Sincronicità o Destino

Tutto quel che è successo era necessario

Tutto ciò che deve succedere non può essere evitato.
Se qualcosa fosse andato in modo differente, anch’io sarei stato differente e gli avvenimenti sarebbero stati diversi.

Binari Ferroviari, Tracce, Ferrovia, Treno, Panorama

Ma tu sai che non poteva avvenire nient’altro che quel che è avvenuto. Perciò che io creda o meno che avrei potuto modificare la situazione, il fatto è che è successo ciò che è successo e che niente può modificare tale realtà.

Credere di avere un potere di scelta sugli avvenimenti mentre hanno luogo è per me ragione sufficiente per ritenere che sia vero. Vedo ora entrambi i contesti molto chiaramente e uno non preclude l’altro. Per quanto suoni paradossale: «Siamo tutti destinati a fare delle scelte».

Beach, Costa Del Pacifico, Ocean, Costa, Pacifico, Mare

Proprio come le particelle subatomiche possono essere letteralmente in due luoghi allo stesso tempo, istantaneamente collegate in luoghi differenti, anch’io posso esserlo. E’ semplicemente nell’essenza della realtà. So che compio sempre delle scelte e che ogni scelta mi conduce a quella successiva;

fino a quando non interferisca con il flusso di energia che l’universo, vado nella direzione giusta. So che quando dico sì alla vita, affidandomi all’intuito (che non so come definire altrimenti) e continuando a comportarmi con armonia e amore per me stesso e gli altri, tutto è equilibrato e perfetto.

Risultati immagini per sincronicità o destino
So anche che ho la facoltà di disturbare tale armonia agendo con spirito aggressivo e negativo.

La capacità che ho di pensare mi allinea nell’universo come le particelle subatomiche, anche se all’osservazione dei sensi la realtà appare totalmente governata dal caso. So che un’analisi più approfondita rivela che nulla è casuale, compresi me stesso e tutte le scelte che compio.

Beach, Rocce, Equilibrio, Blu, Costa, Mucchio, Ocean

Puoi servirti di questa inquietante conclusione per migliorare ogni giorno la tua vita.
Una volta che ti sia reso conto che tutto ciò che incontri, a cui pensi e che senti, tutto quello che fai, parte della sincronicità dell’universo, per quanto nel contempo paradossalmente sia tu stesso a determinarlo, ti sarai liberato dai ceppi che imprigionano la vita.

Vedrai che tutte le azioni che intraprendi sono sincronizzate.

Costa, Elgol, Isola Di Skye, Pietre, Lago, Scozia

Puoi rimanere separato da te stesso, nella mente, e vedere dove si sta dirigendo la forma. Puoi essere distaccato da ogni bisogno di interferire in modo aggressivo nella vita degli altri e essere più ricettivo a tutto ciò che ti circonda come a tutto ciò che tu circondi.

Puoi smettere di analizzare ogni cosa all’infinito e invece fluire più serenamente, sapendo che la divina intelligenza, cocreatrice con Te, che sostiene la tua forma opera perfettamente e che lo farà sempre.

E come potrebbe essere diversamente?

Immagine correlata

Come si può pensare che una cosa così immensa, equilibrata, perfetta non continui in quel modo all’infinito?

Fidati di questa sicurezza. Sappi che tutto è in perfetta armonia, che anche tu sei parte di questa perfezione, come ne fa parte ogni tuo atto, pensiero, intuizione e attuazione.

Pier, Molo, Ocean, Mare, Acqua, Modo, Prospettiva

Una volta che avrai accettato l’idea della sincronizzazione dell’universo, reagirai alle coincidenze in apparenza straordinarie con un cenno di assenso e una certezza interiore, invece di rimanere sbalordito e incredulo per il concatenarsi inspiegabile di tanti eventi fortuiti.

Ma prima di cominciare ad affidarti in ogni momento a questo principio hai bisogno di liberarti di alcune vecchie credenze. Ecco alcune delle ragioni che possono rendere difficile applicare alla tua vita quotidiana il principio della sincronicità.

Van, Vintage, Beach, Cool Wallpaper

Esaminale attentamente per saggiare la tua disponibilità ad accogliere nella vita questi «miracoli».

(Wayne W. modificato)

Ingordigia

Malattia linguaggio dell’AnimA

Vivere significa imparare. Imparare significa integrare principi e accogliere nella propria coscienza principi fino a quel momento avvertiti come esterni a sé.
 
Il mondo fuori è semplicemente una estensione del nostro Sè reso vero dall’Energia della Mente.
 
Cucina, Cibo, Italiano, Antipasti, Cena, Pranzo
La costante integrazione di eventi nuovi “Compresi” porta a una dilatazione di Consapevolezza che altro non è che il metro della Coscienza.
Quando si sostituisce il ” nutrimento spirituale ” con ” nutrimento materiale “, inevitabilmente questa incorporazione porta a una ” dilatazione del corpo “.

Manifesto in varie manifestazioni non causali nel corpo.

 
Ragazza, Sdraiata, Mare, Spiaggia, Persona, Persone
 
Se la fame di vita non viene saziata dall’esperienza, CONSAPEVOLE scende a livello corporeo e si manifesta come fame. Questa fame però è insaziabile, perché il vuoto interiore non può essere colmato col cibo.
 
Amore significa aprirsi e lasciar entrare – l’ingordo vive l’amore soltanto nel corpo, perché non riesce a farlo nella propria coscienza; non riesce e non ha volontà di comprendere l’esperienza “qualsiasi” che ha già scelto di fare.
 
Angeli, Demografico, Ragazze, Donne, L'Atto Di
 
Ha nostalgia d’amore, però non dilata i confini del proprio Sè, apre soltanto la bocca e divora tutto. L’ingordo cerca l’amore, cerca conferme e ricompense – purtroppo però su un piano sbagliato, sovente ciò che si cerca fuori  nasce da una separazione interiore non compresa. 
 
(Francesco Ciani)

Tossicodipendenze

Malattia Espressione dell’AnimA

Il tema dell’eccessivo bisogno di dormire ci porta direttamente alle tossicodipendenze, che sono in realtà fughe dai problemi di base. Tutti i tossicodipendenti sono alla ricerca di qualcosa, ma si fermano troppo presto e restano quindi bloccati a dei miseri sostituti.

Alcool, Notte Da Leoni, Evento, Morte, Ubriaco

Chi cerca dovrebbe trovare e quindi essere redento.

Gesù disse: “Chi cerca, non deve smettere di cercare finché non trova; e quando trova, resta scosso; e quando sarà scosso, si stupirà e potrà dominare tutto ” (Vangelo di Tommaso, 2).

