, gradevole al palato, bene accettato anche dai bambini deboli come bevanda. Bambini e persone nervose trovano giovamento dormendo su pagliericcio d’avena.
 
Farina D'Avena, Avena, Porridge, Sano, Cibo, Cucina
 
Infuso di paglia d’avena: (Una manciata per una ciotola d’acqua bollente) è indicata nei calcoli urinari, unita al’olio di mandorle dolci e di noci, (olio di mandorle e di noci in parti uguali, tre cucchiai di minestra al giorno tra i pasti con infuso di paglia d’avena e radice di liquirizia, un cucchiaino da tè della miscela delle erbe per una tazza d’acqua bollente).
 
In Germania, dove le cure alternative sono radicate nell’uso, avena è considerata come un erba buona per tutto. In qualche erboristeria si trova persino estratto d’avena in bottiglie per fortificare il sistema nervoso e la forza fisica dopo una convalescenza e per remineralizzare il corpo.
 
Si consiglia di consumare l’avena soltanto d’inverno.

Germogli e microverdure

Alimenti per l’AnimA

Esattamente come le verdure che diventerebbero, se raggiungessero il pieno sviluppo, anche i germogli e le microverdure (detti anche micro ortaggi o microgreen) sono ricchi di sostanze nutritive, per esempio vitamina A, vitamine del gruppo B, minerali, oligoelementi e altre sostanze fitochimiche. Se consumate nella fase embrionale il processo digestivo di queste verdure è però molto più rapido, così da assorbirne il potere.

L’effetto più vistoso dei germogli e delle microverdure è riportare la vitalità a persone che tendono a dare se stesse fino a esaurirsi; quando t’impegni AnimA e corpo in tutto ciò che fai, a casa o al lavoro, essi hanno la straordinaria capacità di supportarti.

Soia, Germogli, Cibo, Sano, Fresco, Organici

I germogli e le microverdure sono cibi eccellenti per la fertilità.

Sono l’aiuto ottimale per rigenerare l’apparato riproduttivo e per rivitalizzare l’organismo della neomamma che accudisce il bambino e non dorme a sufficienza.

I germogli e le microverdure contengono fitoestrogeni e dunque svolgono una funzione importante nel riequilibrare e ripristinare i livelli di progesterone, estrogeni e testosterone e per riattivare la produzione di ormoni da parte delle ghiandole surrenali, della tiroide e dell’intero sistema endocrino dopo il parto.

Seme, Grano, Impianto, Germogli Di Fagioli, Noci

Ricchi di sali minerali che contribuiscono alla produzione chimica dei neurotrasmettitori, i germogli e le microverdure supportano il cervello grazie agli aminoacidi e agli enzimi, rimuovono i metalli pesanti e aiutano a tonificare e rafforzare i neuroni, contrastando Alzheimer, demenza, confusione mentale e perdita di memoria.

Sono eccezionali per rigenerare la pelle in quanto contengono oltre sessanta oligoelementi, tra cui ferro, iodio, selenio, zinco, rame, manganese, zolfo, cromo e molibdeno.

Girasole, Girasole Germoglio, Semi Di Girasole

In più, sono in grado di bloccare le infezioni e la crescita di cellule indesiderate (come quelle cancerose) e sono la migliore fonte di biotici elevati, a loro volta preziosi per la produzione di vitamina B12 nel corpo.

Nella fase embrionale, i germogli e le microverdure racchiudono migliaia di composti fitochimici, offrendo all’organismo un nutrimento ineguagliabile.

Scegliere i germogli è come scegliere degli amici: ognuno di essi ha una personalità propria. Hai un amico che è un’ottima persona ma è un po’ spigoloso e riesci a prenderlo soltanto a piccole dosi?

Cavolini Di Bruxelles, Verdure, Germogli, Cavolo

Questa descrizione si addice ai germogli di broccoli:

con il loro sapore forte e un po’ pungente sono meravigliosi per migliorare la digestione e alzare i livelli di acido cloridrico.

Hai un amico a cui non sempre racconti ogni cosa perché ha un temperamento impetuoso, collerico e scatta subito in tua difesa prima ancora che tu abbia finito di parlare? Questo è il germoglio del ravanello, straordinario per depurare il fegato (un organo già di per sé surriscaldato in molti di noi).

Smoothie, Succo, Drink, Cibo, Vegetariano, Vegan, Sano

E che dire dell’amico gentile e riservato, che ti ascolta e poi ti offre parole di conforto?

