Liberare l’AnimA

Da tutto ciò che la reprime nel Corpo, nello Spirito, nella Vita che Sei davvero

Pensavo una cosa che mi butta fuori di testa: se io sento di essere io e tu senti di essere io, io e te siamo la stessa cosa? Cioè, l’io vero è un io unico? Si, come l’Aria è una e l’AnimA è una in Tutti!

L'immagine può contenere: testo e natura

Mi spiego meglio: se togliamo tutte le cose non reali che ci circondano, tra le quali anche molte di quelle che ci frullano nella testa, l’io più profondo è uguale per tutti!

Esperienza di Anime come quella cosa davanti allo specchio

Nessuna descrizione della foto disponibile.

se ti metti davanti allo specchio e ti fissi, piano piano il tuo corpo scompare e tutto comincia a diventare luminoso… cominci a vedere tanti punti luminosi che si espandono e alla fine vedi solo luce gialla… non senti più nemmeno i suoni… poi, mano a mano che ti rilassi, cominci a sentire una forte emozione che parte all’altezza della bocca dello stomaco e sì espande ovunque.

L'immagine può contenere: testo e natura

Succede anche quando fissi una persona davanti a te: prima vedi l’aura semplice semplice, ma se continui a fissarla e poi stacchi piano piano, tutto comincia a brillare… lo faccio sempre. Prova… è carino… magari è solo un effetto ottico, ma ti distacca un po’ dai casini…

Occorre sottolineare che l’AnimA è sede dell’atto di volontà e lo può esprimere attraverso gli archetipi della Coscienza per modificare il futuro momento per momento ricreandolo a proprio piacere.

Fiore, Dettaglio, Macro, Natura, Impianto, Giardino

Ciò pone in risalto l’esistenza del libero arbitrio che l’Uomo con AnimA possiede, essendo egli stesso parte di Dio

Oltre a questo, spicca subito in evidenza il fatto che l’AnimA può creare l’onda che andrà a modificare drasticamente il futuro dell’essere umano anche al di fuori della sfera delle probabilità.

Arrossire, Pietre, Foresta, Abito Bianco, Foglie Verdi

Nel momento in cui viene posta la questione dell’identità, l’AnimA si stacca e acquisisce Coscienza di Sé. In quell’istante si denomina e prende forma perché, archetipicamente, la forza creatrice è nel Verbo e la creazione altro non è che l’atto di volontà della Coscienza dell’AnimA.

L’AnimA si esprime per archetipi, non per fonemi. Comunica con il Corpo tramite la mediazione della Mente che fa da interprete. Va da sé che la traduzione spesso non è perfetta, tanto che a volte si riscontra l’incapacità della Mente di trasformare alcune sequenze di archetipi in semplici espressioni verbali.

Argilla, Arte, Pentola, Ceramica, Fatto A Mano

Le varie fasi PNLA (programmazione Neurolinguistica Animica)

1. Si inizia ottenendo lo stato di meditazione trascendentale più profondo che mente umana possa progettare.
2. Si attiva la connessione con l’AnimA.
3. Si verifica tramite le domande di controllo se si ha di fronte la vera essenza dell’AnimA, poi si misurano la tensione delle corde vocali della Persona e la sua frequenza d’emissione vocale in Hz.

Farfalla, Blu, Morfo, Insetto, Natura, Ala


4. Si chiede all’AnimA se è d’accordo con la situazione attuale, nella quale i parassiti, arconti, spiriti, esperienze lesive di ogni genere, lesive “fisiche o emotive, che resistono o persistono spadroneggiano sull’Uomo.
5. La si riprogramma raccontandole il nostro punto di vista e facendole comprendere che il parassita mira all’eliminazione del libero arbitrio della Coscienza, cosi come i vari sistemi gerarchici sull’uomo.

Panorama, Tramonto, Sky, Nuvole, Natura, Panoramica

6. Si verifica che abbia compreso quanto esposto.
7. Si crea un’ancora di allarme di parassitaggio da esperienze deleterie, all’interno dell’inconscio della persona.
8. Si verificano le sue intenzioni per il futuro.
9. Si chiude l’ipnosi e si verifica che la persona abbia coscienza di ciò che è stato detto.
10. Si aspetta di vedere quello che accade in seguito.

Masca, Tenerife, Isole Canarie, Burrone Masca, Rock

Alla domanda del punto numero quattro l’AnimA di solito risponde, come ho già accennato, in modo non interventista ed è proprio in quell’occasione che la riprogrammazione deve prendere la piega che riporto di seguito descrivendo un esempio tipico.

L’ipnologo o in meditazione trascendentale, con voce calma e pacata, dice all’AnimA: “Gli Esseri o Spiriti, a questo pianeta fanno stare male il contenitore che ti ospita e, di conseguenza, anche tu non puoi stare bene.

Un Paio Di, Giovane Coppia, Amore, Bacio, Baci

Dette epserienze, o meglio alcuni di loro, hanno deciso di utilizzare la tua energia per costruirsi un’immortalità che non appartiene loro, come tu ben sai.

Il loro progetto è quello di prenderti e di chiuderti in una gabbia, nella quale ti utilizzeranno sempre e solo come fonte d’energia. Tu non potrai più andare in nessun luogo, non potrai più fare nulla, non potrai più essere quello che sei.

Loro ti spegneranno quando vorranno, per sempre, e non ci sarà più l’Uomo

Ragazza, Bambino, Bambini, Ritratto, Carino, Infanzia

L’unico motivo per cui sei stata creata e l’unica attività che ti interessa è conoscere le cose dell’universo. Loro non ti faranno più conoscere nulla, ti negheranno l’unica cosa che vuoi fare, ti negheranno lo scopo per cui esisti.

Questo è quello che loro vogliono fare. Vuoi che questo accada?”

Monaco, Buddha, Acqua, Zen, Pietre, Via, Fascio Di Luce

L’AnimA viene così riprogrammata nel vero senso della parola: acquisisce nuovi elementi per comprendere la Mappa che le appartiene. Allora sente il bisogno di comunicare la sua solidarietà e le difficoltà che trova nell’eliminare i vari parassiti: in parole povere dice che non lo sa fare.

Prima di quel momento, nei confronti dei parassiti si esprimeva in modo completamente diverso: sosteneva che erano negativi per l’Uomo, ma che non poteva fare di meglio che tentare di continuare ad esistere.

Cascata, Arcobaleno, Spruzzo, Acqua, Flusso, Persona

Alcune, per giunta, si esprimevano in tono apparentemente molto commiserevole verso i parassiti: “E se poi li mando via… loro muoiono…” Di fronte a questo nuovo dato di fatto, ha invece luogo la presa di coscienza e, di conseguenza, il tentativo di prendere una decisione.

L’AnimA interviene solo se le si fa ben comprendere che, se non lo facesse, sarebbe bloccata per sempre, schiava da questi Esseri che schiavizzano l’Uomo in ogni modalità possibile che sia fisica che mentale.

Niagara Falls, Cascata, Alimentazione Dell'Acqua, Acqua

A questo punto il compito della riprogrammazione è comunicarle che, se vuole, può eliminare i parassiti. E vero che non sa come farlo, ma ciò non è importante: basta che decida e potrà fare qualunque cosa desideri.