Cheers, Bevande, Bere Alcol, Root Beer, Bei Tempi

Tutti i grandi eroi della mitologia e della letteratura sono alla ricerca – Ulisse, Don Chisciotte, Parsifal, Faust – loro però non smettono di cercare finché non trovano. La ricerca porta l’eroe attraverso pericoli, confusione, disperazione e oscurità.

Quando però trova, tutte le fatiche compiute gli sembrano di nessuna importanza di fronte al valore di ciò che ha trovato. Ogni persona è alla ricerca e deve affrontare i più strani e diversi sentieri dell’anima – però non dovrebbe mai fermarsi, non dovrebbe mai smettere di cercare finché non ha trovato.

Donna, Fumo, Sigaretta, Tabacco, Ragazza, Viso

” Bussate, e vi sarà aperto… “, si legge nel Vangelo. Chi però si fa spaventare dalle difficoltà, dai pericoli e dalle fatiche della via, diviene tossicomane: proietta l’oggetto della sua ricerca su qualcosa che trova sulla via, e la sua ricerca è finita.

Incorpora la meta sostitutiva e non se ne sazia mai. Cerca di placare la fame con quantità sempre maggiori del ” medesimo ” nutrimento sostitutivo e non si accorge che mangiando la fame aumenta.

Aids, Manette, Ambulanza, Hiv, Ladro, Libertà, Sperare

È diventato tossicodipendente e non vuole confessare a se stesso di aver sbagliato meta e che sarebbe doveroso continuare a cercare in altra direzione. Paura, comodità e accecamento gli impediscono di cambiare. Le sirene sono in agguato ovunque, cercando di trattenere e legare a sé il viandante, di farlo diventare tossicodipendente.

Esistono tante forme di tossicodipendenza, se ci facciamo bene attenzione: si può diventare dipendenti dal denaro, dal potere, dalla fama, dal sapere, dal divertimento, dal mangiare, dal bere, dall’ascesi, dalle idee religiose, dalle droghe.

Immagine correlata
Qualunque cosa sia, tutto trova una giustificazione come esperienza e tutto può diventare una droga se non facciamo bene attenzione a prenderne in tempo le distanze.

Chi concepisce la propria vita come un viaggio ed è sempre in cammino, è un ricercatore, non un drogato.

Poliziotto, Poliziotta, Colleghi, Divertente, Figura

Per fare l’esperienza del ricercatore, bisogna confessare a se stessi la propria situazione di senza patria: chi crede ai legami, è già drogato. Tutti abbiamo le nostre droghe, che offuscano continuamente la nostra AnimA.

Ma il problema non sono le droghe, bensì la nostra comodità nella ricerca. Considerando le varie droghe, ci si rende conto del tema dominante di cui la persona ha bisogno.

Roulette, Tavolo, Chip, Casinò, Gioco, Gioco D'Azzardo

Certe droghe sono accettate a livello collettivo (ricchezza, lavoro, successo, sapere ecc.); noi in questa sede ci occuperemo di quelle droghe che sono ritenute da tutti patologiche.

(Thorwald Dethlefsen Rudiger Dahlke)

I nostri attaccamenti più comuni

Completamento di (parti 5 – 6 -7 – 8)

5. Attaccamento alla forma.
Se credi di essere il tuo corpo, e che quando questo se ne va, anche tu finisci, ti stai incamminando verso una vita di sofferenze.

Rughe, calvizie, calo della vista, tutti i segni del declino fisico ti procureranno una sofferenza in diretta proporzione all’attaccamento all’idea di rimanere sempre uguale. L’attaccamento al corpo può creare un modo di vivere artificiale e pauroso che ti impedirà di seguire la tua strada e di essere responsabile del tuo destino.

Smartphone, Faccia, Donna, Vecchio, Bambino, Giovani

L’attaccamento al corpo come strumento di realizzazione della vita si risolve in un infinito preoccuparsi del proprio aspetto fisico. E un attaccamento alla confezione che ci contiene, che oscura la conoscenza che il corpo è una forma temporanea che occupiamo.

Curarci esclusivamente dell’aspetto esteriore ci impedisce di vedere che la nostra vera essenza è l’entità senza forma che risiede all’interno del corpo. Più sei attaccato al corpo e alle apparenze, meno possibilità hai di distaccarti dalla forma e di scorgere la divinità che è il vero te stesso.

Clessidra, Orologio, Tempo, Periodo, Ore, Trambusto

La dipendenza patologica dalla forma impedisce a molti anche solo di prendere in considerazione l’incorporeità che costituisce l’elemento fondamentale dell’umanità.

Paramahansa Yogananda in The Divine Romance ha formulato il problema in questo modo:

I santi dicono che devi trattare il corpo come una residenza temporanea. Non essergli attaccato o fartene confinare. Renditi conto del potere infinito della luce, che è dietro a questo cadavere della sensazione.

Immagine correlata

Mi piace l’espressione «questo cadavere della sensazione». Si riferisce al corpo, schiavo delle regole della forma, sempre ostacolato dal fardello dei dolori, dei bruciori, delle ossa che si sgretolano e dei foruncoli che si formano.

Ma dentro, dove sei pensiero astrale senza forma, sei puro e libero dagli ostacoli che dominano il mondo della forma. L’attaccamento al corpo equivale a un attaccamento alla sofferenza che non si vuole abbandonare.

Bambini, Mano, Creasy, Aperto, Rughe, Invecchiamento

Distacco dal corpo non significa non avere cura della perfezione della forma. In realtà, paradossalmente, ha per risultato una maggior attenzione a questo involucro che ospita l’AnimA.

Ho scoperto che da quando sono meno attaccato all’aspetto fisico mi prendo molta più cura del mio corpo, mantenendo un peso corretto, facendo ginnastica, riposando a sufficienza, evitando cibi poco sani.

Ritratto, Bambino, Le Mani, Nascondi

Ora posso rimanere a distanza e guardare il corpo passare per i processi dell’invecchiamento senza avere l’impressione che il mio essere, il mio Io, si stia deteriorando. Da quando sono meno attaccato al corpo non sono più preoccupato per le sue infermità.

Di conseguenza queste hanno molto meno bisogno di manifestarsi. In seguito a questo distacco il corpo mi procura molti meno fastidi.

Buddhismo Theravada, Buddista, Buddhismo, Culto

Perciò apprezzo la mia forma e la sua perfezione, e so di essere più di questo corpo.

Lo amo e lo rispetto, ma non mi identifico con il mio essere fisico. « Essere nel mondo, ma non del mondo», disse Gesù.

