Le unghie

Malattia Espressione dell’AnimA


Le unghie delle mani e dei piedi rappresentano un’evoluzione o un’involuzione degli artigli, e hanno quindi a che fare con la nostra eredità aggressiva e con le nostre origini.
Da quanto nella quotidiana lotta per la sopravvivenza non ne facciamo più uso in modo diretto, dobbiamo tagliarle.

Mano, Donna, Femminile, Uomo, Tocco, Dita, Raggiungere

Prima si consumavano come quelle degli animali.

A tale proposito sarebbe onesto e istruttivo guardarsi intorno nel regno animale per verificare quali animali, oltre a noi, siano dotati di artigli. In questo modo dovrebbe chiarirsi il rapporto aggressivo tra le unghie e gli uomini.
 
Oggi, vivendo in un tempo violento e straordinariamente aggressivo non è tanto facile mantenere a posto le unghie. Che siano assediate da parassiti, come ad esempio i funghi, o volontariamente amputate, soprattutto nei bambini che le mangiano, che diventino fragili e si scheggino, in ogni caso esse mettono in luce il nostro rapporto con l’aggressività.

Bella Donna, Ritratto, Sexy, Le Mani, Piuttosto, Faccia
 
In alcune culture la loro lunghezza era considerata un segno della distanza frapposta tra sé e il lavoro manuale. Inoltre questo costume mostrava quanto sia necessaria l’aggressività per riuscire a conquistarsi un simile stile di vita e per guadagnarsi con le unghie il potere.

Anche nella nostra società le unghie curate sono tipiche di coloro che svolgono un lavoro intellettuale e sottolineano il loro elegante rapporto con l’aggressività.
 
Unghie Pittura, Smalto Per Unghie, Cuori, San Valentino
 
Nella nostra cultura è soprattutto l’universo femminile che mette in mostra con orgoglio i suoi simboli aggressivi, che cura con grande attenzione ed evidenzia con i colori: lo smalto è diventato una componente stabile della vita.

Talvolta, ma solo in casi eccezionali, lo smalto ha il colore della madreperla, quella sostanza luminosa con cui diversi abitanti dell’acqua si ricoprono: la donna che ne fa uso ha simbolicamente trasformato la propria aggressività in qualcosa di brillante e prezioso.

Ragazza, Donna, Mani, Unghie, Bellezza, Pelle
 
Il rosso, che incontra i maggiori consensi, è simbolicamente molto adatto; del resto è il colore del dio della guerra, Marte, e della sua avversaria e compagna Venere, dea dell’amore.
 
Nelle unghie lunghe e dipinte di scarlatto, aggressività e amore si uniscono divenendo passione e seduzione erotica, che ha da sempre attinto a queste due fonti.
Non deve sorprendere che Eros, il dio dell’amore e dell’erotismo, sia figlio di Marte e Venere. Con le frecce e l’arco, le armi del padre, scocca nel cuore degli uomini l’amore, soddisfacendo i desideri della madre.
 
Red, Chiodi, Moda, Manicure, Manicure Nana, Donna
 
Se si pensa ai semafori, ci si rende conto che il rosso è anche il colore che tradizionalmente viene utilizzato per le segnalazioni, essendo il più visibile.

Le unghie dipinte di rosso attirano l’attenzione degli altri su di sé, sulle proprie qualità di seduzione o sul sangue che può cadere a gocce. In conclusione, le unghie hanno un carattere saturnino, che dà l’altolà gridando: «Fin qui va bene, ma non osare procedere oltre».
 
Doc. Thorwald Dethlefsen e Doc. Rudiger Dahlke
 
https://www.successclubprofessional.com/prodotto/erberos/
https://www.successclubprofessional.com/prodotto/klamath-rw-max-180/
https://www.successclubprofessional.com/prodotto/enervin/
https://www.successclubprofessional.com/prodotto/multinatural/
https://www.successclubprofessional.com/prodotto/osseovin/

Tecniche per la Guarigione & Comprensione

Raccogli sassi e pietre

Quando vuoi depurarti dalle emozioni negative, cammina in mezzo alla natura e presta attenzione alle piccole pietre che sembrano chiamarti.

L'immagine può contenere: spazio all'aperto

Durante la passeggiata, scegline tre che ti danno una bella sensazione tenendole in mano.

Assegna a ognuna un nome che corrisponda a qualcosa che hai covato dentro di te e che vuoi lasciar andare: per esempio potresti chiamarle Senso di Colpa, Rabbia e Paura.

Ciottoli, Pietre, Colorato Tondeggiante, Colore

Tieni le pietre o il semi-cristallo sul comodino, sviluppa un rapporto con ciascuna di loro, instaura un’amicizia. La frequenza terapeutica dei minerali agirà da antidoto a tutto ciò che ti provoca malessere a livello emotivo, spirituale o fisico.

L'immagine può contenere: una o più persone e cibo

Quando, in modo naturale, arriva il momento in cui senti che le pietre hanno svolto il loro lavoro e sei pronto a lasciarle andare, riportale nella natura e rilasciale in un corso d’acqua, come uno stagno, il mare, un lago, un fiume o un torrente.

L’acqua viva le purificherà dai veleni che hanno assorbito da te, e anche tu te ne andrai via rinnovato e leggere più consapevole di te.

Il Fegato

Il fegato è un organo estremamente elaborato e polivalente.

È l’organo più grosso del corpo umano. Svolge infatti un ruolo essenziale nella digestione mediante la secrezione della bile, ma assicura anche un’altra attività molto importante filtrando il sangue.