Quando avrà compiuto quest’azione liberatoria, continuerà a non sapere come c’è riuscita. Non sarà in grado di descrivere come e perché le cose hanno funzionato, perché non c’è un meccanismo o una regola da seguire:

l’unico aspetto che conta è la volontà e, se questa è reale, la cosa semplicemente funziona

Avventura, Altitudine, Zaino, Salita, Esplorazione

Si deve insistere molto sull’importantissima tecnica “della vibrazione”: si comunica all’AnimA che ne esiste una particolare che è in grado di produrre il distacco dei parassiti e da ogni esperienza deleteria, che porta alla separazione, alla morte e sofferenza.

Ogni tipo esperienza alienante ne ha una specifica, che pare sia lievemente differente da persona a persona e da parassita a parassita. La vibrazione che eliminano questi Esseri lse li vogliamo chiamare così sono molto differenti tra di loro.

Matterhorn, Svizzera, Montagna, Alpi, Natura, Europa

La persona connesso alla propria AnimA, si dice che deve vibrare alla frequenza giusta (non gli si devono fornire altre indicazioni, l’AnimA sa perfettamente come si fa, anche se non sa di saperlo) e che lo deve fare quando se la sente: a casa, con calma, quando lo desidera.

Si chiarisce che la vibrazione funzionerà solo se l’AnimA lo vorrà realmente. All’uscita dallo stato meditativo interiore dove il respiro e il battito sono all’unisono “sincronici”.

Raccolta Fiori, Margherite, Bambina, Bambino, Natura

Questa è un’ulteriore conferma dell’avvenuto contatto con l’AnimA: quando si è “dialogato” con lei accade quasi sempre, a testimonianza che lo stato di rilassamento interiore ha toccato profondità mai raggiunte e che l’Inconscio profondo ne è stato il vero palcoscenico.

soggetto torna a casa e, a un certo punto, mette in atto la “vibrazione”. La prima volta questa non funziona quasi mai: sembra che l’AnimA faccia una serie di prove. Da quel momento in poi a fare la differenza è l’esperienza, la voglia di ciascuna persona di liberarsi.

Acqua, Estate, All'Aperto, Mare, Relax, Calma, Casual

Chi ha deciso di liberarsi si libera; chi invece è titubante, non fa altro che prestare il fianco a tutto ciò che lo parassita, il quale fa in tempo a correre ai ripari mettendo in atto strategie differenti per rimanere fortemente legato
alla Persona.

Questo è stato riscontrato nelle ulteriori ipnosi regressive effettuate su persone nei quali il ricorso alla vibrazione non aveva avuto successo.

L’ELIMINAZIONE

Viaggio, Vacanze, Avventura, Vacanza, Palloncino

“… Stasera voglio provare a fare qualcosa per staccare questo parassita. Mi metto seduta tranquilla, nella mia camera, a gambe incrociate. Chiudo gli occhi e lentamente mi concentro e respiro profondamente.

Cerco di trovare la calma, la pace interiore, di uscire dall’agitazione di questi ultimi giorni, che so non dipendere da me, ma essere indotta da lui. Seguo la reazione, rilasso il corpo completamente, entro sempre più in profondità.

Aurora, Polar Lights, Le Luci Del Nord, Aurora Borealis

Ed ecco che inizio a sentire una vibrazione che mi percorre tutta; dapprima leggera come un fremito, poi man mano più forte. È un brivido che attraversa il corpo intero e improvvisamente fa svanire ogni angoscia, ogni pesantezza.

Rimango cosi per un po’. Poi, senza cambiare posizione e quasi senza muovermi, inizio a parlare con l’AnimA, perché so che in questo momento mi sta ascoltando, può sentirmi e capire ciò che le dico.

Iceberg, Antartide, Polare, Blu, Ghiaccio, Mare

Parlo con l’energia, parlo con la vibrazione che sento di tanto in tanto muoverti ancora; ma soprattutto, ora uso le parole: è importante emettere questi suoni e imprimerli nell’AnimA.

“Devi capire che dobbiamo fare qualcosa. E giunto il momento di fare qualcosa, dobbiamo fare qualcosa. Lo so che tu vorresti solo tornare di là, ma è difficile che accada nella situazione in cui siamo. Se vuoi farlo, e in fretta, bisogna che noi si agisca.

Parco Nazionale Di Yellowstone, Wyoming, Panorama

Lo so che per te il tempo non conta nulla, ma devi considerare che qui è importante

Più tempo guadagniamo e più possiamo fare delle cose, e diventare migliori, e passare di là, ma passarci in modo diverso, con più consapevolezza.

Dobbiamo proprio agire… ORA!” Le ho spiegato che dovevamo provare a fare qualcosa insieme, in quel momento, per mandare via quello che ci disturbava. Che si poteva farlo. Di rammentare che lei sapeva cosa doveva fare, e che era tempo di attuarlo.

Bella Donna, Giovane, Femminile, Stile Di Vita, Sano

Le ho spiegato che non avevamo nulla da perdere e quindi valeva la pena di provare. Provare e vedere cosa succedeva nel ritornare una cosa sola integrata, riunire la Mente, il mio Spirito e la Mia AnimA come una cosa sola capace di modificare la Virtualità esterna gustando e godendo infinitamente la Vita in ogni infinita manifestazione già presente.

Donna, Giovane, Pioggia, Stagno, Cambogia, Ragazza

(Canter PH., The therapeutic effects of meditation, BMJ, 2003, 326: 1049-1050) 
Maharishi, da cui si ricaverebbero dati di tipo medico-fisiologico estremamente interessanti (nella prima immagine a seguire: Indicazioni Fisiologiche di Profondo Riposo Attraverso la Meditazione Trascendentale. American Psychologist 42 – 1987. Science 167 – 1910. American Journal of Physiology 221 – l97l) (nella seconda: Aumentata Tranquilla YigtTanza Attraverso la Meditazione Trascendentale. Science 16l – 1970. Scientific American 226 – 1972. American Journal of Physiology 221 – 191| . Electroencephalographya nd Clinical Neurophysiol ogy 35 – 1973 ) . (testo Modificato)

Il sistema arterioso 

Il sistema arterioso è quello rappresentato in rosso sulle stesse tavole di anatomia. Esso trasporta il sangue, arricchito di ossigeno e di sostanze nutritive, verso gli organi e le cellule. È la parte Yang del nostro sistema circolatorio che esercita un’assistenza «attiva» del cuore nella circolazione. Grazie alla sua capacità di contrazione, il sistema arterioso alleggerisce infatti il lavoro del cuore, attraverso quelle che vengono definite la vasocostrizione e la vasodilatazione.