Sono nel corpo, ma non del corpo, e ironicamente questa consapevolezza mi aiuta a occupare il mio involucro con molta maggior efficacia di quando, appena qualche anno fa, ero esclusivamente del corpo.
Immagine correlata

6. Attaccamento alle idee e all’aver ragione.

Questo è uno degli attaccamenti di cui è più difficile liberarsi.
Si può considerare «l’aver ragione» la «malattia terminale dell’Occidente». Ogni giorno per varie ore seguo programmi radiofonici in cui gli ascoltatori, da ogni parte dell’America, chiamano per dire la loro su un certo argomento.

Ho osservato che quasi tutti quelli che telefonano a una radio per discutere il tema del giorno sono attaccatissimi alla loro idea e alla possibilità di dimostrare che gli altri hanno torto.

Monaco, A Piedi, Petali Di Rosa, Buddhismo, Thailandia

Sembra inaudito che si possa ascoltare un altro punto di vista con la mente aperta. Le persone sono quasi sempre abbastanza educate e rimangono in silenzio durante il tempo in cui l’altro parla, poi ignorano qualsiasi cosa abbia detto e ripetono pari pari la propria posizione.

Raramente ho sentito qualcuno dire: «Ha fatto un intervento convincente.

Ripenserò all’opinione che avevo prima di chiamare».

Ragazza, A Piedi, Teddy Bear, Bambino, Femminile

L’attaccamento all’aver ragione crea sofferenza perché raramente serve a comunicare con gli altri. Se non riesci a comunicare, sicuramente soffrirai nei tuoi rapporti con gli altri. Le persone non vogliono che gli si dica quel che devono pensare e che hanno torto se non sono d’accordo.

Quando incontrano un atteggiamento di questo tipo automaticamente ti escludono dalla coscienza e fra te e loro si leva una barriera.

Perché, Testo, Questione, Marketing, Ufficio, Successo

Se sei la persona che viene esclusa perché sei incapace di ascoltare, questo avviene perché sei così attaccato alla tua opinione che insisti nel voler dimostrare che chiunque non sia d’accordo con te ha torto.

Un attaccamento di questo tipo rende quasi impossibile mantenere in piedi un rapporto d’amore, perché erige continuamente nuovi confini tra le persone. Per ogni idea della cui giustezza sei assolutamente convinto, ci sono milioni di persone che la ritengono sbagliata.

Rosa Rossa, Ferrovia, Interrompere Il Suicidio

Questa dicotomia fra ragione e torto getta il mondo in un vespaio metafisico.

Quando incontri una persona che la pensa diversamente da te, e cerchi di spiegarle quanto abbia torto, in realtà definisci solo te stesso.

La tua posizione molto probabilmente renderà l’altro ancora più inflessibile nelle sue opinioni. Incontri di questa natura finiscono quasi sempre con i due interlocutori più che mai fermi nella convinzione di aver ragione.

Immagine correlata

Per essere distaccato devi sapere che le dicotomie torto – ragione, giusto – sbagliato sono invenzioni umane. La ragione non esiste indipendentemente dall’uomo. L’universo è quello che è, funziona secondo i principi che abbiamo definito, ma funziona comunque, a prescindere dall’opinione che ne abbiamo.

Certamente va bene avere opinioni nette su ciò che si preferisce, ma nel momento in cui ci si attacca a queste idee e si definisce se stessi in base a esse, si esclude la possibilità di ascoltare un altro punto di vista.

Impegno, Coppia, Romanticismo, Bici, Felicità, Insieme

Questo attaccamento alle proprie idee e a dimostrare che gli altri hanno torto è la storia dell’essere chiamato Essere Umano, e spiega infinite guerre, sofferenze e infelicità dall’inizio della storia che ci è stata tramandata.

Raramente le persone si fermano e ascoltano veramente ciò che l’altro ha da dire. Raramente cambiamo idea, in seguito alle solide argomentazioni presentateci da un altro.

Cuore, Amore, Romanticismo, San Valentino, Armonia

E praticamente mai siamo capaci di accogliere simultaneamente nella mente due idee opposte; eppure è proprio ciò che devi fare se ti vuoi risvegliare a un nuovo livello di coscienza umana:

la consapevolezza interiore che si può accogliere simultaneamente un punto di vista opposto al proprio, e che non c’è bisogno di dimostrare agli altri che hanno torto.

E di questo che parlano gli esseri davvero illuminati. Uno dei più grandi romanzieri americani, F. Scott Fitzgerald, ha detto:

Risultati immagini per attaccamento al denaro
Il test di un’intelligenza di prim’ordine è la capacità di accogliere simultaneamente nella mente due idee opposte conservando nel contempo la capacità di vivere. Si dovrebbe per esempio poter vedere che le cose sono senza speranza e tuttavia essere determinati a migliorarle.

È questo ciò che significa essere distaccati, consentire a opposti punti di vista di risiedere nella mente allo stesso tempo e vedere la meravigliosa bellezza di tale atteggiamento.

7. Attaccamento al denaro.

Monete, Banconote, Soldi, Valuta, Finanza, Contanti

Questo attaccamento è ormai, quasi una malattia fatale che ha assalito il mondo occidentale. E importante chiarire che non sostengo che si debba odiare il denaro. Credo fermamente che avere denaro sia un vantaggio nella vita, e non ho niente da dire sui soldi.

Il denaro di per sé è buona cosa e lavorare per guadagnare fa parte della vita nel mondo di oggi. Ciò cui mi riferisco invece è l’attaccamento al denaro, tale che questo diventi il fat-tore dominante della vita.

Bitcoin, Criptovaluta, Digitale, Soldi, Elettronica

Essere distaccati dall’acquisizione di denaro è un’impresa difficile. E tuttavia è importante riuscire a diventarlo, se vuoi sentirti in grado di compiere delle scelte nella vita.

Ho verificato che le persone capaci di fare quello per cui si sentono portate e di rimanere concentrate su questo obiettivo, riescono a procurarsi sempre il denaro di cui hanno bisogno.

Euro, Monete, Valuta, Denaro, Giallo, Europa, Crescita

Non soffrono però della malattia dell’accumulazione, che è così diffusa nella nostra cultura.

Essere distaccato dal denaro significa concentrare le tue energie nel fare ciò che ami e che ti fa sentire realizzato e lasciare che il denaro arrivi, senza lasciarti consumare dal desiderio. Il distacco è la consapevolezza che non sei il tuo conto in banca.

Immagine correlata
Se senti di dover avere denaro per sentirti felice e realizzato, allora sei attaccato. Il bisogno di aver di più significa che ora non ti senti intero, che ti manca qualcosa.