Interviene inoltre sulla composizione e sulla qualità del sangue, sia a livello nutritivo sia a livello immunitario (difesa, cicatrizzazione, immagazzinamento, ecc.).

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Pertanto è responsabile della «consistenza» del sangue, della sua composizione, del suo livello vibratorio, del suo «colore». D’altronde il suo duplice ruolo si materializza nel ricevimento di una duplice alimentazione sanguigna, una proveniente dalla vena epatica che lo nutre di ossigeno e l’altra dalla vena «porta» che convoglia in esso le sostanze nutritive assimilate dall’intestino tenue.

Questi due canali si ricongiungono nel fegato e si «uniscono» nella vena «cava inferiore». Partendo dal fegato, questa trasporta il sangue arricchito di sostanze nutritive con altri globuli, che sarà in seguito ridistribuito in tutto il corpo grazie al cuore e, dopo essersi arricchito di ossigeno, grazie ai polmoni.

Le malattie del fegato

Risultati immagini per mangiare sano

Anche i problemi epatici indicano, beninteso, che ci è difficile «digerire» qualcosa nella nostra vita, ma con una sfumatura più sottile rispetto allo stomaco. L’emozione principale associata al fegato è la collera. Le tensioni o le sofferenze di quest’organo possono voler significare che il nostro modo abituale ed eccessivo di reagire alle sollecitazioni della vita è la collera.

Ogni volta che «regoliamo» i nostri problemi con il mondo esterno urlando, abbandonandoci a grandi collere, mobilitiamo tutta l’energia del fegato in quella direzione, privandolo così di buona parte dell’energia necessaria al suo funzionamento.

Immagine correlata

L’organo comincerà allora a non svolgere più correttamente il proprio ruolo nella fase digestiva. Tuttavia, all’estremo opposto, collere troppo spesso represse o trattenute sistematicamente all’interno, addenseranno l’energia nel fegato e rischieranno di trasformarsi in patologie più gravi (cirrosi, cisti, tumore).

Le malattie del fegato possono anche parlarci della nostra difficoltà a vivere o ad accettare i nostri sentimenti, i nostri affetti o ciò che gli altri ci trasmettono. La nostra immagine, quella che abbiamo di noi stessi o quella che gli altri ci trasmettono, dipende in gran parte dal fegato.

3530e7_924d39bbbfb443c187d7b7f843058fe4.jpg

La percezione che ne abbiamo è responsabile della nostra gioia di vivere, di ciò che ritroviamo attraverso il ruolo di filtrazione e di «nutrimento» del sangue svolto dal fegato.

Le tensioni del fegato possono quindi anche significare che la nostra immagine viene rimessa in discussione dal nostro vissuto e che la nostra gioia di vivere ha lasciato il posto all’acredine e all’acidità interiore nei confronti di quel mondo esterno che non ci attribuisce il riconoscimento che desidereremmo. Qui ci troviamo nel pieno del senso di colpa.

Immagine correlata

Il fegato interviene attivamente nel sistema immunitario e in particolar modo nell’immunità elaborata, ossia arricchita dalle esperienze fatte dall’organismo. Ora, il senso di colpa ci «obbliga» a giustificarci, a difenderci.

Mobilita le nostre energie di difesa psicologica e le numerose collere sono il segno e l’espressione di una paura che non trova altro mezzo di difesa.

Immagine correlata

Se questa strategia viene messa in atto frequentemente, indebolisce l’energia del fegato e in seguito quella della cistifellea che ne soffrono. Il fegato è un organo Yin e rappresenta sensazioni che concernono la parte profonda dell’essere.

Vedremo che per quanto riguarda la cistifellea, che è di natura Yang, è il lato sociale dell’individuo ad essere in gioco.

(Michel Odoul)

 
 

L’intestino tenue

Malattia Espressione dell’AnimA

Nell’uomo l’intestino tenue misura sei metri di lunghezza. Questo gli permette di offrire una grande superficie, aumentata da innumerevoli piccole sporgenze interne.
 
Tale superficie consente il metabolismo digestivo finale che compie l’ultima trasformazione degli elementi nutritivi prima che vengano introdotti nel sangue.
 
Risultati immagini per scoliosi messaggio inconscio
Lo smistamento si attua tra l’assimilabile e il non assimilabile, che proseguirà nell’intestino crasso. Tutto ciò che è considerato assimilabile, che passa dalla «dogana», che viene «giudicato» buono, entra nel sangue e nel sistema linfatico.
 
Ribes, Frutti Di Bosco, Grappolo, White, Primo Piano

È importante sapere che l’intestino tenue non è semplicemente un «filtro» che lascia passare o meno gli alimenti.

Interviene attivamente nella digestione secernendo gli enzimi necessari e svolge un ruolo importante nel «trasporto» di alcuni zuccheri e amminoacidi. È quindi il tramite attraverso il quale si attua la selezione finale tra gli elementi che veicola.
 

Le malattie dell’intestino tenue
Immagine correlata

Le malattie dell’intestino tenue, diarrea, ulcera e così via, ci parlano delle nostre difficoltà ad assimilare le esperienze, a lasciarle penetrare in noi senza giudicarle.
 
Nel suo ruolo di doganiere, l’intestino tenue lascia passare una data informazione e ne respinge un’altra. È il rappresentante fisico della soggettività.
 
