Tag Grassi

fegato disbiosi

Fegato e disbiosi

Una scarsa assunzione con l’alimentazione di colina (di cui è ricco il tuorlo d’uovo, ma anche le noci), così come una ridotta capacità dell’organismo di metabolizzarla possono portare a diversi problemi di salute a carico di vari organi, tra i quali il fegato. La quantità di colina necessaria all’organismo umano dipende quindi dallo stato della microflora intestinale, ed anche dal suo patrimonio genetico, come si può leggere nell’articolo The nutrigenetics and nutrigenomics of the dietary requirement for choline, pubbblicato su Prograss in molecular biology and translational science 2012;108:159-77, autori Corbin KD, Zeisel
Read More

Triptofano

La serotonina, presente nel sangue, è prodotta per il 95% nell’intestino, sempre a partire dal triptofano, né la serotonina né la melatonina riescono a passare la barriera emato-encefalica, cioè dal sangue entrare nel cervello. Pertanto il triptofano è l’unico precursore sia della serotonina che della melatonina.
Read More

Asse intestino cervello

Se il grasso corporeo è troppo scarso, il corpo inizia a intaccare le proteine dei muscoli per ricavare energia, entrando in quello che viene definito stato catabolico. Un eccesso di grasso corporeo invece – specialmente di grasso viscerale – è associato a malattie croniche come le cardiopatie, il diabete e il cancro
Read More

Frutta secca e semi

Se preferisci mangiare frutta secca e semi tostati, tostali tu stesso così da controllare la temperatura e il tempo di tostatura. Per esempio, i semi di zucca crudi si possono cospargere di sale himalayano (o altro tipo di sale naturale) e poi tostare in forno per quindici o venti minuti a bassa temperatura: non più di 80 gradi. Così facendo i danni del calore saranno ridotti al minimo.
Read More

Un uovo al giorno toglie i pregiudizi di torno

Il fegato sintetizza infatti circa di 1-2 g al giorno mentre l’organismo ne assume con la dieta 200-500 mg, (In occidente la media è circa 340 mg per l’uomo e 220 mg per la donna).Di quello endogeno (cioè prodotto dal fegato), una parte di quello in eccesso viene eliminata dal fegato stesso, cosicché la percentuale esogena (cioè proveniente dall'alimentazione) può arrivare al massimo al 20% sul totale.Solo se si mangia “malissimo” si arriva al 20%. Realisticamente quello alimentare è il 10%.
Read More

Cuore alimentazione grassi e colesterolo

Anche il fatto che latte e burro siano associate con un’aumentata mortalità da cardiopatia coronarica sarebbe forse da interpretare: quale latte? Da quali allevamenti? Da quali mucche? Alimentate ad erba e lasciate libere di pascolare, o alimentate a mais (possibilmente transgenico), vaccinate, ingravidate continuamente in maniera innaturale, per non parlare degli ormoni che negli Stati Uniti si somministrano per aumentare la produzione del latte?
Read More
× Sono qui per aiutarti