Tecniche per la Guarigione e Comprensione

Guardare oltre le stelle

Non è inconsueto che l’Anima di una persona venga ferita dalle avversità o da situazioni stressanti, fisiche, emotiva, organiche ecc., specialmente se quella persona combatte da anni contro una malattia del mistero. È per questo che L’Universo (che è un’estensione della Coscienza) ha donato alla nostra Anima un dispositivo di sicurezza.

Galassia Di Andromeda, Via Lattea, Collisione, Spazio

La maggior parte della tua Anima è dentro di te, qui, sulla Terra. Ma lassù nell’etere, oltre le stelle, c’è memoria dell’essenza della tua anima. A prescindere da ciò che accade nella tua vita terrena, l’essenza della tua anima rimane al sicuro perchè immortale. Il corpo è un cappotto che se va perduto, puoi comunque continuare la tue esperienza di Vita in altri contenitori (corpi) spalmati nel tempo e nello spazio.

Sono molti i modi in cui le persone si perdono qui sulla Terra.

Via Lattea, Stelle, Notte, Cielo, Panorama, Deserto

L’anima può subire prarassitaggi nel corso della vita, o addirittura perdere dei pezzi del proprio contenitore. Le ferite – fisiche o emotive, derivanti da vite passate, dal lavoro o dall’infanzia – inducono le persone a cercare la propria Anima. Anche le dipendenze assumono forme e proporzioni diverse e possono rubare l’Anima di una persona.

Esistono dipendenze dall’alcol e dalle droghe, ma anche dal cibo, dal gioco d’azzardo, dalla considerazione negativa di sé, da spiriti e molte altre. La dipendenza è un veleno che porta le persone ad allontanarsi talmente tanto da se stesse che diventano quasi senz’anima.

Via Lattea, Galaxy, Notte, Cielo, Stelle, Universo

Tuttavia tu non potrai mai perderti completamente. Hai sempre la capacità di ricongiungerti con la tua Anima con la tua Mente e il tuo Spirito , parti della stessa Coscienza dentro di TE.

Non devi più tormentarti per cercare quel senso di completezza fuori di te.

Tu sei già Completo solo non lo ricordi e ti identifichi con la vita che pensi di vedere e vivere fuori, la stessa credenza ti sta sperando da te stesso.

Delicate Arch, Tramonto, Pietra, Formazione, Arenaria

Per integrare la tua Anima, soffermati ogni sera a contemplare il cielo. Prima entra in comunione con le stelle: l’Anima ha un legame telepatico diretto con le stelle. Lascia risuonare per qualche istante la luce e la meraviglia della loro esistenza.

Prima entra in comunione con le stelle: l’Anima ha un legame telepatico diretto con le stelle. Lascia risuonare per qualche istante la luce e la meraviglia della loro esistenza.

Cane, Lupo, Yelp, Luna, Albero, Notte, Cielo Stellato

Poi sposta l’attenzione allo spazio che si estende oltre le stelle, dentro di TE, immagina che tu vieni da lassù, in un luogo in cui non esiste la sofferenza, ma non eri completa eri solo uno Spirito.

È il luogo che alcuni chiamano Cielo, Dio, la Luce o Infinito.

Forse queste parole ti evocano associazioni spiacevoli e preferisci non dare un nome a quel luogo, perché tu li non eri completa, in ogni caso ricorda che una parte di te ricorda di aver scelto di incarnarsi per divenire Uno, per non morire mai più, per comprendere e superare la dualità imposta discendendo in un corpo finito, e lasciando il corpo divenire Infiniti, in quel santuario ed è invulnerabile alle avversità della vita tu Sei lì, si proprio Tu nel tuo Cuore.

Stelle, Cielo Stellato, Galaxy, Notte Cielo Stelle

Sappi che quando varcherai la soglia, quella è la tua destinazione. Pensa dentro di te: “la casa a cui appartengo e un giorno ci tornerò con affetto è già dentro di me, come essere infinito e completamente integrato e Cosciente, nel mio Cuore e nella mia Vita.” 

Dedica tutto il tempo che desideri a questo esercizio. L’obiettivo è ripeterlo e rafforzarne l’effetto. quello di allargare l’Universo e le stelle dentro di TE, Adesso!!!