Frutti Di Bosco, Lamponi, Frutta, Misti
 
I dolori o le malattie dell’intestino tenue possono anche indicare che abbiamo sviluppato troppo la tendenza a giudicare gli eventi e gli altri, a ragionare in maniera eccessiva in termini di bene o di male, di torto o di ragione.
 
L’esempio astrologico è ben espresso dal segno della Vergine, che è strutturato intorno alla nozione dei valori, della loro precisione e del loro rispetto, e la cui fragilità organica è principalmente intestinale.
 
(Michel Odoul)
ECN

Perdonare in pratica

L’Arte di Vivere

Mi sembra assolutamente evidente, e penso che lo sia per tutti, che quando preferiamo addossare colpe agli altri stiamo resistendo al perdono. Vivendo in un mondo che la pratica in ogni angolo del globo, coltiviamo la vendetta.

Quando leggiamo libri di pietà ci sembra che quello del perdono sia un principio commendevole, ma molto difficile da attuare nella vita pratica, perché viola il bisogno di «fare i conti», di rendere pan per focaccia.

Disperata, Triste, Depresso, Piedi, Le Mani, Piegato

Non ci rendiamo neppure conto che l’incapacità di perdonare deforma la persona, che cova dentro di sé rancore e odio.

Quando leggiamo per la prima volta di un individuo che ha commesso un atto di violenza efferato, la nostra reazione immediata è dire:

«Spero che uccidano quella canaglia!» Quando un altro ci fa un’ingiustizia tendiamo a dimenticare il precetto del perdono e a dirci: «Farò i conti», oppure: «Spero che sia punito».

Ragazza, Triste, Pianto, Piove, Gocce Di Pioggia

Per mettere in pratica l’insegnamento del perdono nella vita quotidiana è necessario accettare gli altri sei principi universali. Il perdono verrà automaticamente una volta varcato il cancello, quando favorisci la tua trasformazione personale e onori l’intelligenza che sta dietro ogni forma, compresa la tua.

Quando usi la facoltà di pensare per essere in armonia invece che in conflitto con il flusso di energia che è l’universo; quando smetti di ritagliarti un tuo mondo e vivi in unità con tutto il genere umano, cosciente che siamo tutti uniti da una divina intelligenza, tutti, anche chi non pensa e si comporta come vorremmo;

Immagine correlata
quando sai in cuor tuo che le cose a cui pensi si espandono e ti concentri su ciò che ami e di cui sei grato; quando ti liberi da ogni attaccamento e ti lasci vivere pienamente. Quando sai che quest’unica canzone è sincronizzata in ogni sua parte e funziona perfettamente.

Quando cominci a vivere e a pensare in questo modo e permetti agli altri di fare lo stesso, allora la capacità di perdonare verrà da sé. Verrà automaticamente e naturalmente, con la facilità con cui Nureyev faceva una piroetta dopo migliaia di ore di allenamento, o come Isaiah Thomas si avvita in verticale per fare canestro.

Timido, Sexy, Bella, Bionda, Donna, Sessuale, Femme

Nessuno può dire come questi due geni compissero i loro miracoli.

Ci riuscivano grazie all’intuito, sviluppato in anni e anni di esercizio. Per il perdono è lo stesso. Dopo aver praticato le lezioni della coscienza superiore, scoprirai che fra i principi universali quello del perdono è il più facile da applicare nella vita quotidiana.

Avverrà automaticamente. Se non succede ora, significa che devi fare più esperienza in altri campi della vita.

Immagine correlata
Non lamentarti di essere incapace di perdonare. Impegnati a vivere i principi d’armonia della coscienza superiore, e in poco tempo scoprirai che il perdono verrà da sé, senza alcuno sforzo.

Quando vedi qualcuno comportarsi con rabbia e spirito vendicativo, dando la colpa agli altri, perdonalo e sii aperto alla possibilità di aiutarlo a cambiare le scelte che compie, che nocciono a lui stesso e al prossimo. Comincerai ad aiutare gli altri a liberarsi dalla vendicatività e dal risentimento, e scoprirai che lo stesso succede a te.

Occhi Azzurri, Donna, Femminile, Trucco, Modello

Sarà come se stessi operando attraverso un pilota automatico, eseguendo un’azione nella quale ti sei esercitato per tanto tempo, senza pensarci coscientemente.

Ma fino a quando non scatterà questo moto di perdono automatico ecco alcuni modi per accelerare il processo.

(Wayne W.)

Cistifellea

Malattia Espressione dell’AnimA

La cistifellea raccoglie la bile prodotta dal fegato. Però la bile non riesce a trovare la sua strada se i condotti biliari sono ostruiti, come capita sovente a causa dei calcoli alla cistifellea. Che il liquido biliare equivalga ad aggressività, lo sappiamo dal linguaggio corrente.

Pugno, Forza, Rabbia, Lacrima, Brezza, Rotto, Distrutto

Diciamo infatti: quello sputa veleno e bile

 
Colpisce il fatto che i calcoli biliari siano frequenti nelle donne, mentre gli uomini presentano più spesso calcoli renali. Inoltre i calcoli biliari sono molto più frequenti nelle donne sposate con figli che in quelle non sposate.
 
Leone, Animale, Savana, Leonessa, Safari, Selvaggio
 
Queste osservazioni statistiche possono facilitare un poco la nostra interpretazione. L’energia vuole scorrere. Se il corso dell’energia viene impedito, si arriva ad un accumulo di energia.
 
