Il Fisiologico benessere del ciclo mestruale

Lampone – Specie: Rubus idaeus L. Famiglia: Rosaceae – Droga: gemme

Pianta sarmentosa, spinosa, spontanea nelle montagne, coltivata per i frutti aciduli e ricchi di sostanze benefiche. Le foglie contengono tannini, antociani, mucillagini e sono impiegate in tisane antinfiammatorie e astringenti.

Il macerato glicerico dei giovani getti in gemmoterapia, è indicato nella disfunzionalità e nei disturbi correlati alla sfera genitale femminile.

Pelle, Donna, Ragazze, Giovane, Biancheria Intima

L’azione è ascrivibile a principi attivi miorilassanti. Il macerato trova impiego sia nei disturbi leggeri e i malesseri collegati al ciclo mestruale, sia nei casi di disfunzione ed irregolarità del ciclo (dismenorrea, amenorrea), nonchè nella fase puberale, oltre a regolare la funzione delle gonadi in pre-menopausa e menopausa, rendendo il passaggio meno drammatico.

Ragazza, Finestra, Bellezza, Mani, Sognante, Memoria

A fianco alla sintomatologia organica, anche lo stato psichico femminile connesso con questa funzione, è positivamente influenzato dal lampone.

Immagine correlata
Frassino – Specie: Fraxinus excelsior L. – Famiglia: Oleaceae – Droga: gemme

Le foglie e la corteccia di questo pregiato albero delle foreste continentali, sono da secoli usate come tisana diuretica, antireumatica, antigottosa. Il gemmoderivato mantiene un’azione preminente come rimedio drenante delle vie urinarie, indicato per gotta e artrite gottosa.

Fantasia, Figura, Ragazza, Preghiera, Lutto, Emozione

Ma sempre secondo il medesimo principio di drenaggio e svuotamento degli organi cavi dell’apparato urogenitale, espleta un’azione emmenagoga e regolarizzante.

Secondo alcuni testi anche fibromi e cisti ovariche, possono essere trattate con questo gemmoderivato, il quale possiede anche un’azione contro le angosce che possono essere legate ad uno stato dismenorroico.

Risultati immagini per benessere del ciclo mestruale
Erica – Specie: Calluna vulgaris L. Famiglia: Ericaeae – Droga: gemme

L’erica o brugo, è un arbusto nano che popola i suoli poveri e acidi formando la caratteristica brughiera. Contiene arbutina, glucoside molto attivo sul sistema urinario sia come stimolante della diuresi che come antisettico delle vie urinarie.

Ugualmente il gemmoderivato ha un’azione preminente di tipo antisettica e può risultare importante nelle dismenorree con componente infiammatoria.

Farfalla, Pavone, Farfalle, Ala, Insetto, Animale

Segale – Specie: Secale cereale L. Famiglia: Graminacee – Droga: gemme

La segale è un cereale fra i più antichi coltivato nelle montagne di tutta Europa e dell’Asia, i grani sono ricchi di vitamine del gruppo B, niacina, acido pantotenico ed altre e contiene inoltre, minerali ed oligoelementi. In gemmoterapia, si usano le giovani radici nascenti dal seme che fungono da regolarizzatori a livello intestinale, epatico e ormonale.

Immagine correlata

Ribes Nero – Specie: Ribes nigrum L. Famiglia: Sassifragaceae – Droga: gemme

Il ribes nero è un arbusto spontaneo nei boschi dell’Europa continentale ma si ritiene di origine del massiccio dell’Atlante, introdotto in Europa dagli Arabi. Il ribes contiene sostanze attive praticamente in tutte le sue parti:

Ragazza, Donna, Ritratto, Cappello, Fiore, Guarda

acidi fenolici, flavonoidi e tannini sulle foglie, vitamina C e acido salicilico su foglie e frutti, acidi grassi essenziali nell’olio dei semi.

In gemmoterapia le gemme fresche macerate in soluzione idroalcolglicerica, agiscono sulle ghiandole surrenali stimolandole al rilascio di sostanze antinfiammatorie, importanti nei casi di infiammazioni a livello pelvico causa di dolori e spasmi.