Tu lo chiami più soldi. Questo qualcosa che ti manca fisserà la tua concentrazione sull’ottenere quel ti manca, e non sull’essere qui ora, e fare ciò che vuoi veramente. E naturalmente ciò a cui pensi si espanderà.

Erba, Estate, Palloncino, Prato, Piacere

Dal momento che ciò che vedi ora nella tua vita è il risultato di ciò che credi, forse varrebbe la pena che modificassi le tue idee, se noti non si rivelano utili in rapporto al denaro.

Chiediti: «Il denaro mi ha portato la soddisfazione che mi aspettavo?»

Se la risposta è no, e ti sembra di non poter cambiare le tue convinzioni, allora esamina le cose cui queste sono attaccate.

Albero, Estate, Bella, Park, Verde, Erba, Nuvole

Un modo per farlo è l’introspezione e/o la meditazione. Chiedi a te stesso che cosa rappresenta quell’idea e affidati alla risposta che otterrai. Può trattarsi di un problema differente dall’attaccamento al denaro, e certamente è così quando sei insoddisfatto anche quando hai denaro.

Si potrebbe fare un’analogia con una persona che crede di essere affamata e che dopo aver mangiato sente ancora fame.

Summerfield, Donna, Ragazza, Tramonto, Crepuscolo

Credere che il cibo sia la soluzione crea un attaccamento che non potrà mai soddisfare la fame. L’attaccamento al cibo o al denaro rafforza un tentativo inevitabilmente destinato a fallire di soddisfare un desiderio profondo.

Quando siamo attaccatissimi a qualcosa e preferiremmo non esserlo, perché non ci dà soddisfazione, dobbiamo esaminare che cosa rappresenta quell’attaccamento.

Risultati immagini per attaccamento alla vittoria
8. Attaccamento alla vittoria.

È quasi una tossicodipendenza nella nostra cultura, ma fino a quando rimarremo attaccati al bisogno di vincere, continueremo ad andare incontro a sofferenze. Voglio ribadire ancora una volta che non sono contrario a vincere, di per sé: mi piace come a chiunque altro, in particolare quando mi cimento in gare atletiche.

Ma la prova che ci si è risvegliati spiritualmente in questo caso è rappresentata dal non aver bisogno di vincere. Quando siamo attaccati alla vittoria, questa diventa un’ossessione e soffriamo quando non riusciamo a ottenerla. Una grande prova di carattere è il modo in cui reagiamo quando perdiamo.

Primavera, Albero, Fiori, Prato, Tronco D'Albero

Se stiamo partecipando a un gioco competitivo e il nostro avversario segna più punti, ovvero vince, che cosa abbiamo veramente perso?

Assolutamente nulla. Siamo usciti all’aria aperta e abbiamo giocato una partita. Se siamo sicuri di questa verità ci è facile congratularci con gli avversari e sentirci felici per loro quanto lo saremmo stati se avessimo vinto noi.

L’attaccamento alla vittoria fa sentire moltissime persone perdenti. Conservare questo attaccamento significherà sentirsi dei perdenti per buona parte della vita, dal momento che nessuno può vincere sempre.

Risultati immagini per equilibrio

Vincere è sottoporsi a un giudizio. Quando lo accettiamo stiamo accettando regole del gioco decise da altri, che stabiliscono che cosa sia perdere e vincere.

Considerarlo il risultato di regole stabilite da altri può essere un modo per partecipare al gioco senza essere attaccati all’idea di vittoria. Possiamo continuare a trarre piacere dalle mosse felici e imparare da quelle meno riuscite, o semplicemente partecipare.

Klee, Quadrifoglio, Lucky Clover, Tic Tac Toe, Puzzle

Possiamo considerare vincere e perdere solo una regola in più alla quale scegliamo o meno di attenerci. Attaccarsi alla vittoria significa identificarsi con il proprio punteggio o la propria prestazione.

Ne deriva sofferenza, quando ci sentiamo perdenti.
Paradossalmente, qualunque sia il gioco, più distaccati siamo più probabilità abbiamo di vincere. Cioè meno siamo tesi alla vittoria, più possibilità abbiamo di conseguirla.

(Wayne W.)

Rosa Damascena

Olio Essenziale

Utile per favorire il fisiologico benessere del Cuore
Note Bibliografiche:
I petali della rosa hanno proprietà analoghe a quelle delle altre rose. Le foglie vengono utilizzate per tisane leggermente astringenti, utili per chi è facilmente soggetto a disturbi intestinali.

Donna, Piuttosto, Ragazza, Capelli, Bello, Donne

La parte erboristicamente più interessante di questa pianta è costituita da falsi frutti

la cui parte interna ha le proverbiali proprietà pruriginose, mentre quella esterna ha un elevato interesse alimentare e dietetico: essa viene utilizzata per ottenere conserve e marmellate e rappresenta una ricca fonte di vitamine, in particolare la C.
I frutti confermano, per uso esterno, proprietà astringenti e antinfiammatorie. Oltre all’acido ascorbico, la droga contiene pectina, tannini, zuccheri, acidi organici, carotenoidi, tracce di flavonoidi e antociani.

Risultati immagini per depressione del cuore
Azione terapeutica:

Tonico generale, neurotonico (tonico del sistema nervoso), afrodisiaco
Potente armonizzazione psico-emotivo in caso di ansia, depressione, insonnia, palpitazioni
Giovane Ragazza, Rose, Donna, Mentire, Signora, Ragazza
Porta il lasciarsi andare (in associazione con Nardo)
Tonico pelle, astringente. anti-emorragico
Diarrea, (anti diarroico astringente)
Curativo, che rigenera
Prevenire e combattere le rughe, associato all’acido Ialuronico ad alto peso molecolare
Rosa, Fiore, Natura, Rosa Fiori, Floribunda, Fiore Rosa