Se questo accumulo non riesce a scaricarsi, l’energia tende a consolidarsi. La formazione di calcoli nel corpo è sempre espressione di energia repressa:


Immagine correlata
I calcoli biliari sono aggressività pietrificate

 
Energia e aggressività sono concetti quasi identici. Sia ben chiaro che parole come, per esempio, aggressività non hanno in questo contesto alcun significato negativo – noi abbiamo bisogno di aggressività come abbiamo bisogno dei denti o della bile!
 
Sorprende quindi ben poco di trovare tanti casi di calcoli biliari nelle donne sposate. Queste donne vivono la propria famiglia come una struttura che sembra loro impedire di lasciar scorrere la propria energia e la propria aggressività come pare a loro.
 
Urlo, Bambino, Ragazza, Persone, Infanzia, Urlando
 
Le situazioni familiari vengono vissute come costrizioni da cui non si ha il coraggio di liberarsi – per cui le energie si bloccano e si pietrificano.
 
Le coliche inducono il paziente a fare tutto quello che non ha il coraggio di fare:
i movimenti violenti e le grida dovuti al dolore delle coliche rimettono di nuovo in moto l’energia.
 
La malattia rende onesti!
(Thorwald Dethlefsen Rudiger Dahlke)

L’herpes labialis

Malattia Linguaggio dell’AnimA

Sul volto, oltre allo zoster, agisce anche l’herpes simplex, di cui esistono due tipi;
il primo è specializzato nelle regioni al di sopra della cintola e si è rivelato responsabile delle vesciche della febbre, dell’herpes labialis e delle bruciature delle pelle da riverbero del sole nei ghiacciai.
 
Persone, Uomo, Donna, Freddo, Meteo, Coppia, Bacio
 
Il secondo tipo, che differisce solo di poco dall’altro, colpisce la metà inferiore del corpo e causa la malattia venerea oggi più diffusa, l’herpes genitalis.
 
Il tipo I del virus, quello che determina l’herpes labialis, è benigno, ma ampiamente diffuso: il novantanove per cento delle persone possono considerarlo un ospite fisso.
 
Coppia, Facendo Fuori, Giovane, Persone, Donna, Uomo

Già dall’inizio dell’età scolare tutti i bambini ne sono praticamente contagiati.

Sebbene il virus possa colpire ovunque, i disturbi tipici si manifestano solo su uno su cento dei portatori. Accompagnate da dolori forti e persistenti, prurito e formicolio, le vescicole si sviluppano sulle labbra e molto di rado anche su altre zone della faccia, come ad esempio la parte inferiore della narice.
 
Risultati immagini per bacio
Inizialmente sono piene di un liquido sieroso, che in seguito diviene purulento, mentre il tessuto circostante appare gonfio e arrossato.
 
Nei giorni successivi le vescicole scoppiano e si seccano e dopo una settimana e mezzo al massimo l’intera eruzione è scomparsa.
 
Cuore Blocco, Chiave, Giorno Di San Valentino
 
Solo molto raramente si sviluppano processi più complessi che interessano la mucosa orale e ancora più di rado la meninge.
 
Come per l’Herpes genitalis, la medicina tradizionale individua diversi fattori che causano l’indebolimento delle difese dell’organismo. Esposizione solare, febbre, paura della ribalta possono fungere da detonatori.
 
Bambini, Fratelli, Fratello, Sorella, Amici, Bacio
 

Anche i cambiamenti ormonali nell’ambito del ciclo mestruale possono essere sufficienti.

Soprattutto però sono gli scossoni psicologici, in particolare quelli connessi a sensazioni di disgusto o a desideri non confessati e «repressi» che generano l’herpes.
 
Nella febbre, oltre al calore e alla combattività, si liberano anche fantasie, sogni e desiderio febbrile di soluzioni. La paura della ribalta porta alla luce una contraddizione interna, poiché si cerca ansiosamente una situazione che al tempo stesso attrae e spaventa.
 
Affetto, Abbracci, Baciare, Sfocatura, Close Up, Coppia
 

Si vorrebbe ottenere simpatia e riconoscimento proprio da coloro di cui si ha paura.

Anche la paura di viaggiare può portare alla comparsa delle vescicole, dato che rappresenta una situazione a doppio taglio.
 
Da un lato, il malato brucia dal desiderio di viaggiare, dall’altro ne ha una inconfessata paura, che si esprima in uno stato di tensione e di bruciore sulle labbra. Non di rado le parole non pronunciate:
 
Amore, Un Paio Di, Giovane Coppia, Bacio, Baci
 
«Non è meglio lasciar perdere questo viaggio?», si esprimono sulle labbra non verbalmente, ma sotto forma di vescicole dell’herpes.
 
PS. un ottima risoluzione è  Olio Essenziale Ravintsare (Cineolo 1.8).
Se si beve dal bicchiere di un altro si prova insieme disgusto e paura di perdere l’amicizia e la simpatia di questa persona.
 
Non abbiamo il coraggio di rifiutare la confidenza del bicchiere comune, e l’herpes esprime allora al posto nostro ciò che noi non abbiamo osato fare.
 
Mani, Amore, Coppia, Insieme, Dita, Persone, Umano
 
Le sue vescicole ripugnanti incarnano l’avversione inespressa. Il tipico contagio attraverso il bicchiere non ha in realtà alcun ruolo, poiché il virus è praticamente già presente in tutte le persone coinvolte.
 