Sfondo, Natale, Decorazione, Holiday, Celebrazione

Puoi guardare le stelle anche solo tre minuti ogni sera e sentire che la tua Anima si rinvigorisce in modi sorprendenti.

Francesco Ciani

Un uovo al giorno toglie i pregiudizi di torno

Oggi esistono molte convinzioni sbagliate, riguardanti l’alimentazione, che nascono da credenze popolari

diventano leggende metropolitane e vengono ritenute vere nonostante non vi sia alcun valore scientifico. Sicuramente l’uovo rappresenta l’alimento più penalizzato da tali convinzioni.

Uovo, Uova Di Gallina, Uova Crude, Guscio D'Uovo

Ricordate, quando da bambini, molti di voi mangiavano l’uovo tutte le mattine a colazione?

Per decenni i nutrizionisti hanno condannato le uova, consigliandone massimo una-due alla settimana, senza badare (come avviene spesso nell’alimentazione) alla qualità e alla provenienza di quell’alimento.

Uova Fritte, Prima Colazione, Toast, Cibo, Uovo, Tuorlo

Tutto si riduceva semplicemente a una mera distinzione in base alle calorie, grassi, carboidrati e proteine. Senza pensare che ormai, nell’era del cibo industriale, del packaging e delle “calorie vuote”, non si può più parlare, anche se i grandi filosofi e professori universitari lo fanno in televisione e sui giornali, di nutrienti, come si faceva fino a qualche anno fa.

Il motivo della demonizzazione delle uova è semplice: le linee guida per una corretta alimentazione consigliano di non superare i 300 mg di colesterolo al giorno, e un uovo ne contiene ben 250. Da solo, ricopre quindi più dell’80% del massimo consentito.

Pane, Prosciutto, Max Stretto, Uovo, Fritto, Cibo

Da qualche anno a questa parte, la posizione dei nutrizionisti si è decisamente ammorbidita, dopo la scoperta, ormai ANNI FA, che l’80% del colesterolo che circola nel sangue è prodotto dall’organismo (dal fegato per la precisione, sotto l’influenza dell’insulina) e solo il 20% deriva da quello introdotto con l’alimentazione.

Un errore comune (il problema è che lo pensano anche la maggior parte dei medici!) è credere che tutto il colesterolo circolante provenga dai cibi.

Asparagi, Verde, Asparagi Verdi, Tempo Di Asparagi

Il fegato sintetizza infatti circa di 1-2 g al giorno mentre l’organismo ne assume con la dieta 200-500 mg, (In occidente la media è circa 340 mg per l’uomo e 220 mg per la donna).

Di quello endogeno (cioè prodotto dal fegato), una parte di quello in eccesso viene eliminata dal fegato stesso, cosicché la percentuale esogena (cioè proveniente dall’alimentazione) può arrivare al massimo al 20% sul totale.

Solo se si mangia “malissimo” si arriva al 20%. Realisticamente quello alimentare è il 10%.


Risultati immagini per uova mattino

Quindi il controllo della produzione endogena avviene secondo un meccanismo che riduce la quantità di colesterolo endogeno, se aumenta quello assunto con la dieta e viceversa, per cui è troppo semplicistico sperare di controllare il colesterolo, eliminando dalla propria alimentazione i cibi ricchi di colesterolo (eliminazione che farebbe aumentare quello endogeno!!!

La biochimica non è una cosa che si improvvisa, ma si studia, cari medici che date ai vostri pazienti i foglietti con la lista degli alimenti contenenti colesterolo, dicendo di eliminarli!

Uovo, Fritto, Lutto, Divertimento, Divertente, Carino

A tal proposito, vi ricordo che quei foglietti li stampa la ditta farmaceutica che vende farmaci per abbassare il colesterolo e non ha nessun interesse a farlo abbassare, sennò non guadagna!

E poi, ma quanti di voi, leggendo il foglietto illustrativo, hanno bisogno di eliminare le ostriche e i crostacei dall’alimentazione?