È una descrizione che si addice al germoglio del trifoglio rosso, che ha un effetto lenitivo e depura delicatamente il sangue e la circolazione linfatica, rimuovendo le tossine dall’organismo. Poi c’è l’amico molto emotivo dal pianto facile sia quando è triste sia quando è contento.

Il germoglio di fieno greco è tutto AnimA & Cuore, perfetto per supportare la sfera emotiva e il sistema endocrino, entrambi legati al cuore, all’AnimA e al Cervello. I germogli di fieno greco sono particolarmente utili per regolare la produzione di cortisolo da parte delle ghiandole surrenali e la produzione di ormoni da parte della tiroide.

Frullati, Succo, Frutta, Verdure, Sano, Detox, Raw
E non possiamo dimenticare l’amico muscoloso, quello che arriva a bordo del suo furgone e ti aiuta con il trasloco.

Questo è il germoglio di lenticchia. Veri e propri condensati di energia, ricchi di proteine fortificanti che il corpo assimila facilmente, i germogli di lenticchia offrono anche un apporto di carboidrati che ti aiuta in qualunque cosa tu debba fare.

Verdure, Succo, Bio, Organico, Nutrizione, Paprika

Sono felici di trasmetterti la loro forza e, quando li mangi, possono procurarti il carico di nutrimento di un intero pranzo di Natale, ma invece di farti assopire sul divano ti danno un’incredibile sferzata di energia.

E l’elenco potrebbe continuare. Senza trascurare i germogli di soia verde (o fagiolo mungo), quelli di girasole e di pisello e i micro-cavoli ricci fra gli altri sostenitori. Proprio come gli amici che ti offrono sostegno nella vita, i germogli e le microverdure hanno speciali qualità che scoprirai frequentandoli.

Immagine correlata

MALATTIE
Se hai una delle seguenti malattie, prova a introdurre i germogli e le microverdure nella tua vita.

Papilloma virus, fibromi, tutti i tipi di cancro, sindrome dell’ovaio policistico, batterie scariche dell’apparato riproduttivo, depressione (anche post partum), itterizia, ansia, anemia, infertilità, aborti spontanei ricorrenti, morbo di Alzheimer, demenza, virus di Epstein-Barr/mononucleosi,

Le Erbe, Frullati, Succo, Verdure, Frutta, Fresco

tiroidite di Hashimoto, diabete, ipoglicemia, affaticamento surrenale, morbo di Graves, eczema, psoriasi, allergie alimentari, disturbo da deficit di attenzione e iperattività, autismo, malassorbimento delle sostanze nutritive, insonnia, herpes simplex 1 (HSV-1), herpes simplex 2 (HSV-2), HHV-6, HHV-7, malattie della tiroide, celiachia, malattia di Lyme, infezioni da streptococco alla gola.

SINTOMI
Se hai uno dei seguenti sintomi, prova a introdurre i germogli e le microverdure nella tua vita.

Vista Dall'Alto, Closeup, Vegetarismo, Mangiare Sano

Anomalie negli esiti del Pap test, spossatezza, mancanza di energia, accumulo di peso, caduta dei denti e perdita dello smalto, recessione gengivale, vampate, sudorazione notturna, vista appannata, ecchimosi, dolore pelvico, carenza di ferro,

perdita della memoria, confusione mentale, disturbi del sonno, reflusso gastrico, tutti i sintomi neurologici (compreso formicolio, intorpidimento, spasmi, contrazioni involontarie, neuropatia e oppressione al torace),

Vista Dall'Alto, Closeup, Vegetarismo, Mangiare Sano

squilibri glicemici, eruttazione, perdita di densità ossea, sfaldamento delle unghie, voglie, ritenzione idrica, gastrite, crampi alle gambe, apatia, fegato stagnante, muco nelle feci, spasmi muscolari, voglia di dolci, mal di gola, ipertiroidismo, ipotiroidismo.

SUPPORTO EMOTIVO
Se soffri per una perdita – il lavoro, un amico o un oggetto a cui tenevi – i germogli e le microverdure sono straordinariamente utili. Questi piccoli messaggeri di speranza ti aiutano a superare il lutto e a piantare i semi per una nuova vita e nuove opportunità.