Donna, Biondo, Ritratto, Ragazza, Colore, Abito

BIBLIOGRAFIA (by ErbeNobili®)
1. J. Gruenwald J., T. Brendler, C. Janicke, PDR for Herbal Medicines, II edizione, Montvale;Medical Economics Company, 2000. 2. M. Rombi, 100 Plantes medicinales, Ed. Romart, Nizza 1991. 3. V. Schulz, R. Hansel, V.E. Tyler, Rational phytotherapy

– A physician guide to herbal medicine, IV edizione, Springer, Berlino 2001. 4. J. Van Hellemont, Compendium de Phytotherapie, Association Pharmaceutique belge, Bruxelles 1986. 5. Coccolo M.F. La gemmoterapia – curarsi con l’energia vitale delle piante. Xenia Editrice, 2003 Milano. 6. Mearelli F., Sgrignani M. Terapia moderna con tinture madri, gemmoderivati ed oligoelementi. Ed. Planta Medica.

San Giustino 1992. 7. Duo E. La gemmoterapia – come curarsi e sentirsi in forma con l’uso de germogli. De Vecchi Editore, 1999. Milano. 8. Campanini E. Manuale pratico di gemmoterapia. Ed. Tecniche Nuove. Settimo Milanese, 2000. 

Menopausa e osteoporosi

Malattia Espressione dell’AnimA

Questa “malattia” esiste da sempre, la sua diagnosi fino a poco tempo fa non veniva messa automaticamente in rapporto con la menopausa.

Con l’osteoporosi si verifica un aumento della decalcificazione, che di per sé non è un sintomo patologico, ma un segno normale del cambiamento del corpo in questa fase della vita.

Dragon, Donna, Umano, Stone, Ciottolo, Pietre

Nonostante ciò, i ginecologi ricorrono solo da pochissimo tempo agli estrogeni per curarla.

Tale terapia ha su molte donne il piacevole effetto di far sì che la menopausa non venga più vissuta come una pausa. Il corpo viene così ingannato dagli estrogeni da credere che tutto sia rimasto come prima e che il cambiamento non si sia ancora verificato.

Chi ha paura della decalcificazione delle ossa e della mancanza di calcio, dovrebbe introdurre calcio.

Tulipani, Due, Primavera, Aprile, Menopausa

È però interessante notare che in questa età le dosi di calcio assunte non hanno alcun effetto. Il corpo le considera come superflue e le espelle:

di fatto tende ad alleggerirsi, non ha più bisogno di una struttura ossea massiccia, perché avanzando nella vita anche le necessità cambiano e gli interessi si spostano da un’attività esterna a una interiore.

Non c’è più tanto bisogno di appoggiarsi sulle ossa fisiche; appare piuttosto necessario trovare un sostegno alla struttura interiore dell’anima.

Risultati immagini per menopausa

La menopausa, con riferimento alla vita esteriore, dovrebbe avere un aspetto di pausa e riposo.

Solo attraverso l’inganno del corpo è possibile costringerlo a immagazzinare ancora calcio nelle ossa.

Con questo trucco ormonale si può ignorare il cambiamento, continuare a fingere di essere giovani e a contare sulle proprie ossa. Per questo, nel culto della giovinezza che oggi domina incontrastato e nel rifiuto della vecchiaia, la simpatia per questo inganno non deve meravigliare.

Fiore, Menopausa, Purple Coneflower, Giardino, Natura

Resta da chiedersi se valga la pena di sacrificare la possibilità di controllare consapevolmente la crisi di passaggio della vita per amore di una menzogna.

È necessario alleggerirsi sia nel fisico che nell’anima per prepararsi al ritorno. Dobbiamo sbarazzarci della zavorra. Più lo facciamo in senso figurato, più stabile rimarrà la struttura del corpo.

Delizia, Бодуар, Passione, Ragazze, Modello, Erotica

L’uomo moderno, nonostante gli venga richiesto esattamente il contrario, ha un atteggiamento ostile nei confronti dei cambiamenti della vita. Il semplice passaggio dall’estate all’inverno e viceversa è sufficiente a far sì che milioni di persone si sentano collettivamente frustrate e si prendano le loro influenze primaverili o autunnali.

I virus necessari sono a disposizione ovunque.

Risultati immagini per menopausa
Sembra così semplice far pagare al corpo tutto ciò che non ci piace.

La medicina appoggiando questo gioco commette un grave errore e si preclude possibili sviluppi. Se riflettiamo sulle tesi dei ginecologi, non possiamo che rimanere esterrefatti.

Coppia, Baciare, Romanticismo, Uomo, Donna, Amore

Chi spaventa le donne dicendo loro che rischiano di rompersi le ossa se non ingeriscono estrogeni, dovrebbe chiedersi come abbiano fatto miliardi di donne, prima della moda degli estrogeni, a superare questo periodo senza pericolose fratture, e come vi riescano ancor oggi molte donne anziane.