Uova Di Pasqua, Cesto, Colore, Colorato, Uovo, Pasqua

Quanti di voi mangiano ostriche e crostacei tutti i giorni? Comunque, di colesterolo ne parleremo meglio in un’altra puntata….se sarò ancora vivo). Tornando al discorso del colesterolo “alimentare”, tenete bene in mente che i precursori del colesterolo sono i glicidi (cioè gli zuccheri! E non i grassi!)

Infatti la sintesi del colesterolo nel fegato è controllata dall’enzima HMG-CoA-reduttasi che a sua volta viene attivato dall’insulina (pensate un po’, è l’enzima verso cui agiscono i farmaci per abbassare il colesterolo! Che strano!)

Prima Colazione, Cibo, Piatto, Colazione Inglese

Questo significa che un soggetto che soffre di ipercolesterolemia che riduce il colesterolo introdotto con l’alimentazione potrà al massimo agire su quel 20%, e anche riducendo a zero l’introito di colesterolo con tutta probabilità il suo organismo continuerà a produrne troppo.

Inoltre, un organismo sano è in grado di espellere il colesterolo in eccesso assunto con l’alimentazione, grazie ad un meccanismo di autocontrollo.


Risultati immagini per uova mattino

Questo meccanismo riduce ulteriormente l’influenza del colesterolo alimentare sui valori di quello ematico. Sono numerosi infatti gli studi che hanno smontato la loro cattiva e immeritata fama quali alimenti responsabili dell’innalzamento del colesterolo.

Non ultimo, una recente indagine epidemiologica del Journal of the American College of Nutrition ha dimostrato come le vecchie ricerche scientifiche, nello stigmatizzare questo alimento, sopravvalutassero l’incidenza del colesterolo contenuto nelle uova sul rischio cardiovascolare, omettendo di verificare il peso concomitante di altri fattori.

Prima Colazione, Sano, Hummus, Diffusione

Quindi il nesso colesterolo alto e malattie cardiache, andrebbe RIVISTO SCIENTIFICAMENTE!

Tornando alle uova, sempre la SCIENZA, ha dimostrato che le uova, non fanno male al fegato pur contenendo un’elevata quantità di colesterolo, (presente soprattutto nel tuorlo), ma al contrario contengono sostanze utili per il buon funzionamento delle cellule epatiche, come gli aminoacidi epatoprotettori (metionina e colina) e una sostanza (l’inositolo) utile in particolare per chi soffre di steatosi epatica (fegato grasso), che è un fosfolipide presente nel tuorlo dell’uovo, che tende anzi a contrastare l’assimilazione del colesterolo.
Risultati immagini per estratti di frutta e verdura
Quindi, per tutti i frequentatori di palestre che comprano i “bianchi d’uovo” cioè gli albumi, si può sapere perchè pensate che facciano bene?

Vi siete chiesti da quali galline e quali processi industriali provengono quelle miscele?
La certezza è che le uova di gallina (le più consumate) forniscono il più alto quantitativo di proteine ad alto valore biologico (cioè sono complete di tutti gli aminoacidi, sia essenziali che non essenziali) assumibile con un solo alimento, fondamentali per molte funzioni dell’organismo.

Sono ricche inoltre di ferro e di vitamina B12, nutrienti essenziali per combattere l’anemia, e apportano quantità significative di vitamine e minerali, compresa la vitamina A, la riboflavina, l’acido folico, la vitamina B6, la colina, il calcio, il fosforo e il potassio.


Risultati immagini per estratti di frutta e verdura e bacon

Dunque le uova sono una fonte dall’alto valore proteico e nutritivo a bassissimo costo.
La maggioranza dei grassi riscontrabili nell’uovo sono grassi monoinsaturi e polinsaturi, benefici per l’organismo e persino protettivi di cuore e arterie, con buona pace dei pregiudizi.

Chi pensa che le uova siano nocive per la linea deve poi sapere che, abbinato a una dieta equilibrata, il consumo di uno-due uova a colazione non fa ingrassare e addirittura facilita la perdita di peso, come ha mostrato una ricerca americana.Sicuramente bisogna agire con il buon senso e non fare abuso di questo alimento.