Immagine correlata
INSEGNAMENTO SPIRITUALE
I germogli e le microverdure sono altamente adattogeni anche se in altre circostanze possono godere di molta terra, ampi spazi, luce, pioggia e aria fresca che consentono loro di raggiungere il pieno sviluppo, quando li coltivi sul ripiano della cucina riescono a crescere persino ammassati in un vaso o in un vassoio con quel tanto d’acqua che basta per sopravvivere.

Frullato, Succo, Verdure, Vitamine, Bevande, Salute

Richiedono solo un piccolo lavoro di routine (i germogli vanno sciacquati regolarmente, mentre le microverdure vanno vaporizzate) per adattarsi alle circostanze. E lo fanno con gioia: se avessero una faccia, li vedresti sorridere. Questa allegra capacità di adattamento si trasferisce a noi quando li mangiamo.

Se abbiamo l’assoluta necessità di un po’ di routine per normalizzare la nostra esistenza, anche nelle situazioni più difficili, possiamo trarre forza da questi piccoli amici e trovare il modo di prosperare.

Verdure, Una Sana Alimentazione, Cucina, Cibo, Mangiare

SUGGERIMENTI
Per ottenere benefici visibili, mangia due tazze di germogli al giorno.

Quando coltivi i germogli, considerali dei piccoli animali domestici:
si nutrono della tua compagnia, captano l’energia dell’ambiente e tutto ciò che si dice intorno. Abbi un approccio lieto nei loro confronti, parlagli, incoraggiali e accarezzali quando gli passi accanto.

Immagine correlata
Se coltivati personalmente, gli alimenti colgono i tuoi bisogni individuali e adattano le proprie sostanze nutritive alle tue specifiche esigenze per nutrirti nel miglior modo possibile.

I germogli e le microverdure sono particolarmente abili nel sintonizzarsi con le necessità della tua salute perché si adattano con estrema facilità.

Se vuoi ottenere i massimi benefici dai germogli, consumali crudi. Insieme alle microverdure sono fonti straordinarie di biotici elevati, d’importanza cruciale per la salute dell’intestino e per la produzione di vitamina B12.

Verdure, Carota, Cibo, Sano, Dieta, Verde, Nutrizione

Il loro potere antibiotico elevati (ma per la Vita) rimangono intatti solo se consumati crudi, e se si trovano su germogli e microverdure che hai coltivato tu, sviluppano proprietà specifiche per nutrire la tua flora batterica.

Se li vaporizzi ogni giorno con acqua mista a sali minerali, i germogli e le microverdure si mineralizzano durante lo sviluppo, e le sostanze che assimilano andranno a tuo vantaggio.

Germogli e microverdure come quelli di ravanello, broccolo, fieno greco, cavolo riccio e girasole dovrebbero essere consumati a pranzo, perché aumentano i livelli di energia durante la giornata.

Immagine correlata
Quelli di fagioli e lenticchie dovrebbero invece essere consumati a cena, perché aiutano a calmare e a rilassare il sistema nervoso. Con l’andare del tempo, un centrifugato di cetriolo, germogli di pisello e di girasole favorisce la visione
notturna.

Involtini di cavolo nero ripieni di germogli con salsa di mango e pomodori
Per una/due porzioni

Verdure, Cestino Di Verdure, Vendemmia, Giardino

Questi involtini freschi e colorati sono un ottimo espediente per fare il pieno di verdure. Un’idea divertente per il pranzo è servire un vassoio di verdure affettate e lasciare che ognuno crei il proprio involtino.

Per variare puoi servirli con una varietà di salse di cui troverai le ricette in questi post qui si FB, per esempio il Pesto al coriandolo, la Salsa tahina all’aglio per insalate o l’intingolo cremoso di avocado per i Rotolini di nori.

6 foglie grandi di cavolo nero
1 peperone di qualunque colore
1 avocado
¼ di cavolo rosso
2 datteri Medjoul denocciolati
2 tazze di germogli
2 tazze di microverdure
1 tazza di mango a cubetti
1 tazza di pomodoro a cubetti
1 rondella media di zenzero
1 rondella piccola di jalapeño (facoltativa)

Pane, Verdure, Cesto, Cuoco, Ingredienti, Mangiare

Sciacqua le foglie di cavolo nero e togli i gambi, che conserverai per usarli in una zuppa o in un centrifugato.

Taglia il peperone, l’avocado e il cavolo rosso a striscioline sottili. Sminuzza finemente i datteri e riducili in poltiglia fino a dargli una consistenza cremosa. Riempi le foglie di cavolo nero con le verdure tagliate, le microverdure e i germogli.