Infezioni
Nota olfattiva potente, altamente ricercato, caratteristico del cuore

Indicazioni:
Pelle Rosacea, rughe, cura della pelle
Astenia sessuale, frigidità, impotenza
Insonnia, ansia, depressione, palpitazioni, irritabilità, stress
Asma acuta e cronica, bronchite, (superinfezione)
Immagine correlata
Malattie della pelle, ferite, ulcere indolenti
Ceppi distorsioni,
Ulcere aftose, gengiviti
Creazione di profumi e acqua di toletta
Uso Topico:
cure cutanee: 1 goccia in un cucchiaio da minestra d’olio vegetale, in applicazione quotidiana o in MicroDose
Sistema nervoso: in massaggio lungo la colonna vertebrale, sul plesso solare e la pianta dei piedi, diluita in un olio vegetale
Indicazioni nella sfera psichica:
Ragazza, Ritratto, Capelli, Bellezza, Sorriso, Labbra
Stati depressivi con debilitazione generale, in presenza o meno di debolezza cardiovascolare, ipotensione, dispepsia flatulenta associata con tensione psichica.
Sinergie:
Couperose ed azione antirughe (Baudoux):
OE Cistus ladaniferus (Cisto): 0.5 ml
OE Rosa damascena (Rosa di Damasco): 0.5 ml
OE Aniba rosaeodora (Legno di Rosa): 1 ml
OE Cedrus atlantica (Cedro atlante): 1 ml
OV Daucus carota (Carota): 10 ml
OV Calophyllum inophylum (Calophylum): 10 ml
OV Triticum vulgare (Germi di grano): completamento a 100 ml
1 a 2 applicazioni locali al giorno dopo aver lavato il viso con 1 sapone naturale se possibile e applicare la sinergia dopo l’applicazione di 1 Idrolato “sempre”!
Ragazza, Moda, Trucco, Bellezza, Modello, Primavera
Invecchiamento cutaneo (D. Baudoux):
OE rosa di Damasco 1 ml
OE legno di rosa 3 ml
OE Elicriso 1 ml
OE Cisto 1 ml
OE Niaouli 5 ml
OV Rosa moscheta del Cile 10 ml
2 a 3 gocce della sinergia in applicazione locale cutanea mattina e sera tutti i giorni

L’Arte di Vivere (parte 1°)

risveglio del Sè

Il risveglio

 
Primo stadio: l’inizio del viaggio. (1 di 3 parti)
Ricordi quando in passato avevi il cuore spezzato e ti sembrava che non avresti mai potuto superare il trauma?
 
Girasoli, Campo, Donna, Giallo, Estate, Fiori
 
Probabilmente ti sembrava che la mente fosse contro di te, visto che non potevi liberarti dal pensiero doloroso della tua immensa infelicità e del fosco futuro che ti attendeva.
 
Forse avevi avuto dei dispiaceri d’amore, un divorzio, un tracollo finanziario, una malattia o un incidente. Eri incapace di vedere il problema in prospettiva, giudicandolo con il senno di poi.
 
Strada, Asfalto, Cielo, Nuvole, Caduta, Panorama, Campo

L’esperienza di una crisi ci immobilizza per un lungo periodo

 
La mente è concentrata sugli aspetti disastrosi della situazione, e ci è impossibile vivere normalmente; non riusciamo a dormire o a mangiare e non sappiamo se potremo mai superare questo terribile trauma.
 
Usiamo la mente per concentrarci su ciò che non va, sul dolore che proviamo e sull’assenza di speranza per il futuro. I consigli degli amici e della famiglia ci sembrano sfocati, fuori luogo e solitamente ci provocano rabbia e frustrazione. Non vediamo una via d’uscita alla nostra infelicità.


Risultati immagini per risvegliarsi
È la reazione tipica di tutti noi, che percorriamo il cammino della vita credendo che i segnali esterni costituiscano l’unica realtà.

Non possiamo immaginare che il trauma abbia in serbo una lezione preziosa;
rifiutiamo l’ipotesi che un giorno ci troveremo a ricordare l’esperienza come un gradino necessario del nostro sviluppo.
 
Vogliamo semplicemente cullarci nel dolore, credendo che qualcuno o qualcosa al di fuori di noi lo stia creando, e desiderando che sia tale fattore esterno a cambiare.
Riconosco che anch’io sono stato così per una parte della mia vita.
 
La Strada, Travi, Percorso, Foresta, Natura, Silenzio
 
Ricordo periodi in cui ero immobilizzato da un dispiacere d’amore o di famiglia, ed ero così triste ed affranto che riuscivo a vivere a stento. La mente pareva incagliata su quello specifico problema e non riuscivo a stare più di qualche minuto senza pensarci.
 
Mi sentivo posseduto dalla difficoltà, e non capivo perché fosse successo proprio a me, né potevo immaginare che alcunché di positivo potesse scaturire da quelle circostanze.
In quella fase del viaggio di risveglio spirituale siamo tutti posseduti dai nostri traumi.
 
Ragazza, A Piedi, Teddy Bear, Bambino, Femminile
 
Crediamo veramente che siano gli avvenimenti esterni a renderci infelici, non abbiamo ancora imparato che l’angoscia nella quale siamo perduti deriva dal modo in cui li elaboriamo.
 
J. Krishnamurti, nei suoi Commentaries on Living (Commenti sul vivere), descrive un uomo che reagisce alla perdita della moglie:
 
Risultati immagini per risvegliarsi
Dipingevo, ma ora non riesco a toccare i pennelli o a guardare le cose che avevo fatto
Negli ultimi sei mesi mi è sembrato di essere morto … L’altro giorno ho raccolto i pennelli e mi sono sembrati estranei. Prima non sapevo neppure che tenevo in mano il pennello; ora ha peso, è ingombrante.
 
Spesso ho camminato fino al fiume, desiderando di non tornare più indietro; poi però non l’ho fatto.  Non riuscivo a vedere altre persone, la faccia di lei era sempre presente. Dormo, sogno e mangio con lei, ma so che non può più essere lo stesso ….
 
Donna, Ragazza, Accovacciato, Femminile, Tempo Libero
 
Ho cercato di dimenticare, ma qualsiasi cosa faccia, non può più essere lo stesso. Avevo l’abitudine di ascoltare gli uccelli, ora voglio distruggere tutto. Non riesco ad andare avanti così; da allora non ho rivisto nessuno dei miei amici, e senza di lei non significano niente per me.

Che cosa devo fare? 

Il vedovo descrive con grande efficacia la mente bloccata nella sofferenza. Abbiamo tutti provato o proveremo in futuro simili emozioni. Non riusciamo a vedere che nel dramma che sta sconvolgendo in quel momento la nostra vita può esserci un frutto positivo.
 
(Dott. Wayne W.)

La depressione

autismo

Malattia Espressione dell’AnimA

La depressione è un concetto generale che indica una serie di sintomi che va dal senso di abbattimento e mancanza di voglia di fare fino alla cosiddetta depressione endogena con apatia totale.

Oltre al blocco totale di ogni attività e all’umore depresso, troviamo in questo quadro soprattutto una serie intera di sintomi fisici collaterali come stanchezza, disturbi del sonno, mancanza di appetito, stitichezza, mal di testa, palpitazioni, mestruazioni irregolari nelle donne e calo generale del tono corporeo.