Ad alcuni basta vedere un’altra persona che ha l’herpes. Per il disgusto che provano si chiudono in se stessi, alzano una barriera nei confronti di questa persona e non potendo fare altro aprono la mucosa delle labbra.
 
Risultati immagini per herpes labiale
Di fatto l’herpes labialis – allo stesso modo dell’ulcera gastrica ma più innocuo – evidenzia il malinteso tra il muco protettivo e le forze distruttive e di disturbo.

Ciò che non affiora verbalmente sulle labbra, si manifesta nell’herpes.

Delizia, Бодуар, Passione, Ragazze, Modello, Erotica
 
Le mucose sono l’ambito predestinato ai sentimenti di disgusto e del resto nella nostra civiltà il muco ha rappresentato sempre qualcosa di ripugnante. Per gli indiani invece aveva un grande valore, lo consideravano il simbolo della vita, perché sapevano quanto sia importante nella procreazione.
 
Per questo gli indiani masticano il cibo per i loro bambini o i malati senza provare alcun senso di nausea. L’herpes labialis da loro è sconosciuto.
 
Bianco-As-Neve, Stampa, Bacio, Marzo, Amore, Storia
 
Il sole è il simbolo del principio maschile e della vitalità: la sua vicinanza è fonte di piacere, anche se lui è sempre pronto a giocare un brutto tiro ai suoi devoti. Il sole diviene particolarmente pericoloso in alta montagna, dove l’aria pura facilita la comparsa dell’herpes simplex.

Come ci insegna l’esempio di Icaro, le sue ustioni possono addirittura mettere in pericolo la vita.

Coppia, Baciare, Romanticismo, Uomo, Donna, Amore
 
Chi si brucia le labbra col principio fisico della vitalità, avrà nella propria coscienza una corrispondente non confessata posizione di difesa contro questo stesso principio.
 
Quegli eroi moderni, che sulle orme di Icaro si avvicinano al sole avventurandosi sulle vette dei ghiacciai e delle montagne liberando così il proprio herpes sotto forma di ustioni causate del sole, presentano elementi ambivalenti.
 
Risultati immagini per bacio

Dovrebbero mettere in discussione la loro solare vitalità e ricercarne come minimo l’aspetto contrario.

Nella fresca limpidezza dell’aria pura di montagna qualche ardore eccessivo potrebbe placarsi.
 
Cuore, Amore, Romanticismo, San Valentino, Armonia
 
I turbamenti psicologici che si manifestano all’inizio del ciclo mestruale possono essere causati da una inconfessata nostalgia per I’ infanzia.
 
Inoltre l’emorragia mensile è considerata da molte donne qualcosa di impuro, che le riempie di ribrezzo e disgusto. Lo testimoniano certi nomi con cui è designata.
 
Sposa, Sposo, Ragazza, Donna, Guy, Uomo, Baciare

Da un punto di vista medico, l’herpes labialis è un sintomo non pericoloso, che non necessita quasi di cure.

La sua importanza deriva dalla sua valutazione. I soggetti colpiti si sentono deformati e compromessi nei confronti del mondo a causa del ribrezzo e del disgusto che suscitano.
 
Ragazza, Mentire, Mare, Beach, Persona, Persone
 
Molti, con quelle labbra contagiate, evitano di mostrarsi in pubblico per non dover mostrare la loro «impurità».
 
Le vescichette benigne, chiuse nei loro confini controllati dalla mucosa, rivelano qualcosa di troppo esplosivo psicologicamente. I loro accessi superiori sono infiammati e quindi bruciano nel conflitto.
 
Donna, Ragazza, Libertà, Felice, Sole, Silhouette
 
Le labbra appaiono notevolmente ingrossate e gonfie e rivelano una sensualità esasperata. Anche qui entra in gioco l’ambivalenza: da un lato le labbra rigonfie si ingrossano e attirano l’attenzione, dall’altro segnalano:
 
«Non ci toccare, siamo ripugnanti e disgustose». Nella deformazione si rivela la finzione. Il corpo che è sincero rivela qualcosa che il suo proprietario non può più sopportare: emerge qualcosa di sporco, e viene dalla propria interiorità.
 
Bella Donna, Giovane, Femminile, Stile Di Vita, Sano

Ora anche gli altri cominciano a nutrire ribrezzo nei confronti del soggetto, che del resto condivide tale ripugnanza.

 
Quello che da sempre gli brucia sulle labbra e non ha potuto manifestarsi per rispetto delle apparenze, si manifesta non attraverso le parole, ma attraverso le vescicole dell’herpes.
 
Coppia, Donne, Rapporto, Gemelli, Fratelli, Femminile
 
L’effetto esteriore è disastroso a causa delle ulcere brucianti, del liquido che ricorda la saliva di un bambino, della sincerità eccessiva che si manifesta all’esterno suo tramite, a causa delle croste. Niente però deve restare inespresso.
 
Tutte le critiche, le parole corrosive, le osservazioni «sporche», la sincerità che ferisce, tutto ciò che era stato trattenuto dietro le labbra serrate, ha ora la possibilità di emergere.
 
Labbra, Trattamento Labbra, Rossetto
 
L’herpes labialis diviene il ribrezzo somatizzato al cospetto della propria abissale insondabilità. È la forma in cui si incarnano le «sporcizie» non espresse.
 
Quanto sia ripugnante per l’interessato la tematica in questione, lo si capisce pensando di baciare labbra coperte di vescichette.
 