Scritto dal Dr. Antonio Pacella
13 maggio 2015 da Redazione

Succhi freschi di verdura e frutta

Di cosa ha bisogno il nostro corpo?

 
ll corpo umano dipende in maniera indissolubile dalla qualità del cibo di cui si nutre e dalla sua compatibilità con i bisogni del nostro stesso organismo.
 
La gente ne è divenuta consapevole ma solo in questi ultimi due secoli. Gradualmente, è stata fatta sempre più luce sul misterioso funzionamento dell’anatomia umana e sul modo in cui il corpo utilizza i minerali e le vitamine di cui il cibo è costituito.
 
Frutta Facoltativo, Verdure, Sano, Frutta, Alimentari
 
I risultati ottenuti nel favorire la guarigione da quasi tutti i disturbi o le indisposizioni sono da considerarsi pressoché fenomenali in tutto il mondo, soprattutto per quanto riguarda la terapia a base di succhi o Juice Therapy.
 
Oggi chiunque non conosca il valore nutrizionale e terapeutico dei succhi di verdure e frutta fresche è deplorevolmente disinformato. Già dal secolo scorso erano disponibili i succhi freschi di verdure e frutta e oggi il loro valore è stato definitivamente riconosciuto da tutti i bene informati, inclusi innumerevoli professionisti, anche se non addetti ai lavori.
 
Frutta E Verdura, Frutta, Banana, Banane, Negozio
 
La ragione dell’efficacia dei succhi freschi sta nel fatto che, separando gli elementi minerali e l’acqua distillata dalle fibre, questo cibo liquido viene digerito nel giro di pochi minuti. I processi digestivi servono a separare gli elementi minerali dalle fibre e, inoltre, richiedono lavoro e tempo – anche ore – perché il nutrimento possa essere utilizzato dagli organi della digestione.

Questi processi di digestione delle verdure e della frutta integre consumano molta energia e tale energia viene ricavata proprio dal cibo.


L'immagine può contenere: bevanda e cibo
 
Una porzione del cibo “solido” che viene ingerito è dunque sottratta all’obiettivo nutrizionale per essere invece utilizzata sotto forma di carburante per generare questa energia.

Ecco quindi la risposta alle domande più comuni:

 
perché non mangiare verdure e frutta intere anziché sotto forma di succhi?
Nelle fibre non c’è nutrimento benché esse servano per finalità estremamente utili e rappresentino per noi una necessità.
 
Frutta, Avocado, Limone, Arancione, Fragole, Lamponi
 
Le fibre agiscono nell’intestino come una scopa. Dopo aver viaggiato attraverso lo stomaco, il duodeno e oltre sette metri e mezzo di intestino tenue, queste fibre raggiungono il colon sotto forma di particelle microscopiche di cellulosa. Il colon tratta la cellulosa come fibra e la utilizza come tale.
 
Senza fibre il colon, e l’intero corpo, non riuscirebbero a mantenersi in condizioni di salute. È dunque d’obbligo che ogni giorno della nostra vita veda, nell’ambito di una dieta equilibrata, come portata principale una insalata comprendente diverse verdure, crude!
 
Risultati immagini per estratti vivi di frutta
 
Per guidarvi nella scelta e nella preparazione di queste insalate, ho scritto il libro The Vegetarian – Guide to Diet & Salads (o Diet & Salad Suggestions nelle edizioni più datate).

Voglio sottolineare anche come sia praticamente impossibile ottenere, anche se biologico, il prodotto perfetto da ogni seme. La ragione sta nel fatto che nella crescita di una pianta sono coinvolti molti fattori che variano, a volte radicalmente, da un lotto di terreno a un altro. Inoltre oggi ci sono numerose varietà di quasi ogni tipo di alimento.

Per esempio ecco di seguito alcune delle varietà di carote disponibili:


Alimentari, Frutta, Verdure, Sano, Pomodoro, Paprika
 
Imperatore, Chantenay, Danvers e Oxheart, ognuna delle quali ha una composizione in minerali leggermente diversa, ma non tale da sottrarle alla categoria della carota. Questo accade anche per altri vegetali. Noi dobbiamo utilizzare tutte le informazioni analitiche sul cibo e ricavarne una guida generale.
 