Natura, Impianto, Alimentari, Vicino, Sfondo, Stagione

Arrotolale per formare un involtino, ripiegando via via l’estremità superiore. Usa la crema di datteri per sigillare le foglie lungo il bordo. Ripeti il procedimento con tutte le foglie di cavolo nero, il ripieno e la crema di datteri restanti.

Per la salsa, amalgama il mango, il pomodoro, lo zenzero e, se lo usi, il jalapeño fino a ottenere un composto omogeneo.

by (Anthony William cibi che ti cambiano la vita) modificato Francesco Ciani

II polpaccio e i suoi crampi

polpaccio

Malattia Espressione dell’AnimA

I polpacci rappresentano la base delle belle gambe:

Jogging, Eseguire, Sport, Jog, Sportivo, Gara

se dotati di una sana muscolatura di misura media, assicurano a tutta la figura un’immagine di elasticità e di tonicità. Se qualcuno sta saltando o è pronto al salto, lo si vede proprio dai suoi polpacci.

Scattare al momento giusto rappresenta la forza di questa parte del corpo: se non si riesce a farlo e si perde il momento giusto, è perché i polpacci non sono in grado di sopportare l’inconfessato sovraccarico.

Boo, Lo Swindon Town, Calcio, Dolore, Lesioni

Essi possono essere considerati la cassaforte della nostra tensione emozionale e proprio per questo sono nascosti e protetti dietro le tibie.

Queste rendono salde le gambe e di conseguenza il movimento, prendono le misure e sostengono il peso del corpo.

I calciatori e i giocatori di hockey su ghiaccio, per i quali è essenziale sapersi imporre e reggere bene sulle gambe, proteggono queste zone forti e al tempo stesso delicate con parastinchi.

Risultati immagini per polpaccio

Poiché le tibie avanzano nella vita, vengono sovente danneggiate.

Lividi e dolori documentano quanto siano sensibili e aggredibili. Anche i morbidi polpacci lo sono, ma in altro modo.

I crampi notturni ai polpacci che ci distolgono dai sogni, si manifestano anche di giorno e affliggono i calciatori, specie nei tempi supplementari previsti per gli incontri decisivi, da cui dipende l’ «avanzata» di una squadra.

Risultati immagini per crampi disagi

Se la tensione emotiva per la «salita» o l’«avanzata» della squadra raggiunge il culmine verso la fine della partita, ecco comparire i crampi ai polpacci, che evidenziano non solo lo sforzo fisico dell’atleta, ma anche la tensione emotiva cui è sottoposto.

Colpisce però il fatto che per gli stessi giocatori durante l’allenamento questo problema di sovraccarico non sussista e che essi sopportino ogni sforzo senza che i crampi si manifestino.

Nuotatori, Nuoto, Gara, Concorrenza, Piscina, Acqua
Anche maratoneti che si sottopongono a un notevole sforzo fisico, risentono spesso di questo tipo di disturbo, nonostante che il loro carico emotivo sia minore e le decisioni da prendere siano lunghe e relativamente poco tese.

I crampi notturni rivelano che la tensione emotiva repressa di giorno è talmente forte da ripresentarsi di notte senza dar modo di affrontarla con sufficiente consapevolezza. Così, protetta dalla notte, affonda nel corpo e si ripresenta attraverso le contrazioni della muscolatura.

Arabi, Stallone, Purosangue Arabo, Cavallo

La prima misura di soccorso, che mira al rilassamento del muscolo teso, opera a livello omeopatico.

Esercitando una forte pressione, la gamba viene appoggiata contro un ostacolo. Con questa tensione intenzionale, che porta a livello di coscienza la situazione di base, si arriva alla soluzione, cioè alla liberazione dal crampo.

Risultati immagini per crampi disagi
I tentativi disperati da parte dei soggetti di saltare hanno un effetto simile. Il disturbo li libera dall’evento battagliero che si svolge nel corpo e li costringe a una tensione consapevole.

Questo momento di riflessione può essere sufficiente a rendersi conto dell’esagerata lotta che si svolge a livello fisico e a riconoscere quale tensione emozionale e quale ambizione si nascondano dietro a tutto ciò.

Saltare, Divertimento, Cotone, Corsa, Sport, Classe

Si tratta di opporsi consapevolmente, corpo e anima, a ciò che ci minaccia, poiché se la coscienza rinuncia a combattere, il corpo da solo non ha alcuna possibilità di vittoria.