Da Solo, Triste, Depressione, Solitudine, Giovane

Il depresso è tormentato da forti sensi di colpa, si rimprovera costantemente qualcosa e cerca di continuo di rimettere a posto le cose. La parola depressione deriva dal latino deprimo, che significa “abbattere”, “reprimere”.

Il che porta a chiedersi da che cosa il depresso si senta represso e che cosa egli in realtà reprima. In risposta troviamo tre alternative possibili:


Risultati immagini per depressione
1. Aggressività: 

Abbiamo già avuto occasione di dire che l’aggressività non rivolta verso l’esterno si trasforma in dolore fisico. Questa constatazione porta a concludere che l’aggressività repressa porta a livello psichico alla depressione.

L’aggressività, bloccata nella sua manifestazione esteriore, si rivolta verso l’interno e fa sì che l’aggressore diventi vittima. Non soltanto i molti sensi di colpa sono dovuti all’aggressività, ma anche i sintomi somatici coi loro diffusi dolori.

Leone, Aggressività, Natura, Zoo, Pericolose, Selvatici

L’aggressività è soltanto una forma particolare di energia vitale e di attività.

Chi reprime ansiosamente la propria aggressività, reprime al tempo stesso la propria energia e la propria attività.

La psichiatria cerca con tutti i mezzi di coinvolgere il depresso in una qualunque attività, però lui vive questa situazione come pericolosa.

Uomo, Donna, Persone, Coppia, Amore, Insieme

Cerca di evitare tutto ciò che non ha l’approvazione generale e vuole a tutti i costi nascondere i propri impulsi aggressivi e distruttivi attraverso un’impeccabile condotta di vita.

L’aggressività rivolta verso se stessi trova la sua espressione più evidente nel suicidio. Se una persona ha intenzioni suicide, bisognerebbe sempre chiedersi a chi in realtà sono rivolte le intenzioni omicide.

Immagine correlata
2. Responsabilità: 

La depressione – se si prescinde dal suicidio – è la forma ultima per evitare le responsabilità. Il depresso non agisce più, vegeta, ed è più morto che vivo.

Però nonostante il rifiuto di confrontarsi attivamente con la vita, il depresso viene continuamente confrontato col tema “responsabilità” dai suoi sensi di colpa.

La paura di assumersi delle responsabilità è primaria nei depressi, e si manifesta in particolare quando il paziente dovrebbe affrontare una nuova fase della propria vita; per esempio si consideri la depressione del puerperio.

Risultati immagini per depressione
3. Rinuncia – Solitudine – Vecchiaia – Morte:

Questi quattro concetti strettamente collegati fra di loro costituiscono a nostro avviso il campo più importante. Nella depressione il paziente viene costretto con la forza a confrontarsi col polo della morte.

Tutto ciò che vive, si muove, cambia, comunica viene da lui evitato, mentre si manifesta il polo opposto, cioè apatia, fissità, solitudine, pensieri di morte.
La morte, che nella depressione diventa il pensiero dominante, è l’ombra di questo paziente.

Dark Hedges, Armoy, Irlanda, Strada, Viale, Forest

Il conflitto consiste nell’uguale paura che il depresso ha della vita e della morte. La vita attiva porta colpe e responsa/bilità – proprio quello che si vuole evitare. Assumersi delle responsabilità significa però anche rinunciare alle proiezioni e accettare la propria solitudine.

La personalità depressa ha paura di questo e ha quindi bisogno di persone a cui aggrapparsi. La separazione da una di queste persone, o la sua morte, è spesso la causa esteriore di una profonda depressione.

Via Lattea, Universo, Persona, Stelle, Cerca, Cielo

Si è tanto soli – e non si vuole esser soli e assumersi delle responsabilità.

Si teme la morte e non si capiscono quindi le condizioni della vita. La depressione rende sinceri: rende evidente l’incapacità di vivere e di morire.

(Dott.ri Thorwald Dethlefsen Rudiger Dahlke)

Rimedi consigliati : Personale Percorso Terapeutico mirato alla Comprensione di Sè, che miri a reintegrare la Persona in ogni sua manifestazione interiore.


A Se stessi con Amore

Alla parte più SACRA di Sè Stessi

Oggi mi libero dalle catene di un mondo costruito dalla mente ;
Oggi mi libero dalla paura di Amare e di essere amato ;
Oggi mi libero dalla sofferenza del passato, accogliendo con Amore il dolore che mi ha permesso di rivelare me stessa/o ;

Via Lattea, Stelle, Notte, Cielo, Panorama, Deserto

Oggi mi libero dalla tunica nera dei pensieri, involucri di stoffa , freddi e logoranti che annebbiano il colore luminoso del mio Essere ;
Oggi mi libero dal pregiudizio verso chiunque e qualunque cosa incontro nella vita, accettando la bellezza molteplice dell’Universo;

Oggi mi libero dalle difese che hanno irrigidito il mio Amare

Delicate Arch, Tramonto, Pietra, Formazione, Arenaria

Oggi mi libero dalle cerniere cucite sul cuore che mi hanno impedito di aprirmi verso l’altro, verso quella parte di me con cui necessitavo riconciliarmi, riconoscere;
Oggi mi libero dalla visione distorta della solitudine;

Oggi mi libero da tutte quelle voci che hanno affollato la mia anima, disperdendomi nel caos logico della razionalità cieca e calcolatrice;
Oggi mi libero dalla tortura mentale; dalla disperazione, dall’assenza di calore, da tutte le immagini scure che spegnevano l’emozione del cuore;

Risultati immagini per amare integrazioni x se stessi
Oggi mi libero dai Segreti di tutte le storie che hanno fatto soffrire i miei antenati;
Oggi mi libero dal disordine emozionale causato dall’incomprensione, dalla superficialità da una sola visione della vita;

Oggi mi libero dalla diversità, dall’estremismo, dal pessimismo, dall’incapacità di sorridere, dalla debolezza che non mi ha permesso di reagire;
Oggi mi libero dallo sguardo con cui ho osservato il cielo, senza apprezzarne la sua presenza nel mio cuore, tutto, vasto, immenso e così VERO !;

Tramonto, Papavero, Retroilluminazione, Fiori, Campo

Oggi e proprio oggi mi libero dai legami non armoniosi con la Vita

Oggi mi libero dall’ansia verso il futuro causato da un passato che ho permesso di insediarsi nel mio unico momento vero: il presente !