Le malattie del sistema arterioso
Le malattie del sistema arterioso ci parlano di tensioni analoghe a quelle del sistema venoso, ma in senso attivo. Le emozioni sono eccessive e si manifestano con un eccesso (giovialità, eccitazione, eccetera) oppure vengono trattenute, soffocate.
Risultati immagini per cuore infarto
La difficoltà, se non addirittura l’incapacità di fare ciò che va fatto nella nostra vita per provare gioia, piacere e felicità, si traducono in ipertensioni arteriose. Contrariamente al sistema venoso, non abbiamo l’impressione di essere ostacolati, ma piuttosto di non sapere, di non potere, di non essere o non essere stati capaci di far posto all’amore, alla gioia di vivere.
L’ipertensione ci mostra una grande tensione dovuta alla volontà di ricerca di una soluzione, ma la paura spesso presente impedisce alle nostre emozioni di esistere e questo fa salire la pressione all’interno. Tutto acquista proporzioni eccessive che ci spaventano. Questa paura ci cristallizza e indurisce la parete delle nostre arterie, in tal modo aumentando, mediante l’arteriosclerosi, il fenomeno della tensione.
trombosi

Una delle paure di fondo associate all’ipertensione è quella della morte, nel senso che abbiamo paura che giunga prima di poter portare a termine quello che dobbiamo fare. Così, si sviluppa in noi il sentimento di urgenza, che fa «salire ulteriormente la pressione». come pure la paura della morte e tutte quelle paure che si fondano sul processo del panico.

L’ipotensione ci parla della sconfitta, della nostra sensazione di essere vittime. Sopraffatti dagli avvenimenti, senza via d’uscita, non siamo più in grado di far salire la pressione per rimettere in moto la macchina. La dinamica di fondo è passiva e lo scoraggiamento prende il sopravvento sul senso della lotta.

Ci è senza dubbio mancato l’amore nella nostra vita, quel nutrimento che procura o quantomeno favorisce la manifestazione della gioia e le ragioni di vivere, quella sensazione che fa battere il cuore dentro di noi. Quella fiamma ci è mancata o forse non l’abbiamo mai alimentata.
(Michel Odoul)

VenaVin

Il risveglio (parte 2°)

Secondo stadio: nel mezzo del cammin…. (parte 2 di 3)

A mano a mano che diventiamo spiritualmente più vivi, cominciamo a usare la facoltà di creare il nostro mondo attraverso il pensiero in modo molto più trascendente.

Gabbiano, Portogallo, Algarve, Volo, Cielo, Libertà

Guardando indietro possiamo quasi sempre vedere il beneficio che abbiamo tratto da un’esperienza dolorosa. Il divorzio che pensavamo di non superare ci sembra ora la cosa migliore che ci sia capitata. Le crisi giovanili che parevano portarci sull’orlo del suicidio ci sembrano ora una parte naturale del nostro sviluppo.

Il periodo in cui ci eravamo messi a bere autodistruggendoci, ci appare ora come la prova più importante della nostra vita, perché ci ha insegnato quanta forza interiore ci fosse in noi, anche se allora, nei giorni dell’alcolismo, ci sembrava di rovinare tutto ciò che contava.

Gabbiani, Beach, Uccelli, Ali, Natura, Mare, Estate

Ora possiamo vedere nella bancarotta del passato la spinta necessaria che ci ha portato a cambiare vita; in una grave malattia che abbiamo superato possiamo leggere il messaggio che ci ha indotto a riesaminare le nostre priorità e a rallentare il ritmo. Con il senno di poi riusciamo a scorgere le opportunità celate negli avvenimenti della nostra vita passata.

La seconda fase è la tappa intermedia dell’illuminazione perché in questo stadio non abbiamo più bisogno di considerare gli avvenimenti a posteriori per vedere le opportunità che contengono.

Pier, Molo, Ocean, Mare, Acqua, Modo, Prospettiva

Cominciamo a essere consapevoli già sul momento dei vantaggi di ciò che ci succede.

Smettiamo di pensare continuamente a ciò che ci manca e di essere catastrofici sul futuro. Ci chiediamo invece:

«Quale frutto posso trarne? Come posso volgere questa situazione in un’opportunità, senza dover passare per anni di sofferenza per giungere a riconoscere che tutto questo è necessario?»

Immagine correlata

E’ un passo importante nel processo di illuminazione, e ci aiuta a vedere come «l’unica canzone» sia veramente sincronizzata. Certamente, proviamo ancora dolore e sofferenza, ma sappiamo anche che vi è in essi qualcosa di grande.

Riusciamo a essere gentili e tolleranti con noi stessi, e a onorare e amare anche la parte di noi che sta creando la crisi.

In Esecuzione, Corridore, Lunga Distanza, Fitness

Probabilmente non capiremo mai razionalmente perché l’avvenimento doloroso ci colpisca proprio in quel momento, ma almeno intuiamo che anche questa esperienza ha valore.

Ho sentito Ram Dass descrivere i sentimenti provati durante la malattia che portò alla morte l’amata madre adottiva. Si domandava perché fosse necessario che soffrisse così tanto nello stadio avanzato del melanoma.

Surfista, Surf, Mare, Sport Acquatici, Acqua, Testa

Sapeva in fondo al cuore che la sofferenza faceva parte del viaggio, e che conduce sempre a qualcosa di più grande, ma questi dolori terribili, che colpivano una donna bellissima che lo amava così tanto …

Perché? A mano a mano che la donna si avvicinava alla fine, Dass notò che era divenuta più serena e la vide illuminarsi di tranquillità e gioia.

Risultati immagini per risveglio interiore
Mentre si apprestava ad abbandonare la forma sembrava entrare in una nuova sfera, uno stato di beatitudine.

La sofferenza era finita, dal momento che i dolori sono provati dai sensi nella forma. Era libera e Ram Dass, osservando la scena, si disse: «Sì, persino questo ci eleva».

Vide che la sofferenza stava portando la madre verso qualcosa di più grande, e non dovette aspettare molto per rendersene conto. Quando la donna morì, si era riconciliato con l’idea della sua scomparsa, perché sapeva che la morte è un premio, non una punizione.

Zen, Giardino, Meditazione, Monaco, Pietre, Bambù

Anche lui avvertiva un senso di pace, consapevole che il dolore conteneva in sé una grazia.

Il secondo stadio comporta dunque l’essere presenti a se stessi, vivendo pienamente tutto ciò che si prova, invece di passare lunghi periodi a soffrire prima di scoprire il frutto nato dalle difficoltà di non potere finire la mia gara.

Così rimasi concentrato sul momento che stavo vivendo, e mi chiesi quale frutto o opportunità fosse nascosto in quella prova. Misi da parte la sofferenza e mi chiesi sinceramente se volevo davvero tornare a casa senza aver completato ciò che mi ero proposto.

La Strada, Travi, Percorso, Foresta, Natura, Silenzio

Potevo in qualche modo fare appello alle mie risorse interiori e trovare la volontà (attraverso il pensiero) di correre per altri otto chilometri?

Qualcosa mi investì proprio in quel momento, qualcosa che posso solo descrivere come un miracolo. Sentii che ero là, disteso nel caldo e nel vomito, per scoprire se avevo il coraggio di fare una cosa che al momento sembrava impossibile.

In quel momento otto chilometri mi sembravano cinquecento.


Risultati immagini per risveglio interiore
Eppure, con il pensiero, compresi che potevo trasformare quella situazione in un’opportunità positiva e crescere come essere umano, trascendendo le condizioni fisiche. Nel mio corpo avvenne una vera e propria metamorfosi.