Esso rivela allora la propria stanchezza nel crampo, la caricatura della battaglia.

Risultati immagini per crampi disagi

Se però la sfida viene di nuovo accettata consapevolmente, il corpo è sollevato dal compito di combattere a livello sostitutivo contro qualcosa che non deve più essere trattenuto solo attraverso strumenti fisici.

Con questo passo fatto dalla coscienza e con uno sforzo analogo sostenuto a livello rituale, l’eccessiva tensione del corpo diminuisce.

Allora si può continuare a giocare, a dormire e anche a sognare. Se si partecipa di nuovo alla battaglia con consapevolezza emozionale, anche il corpo può continuare a combattere.

Persone, Ragazza, Sorriso, Felice, Viaggio, Corsa

Il crampo fisico che si manifesta nel polpaccio indica sempre, oltre a una certa dose di rassegnazione, anche il compito che bisogna svolgere. I soggetti segnalano di essere stati messi fuori combattimento, di non essere cioè più in grado di lottare. Quello che non viene confessato a livello psicologico, si manifesta a livello fisico.

Domande
1. Quale tensione emozionale eccessiva e inconfessata potrebbe essersi bloccata nei miei polpacci?
2. In che misura manca nella mia vita la lotta emotiva che si manifesta nel crampo?
3. Contro cosa combatto in senso metaforico quando tendo contro un ostacolo il mio polpaccio in preda al crampo?
4. Dove dovrei fare sforzi più consapevoli per sopportare una battaglia con una forte carica emotiva?
5. Che cosa è in gioco per me in questo momento e come l’affronto a livello emotivo?
6. Da quali situazioni voglio fuggire, dove voglio cedere senza ammetterlo?

(Dott. Rudiger Dahlke)

Infiammazione ai Reni

1. Il paziente con nefropatia deve tenere sotto controllo la pressione arteriosa, il diabete e le infezioni.

2. Il paziente manifesta stanchezza, spossatezza.

3. Il paziente nefropatico non può utilizzare FANS (aggravano la nefropatia)

ATTIVITA’ DEL PROXER PER IL PAZIENTE NEFROPATICO

Autunno, Foglia, Sun, Retroilluminazione

AZIONE ANTIASTENICA E IMMUNOSTIMOLANTE

Si devono al dr. R. Heinecke, vissuto dal 1950 al 1987 nelle Hawaii, gli studi che hanno riportato il succo del Noni all’attenzione del mondo scientifico. A lui cui si deve infatti la scoperta del principale alcaloide, pro-xeronina, capace di liberare nell’intestino xeronina grazie alla presenza di uno specifico enzima, pure contenuto nel succo del Noni.

Binocolo, Guarda, Osservazione, Osservare, Sorveglianza

Secondo Heinecke la funzione principale della xeronina è quella di regolare la struttura e la forma di specifiche proteine (enzimi) implicate in importanti funzioni cellulari e anticorpali.

La xeronina è fisiologicamente prodotta dall’organismo umano, ma questa capacità diminuisce con l’età: malattie, traumi e stress contribuiscono in particolare a ridurne la produzione.

3530e7_f38782240f484520a91f4d33150b2692.jpg

Per questo motivo l’integrazione alimentare con estratti di Noni permette di normalizzare le strutture proteiche e le funzioni ad esse legate, grazie ad un migliore assorbimento di aminoacidi, vitamine e minerali, e ad un facilitato passaggio di tali sostanze attraverso le membrane cellulari.

Per quanto riguarda le difese immunitarie il Noni aumenta la funzionalità delle cellule Natural Killer (N.K.) in persone con sistema immunitario normale e ancor di più quando questo sia compromesso (sindrome da immunodeficienza e da stanchezza cronica).

Ginger, Limone Caldo, Tee, Limone, Neve, Succo, Freddo

Il dr. Hirazumi ha inoltre dimostrato un indiretto rafforzamento del sistema immunitario grazie al potenziamento dell’attività dei macrofagi e dei linfociti, che ci proteggono dalle infezioni e dalle sostanze estranee. Alcuni studi dimostrerebbero in particolare una stimolazione dell’attività dei linfociti-T.

La xeronina è inoltre capace di stimolare nel Sistema Nervoso Centrale la secrezione di endorfine, potenti analgesici fisiologici: si spiegano in tal modo le proprietà analgesiche tradizionalmente conosciute. Sempre nel S.N.C. stimola la produzione di melatonina, la cui funzione antiradicalica e immunostimolante è ben nota.