E ciò proprio sulla base delle condizioni variabili del terreno, del clima, del luogo e del metodo con cui la semina viene effettuata. Una corretta varietà di vegetali nelle nostre combinazioni alimentari assicura al nostro corpo tutte le vitamine e i minerali di cui ha bisogno.
 
Risultati immagini per estratti vivi di frutta
 
Gli alimenti da agricoltura biologica, se disponibili, hanno di regola una qualità superiore; purtroppo però spesso non sono disponibili. Sarebbe comunque un errore diventare fanatici riguardo la qualità del cibo che siamo obbligati ad acquistare al supermercato.
 
Chi ha acquisito una consapevolezza troppo profonda in materia per potersi accontentare, è meglio forse che si trasferisca in un luogo dove egli stesso può coltivare il cibo che consuma.
 
Frutta, Verdure, Mercato, Nutrizione, Apple, Still Life
 
Ed è proprio con questo obiettivo in mente che ho scritto il libro Back to the Land for Self-Preservation. Parlando in generale, se non riuscite ad acquistare esattamente il cibo che volete, per tutto il tempo che è necessario acquistate il migliore disponibile.
 
Semplicemente assicuratevi di scegliere gli alimenti più freschi e di migliore qualità tra quelli a disposizione e questo vale sia per ciò che acquistate per le vostre insalate sia per i vostri succhi.

Succhi freschi di frutta e verdura byDottorNormanW.Walker

Il glucosio e l’obesità

Secondo il mio parere, l’obesità non va vista solo come la causa (o concausa) di tutte le malattie

 
ma l’espressione più evidente di un comportamento alimentare e di uno stile di vita errati. Atteggiamenti che mettiamo in atto ogni giorno, non curanti che siano lesivi verso la nostra stessa salute, che hanno come evidenza immediata, il fenomeno dell’obesità.
 
Diabete, Siringa Insulina, Insulina, Siringa, Malattia
 
Tali atteggiamenti, non esistendo nel vocabolario un termine descrittivo immediato, l’ho individuati coniando il termine “Obesivo”, affinché sovrappeso e obesità, non vengano visti solo come uno stato patologico momentaneo, ma come atteggiamenti ben definiti che determinano un aumento del peso complessivo del corpo e causano l’insorgere di malattie degenerative.
 
Ma soprattutto devono rappresentare il campanello di allarme più evidente di un atteggiamento (Obesivo) che deve essere assolutamente corretto in tempo.

Gli atteggiamenti “obesivi” 

Miele, Sweet, Sciroppo, Organici, D'Oro
 
Il nostro corpo è davvero una macchina perfetta, in grado di funzionare utilizzando gli alimenti, ogni giorno ingeriti con la nostra dieta. Addirittura è capace di tutelarsi contro il rischio di carestie, permettendoci quindi di accumulare energia nei momenti di sovrabbondanza di cibo.

Ovviamente l’evoluzione non avrebbe mai previsto uno stile di vita in assenza di carestie (e di attività fisica), ma soprattutto l’entrata in gioco dei farinacei e dello zucchero.
 
Candy, Zucchero, Sweet, Spuntino, Colorato, Mangiare
 
E soprattutto non avrebbe mai immaginato, che l’uomo con la sua intelligenza poteva decidere di ignorare i segnali del proprio corpo, ed iniziare delle modalità alimentari contrarie al proprio Dna. Vediamoli nel dettaglio gli atteggiamenti obesivi.

Potremmo evidenziare tre differenti atteggiamenti.

Il primo “un consumo eccessivo di calorie”.
Il secondo “saltare i pasti, per poi esagerare con il mangiare la sera”.
Il terzo può sembrare il più virtuoso, perché non si superano le 2.000 calorie, “resistere alla fame, che sopraggiunge tra un pasto ad un altro” (ad esempio, dalla colazione al pranzo).
 
Diabete, Diabete Con Bambino, Diabete Nei Neonati
 
Considerate che il nostro metabolismo consuma mediamente 2.000 calorie al giorno (peso nella norma), che potremmo suddividere in 50 calorie/ora nelle 12 ore dalle 21 alle 9 e, 115 calorie/ora dalle 9 alle 21.