Tutto d’un tratto, nell’istante in cui mi permisi di sfruttare l’opportunità di scoprire di quanta forza disponevo, dallo stato di completo esaurimento in cui mi trovavo, cominciai a sentirmi forte.

Bosco, Strada, Foglia Che Cade, Naturale, Alberi

Mi tirai su, dissi agli infermieri dell’ambulanza di aiutare qualcun altro e mi avviai verso il traguardo a otto chilometri di distanza. Entrando in Atene mi accorsi che le difficoltà non erano ancora finite.

La strada non era stata chiusa al traffico e quindi dovevamo correre sulla striscia centrale della bretella dell’autostrada, con le auto che ci passavano accanto, e i poliziotti che tentavano di tenerle lontano.

Eravamo avvolti dai fumi più velenosi che avessi respirato in vita mia.

Strada, Foresta, Stagione, Autunno, Caduta, Panorama

Le auto cambiavano corsia proprio di fronte a noi che correvamo e i guidatori ignoravano le suppliche degli agenti che tentavano di dirigere il traffico; il caldo aumentava.

Eppure, davanti a ogni nuovo ostacolo, la mia determinazione sembrava rafforzarsi, le gambe non mi tremavano più e i crampi erano cessati.

Conclusi la gara. Arrivai al traguardo nonostante avessi passato quasi mezz’ora sdraiato a terra.

Strada, Cielo, Montagne, Nubi, Nero, Bianco, Inizio

Finii nel primo terzo dei concorrenti che avevano concluso la competizione, complessivamente la mia classificazione migliore, anche se con il tempo più alto di tutte le altre gare cui avevo partecipato.

Ma il tempo non importava, e neppure le congratulazioni e le medaglie.


Immagine correlata
Avevo imparato qualcosa di prezioso su me stesso, e non avrei dovuto aspettare molti anni per sapere quale grazia ci fosse in quella sofferenza. Questo breve verso tratto da Reflections From the Saul (Riflessioni dall’anima) di Raymond riassume bene i miei pensieri:

Dal fango i bei fiori di loto dai travagli qualcosa più alto si libera.

Quando possiamo afferrare qualcosa di più alto nel momento stesso in cui viviamo l’esperienza, progrediamo sulla strada che ci porta al terzo e ultimo stadio del risveglio spirituale, la fase della pura sincronicità, in cui giochiamo un ruolo molto più attivo nella creazione del nostro mondo.

(Wayne W.)

I nostri attaccamenti più comuni

Prime parti: 1 – 2 – 3 – 4 di 8

La sofferenza può assumere molti aspetti e si manifesta sempre nella forma. L’attaccamento alle cose esteriori è senza limiti. Ecco sette dei più frequenti attaccamenti e le ragioni per cui forse stai percorrendo una strada di sofferenza.

1. Attaccamento alle cose

Notebook, Libro, Pelle, Brown, Quadrifoglio, Signet
 
Nell’Occidente la maggior parte delle persone identificano se stesse e il proprio grado di successo o di fallimento con la qualità e quantità delle cose che accumulano. Quando istituiamo un tale rapporto stiamo vincolando il nostro valore di esseri umani all’acquisizione di beni materiali.
 
Di conseguenza ci esponiamo a soffrire quando questi beni non sono presenti nella misura desiderata nella nostra vita.  Diventiamo le nostre cose.  Quando adotti una tale posizione ti metti tu stesso nelle condizioni di vivere una perpetua frustrazione.
 
Dollar, Valuta, Denaro, Us-Dollar, Franklin, Sembrare

Quello che in realtà esprimi è che sei privo di valore, incompleto, carente.

Devi continuamente rifornire la scorta dei beni materiali che possiedi per sentirti valorizzato. La tesi che «senza cose non valgo nulla» ti porta a inseguire senza fine una sempre maggior quantità di beni.
 
La lotta continua per avere di più ti porta a renderti conto che non potrai mai realizzarti dall’esterno. E’ un atteggiamento che ti impedisce di sapere che sei già intero, che non hai bisogno di altro per sentirti completo; ti porta ad accumulare e a istituire continuamente paragoni tra te e gli altri, in fatto di beni materiali.
 
Portafoglio, Contanti, Carta Di Credito, Tasca, Soldi
 
Distoglie il tuo sguardo dagli occhi e dal cuore di chi incontri per dirigerlo al portafoglio e alle ricchezze. Più leghi il senso di quello che vali e la tua umanità a cose esteriori più dai a queste cose il potere di controllarti.
 
E quando sei controllato da cose esteriori, ne sei schiavo, e la sofferenza diventa l’unica opzione possibile. Certo, soffrirai circondato dal lusso, ma fino a quando gli attaccamenti permarranno dentro di te ci sarà sempre dolore.

2. Attaccamento alle persone.


Risultati immagini per attaccamenti
E’ un attaccamento dei più tenaci, e fino a quando non imparerai a superarlo ti porterà molta sofferenza. Non dico che non sia giusto amare un’altra persona, apprezzarne la presenza nella tua vita, e avere cara la vostra unione.
 
Sono tutti risultati molto positivi del fatto che hai creato nella tua vita rapporti d’amore incondizionato. Ciò cui mi riferisco con il termine attaccamento è il voler o l’aver bisogno di possedere un’altra persona e il sentirsi inutile, bloccato e ferito se quella persona non è parte della tua vita nel modo che vorresti.
 
Amicizia, Fratellanza, Amore, Libertà, Legami, Abbracci

Sono attaccamenti quei rapporti in cui cedi il controllo su te stesso a un’altra persona, e sono destinati inevitabilmente a farti soffrire.

Tutti i rapporti umani possono essere più felici se vissuti da una posizione di distacco. Distacco significa amare una persona tanto da consentirle di fare le sue scelte senza rimproverarla, anche se esse non corrispondono o sono antitetiche a quello che pensi dovrebbe fare.
 
Vita, Suicidio, Lasciando, Raggiungendo, Incurante
 
Significa aver abbastanza fiducia in te stesso da non sentirti in pericolo quando gli altri non soddisfano le tue aspettative.
 
Nei rapporti sentimentali significa amare l’altro così tanto da dimenticare i tuoi bisogni e semplicemente accettarlo per quello che è, cioè dopo tutto la persona di cui ti sei innamorato.
 
Pensione, Cuore, Ascolta, Sopra, Amore, Off, Fine
 
Nei rapporti familiari significa essere abbastanza distaccato da consentire ai tuoi familiari di essere ciò che vogliono essere, e sentirti abbastanza sicuro interiormente da non giudicarti sulla base di ciò che essi decidono di fare nella loro vita.
 
Significa dimenticare ogni valutazione e invece ascoltare e amare gli altri componenti della famiglia per quello che sono, dando consigli quando sono richiesti, e altrimenti dando solo amore incondizionato.
 
Palloncino, Cuore, Amore, Romanticismo, Cielo
 
Nei rapporti con i figli significa ricordare costantemente a te stesso che i figli devono prendere la loro strada e che non vivranno nel modo in cui tu pensi che dovrebbero vivere.
 