Succo Verde, Cavolo, Apple, Verde, Sedano, Prezzemolo

La notevole presenza di vitamina C e selenio, antiossidanti e antiradicali liberi, sinergizza le suddette azioni protettive e immunostimolanti.

 

ATTIVITA’ antidolorifica a antiinfiammatoria

1. Xeronina stimola endorfine endogene: innalza la soglia del dolore

2. Serotonina innalza soglia di dolore

3. Scopoletina attività antiinfiammatoria

ATTIVITÀ IPOTENSIVA

Frullati, Frutta, Colorato, Vitamine, Sano, Fresco

La scopoletina presente nel Noni agisce da vasodilatatore e da diuretico, normalizzando la pressione e determinando di conseguenza una minore sollecitazione cardiaca. Si è visto che in caso di ipertensione esplica un’azione regolatrice fino al raggiungimento dei normali valori pressori.

ATTIVITÀ ANTIOSSIDANTE

È ormai noto che il danno ossidativo indotto nella cellula dai radicali liberi altamente reattivi è implicato nella patogenesi di molte disturbi, tra cui le malattie cardiovascolari (aterosclerosi, ischemia cardiaca, ipertensione) e respiratorie (enfisemi, asma), nonché nel favorire l’invecchiamento precoce dell’organismo. Il Noni contiene anche due tra i migliori antiossidanti: vitamina C e selenio.

ATTIVITÀ IMMUNOSTIMOLANTE

L’estratto di Noni stimola il rilascio di varie citochine, fondamentali per una corretta ed efficiente risposta del sistema immunitario. Il succo del frutto favorisce anche la proliferazione delle cellule del timo, ghiandola importante coinvolta sia nei processi di invecchiamento dell’organismo sia nei processi di maturazione dei linfociti T. Aumentando il numero di linfociti T, riduce il rischio di contrarre malattie infettive e migliora le funzioni immunitarie. Il frutto, inoltre, contiene polisaccaridi.

ATTIVITÀ ANTIMICROBICA

Alcuni principi attivi tra cui l’acubina, l’L-asperoside e l’alizarina presenti nel frutto di Noni possiedono una spiccata attività antibatterica contro vari ceppi batterici responsabili di infezioni cutanee, respiratorie e gastrointestinali.

La sclerosi multipla

La sclerosi multipla, una patologia cronica e autoimmune

La sclerosi multipla (SM), chiamata anche sclerosi a placche, è una malattia neurodegenerativa cronica di tipo autoimmune.

Cervello, Infiammazione, Corsa, Medico

Questa patologia provoca delle lesioni a livello del sistema nervoso centrale a causa della demielinizzazione (perdita di mielina*) di alcune aree che vengono per l’appunto definite placche e che in fase cronica assumono caratteristiche simili a cicatrici, da cui deriva il termine sclerosi.

Per quanto riguarda la classificazione come malattia di tipo autoimmune, essa sta ad indicare che è una patologia del sistema immunitario, infatti nella sclerosi multipla si assiste ad un attacco del sistema immunitario al sistema nervoso centrale.

Vetro, Rovesciato, Cubetti Di Ghiaccio, Fiamma

Dopo aver osservato e studiato i primi casi ancora nel XIX secolo, il grosso salto di qualità nel mondo della ricerca per questa malattia è avvenuto nel secolo successivo, quando si svilupparono i primi veri e proprio criteri diagnostici e si iniziarono a studiare strategie per il suo trattamento.

Match, Fiamma, Fiammifero, Fuoco, Combustione, Caldo

Al giorno d’oggi nel mondo si contano circa 2,5-3 milioni di persone affette da sclerosi multipla, di cui 600.000 in Europa e più specificatamente circa 75.000 in Italia.

La distribuzione della malattia non è uniforme: è più diffusa nelle zone lontane dall’Equatore a clima temperato, in particolare Nord Europa, Stati Uniti, Nuova Zelanda e Australia del Sud.

Dolore Addominale, Dolore, Cieco, Gonfiore

La prevalenza della malattia al contrario sembra avere una progressiva riduzione con l’avvicinarsi all’Equatore

Uomo, Lutto, Disperazione, Emozione, Dolore, Piacere

La SM può esordire a ogni età della vita, ma è diagnosticata per lo più tra i 20 e i 40 anni, e nelle donne, che risultano colpite in numero doppio rispetto agli uomini. Per frequenza è la seconda malattia neurologica nel giovane adulto e la prima di tipo infiammatorio cronico.