Questo argomento è superato per impudenza solo da quest’altro, che nella menopausa le donne si sentono ripetere spesso:

«Se non si farà togliere l’utero, potrebbe degenerare in tumore maligno».

Mani, Amore, Coppia, Insieme, Dita, Persone, Umano

Con la stessa logica si potrebbe consigliare l’amputazione delle braccia, visto che in qualsiasi momento la pelle potrebbe ammalarsi di cancro e degenerare. Tutto questo allarmismo ha portato non solo a un aumento senza precedenti di operazioni all’utero, ma ha anche contribuito a diffondere una preoccupante insicurezza.

Naturalmente esistono situazioni in cui un utero deve essere tolto. Ma come fa una donna a sapere se il ginecologo ha intrapreso una crociata contro gli uteri o se la sua diagnosi ha basi mediche fondate?

Risultati immagini per menopausa
Nella problematica dell’osteoporosi non c’è purtroppo alcun trucco corrispondente, eccetto forse un richiamo al sano intelletto umano e uno sguardo alla catena delle generazioni femminili, dalla nostre nonne fino ad Eva, la prima donna.

Tutte hanno dovuto mantenere in ordine il loro equilibrio ormonale senza l’aiuto dei ginecologi, sono vissute in media più a lungo dei loro mariti e in ogni caso non si sono fratturate le ossa più spesso di oggi.

Gleise, Rotaie, Treno, Argine Ferroviario

La profilassi che appare più logico adottare per tutta questa problematica, consiste nel vivere in modo tale da soddisfare pienamente il polo femminile prima dell’inizio del periodo climaterico.

Se questo è avvenuto, il trasferimento di questi temi a livello psico-spirituale determina un profondo sollievo. Chi nelle situazioni opportune ha donato il suo calore all’uomo, non ha bisogno ora di trovare occasioni per trasformarsi in una donna calorosa.

Risultati immagini per menopausa
Sarebbe più naturale fare fuoco e fiamme per altri contenuti e ardere di entusiasmo per il polo opposto, il mondo spirituale. Chi ha già appagato il suo desiderio di discendenza, può permettere che in menopausa nel suo utero avvengano tutti i mutamenti necessari.

Fertilità e crescita appartengono ora al livello dell’anima e dello spirito.

Ragazze, Lesbiche, Migliori Amici, Femminile, Ladies

Chi nel climaterio si libera della zavorra e riqualifica la vita trasferendo le energie dall’esterno all’interno, non ha più bisogno di ossa tanto pesanti: le ossa più leggere bastano per affrontare senza pericolo di fratture il ritorno a casa dell’anima.

Domande

1. Sono in grado di affrontare il compito del cambiamento, che avanza insieme alla crisi della mezza età?
2. Ho accettato e soddisfatto i miei desideri di procreazione, oppure faccio sì che quello che mi manca cresca sotto forma di mioma?
3. Ho vissuto in modo sufficientemente intenso? Mi sono saziato?
4. Ci sono piani sui quali vorrei cambiare e di cui non mi fido?
5. Dove potrei diventare simbolicamente fertile?
6. Di quale zavorra mi devo liberare? Quale compito devo affrontare?
7. Dove mi manca la struttura? Dove posso trovarla?
(Dott. Rudiger Dahlke)

Ragazze e sindrome policistica

Mamme policistiche e segni della sindrome nelle figlie

Pubblicato il Apr 25, 2016 07:25 PDT

Un nuovo studio condotto presso la Northwestern University ha scoperto che le bambine figlie di donne con sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) mostrano i marcatori della malattia.

In questo studio, i dati hanno rivelato che le bambine nate da mamme con PCOS producono alti livelli di un enzima che attiva l’ormone testosterone.

Bella, Ragazza, Donna, Giovane, Ritratto, Femminile

Precedenti studi in modelli animali hanno dimostrato che l’esposizione al testosterone nella prima infanzia aumenta il rischio di sviluppare sintomi PCOS simili, come la resistenza all’insulina negli animali esposti.

Questi risultati aprono nuove opportunità per il trattamento di questa malattia complessa, che pone le donne a rischio per l’obesità, pre-diabete, infertilità e altre malattie croniche come malattie cardiache.

Mattina, Ragazza, Bella, Femminilità, Tenerezza

Attualmente, PCOS non può essere diagnosticata prima della pubertà, quando si manifesta in modi diversi, tra cui ritardo o irregolari mestruazioni, l’acne e la crescita di peli in eccesso sul viso e sul corpo.