Significa guidarli, aiutarli a diventare autonomi e fare in modo che sappiano sempre che li ami incondizionatamente, anche quando si comportano in modo autolesionista.


attaccamenti
3. Distacco nei rapporti umani non significa mancanza d’amore.

 
Significa al contrario amare così tanto da sospendere i giudizi di valore sugli altri e da comunicare con loro da una posizione d’amore invece di cercare di controllarli o giudicarli.
 
Chi è distaccato in questo senso eviterà l’inutile sofferenza che la maggior parte delle persone sperimenta nelle proprie relazioni. Dando affetto, eviti il ruolo di vittima e mostri un’infinita dose di amore per te stesso e le persone che ti sono care.
 
Bisbiglio, Segreto, Mistero, Azione Furtiva
 
E sei distaccato metafisicamente. Il distacco ti consente di avere un amore «incondizionato». L’attaccamento porta con sé implicitamente l’idea che in qualche modo l’altro deve compiacerci se vuole che lo amiamo.
 
Quando impari a lasciare che le persone che ami siano come sono e le ami per ciò che decidono di essere, indipendentemente dall’opinione che ne hai tu, allora sei distaccato.
 
Amore, Coppia, Due, Lavstori, Sweethearts, Felicità
 
Una volta raggiunta questa capacità di distacco non vorrai né avrai più bisogno di controllare un altro essere umano, specialmente chi ti è più vicino.  Paradossalmente meno tenterai di possedere e controllare l’altra persona, più intima ti diventerà.

Il distacco ti incoraggia in realtà a rendere più stretti i tuoi rapporti e a intensificare il tuo amore.

Riduci le probabilità di soffrire perché hai così tanto amore incondizionato per gli altri che questo si vedrà comunque, anche se scelgono di lasciarti. Imparando a diventare meno attaccato imparerai anche una verità fondamentale dei rapporti d’amore:
 

Immagine correlata

l’amore va dato, non preso! è questa la vera essenza del distacco in tutti i rapporti umani.


4. Attaccamento al passato

Imparare a essere distaccato dal passato e dalle tradizioni che costituiscono una parte importante della vita di molte persone è uno dei modi di eliminare almeno un po’ della sofferenza che esiste nel mondo.
 
Bambini, Strada, Distante, Supporto, Percorso
 
Basta una rapida occhiata ai popoli in guerra nel mondo per rendersi conto che soffrono e muoiono in nome della tradizione.
 
Viene loro insegnato che devono credere alle stesse cose cui credevano i loro antenati. Con questa logica perpetuano la sofferenza, propria e dei nemici che hanno ricevuto in sorte.

Molti dei conflitti tra gruppi etnici sono in corso da migliaia di anni.

Uomo, Pensiero, Pensieri, Scultura, Estate, Faccia
 
Con la mentalità dell’attaccamento che viene instillata in tali culture, le guerre andranno avanti per sempre.
 
Chi vive in queste culture tradizionali non è padrone della propria mente: vive soltanto nella forma e muore per una tradizione che garantisce la continuazione di conflitti e odio per generazioni e generazioni.
 
Donna, Piuttosto, Ragazza, Capelli, Bello, Donne
 
Siamo partecipi dell’attaccamento al passato quando tentiamo di determinare al posto di altri, sulla base di quello che ci è stato insegnato a credere, quali debbano essere le loro scelte spirituali.
 
Che tipo di istruzione si riceve, quale vocazione si sceglie, che amici si frequentano, come si vota, in che modo ci si veste, si parla e persino si pensa viene spesso determinato da attaccamenti alle tradizioni, tradizioni così potenti che ignorarle significa spesso dover affrontare un totale ostracismo della famiglia e del gruppo sociale.

Immagine correlata
«Sei un … », dicono i genitori, «sei nato in questo gruppo, non è una cosa che si può scegliere.»

 
Una tale posizione non può soddisfare un’anima illuminata. Com’è possibile crescere se si fanno sempre le cose nel modo che ci è stato insegnato?  Quando cominciamo a conoscere i principi universali, sentiamo in cuor nostro di non essere solo forma.
 
La confezione esteriore può avere un certo aspetto e una determinata storia, ma non è quello che siamo veramente: è solo l’involucro del vero io, senza forma, che non ha bisogno delle etichette determinate dalle azioni del passato.
 
Catene, Piedi, Sabbia, Bondage, Prigione, Libertà
 
L’attaccamento alla storia della tua forma, in quanto rappresentativa degli antenati e dei parenti, ti porterà solo un incredibile fardello di sofferenza. Imparare a essere distaccati dalle tradizioni richiede spesso molto coraggio, e chi ci riesce può dover scontare un alto prezzo.
 
Tuttavia il prezzo che si paga rimanendo attaccati alle tradizioni è molto più alto e crea molto più sconquasso nella nostra vita. La disapprovazione di chi è rimasto in stato di dipendenza dalla storia della propria specifica forma a lungo andare costa molto meno.
 
Beach, Repubblica Dominicana, Caraibi, Estate, Mare
 
Ciò cui sei attaccato, qualunque cosa sia, ti possiede in modo assoluto. Equivale a un progressivo, quotidiano, serrarsi delle catene e dei ceppi per impedirti di pensare con la tua testa. Ralph Waldo Emerson ci ha ricordato:
 
«Non essere schiavo del passato, tuffati nei mari sublimi, affonda nelle profondità e nuota lontano così da ritornare rispettando te stesso, con un nuovo potere, con un’esperienza progredita, che spiegherà e supererà il vecchio».

Risultati immagini per attaccamenti
Pensaci mentre consideri l’eliminazione della sofferenza legata all’attaccamento al passato dalla tua vita.

 
Possiamo rispettare e persino apprezzare la storia e i costumi dei nostri antenati. Possiamo amarli perché hanno scelto di fare a modo loro.
 
Mare, Baia, Lungomare, Spiaggia, Bello, Vacanze, Greco
 
Ma l’attaccamento a dover vivere e pensare nel modo deciso da altri prima di noi, solo perché si è simili nella forma, equivale a negare a se stessi l’illuminazione. E così che per migliaia di anni alcuni esseri umani e le loro istituzioni ne hanno controllato altri.
 
Esigere dai figli che vivano solo in accordo a regole consacrate li può trasformare in servi acritici di chiunque detenga l’autorità.
 
Rana, Addio, Viaggio, Deposito, Sacca Da Viaggio
 
L’attaccamento al passato è responsabile dell’uso di dare ai bambini fucili, insegnando loro a diventare assassini, dicendo loro chi è il nemico e condizionandoli a un ottuso conformismo.
 
Crescono credendo che sia, disonorevole agli occhi di Dio non essere attaccati al passato. E facile riconoscere questo comportamento estremo in altri popoli, ma il loro esempio ci deve servire da lezione, rendendoci più consapevoli del modo in cui anche noi coltiviamo l’attaccamento al passato.
 
(Dott. Wayne W.)

Parte 2
https://www.successclubprofessional.com/i-nostri-attaccamenti-piu-comuni-2/

Rinofima e naso del bevitore

Malattia linguaggio dell’AnimA 

Già il nome di questo deformante sintomo spiega ampiamente le sue caratteristiche. Rhino sta per naso, phyma deriva dal greco e significa gonfiatura, escrescenza. In Africa, il termine rhino viene utilizzato per indicare il rinoceronte ( da rhinoceros ).