Ritratto, Donne, Vintage, Fotografia, Ispirazione, Moda
 
A questo punto abbiamo la possibilità di comprendere in modo più approfondito il principio del contagio. Nell’herpes labialis esiste inequivocabilmente il fenomeno del contagio, che però ha ben poco a che vedere col virus.
 
Diversa è invece la situazione dell’herpes genitalis, in cui la trasmissione dell’agente fisico ha un ruolo maggiore. Il principio del contagio resta tuttavia sempre lo stesso.
 
Gambe, Punta Di Piedi, Abbraccio, Ragazza, Piede
 
Noi crediamo di introdurre nel nostro organismo qualcosa di ripugnante che viene da fuori a che ci fa ammalare. In realtà noi possiamo trovare disgustoso ciò che è fuori di noi solo se questo qualcosa è già presente psicologicamente in noi.
 
Niente di quello che è al di fuori di noi ci potrà spaventare, se non esiste già in noi come modello. I virus sono, secondo le situazioni, trasmettitori più o meno importanti del modello.

Nell’herpes labialis tale modello non è presente soltanto a livello di coscienza, ma anche a livello fisico.

 
Gambe, Finestra, Auto, Strada Sterrata, Relax, Donna
 
Di conseguenza il contagio fisico non ha alcun ruolo e solo quello psicologico è decisivo.
 
Ambivalenza, ribrezzo e paura del contagio possono liberare il virus che finora era stato ben controllato dal corpo, compromettendo anche l’equilibrio psichico.
 
Mattina, Ragazza, Bella, Femminilità, Tenerezza
 
Senza l’attivazione del modello interiore, neppure i virus più subdoli possono essere pericolosi.
 
La vita e le azioni dei medici specializzati in malattie infettive come Nostradamus Io dimostrano. Loro non avevano paura, erano interiormente in rapporto armonico con le malattie e così anche i virus più pericolosi risultavano innocui.
 
Risultati immagini per herpes labiale

Nel caso dell’herpes c’è il pericolo di finire in un circolo vizioso, se le valutazioni sostituiscono le interpretazioni.

 
Chi concepisce l’herpes non come espressione del proprio disgusto, ma come punizione per aver fatto pensieri «impuri», creerà un ulteriore tabù in questo ambito e lo spingerà ancora più nell’ombra. Una maggiore diffusione dell’herpes labialis è sintomo di una reazione sincera da parte del corpo.
 
L’apprendimento consiste allora nell’integrare ed esprimere la sensualità ritenuta «impura» e anche altre tematiche conflittuali. Confessare a se stessi certi pensieri ed esternarli verbalmente invece che sotto forma di herpes, vuol dire risparmiare le labbra.
 
Biancheria Intima, Reggiseno, Sexy, Femminile, Donna
 

Si può rischiare, correndo il pericolo di scottarsi la bocca.

Per questo è molto difficile. diventare persone loquaci e aperte. Da un punto di vista concreto, le labbra colpite da herpes labialis sanguinano e si rimarginano, proprio come accade alle labbra che hanno ricevuto un morso.
 
Superando il ribrezzo è necessario avvicinarsi alla sensualità, riconoscere accanto al lato scostante del muco anche quello vitale e trame piacere.
 
Dal fango cupo delle origini è nata la vita, da un grembo oscuro l’uomo viene al mondo, il flusso mestruale dal colore scuro crea le basi per una nuova esistenza, e vuole essere accettato come parte fondamentale della vita stessa.
 
Cuore Del Fuoco, Cuore, Fuoco, Amore, Simbolo, Design
 
I pensieri corrosivi potrebbero conferire alla propria vita profumo e vivacità, gli impulsi che spingono a disapprovare e ad inquietarsi potrebbero essere espressi sotto forma di critica costruttiva, forse ancora più efficace.
 
In una nicchia sociale come il cabaret, ci sarebbe certamente la possibilità, sia per l’uomo che per la donna, di parlare in modo abbastanza diretto:
 
basta solo servire cocktail di parole saggiamente speziati, capaci di superare i limiti in modo elegante e che possano talvolta risultare addirittura offensivi.
 
Disegno, Amore, Passione, Matita, Disegnare
 
Lo scherzo sarebbe un modo ulteriore per liberarci di questa tematica in modo lieve e meglio tollerato.
 
Domande
 
1. Quale problema spezza il mio equilibrio psichico e apre la strada all’ herpes?
2. Cosa mi disgusta? Cosa mi ripugna? In che modo nauseo gli altri? Cosa desta in me orrore?
3. Che cosa considero da rifiutare? In che misura desidero anche le cose che mi ripugnano?
4. Qual è il mio comportamento nei confronti del muco? Posso goderlo quando c’è l’occasione?
5. Quali sono i pensieri «impudichi» che tengo segreti e che permetto invece alle mie labbra di esprimere?
6. Quali parole le mie labbra non pronunceranno mai?
7. Mi deformo per non dover affrontare né le problematiche in questione né i miei partner?
8. Mi impedisco di baciare e di avere contatti di altro tipo creandomi labbra ripugnanti?
9. Mi spaventa l’idea di rendere pubblici i miei problemi e riesco a farlo attraverso il mio sintomo?
10. Cosa c’è di indicibilmente indicibile nella mia vita?
11. Quale duplicità mi complica l’esistenza?
12. A quale questione scottante non oso avvicinarmi anche se dichiaro di farlo? 
Doc. Rudiger Dahlke

Giudizi

Puoi eliminare la tendenza a dare la colpa agli altri

Rousse, Guarda, Occhi Blu, Viso, Donna, Osservare

Puoi liberarti dal desiderio di vendetta. Ma quanto al giudicare, il massimo che puoi fare è ridurne la presenza nella tua vita. Giudicare significa vedere il mondo come sei tu, non come è.