La PCOS aumenta anche il rischio di depressione e ansia, che accoppiato con i sintomi fisici, disturbi sociali ed emotivi.

Immagine correlata

La PCOS è spesso sottodiagnosticata, perché i sintomi rispecchiano molti dei cambiamenti associati con la pubertà. Molte donne non scoprono che hanno PCOS fino a quando si cerca senza successo di una gravidanza.

Proattività è la chiave con PCOS. Una volta diagnosticata, PCOS risponde molto bene agli interventi di stile di vita come la dieta ricca di fibra da frutta e verdura e l’esercizio fisico, che sono di aiuto di per sè per migliorare la sensibilità all’insulina e all’inizio dell’ovulazione e le mestruazioni.

Donna, Ritratto, Ragazza, Persone, Modello, Sexy

Capire il collegamento genetico alla PCOS rappresenta un passo da gigante nella nostra comprensione di questa condizione e la possibilità di gestire e anche prevenire, gravi conseguenze per la salute in una generazione di giovani donne.

http://www.pullingdownthemoon.com/blog/2016/april/infant-girls-of-moms-with-pcos-show-signs-of-syn.aspx?utm_content=buffercec9e&utm_medium=social&utm_source=plus.google.com&utm_campaign=buffer

Meridiano dello Stomaco

Il Principio della Terra

Il Principio della Terra presiede al pensiero, alla riflessione, alla meditazione.

Tutto ciò che concerne la memoria o più esattamente l’esperienza sperimentale dipende da esso. La ragione, il realismo, il buon senso sono governati dalla Terra, come pure le preoccupazioni o le ripetizioni ossessive.

Pancia, Cuore, Amore, Ragazza, Relax, Rilassarsi

Le energie della Terra vengono assimilate grazie ai due meridiani associati a questo Principio. Esso si occuperà quindi del nostro rapporto con la «materia», basato sulla padronanza, sul possesso, sul dominio, sull’appropriazione e sul potere che abbiamo su di essa.

La Terra ci permetterà di digerire e assimilare tutto ciò che riguarda il mondo tangibile, materiale. La gelosia, l’invidia, come pure l’abbondanza, la prodigalità appartengono alla Terra.

La Tutela Ambientale, Conservazione Della Natura

Due meridiani sono associati al Principio della Terra, ossia i meridiani dello Stomaco e della Milza-Pancreas.

IL MERIDIANO DELLO STOMACO

Lo Stomaco riceve e trasforma l’energia della Terra mediante la digestione. Il suo meridiano riguarda lo stomaco e l’intero tubo digerente.

Presiede alla digestione delle cose, tanto sul piano fisiologico (quello che abbiamo mangiato) quanto su quello psicologico (ciò di cui ci siamo appropriati, avvenimenti, esperienze, eccetera).

Grembiule, Summer Dress, Ragazza, Donna, Gambe, Foresta

Si incarica dell’acquisizione degli alimenti fisici (nutrimento) o psicologici (avvenimenti), del loro momentaneo stoccaggio e della loro prima trasformazione.

Si occupa quindi di tutto ciò che concerne il nutrimento «materiale» di ognuno di noi, permettendoci di dominare, possedere ed appropriarci della materia che abbiamo ingerito.

Abito, Ragazza, Bella, Donna, Moda, Femminile, Bellezza

Esso è in relazione con i movimenti degli arti e con il calore prodotto dal corpo, perché questi favoriscono un buon funzionamento dello stomaco e del tubo digerente.

Questo meridiano, che è in rapporto con l’appetito, presiede alla formazione del latte materno (nutrimento dell’altro), al funzionamento delle ghiandole genitali, delle ovaie e al flusso mestruale.

Donna, Piuttosto, Ragazza, Capelli, Bello, Donne

Possiamo ben vedere quanto sia importante il rapporto di questo meridiano con l’alimentazione, poiché controlla quella che riceviamo (cibo, informazioni), come pure quella che diamo (latte materno) o che trasmettiamo (educazione, formazione).

A livello fisiologico, come il suo complementare Milza-Pancreas, questo meridiano corrisponde alla carne, ai tessuti connettivi, alla massa muscolare, e si localizza fisicamente nella zona della bocca e sulle labbra.

Gambe, Finestra, Auto, Strada Sterrata, Relax, Donna

Sul piano psicologico viene associato al pensiero, alla memoria, alla ragione e al realismo, alla riflessione e alle preoccupazioni.

La sua ora solare si colloca tra le 7 e le 9 del mattino e termina il suo percorso sulla punta del secondo dito del piede.

(Michel Odoul)