Spesso a questo sintomo se ne aggiunge un altro, la cosiddetta rosacea, che peggiora la situazione.

Ragazza, Bere, Tè, Tazza Di Caffè, Tramonto

La rosacea, termine latino che si riferisce al colore rosa, determina un cambiamento dell’incarnato: sul viso si formano delle macchie rosse, che presto si trasformano in squame, pustole e papille.

Come il rinofima, anche questa malattia si sviluppa dove c’è una costituzione seborroica, caratterizzata cioè da una tendenza a disfunzioni delle ghiandole sebacee.

Immagine correlata
Talvolta il rinofima può rappresentare uno stadio dell’acne rosacea, la cosiddetta rosacea hyppertrophicans, poiché entrambe derivano da ipertrofia delle ghiandole sebacee e del tessuto connettivo.

Si tratta di protuberanze che si formano al centro del viso, in particolare sul naso, prodotte dalle ghiandole cutanee, responsabili del resto della secrezione di tutto il sebo della nostra pelle.

Tè, Ora Del Tè, Persona, Estate, Tea Party, Tè Freddo

Nella rosacea e nel rinofima le ghiandole sebacee svolgono il loro compito con eccessiva solerzia e i soggetti si trovano, per così dire, a nuotare nel grasso.

A causa di questa sovrapproduzione le ghiandole tendono alla costipazione, e questo è causa di infiammazioni.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è drink.jpg

Il sintomo vuole attirare l’attenzione di tutti sul viso e soprattutto sul naso. Il fatto che qualcosa venga secreto in quantità eccessiva a livello corporeo, fa nascere il sospetto che in tal modo si cerchi di compensare un’ostruzione a livello psichico. Le problematiche in questione sono evidenti.

La tradizione popolare definisce simbolicamente il naso «fallo superiore». Più seriamente, questo rapporto indica come zona di riflesso degli organi sessuali proprio la formazione nasale. Toccarsi il naso in pubblico non sta bene, toccare le narici è assolutamente tabù.

Risultati immagini per  bevitore

Quali motivi, oltre a quelli simbolici, potrebbero nascondersi dietro a queste realtà? A ciò si aggiunge, nel caso del rinofima, il fatto che il volto diventa rosso fiammante, un colore che indica tanto la vergogna quanto la rabbia, tanto l’eccitazione sessuale quanto gli impulsi aggressivi.

Le pustole e i molti altri piccoli «vulcani» infiammati ricordano l’acne giovanile, che si sviluppa facilmente su una costituzione seborroica.

Molti sono gli elementi che portano a credere che in questo caso ci si trovi di fronte agli ultimi disperati tentativi di raggiungere la pubertà e, quindi, di divenire adulti.

Al posto della sessualità puberale, è soprattutto la sessualità genitale che fa simbolicamente pressione sulla coscienza.

Risultati immagini per alcolici alcolismo

La malattia raggiunge il suo apice tra i quaranta e i cinquant’anni e i soggetti colpiti sono quasi esclusivamente maschi, il cui naso, con le sue escrescenze, può rivelare pubblicamente il grande rapporto con la sessualità fallica e le non risolte esigenze di crescita prima che sia troppo tardi.

Da un lato il rinofima può riprodurre la concreta situazione di vita dal punto di vista sessuale, dall’altro può esprimere fantasie non vissute ma coscienti o, infine, può alludere a ciò che avviene inosservato nell’inconscio.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è alcool.jpg

Anche quando sono vissute le abnormità e le deviazioni in campo sessuale non sono mai avvertite consapevolmente.

I piccoli vulcani simboleggiano la pressione alla quale il soggetto è sottoposto. La componente aggressiva e quella venusiana camminano mano nella mano. Il naso con una protuberanza evoca nella nostra mente l’immagine di un libertino.

Ci si può adattare, a livello superficiale, a questo modello e portare in modo provocatorio la propria protuberanza rossa come farebbe un clown, ci si può vergognare oppure rimuovere l’intero rapporto nel suo significato, o si può desiderare di non saper niente delle proprie rigogliose fantasie e dei propri sogni.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è birra.jpg

Le spinte alla crescita che, a livello metaforico, risultano inadeguate, si somatizzano nel corpo. Il fertile liquido sprecato concretamente o nella fantasia viene ora secreto in quantità eccessiva dalle ghiandole sebacee.

La crescita del tessuto connettivo del naso sottolinea l’aspetto della fertilità. Si sbatte il naso contro il proprio problema, che in questo modo diviene evidente a tutti.
Spesso il sintomo è associato alla problematica dell’alcol, e qui veniamo al naso rosso del bevitore.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è bar-209148_1280.jpg

L’alcol è la classica droga di rifugio della nostra società. Anche se le campagne pubblicitarie suggeriscono il contrario, è evidente che proprio le persone che non possono essere virili da nessun punto di vista, essendo troppo deboli, cercano rifugio nella bottiglia.

Mentre i poppanti sono giustamente attaccati al loro biberon, gli adulti legati alla bottiglia rivelano la loro dipendenza e la loro tendenza alla regressione. Anche gli altri sintomi dell’alcol sottolineano questa tendenza:

si vacilla di nuovo come un bambino che non ha ancora imparato a camminare e si balbetta come se non si conoscesse bene la lingua.

Immagine correlata

Il fatto che l’alcol sia un notevole narcotico, mostra inoltre che il soggetto rifiuta di assumersi il proprio ruolo, che vuole nascondere qualcosa e stordirsi per dimenticare l’insuccesso.

Questo quadro sembra contraddire completamente l’immagine che attualmente abbiamo dell’alcolista brutale, duro e virile.

Tali dimostrazioni superficiali di virilità insieme alla boriosa ostentazione di forza, non sono altro che tentativi violenti di compensare la propria debolezza e la propria insicurezza.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è brandy.jpg

Si mette in moto il tipico circolo vizioso: l’alcol è la droga che porta all’impotenza su tutti i fronti, si annega il dolore che si prova di fronte alla propria incapacità. D’altro canto, poche altre cose rendono tanto rapidamente impotenti quanto il consumo regolare di liquori.

Non ci troviamo quindi di fronte a uomini forti, bensì a personaggi di cartapesta. Anche i tentativi di farsi coraggio bevendo non dovrebbero far dimenticare che vigliaccheria e desiderio di intontirsi per non vedere dominano facilmente la mente.

Il naso rosso rivela a tutti cosa realmente avviene: lo si vede proprio sulla punta del naso.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è alcohol-1853327_1280.jpg

Da un lato può essere un avvertimento a non ficcare il naso dappertutto e soprattutto a non infilarlo troppo profondamente nel bicchiere; d’altro canto però è anche un’esortazione a prendere se stessi per il naso e ad affrontare i temi scottanti che il destino ha scritto a colori violenti e addirittura col sangue sul nostro volto.