È impossibile evitare completamente di giudicare, perché in realtà ogni pensiero contiene un elemento di giudizio.

Dire che oggi è una bellissima giornata è un giudizio.

Essere, Vedere, Emoji, Simboli, Vivo, Sveglio

Trasmettere affetto a qualcuno è un giudizio

Valutare una persona o una cosa è un giudizio. Perciò puoi evitare completamente di giudicare solo quando non pensi, e sarebbe assurdo volerlo fare.

Puoi però ridurre significativamente la quantità di giudizi negativi che dai, e questa forma di perdono migliorerà radicalmente la qualità della tua vita. La prima cosa da ricordare è che i giudizi non cambiano nulla o nessuno nell’universo.

Smiley, Emoji, Emote, Simbolo, Emoticon, Viso, Testa

Il fatto che non ti piaccia una certa persona o che reagisca negativamente a un certo comportamento non cambia la persona o il comportamento in questione.

Ti invito ancora a tenere a mente che quando giudichi un’altra persona, non definisci l’altro ma te stesso.

Risultati immagini per giudicare

I giudizi dicono qualcosa solo su di te. Descrivono ciò che ti piace e non ti piace

Non definiscono la persona che viene giudicata. Quella persona è definita dai propri pensieri e dalle proprie azioni. Una volta che te ne renderai conto, comincerai a sostituire la tendenza a giudicare con l’accettazione, vale a dire tradurrai il perdono in azione.

Meteorite, Impatto, Cometa, Distruzione

Quando accetti gli altri non sei più soggetto alla sofferenza che si accompagna al giudicarli. Quando qualcuno agisce in modo che ti pare sgradevole, devi capire che il dolore, la rabbia, la paura o qualsiasi altra emozione tu possa provare costituisce solo il modo in cui hai scelto di reagire al comportamento di quella persona.

Se non puoi o non vuoi registrare la presenza di quell’emozione e poi liberartene

Risultati immagini per giudicare

allora è al tuo io che devi prestare attenzione. Il comportamento di quella persona si è scontrato con qualcosa di non finito o di ignorato nella tua vita.

Il malessere per il comportamento dell’altro è il tuo modo di sfuggire a qualcosa dentro di te. Una distinzione sottile, ma molto significativa.

Ciò che pensi del comportamento degli altri, è cosa tua

Dualismo, Dualistica, Dualità, Meditazione, Compassione

Sei tu a pensare e a portare con te i risultati dei tuoi pensieri. Se non giudichi le persone che ti circondano, ma le accetti esattamente per quello che sono, eliminando il bisogno di farti turbare da loro, hai messo in pratica il precetto del perdono.

Perdonare significa solo correggere le tue impressioni errate. In realtà non vi è nulla da perdonare, tranne te stesso per il fatto di aver incolpato e giudicato. Questi tre atteggiamenti, colpevolizzazione, desiderio di vendetta e tendenza a giudicare, sono abiti mentali fortemente radicati.

Opposti, Pollice, Positivo, Negativo, Alto

Si sviluppano in una cultura in cui l’individuo si fa vanto di incolpare sempre gli altri di ciò che gli accade, e intenta incessantemente cause invocando l’idea di «giustizia», e traggono origine dall’abitudine di instillare pensieri di vendetta fin dall’infanzia, giustificandoli con l’idea che la ritorsione sia «soltanto giusta», patriottica o equa.

Eppure è un comportamento estremamente autolesionista e irresponsabile, certo non illuminato! Ed è molto stupido, tanto per dare un giudizio!

Essere, Vedere, Essendo, Mani, Azienda, Attenzione

Ogni qualvolta ti senti trascinato a questo tipo di atteggiamento ricorda a te stesso che finirai per esserne tu la vittima.

Lasci che la tua vita sia controllata dal comportamento di altri; per quante giustificazioni possa addurre, quando agisci in questo modo sei sempre schiavo dei loro capricci. Come ci ha ricordato Maslow: «Non esiste uno schiavo ben adattato».

Un tale comportamento ti mantiene in uno stato di torpore spirituale. Non puoi avere uno scopo e vivere in modo armonico ed equilibrato quando permetti a un altro di dettarti pensieri e azioni.

Risultati immagini per giudicare

L’incontro con lo scopo che cerchi non può avvenire e non puoi vivere un’esistenza spirituale e piena d’amore quando condanni e giudichi gli altri o sei posseduto da sentimenti di vendetta.

L’illuminazione richiede che ti assuma la responsabilità della tua vita.

Uomo, Pistola, Gangster, Vendetta, Male, Mafia

Responsabilità significa letteralmente rispondere con abilità; e naturalmente ciò è impossibile se sei paralizzato dall’odio, dal rancore e dal desiderio di vendetta.

Prova a considerare la vita di alcune delle figure più ammirate della storia. Chi è stato dominato dall’ossessione della vendetta ci ha trascinato in una guerra dopo l’altra, che hanno portato morte e distruzione indiscriminata in nome del rancore e della colpevolizzazione.

Solitario, Uomo, Seduta, Tempo Libero, Riposo, Git

Come si può dare un contributo positivo al mondo e sintonizzarsi sulla forza dell’amore quando si è occupati dall’idea della vendetta? Impossibile.