Nel primo caso, molte persone non riescono a fermarsi a questa soglia, perché si sentono affamati tutto il giorno. Questo dipende dai nostri menù a base di carboidrati (si digeriscono ogni due ore) che ci inducono a consumare 5 pasti giornalieri (colazione, spuntino prima mattina, pranzo, snack del pomeriggio e cena).

Quindi inevitabilmente superiamo le 2.000 calorie ed ingrassiamo.

Giovane Donna, Ragazza, Sportivo, Natura, River, Sport
 
La domanda da farsi è:
Come mai nonostante le calorie assunte il nostro corpo ci fa sentire ancora fame (come se avessimo ancora bisogno di calorie)?
 
Facciamo degli esempi. Partendo dalla colazione, molti di noi mangiano i cornflakes (una sola tazza conta 500 calorie) che dovrebbe coprire il fabbisogno di 3/4 ore (116 calorie per ora). Dopo due ore però, sentiamo il bisogno di fare uno spuntino a mezza mattinata (circa 300 calorie).

Perchè avviene questo?

Tagliatelle, Pasta, Raw, Pomodori, Basilico, Cibo
 
Sostanzialmente abbiamo messo da parte il carboidrato ingerito e trasformato in grasso. Difatti il carboidrato si é trasformato in glucosio (nelle due ore successive al pasto) e l’insulina lo ha fatto assimilare alle cellule (obbligandole ad andare a zucchero usando la glicolisi), ed inviando il residuo al fegato per trasformarlo in trigliceridi per poi farlo stipare alle cellule adipose.
 
Quindi solo una parte delle calorie ingerite è consumata, mentre una buona percentuale viene accumulata.
 
Sfondo, Baker, Cottura, Cucina, Culinaria, Cultura
 
Poi il calo glicemico insieme alla diminuzione di leptina nel sangue, ci induce di nuovo il senso di fame (attivazione della grelina). È facile comprendere perché tale atteggiamento ci conduce ad ingrassare.
 
Nel secondo caso, alcune persone preferiscono saltare dei pasti (la colazione o il pranzo), per poi affogarsi di cibo nel loro unico pasto.
 
Cupcakes, Dessert, Glassare, Cibo, Torta, Sweet
 
Tale atteggiamento può essere definito “Obesivo”, in quanto il nostro corpo, per il periodo nel quale lo lasciamo senza cibo, utilizza il cortisolo per cannibalizzare i nostri muscoli (ricorrendo solo in parte alle riserve di grasso) e coprire il fabbisogno energetico. Inoltre quando non facciamo colazione, si abbassano i livelli di leptina nel sangue e ciò causa una diminuzione dell’attività della tiroide.

Risultati immagini per glucosio obesità
Quando finalmente introduciamo un pasto abbondante di carboidrati, accumuliamo in due ore il grasso che nella prima ipotesi avremmo accumulato nell’intera giornata.
 
Questo è il motivo per cui chi afferma di mangiare solo la sera, in realtà non ha possibilità di dimagrire e nel contempo sta catabolizzando la propria massa muscolare e la matrice e rallentando il metabolismo.
 
Dessert, Fragola, Crostata, Bacca, Frutta, Cupcakes
 
Nel terzo caso, a volte, nonostante non si superi la soglia di 2.000 calorie, iniziamo comunque ad ingrassare. Molti risponderebbero che dipende dagli ormoni e ciò, in qualche modo, ci autorizza a comportarci irresponsabilmente (tanto è colpa degli ormoni e non ci possiamo fare nulla!).
 
Un’alimentazione ricca di carboidrati causa l’intervento del cortisolo che sopperisce ai cali glicemici, catabolizzando i nostri muscoli e diminuendo nel contempo l’utilizzazione delle riserve di grasso.
 
Risultati immagini per glucosio obesità
 
Tale fenomeno risulta molto evidente, quando due ore dopo aver consumato una colazione a base di carboidrati, il nostro sangue rimane senza zucchero e percepiamo di nuovo la fame. Resistere non ci permetterà d’intaccare le riserve di grasso, ma di diminuire la nostra massa magra o far diminuire il metabolismo.
 
In qualche modo è come se le calorie consumate dal nostro corpo nelle due ore che ci separano dal pranzo (116 x 2), provenissero da uno spuntino (anche se ci siamo mangiati il nostro corpo).
 