L’apprendimento, nel caso del rinofima e del naso del bevitore, consiste nel riconoscere la sessualità istintuale e nel redimerla. Si tratta di «riconoscere» l’aspetto femminile che è in ognuno di noi, cosa possibile solo accedendo a tutti i livelli dell’amore fisico.

La forza fallica preme al centro e vuole essere dominata. È un problema di forza, non di una sua querula variante, che in realtà è solo una maschera rumorosa della debolezza: forza e potenza a un livello più profondo.

Domande

1. Dove, nella mia vita, vado scivolando in modo diverso da come desidero?
2. Ho concluso la mia pubertà? E come l’ho conclusa?
3. Quale livello di maturazione ha raggiunto la mia sessualità?
4. Cosa mi manca per essere adulto?
5. Come potevo o posso fidarmi della mia virilità?
6. Perché l’ho portata all’eccesso? O sminuita?
7. Cosa vuole e deve ancora crescere nella mia vita?
8. Quanto è stata fertile finora?
9. Quale ruolo ha la fuga per me?
10. Dove e quando ho trascurato di indirizzare la mia vita nella direzione del mio naso?

Doc. Rudiger Dahlke, Thorwald Dethlefsen

Dare è la chiave per arrivare a perdonare

Questa è una delle più grandi lezioni che abbia imparato in vita mia

Se puoi farla tua, senza lasciarti distogliere da un atteggiamento cinico, perdonare diventerà un modo di vita. Dare è la risposta alla domanda:

Mano, Regalo, Bouquet, Congratulazione, Amore, Dare

«Perché sono qui?» Dal momento che non puoi possedere niente e che ogni attaccamento rappresenta un ostacolo che tiene lontana l’abbondanza, non ti rimane che dare agli altri, te stesso e tutte le cose che circolano nella tua vita.

Abbiamo quasi tutti la tendenza ad accumulare per noi e la nostra famiglia, tanto che dimentichiamo spesso la necessità di mantenere in circolazione i beni, di ogni tipo, fra le persone.

Le Mani, Open, Candela, Lume Di Candela, Preghiera

In questa corsa all’acquisto di beni materiali spesso istituiamo dei rapporti ostili con gli altri, persino con persone che ancora non conosciamo, perché ci mettiamo sulla difensiva pensando che ci vogliano togliere qualcosa.

Ricorda che è impossibile farsi travolgere da sentimenti di odio o di amarezza verso gli altri quando il proprio obiettivo primario è quello di essere generosi.

Fontana, Acqua, Flusso, Bagnato

Il perdono verrà quasi automaticamente quando ti sarai distaccato dal bisogno di ottenere una certa cosa e sarai invece tutto proteso ad aiutare e a entrare in contatto con gli altri.

Il paradosso sta nel fatto che quanto meno una persona è ossessionata dall’idea di possedere e accumulare e quanto più è disposta a dare agli altri, tanto più in realtà ottiene.

Risultati immagini per dare con amore

Ciò a cui pensi si espande

Perciò se pensi solo e continuamente a ottenere il più possibile per te stesso e a battere i rivali che credi stiano cercando di «farti le scarpe», significa che pensi, ti preoccupi ed elabori progetti tutti incentrati sull’idea dell’inganno.

Mele, Mercato Dei Contadini, Business, Comprare, Deal

I tuoi pensieri ruoteranno attorno all’idea della disonestà del rivale e dell’ingiustizia e crudeltà del mondo: saranno dunque queste a espandersi, dato che sono le cose a cui pensi di più.

Ti troverai dunque ad avere sempre più paura di farti ingannare, e quindi ad assicurarti contro tale possibilità, assoldando avvocati che ti proteggano e aumentando così il numero dei tuoi avversari.

San Valentino, Cane, Animale, Carino, Rosa, Cuore

Ti metterai da solo in una situazione di antagonismo con tutti e sicuramente vedrai espandersi la spirale della conflittualità.

Esamina ora l’approccio alla vita di segno contrario

I tuoi pensieri (cioè tu stesso) adottano una nuova prospettiva. Ora non pensi alle quote che ti spettano, ad accumulare ricchezza, alla situazione economica in cui ti trovi.

Marmi, Vetro, Giocattoli, Giocattoli Dei Bambini

Dai invece agli altri ciò che hai dentro di te: cioè armonia e accettazione. Dal momento che non cerchi di ottenere nulla da nessuno, non hai mai paura.

Supponiamo che entri nella tua vita una persona intenzionata a ingannarti; quella persona incontrandoti vedrà in te qualcuno da cui si sentirà sinceramente apprezzata come essere umano.

Clessidra, Tempo, Ore, Orologio, Egg Timer

Le probabilità di un inganno diminuiscono radicalmente quando non ci si aspetta che possa avvenire.

Se cercherai armonia e collaborazione e le darai agli altri, molto probabilmente riceverai a tua volta lo stesso trattamento. Non ti attirerai nemici perché non ti metterai in posizione di antagonismo con nessuno, indipendentemente dal comportamento degli altri nei tuoi confronti.

Immagine correlata

La generosità diventa la chiave per istituire dei rapporti con i tuoi simili in cui perdonare non è più necessario.

Questa strategia funziona davvero! Sii paziente e continua a seguirmi invece di lasciarti sopraffare dallo scetticismo, al quale ti spinge la mentalità radicata nella nostra cultura.

Font, Positivo, Motivazione, Legno, Banner

Naturalmente sono consapevole del fatto che a questo mondo esistono persone che si comportano in modo disonesto. So che vengono compiuti continuamente delitti efferati.

So anche che molti ritengono che dovremo continuare a costruire prigioni per mettere una volta per sempre sotto chiave «questi farabutti»! Ma costruire sempre più prigioni per rinchiudervi sempre più persone si sta rivelando inefficace.

Amanti, Luna, Amore, Coppia, Fiore, Proposta, Impegno

Nell’ultimo decennio abbiamo duplicato e poi quadruplicato il numero di prigioni, eppure la situazione di sovraffollamento è rimasta immutata.

La soluzione verrà quando scopriremo il motivo per cui così tanti individui vogliono derubare gli altri, e ci impegneremo a correggere il loro atteggiamento verso la vita. Una nostra presa di coscienza è l’unica via per iniziare tale percorso.

Cuore, Amore, Romanticismo, San Valentino, Armonia

Ho scoperto che il modo più rapido per disarmare chiunque sia interessato esclusivamente a derubarmi sia di fargli sapere, con dolcezza, che il mio modo di vivere è diverso.

Sai che nel tuo organismo avvengono certi processi, la salivazione, la digestione, l’escrezione, eccetera, che ti mantengono in vita e in salute. Sappi che nell’universo funzionano anche altri principi: quello dell’abbondanza, della sincronicità, del distacco, dell’unità.

Uomo, Mi Piace, Mark Giorno, Complimenti, Abbraccio

Devi solamente sintonizzarti su tali principi e lasciare che operino attraverso di te, esattamente come i meccanismi che fanno funzionare il tuo organismo. Quando ti senti interiormente in armonia, vuoi dare anche agli altri la tua felicità, e questo desiderio diventa il fulcro della tua vita.