Oggi mi libero da ogni tipo di parassita che alberga nella mia mente e nel mio corpo, sia fisico, che emozionale, che spirituale, senza cedere mai più la mia Energia Vitale, bensì usandola per guarire Adesso ora ogni tipo di ferita, passata, presente e futura;

Tramonto, Barca A Vela, Barca, Mare, Nave

Oggi mi libero dalla incapacità di apprezzare tutto il bello e l’eterno che incontrano i miei occhi umani e il mio divino Cuore ;

Oggi mi libero da tutte le ferite che ho inferto al cuore per l’ennesima volta poiché non ho scelto per il mio bene e per il mio amore , pensando che la mia felicità derivasse da chi avevo accanto, pensando che l’altro avesse un valore superiore al mio, e che non fossi degna di un Amore vero, proprio, autentico e Illimitato .

Barca, Barca A Remi, Lago, Acqua, Paesaggio, Pesce

Oggi mi Guardo, curo le mie ferite mentali e ritorno a vedermi Intera, Forte, Semplice, profonda, finalmente Mia e unita al tutto e a tutti, c’è sempre una parte di me che appartiene agli altri, dove io mi rifletto. E’ un appartenere e non un possesso.

E’ come un odore che sento dentro me, fatto dello stesso odore di colui/colei che mi ha partorita.. AnimA.

Immagine correlata
Oggi viaggio, mi concedo la meraviglia di stupirmi dinanzi ad un fiore, di trasformare i miei vecchi pensieri in Abbracci che parlano il linguaggio del presente momento:

ti abbraccio adesso sentendo fra noi tutta la potenza del corpo che esprime sensazioni d’Anima, immediate, istintive, piene di un Amore che sa trascendere il corpo e unirci fino a toccare il nostro Comune e Immenso Amore.

Coppia, Facendo Fuori, Giovane, Persone, Donna, Uomo

Oggi mi inebrio di Allegria, che deriva dalla mia gioia Interiore, che deriva da un qualcosa che non voglio più definire: C’è, Esiste, Pieno, Soffice, Delicato, Tutti i colori dell’Universo racchiusi senza confini espressi sulla tavolozza dell’Anima, in cento attimi, con mille mani, con mille sguardi di luce . . .

So che questa meraviglia che mi afferra le mani è “il mio vero Sè ” mentre cado e mi riporta a camminare, come se la caduta non fosse mai esistita. Che meraviglia!

Natura, Mondo Animale, Tigre Di Bengala Bianca, Tigre

Oggi svuoto il fardello che mi trascino nell’esistenza: dentro ci sono ricordi meno belli e altri straordinari, dentro ci sono le pietre che premevano sul cuore affogandolo di mare scuro, della sofferenza d’Anima.
Queste sono le tracce dei miei antenati che da infiniti mondi mi chiedono aiuto, di

Liberarmi per poter liberare quella traccia che sanguina, note di una musica sorda, per poter ritornare ad udire la MIA sonora musica d’ANIMA.

Spirale, Strudel, Zigarrengalaxie, Orsa Maggiore

Oggi vivo il raggio di sole che riscalda la mia casa, il tetto come il camino sempre acceso della fiamma d’amore, che illumina le candele del mio tempio che ricordano l’amore verso chi non c’è più, ma che sento nel mio cuore perennemente, nel corpo temporale alberga AnimA che è Atemporale.

Oggi vedo la tua presenza, ed è per questo che ti ho cercato, forse per vederti nel mio cammino, per abbracciarmi, per acquietare il Bisogno che ho di me.

Immagine correlata

Nostalgica è l’emozione di chi come me sapeva che presto saresti entrato, in silenzio, sussurrando alla mia pelle piccoli canti che celebrano la sacralità del corpo, la divinità che fra quei tratti dimora, nel profondo.

Oggi ti cerco in un altro modo, come un bimbo che ti osserva per la prima volta, con la gioia di chi scopre ogni giorno una cosa nuova, e di questa esulta fino all’inverosimile. Oggi ho bisogno di scriverti mentre sei di là a leggermi, senza voce . . .

Frattale, Spirale, Astratto, Sfondo, Viola, Infinito

Tutto d’un fiato ci assaporiamo le lacrime che hanno impreziosito il nostro vivere, e saltiamo su cuscini di nuvole per amare e quindi guarire la TERRA su cui viviamo . . .
Così tocchiamo ogni creatura che respira questa umanità, raccolta nel nostro animo, nella Storia.

Sento che oggi, ora, adesso che ti scrivo ( che fuori spunta un tiepido sole) è una MERAVIGLIOSA GIORNATA; è PACE tra le corolle di una rosa di Maggio come anche nel mio cuore è VITA mentre mi avvicino al silenzio del tuo essere qui, prima a un passo da me, ora dentro il loto del mio spirito a illuminare il tragitto dell’esistenza.

Coppia, Uomo, Donna, Ragazza, Guy, Amore, Persone, Mare

Oggi è Cura, è Salute, è Appartenenza del Corpo e elevazione dello Spirito.
Oggi è questo il mio dirti Grazie, proprio a te che mi sorprendi con i tuoi segnali, con le tue mani dolci, con quel tuo modo di seguirmi, di accompagnarmi verso la Missione che hai affidato a me . . .

l’esperienza Consapevole della Vita che pulsa dentro di me, in ogni suo riflesso che si apre dal Cuore dove esisto veramente.

Fiore, Macro, Dimenticare, Gocciolamento, Acqua

Oggi queste lacrime scivolano sul raggio di sole su cui cammino, versandosi nella rugiada di ogni mio mattino, ove tutto Ricomincia.

Oggi sono LIBERA, oggi MI MUOVO, oggi RINGRAZIO, oggi BENEDICO, oggi L’ESISTENZA mi sposta i capelli e mi bacia una guancia, oggi il vento ha compiuto un gesto d’Amore per me, senza chiedermi nulla, solo per Amore!

Immagine correlata

OGGI SENTO CHE TUTTO CIO’ CHE MI ACCADE E’ PER AMORE ED E’ IL FRUTTO DI CIO’ CHE SCELGO .

OGGI SENTO CHE L’UNIVERSO SI MUOVE “PER AMORE” nelle nostre vite.
Gli errori, gli incontri che hanno causato sofferenza, le cadute, l’immobilità, il pessimismo è una parte della medaglia che l’universo ci mostra per AMORE,

Rose, Fiore, Bloom, Impianto, Fiore Rosa, Red, Autunno

perché tutto è Uno, affinché possiamo spingerci verso l’altra ed essenziale parte che dobbiamo riscoprire di noi, ciò che rende il nostro occhio capace di vedere INTERAMENTE, senza più escludere una parte.

Oggi vedo tutto Ciò che mi compone esternamente come internamente . . .
OGGI ti sto incontrando mentre muovo le dita sulla mia Anima . .