Ascolta le parole di chi ammiri e invece di qualificarti con l’etichetta di cristiano, ebreo, musulmano, buddista o altro, sforzati il più possibile di identificarti concretamente con la tua Coscienza,  poi ci sono queste figure:

Autunno, Panorama, Natura, D'Oro, Settembre, Fiume

Cristo, Dio, Buddha e Maometto, ma soprattutto accedi alla tua AnimA, fai pace con Lei, con il tuo vero Sé e il tuo Vero Maestro Interiore, non c’è altro, il fuori è una tua estensione.

Attraverso tale impegno staremo tutti meglio e cominceremo a vivere ogni giorno il perdono, invece di parlarne in chiesa per poi tornare a una vita quotidiana in cui ci affanniamo a costruire più armi, a far causa ai vicini e a giudicare chi è lontano o differente da noi.

(Wayne W. modificato Francesco Ciani)

Le manifestazioni del sistema immunitario

Le malattie autoimmuni

come per esempio la poliartrite reumatoide, o malattie che finiscono con il suffisso (ite) sono manifestazioni nelle quali l’organismo attiva più processi, con conseguente limitazioni, dolori, febbre, infiammazioni, allergie ecc.

Ecg, Elettrocardiogramma, Stetoscopio, Battito Cardiaco

Sono manifestazioni di difesa nelle quali l’organismo non riconosce più il suo processo di equilibrio attaccando le sue stesse cellule, le combatte e inizia a distruggerle come se fossero agenti estranei e pericolosi.

Queste manifestazioni ripetute e non risolte dalle loro cause scatenanti, cadono in una cronicità, dove l’individuo entra in una situazione di “bilancia” a volte si sente benissimo e altri accusa fastidi, febbre, dolori come fugaci influenze.. nel senso che non vengono più rispettate le leggi naturali di riconoscimento organico.

Medico, Medicina, Salute, Stetoscope

Queste malattie ci parlano della nostra incapacità a riconoscerci, vederci e accettarci per quello che siamo

I reumatismi cronici sono l’espressione densa di rabbia, amarezza, frustrazione, vittimismo, vecchie carenze affettive. Le ossa : mancanza di supporto dagli altri e verso gli altri, sistema organizzativo in cui si vive.

Nell’osteoporosi scoraggiamento e svalutazione sopportata a lungo, mancanza di flessibilità, svalutazione personale. Tale difficoltà a riconoscere ciò che siamo è sovente aggravata dalla ricerca di responsabilità esterne.

Siamo in lotta con il mondo che non ci comprende, non ci riconosce e non ci ama, mentre il problema è il tipo di modalità di come costruiamo il nostro mondo fuori, come estensione del nostro Sé.

Freddo, Malato, Termometro Febbre

Creiamo visioni maniacali della vita e le cose non possono essere che buone o cattive, duali, accese o spente, sfigati o fortunati … qualsiasi esperienza viene vissuta e registrata in termini di torto o ragione.

Questa ripetizione conflittuale e di difesa compulsiva ci porta a distruggerci, o meglio a separarci da noi stessi, mentre crediamo di distruggere il mondo o qualcun altro, altro non è che un riflesso duale di noi stessi.

Tristezza, Africa, Malattia, Viso, Povertà, Malato

(Francesco Ciani)

Febbre, infiammazioni, soluzione o malattia?

Il fuoco è dentro di noi

deve svolgere il suo ruolo, scaldare, bruciare e purificare, trasformare, comunicare, mettere in allerta, producendo calore rieduca.

Leone, Safari, Africa, Paesaggio, Steppa, Tramonto

Le tendiniti, febbri e altre infiammazioni si presentano per dirci che c’è il fuoco dentro di noi, che vi è surriscaldamento, uso eccessivo o inadeguato della parte del corpo in questione.

Ma come per le allergie, l’organismo è attivo e per mezzo del fuoco che scatena, cerca di mettere in allerta, di pulire, di purificare la zona interessata.

Ma che necessità c’è di modificare una parte nel nostro terreno

“organo , viscere, pelle” per drenare lì, e non da un’altra parte quel problema??

Il significato dell’infiammazione è sempre da mettere in relazione a quello della zona in cui si produce.

Disperazione, Da Solo, La Solitudine, Archetipo

La febbre rappresenta nel suo contesto anche una perdita di contatto con la propria spiritualità, intrinseca nella vita e nel corpo in cui siamo, trasformano ogni emozione o inconsapevolezza in congestione tossica con la materia fisica, sedentarietà, rabbia trattenuta, desideri inespressi.

Nell’esempio di una tendinite al braccio destro in una giovane mamma (P.L.)

Tomba, Cimitero, Milano, Italia, Triste, Dolore, Morte

esprimeva la sua difficoltà ad accettare che sua figlia divenuta più grande e non si comportasse più come sua mamma avrebbe voluto.

Tuttavia, insistendo mentalmente sia crea un conflitto anche nel soma, e una pressione inconsapevole sulla figlia che continuava a condurre la sua vita come desiderava.

Cuore, Stima Di Sé, Auto Liberazione, Auto-Riflessione

L’accettazione di questa constatazione farà precipitare rapidamente la tendinite al braccio, perché la Consapevolezza rende inutile il dolore.

In questi casi possono di aiuto i rimedi quali Fiori di Bach, che abbiano la macerazione naturale di entrami i fiori (maschile & Femminile) per aiutare nella comprensione ed evolvere in esperienze migliori.

(Ciani Francesco)