Poiché sei energia e tutto nell’universo è energia, devi solo mantenere l’energia in circolazione

Cuore, Chiave, Rosa, Herzchen, Amore, Romanticismo

lasciarla fluire liberamente, senza impedimenti; quando la trasmetti al di fuori, ritorna indietro. Ricordati di dare per il piacere di dare, e di rimettere in circolazione l’energia quando ritorna a te; la vedrai presto all’opera nella tua vita.

Se dubiti di questo principio, allora non funzionerà

I dubbi rappresentano un blocco. Ma tutte le persone di mia conoscenza che hanno veramente messo alla prova questo principio hanno scoperto che funziona davvero. Io ormai ho addirittura superato la fase in cui ci credevo:

Dire Sì Al Live, Gioia, Lust For Life, Frohsinn

ora ho semplicemente la certezza della sua verità. Perciò incontro raramente persone che mi vogliono ingannare. Quando succede, mi comporto con amore, invece che con rabbia, consapevole che non posso provare loro ciò di cui parlo fino a quando rimangono tutti tesi nell’acquisire invece che nel dare.

La qualità della loro vita è dunque sotto l’influenza di pensieri di scarsità e del desiderio di prendere agli altri

Emozioni, Fiore, Impianto, Mazzo, Grazie, Greeting Card

credono di non poter mai avere abbastanza. Io al contrario so che avrò sempre a sufficienza, quali che siano le circostanze in cui mi trovo. Di conseguenza posso dare e quanto do continua a tornarmi indietro quasi per magia.

Faccio continuamente circolare le cose, perché non voglio aver alcun attaccamento. Nessuno può rubarmi nulla.

Joel Goldsmith, in Parenthesis in Eternity (Parentesi nell’eternità) scrive

Margherita, Fiore, White, Bella, Bellezza, Bloom

Amare il prossimo come noi stessi significa dunque riconoscere al prossimo la stessa divinità che riconosciamo a noi stessi, indipendentemente dalle apparenze della situazione.

Il prossimo può essere un’adultera o il ladrone sulla croce, non ci riguarda. Dobbiamo amare tutti i nostri simili, conoscendo la loro vera natura, proprio come ne saremmo amati noi facendo loro conoscere la nostra vera natura, indipendentemente dalle apparenze esterne della situazione.

Goccia D'Acqua, Raccogli Gocce, Fiore, Impianto

Possiamo cominciare a dare amore e compassione alla parte di noi che sta lottando con il dolore, l’odio e la rabbia.

Quando riusciamo veramente a essere vicini a noi stessi, possiamo essere parte di quell’energia universale, di quella coscienza superiore, di quella divinità che è presente in ognuno di noi, e possiamo dare quell’energia persino a chi ci fa del male, perché è ciò che abbiamo dentro.

E veramente in ognuno di noi, e si trasformerà in amore, se solo lo consentiamo.

(Wayne W.)

L’Arte di Vivere

A tutte le Anime che Vibrano … chiuse in un corpo

in una mente sofferente con la stessa forza in cui romperete la crisalide,

Beach, Nuvole, Coppia, Buio, Abito, Ragazza, Luce

(schemi mentali, resistenze, aspettative, paradigmi,programmi obsoleti) imparerete a Volare da Cuore a Cuore dell’Amore che c’è

guastare la meraviglia dell’Universo dentro e fuori di Voi colmando ogni respiro di emozioni senza fine,

Mare, Coppia, Beach, Natura, Orizzonte, All'Aperto

perchè Anima è Atemporale e Immortale chiede solo di essere liberata da te stesso

TU sei l’Architetto, l’Osservato e l’Osservatore della Tua Vita.

(Francesco Ciani Naturopata)

Stomaco e Petto

Malattia Espressione dell’AnimA

Tutte le affezioni al petto e ai suoi organi parlano di dispiaceri sentimentali, i problemi allo stomaco invece sono dispiaceri di potere.

Petto, Braccio, Coscia, Formazione, Fitness, In Forma

Le cause apparenti possono essere uguali per le une come per le altre, ma per le stesse cause (per es., un abbandono),

Chi si sente privato del suo potere, ha problemi allo stomaco,

Chi si sente privato dell’ amore ha problemi nel petto.

Ragazza, Donna, Sexy, Biancheria Intima, In Posa

Così quando una coppia si separa, riconosco se la causa nascosta era il potere o l’amore in relazione al fatto, se è colpito lo stomaco o il petto.

(Dott. Rudiger Dahlke)

L’arte di Vivere

Ma qual è lo scopo delle lacrime? Sono necessarie! Sono un linguaggio dal significato profondissimo

Ci sono momenti in cui non si riesce a dire nulla, ma le lacrime possono farlo.

Occhio, Lacrima, Piangere, Tristezza, Dolore, Emozione

Puoi essere talmente felice che ti vengono le lacrime agli occhi

Le lacrime sono il simbolo di un’ esperienza travolgente: puoi essere talmente triste che le parole non possono contenere quella tristezza, le lacrime invece possono aiutare.

Ragazza, Donna, Tristezza, Ritratto, Mi Dispiace Per

E’ uno dei motivi per cui le donne impazziscono meno degli uomini, perché possono piangere e disperarsi, sfogarsi lanciando oggetti, possono concedersi un pizzico di follia tutti i giorni.

L’uomo continua ad accumulare, e infine un giorno esplode: tutto di botto!”

(Osho)

Rosa, Sfondo, Mi Scusi, Rosa Rossa, Chiedo Scusa

Le lacrime non solcano lentamente un viso affranto dal dramma o di un peso sul cuore..uscendo portano con se anche la causa del loro dolore …

(Francesco Ciani)

Osservate in voi la Resistenza

Osservate l’ attaccamento al vostro dolore

Siate molto vigili. Osservate il peculiare piacere che vi viene dall’essere infelici.

Osservate la compulsione che avete a parlarne o a pensarci.

Croco, Solo, Fioritura, Freddo, Solitario

La resistenza smetterà se ne siete consapevoli

Ed allora potete portare la vostra attenzione nel corpo di dolore, essere presenti come testimoni e così iniziare la sua trasmutazione.

Solo voi potete farlo.

Nessuno può farlo per voi.

Ragazza, A Piedi, Teddy Bear, Bambino, Femminile

Ma se siete abbastanza fortunati da trovare qualcuno che sia intensamente consapevole, se potete stare con loro e stare insieme in uno stato di presenza, quello può essere d’aiuto e accelererà le cose.

In questo modo la vostra luce crescerà rapidamente e sarà più forte.

Ocean, Ragazza, A Piedi, Mare, Estate, Acqua, Vacanza

Trasmutare la sofferenza in consapevolezza

Un’attenzione consapevolmente sostenuta taglia i legami fra il corpo di dolore ed i vostri processi mentali e porta avanti il processo di trasmutazione. È come se il dolere divenisse il combustibile per il fuoco della vostra consapevolezza, che, come risultato, arde ora di un fuoco più brillante.


Questo è il senso esoterico dell’ antica arte dell’ alchimia

la trasmutazione del metallo di base in oro, della sofferenza in consapevolezza. La divisione interiore è sanata e voi diventate di nuovo integri. Ed allora la vostra responsabilità è non creare nuovo dolore.

(Dott. Wyne)