Nella sclerosi multipla, il danno che interviene a livello della mielina nel sistema nervoso centrale interferisce con la trasmissione dei segnali nervosi tra il cervello, il midollo spinale e altre parti del corpo umano.

Risultati immagini per sclerosi multipla manifestazioni

Questa alterazione della trasmissione nervosa causa i sintomi primari della sclerosi multipla, che variano a seconda di dove avviene il danno.

Durante il corso della malattia, alcuni sintomi vanno e vengono, mentre altri possono essere più duraturi

Donna, Solitudine, Tristezza, Emozioni, Giovane Donna

Tra i sintomi più comuni ricordiamo la stanchezza, che colpisce circa l’80% delle persone. Si può inoltre accusareintorpidimento del volto, del corpo o delle estremità.

Un altro indicatore della sclerosi multipla riguarda le difficoltà nell’andatura e nel camminare.

Inoltre potrebbero presentarsi disfunzioni a livello della vescica e dell’intestino, o disturbi alla vista, dolore ed altro ancora.

Ragazza, Donna, Emozioni, Espressioni, Donne, Triste

Premessa fondamentale, perché malattia autoimmune?

L’autoimmunicità è la causa più comune di malattie croniche.

Come ci dimostra anche la distribuzione di incidenza della SM, le malattie autoimmuni sono molto collegate al tenore di vita: più è alto il tenore di vita delle popolazioni considerate, maggiore è l’incidenza di tali patologie.

Immagine correlata

In condizioni normali, il nostro sistema immunitario e il suo esercito di globuli bianchi, aiutano il corpo a difendersi da sostanze e cellule dannose come virus, batteri e cellule cancerogene.

In pazienti con una malattia autoimmune, il sistema immunitario non è in grado di distinguere fra i tessuti sani del corpo e i suoi nemici. Questo provoca una risposta immunitaria verso gli stessi componenti del proprio organismo.

Ragazza, Donne, Ragazza Triste, Natura, Fotomontaggio

A partire da ogni cellula, per passare ai tessuti, poi agli organi e infine all’intero organismo, quindi ad ogni livello di organizzazione e complessità, sono necessari degli elementi specifici: sali minerali, aminoacidi, vitamine, enzimi, proteine, grassi.

Purtroppo però negli ultimi 50 anni le colture intensive, e i numerosi cambiamenti che hanno subito gli alimenti e di conseguenza anche le nostre abitudini alimentari, hanno determinato carenze nutrizionali impressionanti.

Giovane Ragazza, Mistica, Bianco E Nero, Stordimento

Senza contare che, oltre alla povertà di nutrienti, il cibo e l’ambiente sono intaccati dall’aumento della tossicità.

Questa condizione ha provocato grosse alterazioni nella composizione biochimica delle cellule, le quali di conseguenza cambiano “aspetto”. Tali modificazioni portano il corpo a non riconoscere più queste cellule come proprie e le attacca.

Questo meccanismo causale chiarisce molte varianti delle malattie autoimmuni

Risultati immagini per vit d

Le possibili carenze associate alla sclerosi multipla

VITAMINA D

Essa risulta di fondamentale importanza per il sistema immunitario, per l’espressione genica e per una moltitudine di altre funzionalità.

COFATTORI DELLA VITAMINA D

Summerfield, Donna, Ragazza, Tramonto, Crepuscolo

La vitamina K2 e il magnesio sono necessari per assicurare il buon assorbimento della vitamina D, senza i quali spesso quest’ultima potrebbe risultare insufficiente se integrata da sola. Non meno importanti sono lo zinco, il boro e il calcio.

PROBIOTICI

Legate alla sclerosi multipla sono molto frequenti alterazioni della flora batterica. Queste incidono negativamente sulla capacità di assorbimento corretto dei nutrienti da parte dell’intestino ed è quindi di estrema importanza risanare la flora battericamediante l’ausilio dei probiotici e dei prebiotici*

OMEGA 3-6-9

Ragazza, Donna, Bellezza, Modello, Bello, Mentire

Ricordando che stiamo parlando di una malattia che interessa anche il sistema immunitario, non vanno trascurati gli acidi grassi buoni, i quali si possono integrare anche con la dieta (ad esempio: frutta secca, pesce, olio di lino, avocado).