Coppia, Amore, Rapporto, Romanticismo, Umano, Romantica

OGGI so che PER AMORE SI INIZIA A VIVERE . . . SI SCOPRE LA MAGIA DEL PRESENTE .

PER AMORE SONO NATA e le difficoltà sorgono PER AMORE . . .
IL “PER AMORE” E’ UN CAMMINO CHE PERMETTE LA GUARIGIONE . .

Palloncino, Cuore, Amore, Romanticismo, Cielo

Scrivimi sul cuore la parola AMORE e quando l’ultima lettera avrà completato il tuo Nome, lasciami un fiore a terra, sulla tua terra su cui sei nata, così comprenderò che sei passata di qui per AMARTI, PER AMARE TUTTI, PER AMORE !

Grazie, oggi so chi sei, e mi riconosco, sento la presenza dal cuore mentre mi innalzo in volo in questa Vita, LIBERA in Alto dove Osano le Aquile.

Risultati immagini per amare integrazioni x se stessi
( Francesco Ciani Naturopata)

Trascendere la mentalità della scarsità

Il primo passo per liberarti dalla mentalità della scarsità è rendere grazie per tutto ciò che sei e tutto ciò che hai.

Sì, esattamente, esprimere la tua gratitudine, ma non per scherzo o per finta.

Apprezzare veramente il miracolo che sei: il fatto di essere vivo; di avere occhi, orecchie, piedi, e di essere qui, proprio ora, in questo sogno meraviglioso. Fa’ uno sforzo: comincia a prestare attenzione a ciò che hai, invece di pensare a ciò che ti manca.

Bellezza, Donna, Ritratto, Faccia, Capelli, Femminilità

Infatti non manca nulla.

Come potrebbe mancare qualcosa in un universo perfetto?
Quando ti concentrerai sul sentimento di gratitudine per ciò che hai, l’acqua che bevi, il sole che ti riscalda, l’aria che respiri, e tutti gli altri doni “che non avverti neanche” di Dio in TE, userai il pensiero (tutto il tuo essere) per soffermarti sull’abbondanza e sulla tua umanità.
Bella Donna, Giovane, Femminile, Stile Di Vita, Sano
Ricorda che sei una cellula nel corpo dell’umanità, e che una cellula richiede armonia al proprio interno per poter collaborare con quelle vicine.

Facendo questo, sposterai la tua energia sul miracolo di esistere qui, ora.

Immagine correlata
Quando sei concentrato sul miracolo che sei e che è tutto ciò che ti circonda, non puoi indugiare su ciò che non sei e su quanto ti sembra mancare nel tuo mondo.
Mentre ti eserciti nel rendere grazie, allarga l’elenco delle cose per le quali sei grato: amici e famiglia; vestiti e cibo; il denaro che possiedi; tutti i beni di cui disponi, qualunque cosa sia entrata nella tua vita e che tu abbia potuto usare. Intendo proprio ogni cosa: una matita, una forchetta, una sedia.
Soldi, Finanza, Business, Successo, Exchange
Comincia a pensare a come sei grato di godere di queste cose nella tua vita ora, quando ne hai bisogno.
Considerale tue per uso temporaneo e rimettile poi in circolazione, senza possesso senza aspettative di programmi obsoleti impressi da vecchi metodi.
Affari, Lady, Donna, Ragazza, Computer, Sorriso, Café
Una volta che ti sia esercitato nel provare gratitudine per ogni cosa e persona che hai incontrato, e nell’apprezzare la tua umanità, sei sulla buona strada per liberarti dalla mentalità della scarsità.
(Modificato Wayne W. Dyne “Credere per Vedere”)

Pancreas

Malattia Espressione dell’AnimA

Del campo della digestione fa parte anche il pancreas, che svolge due funzioni primarie: la parte esocrina produce i succhi gastrici essenziali, la cui attività rivela chiaramente un carattere aggressivo.

La parte endocrina del pancreas produce l’insulina. Una sottoproduzione di insulina porta a una malattia molto diffusa, il diabete.
 
Diabete, Di Zucchero Nel Sangue, Diabetici, Medicina
 
La parola diabete deriva dal verbo greco diabeinein, che significa passare. In origine questa malattia si chiamava anche caduta degli zuccheri.
 

Se richiamiamo alla mente il simbolismo precedentemente esposto della nutrizione, possiamo tradurre liberamente l’espressione caduta degli zuccheri con caduta dell’amore.
Risultati immagini per cistifellea sintomi
Il diabetico in mancanza di insulina non riesce ad assimilare gli zuccheri contenuti nel cibo,

 
Marmellata, Vasetti, Frutta, Naturale, Cibo, Organici
 
per cui lo zucchero passa attraverso di lui e finisce nell’urina.  Se sostituiamo la parola zucchero con la parola amore, abbiamo un quadro precisissimo della problematica del diabetico.
 
I dolci sono soltanto il surrogato di altri dolci desideri che rendono dolce la vita. Dietro al desiderio del diabetico di gustare cose dolci e alla sua contemporanea incapacità di assimilare gli zuccheri, si cela un desiderio non confessato di amore, accoppiato all’incapacità di accettare amore, di farsene compenetrare.
 
Vino, Vetro, White, Uva, Bevande, Alcool, Barile
 
Il diabetico deve quindi vivere di ” surrogati ” per quello che riguarda il cibo, e anche per quello che riguarda i suoi autentici desideri. Il diabete porta a una superacidificazione di tutto il corpo che può arrivare fino al coma.

Noi già conosciamo gli acidi come simbolo di aggressività. Continuamente ritroviamo questa polarità di amore e aggressività, di zucchero e acidi (in mitologia: Venere e Marte).
 
Immagine correlata
 
Il corpo ci insegna che chi non ama, diviene acido; o, per dirlo ancora più chiaramente: chi non sa godere, diviene ben presto non godibile!
 
Sa accogliere l’amore soltanto chi sa dare amore – e il diabetico manifesta l’amore soltanto sotto forma di zucchero non assimilato nelle urine.
 
Caffè, Chicchi Di Caffè, Tazza Di Caffè, Millk
 
Il diabetico vuole amore (cose dolci), ma non ha il coraggio di affrontare in maniera attiva il problema (” …io non posso proprio mangiare niente di dolce! “).
 
Continua a desiderare di’ poterlo fare (” …mi piacerebbe tanto, ma proprio non posso! “) – ma non riesce a ricevere amore perché non ha imparato a dare lui stesso amore; così l’amore passa attraverso di lui, come lo zucchero non assimilato.
 
(Thorwald Dethlefsen Rudiger Dahlke)