Se non è sufficiente l’assunzione tramite il cibo, bisogna fare riferimento all’integrazione ben proporzionata di omega 3-6-9.

ANTIOSSIDANTI

Gioventù, Attivo, Salto, Felice, Sunrise, Silhouettes

Elementi come il picnogenolo, la luteina, l’astaxanthina, i bioflavonoidi, la vitamina B3, ubiquinolo, il glutatione, la vitamina C, la vitamina E, l’acido alfa-lipoico, la bromelina, la lisina e la prolina, costituiscono le nostre difese contro i danni provocati dai radicali liberi i quali si formano per ossidazione.

SOSTANZE ADATTOGENE

Rhodiola, ashwaganda, passion flower e curcuminoidi rappresentano la soluzione alla gestione dello stress dovuto alla presenza di un’infiammazione cronica, com’è appunto la sclerosi multipla, stress per il quale si affronta l’infiammazione come il problema, quando invece è la soluzione di cui si avvale l’organismo per fronteggiare il vero problema.

 

Da un punto di vista alimentare

In base a tutte le nozioni elencate precedentemente è fondamentale seguire un regime alimentare ad alto valore nutritivo, caratterizzato da cibi NON lavorati a livello industriale e quindi ricchi di conservanti, emulsionanti e additivi chimici.

Inoltre è auspicabile eliminare i carboidrati semplici, il glutine (sostanza pro-infiammatoria) e i latticini, seguendo una dieta ricca di pesce, uova, frutta secca e verdura.

GLOSSARIO

Banda, Musica, Strumenti Musicali, Sassofoni, Le Corna

*Mielina: o guaina mielinica è una sostanza isolante a struttura lamellare, costituita prevalentemente da lipidi e proteine. Alla vista bianco-grigiastra, con sfumature paglierine, la mielina riveste esternamente gli assoni dei neuroni.

*Prebiotici: sono sostanze organiche non digeribili, capaci di stimolare selettivamente la crescita e/o l’attività di uno o di un numero limitato di batteri benefici presenti nel colon.

Pubblico, Concerto, Musica, Intrattenimento, Persone

Cura ut valeas!

Dott.ssa Carolina Capriolo

Fonti:

http://www.aism.it/index.aspx?codpage=sclerosi_multipla

http://www.mdpi.com/1422-0067/13/10/13461/htm

http://www.tandfonline.com/doi/abs/10.1080/10408398.2014.941457

http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/mnfr.2015001

Bioflavonoidi

Conosciuti anche come vitamine

Composti organici d’origine vegetale che esercitano nell’organismo l’azione protettiva sull’integrità anatomica e funzionale dei capillari sanguigni.

Frutta E Verdura, Frutta, Banana, Banane, Negozio

I bioflavonoidi sono essenziali per: l’assorbimento e l’uso corretto della vitamina C, aiutano la vitamina C a mantenere il collagene in buone condizioni.

Possiedono attività antinfiammatoria. Le sue componenti sono importanti per la respirazione cellulare, quanto intervengono come trasportatori d’idrogeno e d’elettroni nella catena respiratoria.

Cavolo, Verde, Si Accumulano, Verdure, Seiyu Ltd

Altre componenti hanno la funzione di:

trasferire gli atomi d’idrogeno da determinati substrati organici all’ossigeno molecolare, il quale è trasformato in perossido d’idrogeno.

Operando congiuntamente, trasformano in acqua e ossigeno il perossido neoformato, il quale sarebbe altamente tossico per le cellule.

Frutti, Verdure, Cibo, Verde, Pomodoro, Sano, Dieta

I bioflavonoidi sono indispensabile per

il sistema immunitario e prevenzione delle allergie, antiossidanti, aumentano l’assorbimento del ferro organico, importanti nella lotta contro l’azione dei radicali liberi.

Frutta, Verdure, Mercato, Mercato All'Aperto

Oltre che proteggere: il sistema circolatorio, sono consigliati nell’artrite, aterosclerosi, fragilità capillare, sembrano utili per il disturbo ai vasi sanguigni dell’occhio che colpiscono i diabetici, ha dato buoni risultati anche nel trattamento della distrofia muscolare, in quanto diminuiscono la pressione sanguigna.

Un trattamento di una settimana con i bioflavonoidi ha dato miglioramenti nella labirintite.