Dieta, Contacalorie, Perdita Di Peso, Salute, Cibo
 
Per questo motivo, consumare meno calorie durante il giorno (se i pasti sono a base di cereali), non assicura il dimagrimento, ma al contrario può indurre un calo della produzione degli ormoni tiroidei (diminuzione del metabolismo).

Assumere atteggiamenti non “obesivi” è fondamentale.

L’utilizzo di alimenti ancestrali come carne, pesce, frutta e verdura, essendo costituiti da proteine e grassi e da pochi carboidrati, aumenta il tempo digestivo dei carboidrati dalle 2 alle 4-6 ore, aumentando anche il senso di sazietà dovuto all’ormone della colecistochinina.
 
Hamburger, P, Patatine Fritte, Pancia

Tale ormone è stimolato correttamente dal consumo di grassi e si mantiene più a lungo nel sangue.

Al contrario i carboidrati causano dei picchi eccessivi di leptina (ad opera dell’insulina) per poi far calare questo ormone nel sangue, causando la produzione della grelina (ormone della fame). Ad esempio una colazione salata pur apportando 500 calorie, sarà interamente consumata nelle 5 ore necessarie ad arrivare fino al pranzo (non dando luogo ad accumulo di grasso né tanto meno a senso di fame).
 
Cibo, Patatine Fritte, Burger, Pasto, Pranzo, Chip
 
Se lo stesso calcolo lo rapportiamo al pranzo e alla cena, avremo consumato circa 1.700 calorie (compreso lo spuntino del pomeriggio), prolungando però l’assunzione delle calorie fino alle 24 della notte, evitando di accumulare del grasso durante il giorno.
 
Come potete riscontrare dai tre esempi riportati, un’alimentazione equilibrata con proteine, grassi e pochi carboidrati (da frutta e verdura), permette l’utilizzazione dei nutrienti man mano che sono ingeriti, con un deficit di calorie che ci permetteranno di consumare di notte il grasso, depositato per anni nelle nostre riserve.
 
Mirtillo, Blu, Delizioso, Frutta, Cibo, Dessert, Sweet
 
Inoltre aumenta l’attività dalla tiroide, inducendo un incremento del consumo delle calorie.
Vivere 120 Anni

Il glucosio ed i danni alle cellule 

Quante volte ci siamo sentiti dire che il nostro corpo va a zucchero?

Ci raccontano che il glucosio rappresenta il miglior combustibile per le nostre cellule.
Siamo veramente convinti che sia così?

Lampone, Bacca, Estate, Primo Piano, Vendemmia, Mature

La natura strutturale delle nostre cellule ci suggerisce una verità opposta. Esse sono predisposte per utilizzare il grasso come carburante (substrato energetico) e solo saltuariamente, dovrebbero utilizzare il glucosio.

L’unica eccezione si registra con le cellule nervose e con le fibrocellule di tipo 2b (fibra bianca muscolare). In tal caso, il neurone ha necessità di produrre molta energia per attivare le pompe sodio potassio (per produrre lo stimolo elettrico, grazie alla polarizzazione delle cellule) e ne possiede 100 volte in più delle cellule normali.

Caffè, Coppa, Espresso, Mani, Cibo, Cappuccino

La fibrocellula dei muscoli (della fibra bianca) utilizza molta energia per la contrazione veloce (scatto e forza), possedendo pochi mitocondri ed una riserva di glicogeno (cristalli di glucosio prodotti dal fegato) di circa 300 grammi.

Le altre cellule sono totalmente diverse da neuroni e fibrocellule, dovendo produrre energie centesimali proprio per il numero ridotto di pompe sodio-potassio (senza avere la necessità di accelerare il proprio metabolismo).

Prima Colazione, Sano, Hummus, Diffusione

Come vi ricorderete nella spiegazione della produzione energetica delle cellule esistono due vie: la prima è il mitocondrio, la seconda è la glicolisi.

Il mitocondrio produce con una particella di acetil-coA (acido grasso) 34 Atp (particelle energetiche), utilizzando l’ossigeno che respiriamo dai polmoni .
La glicolisi invece, usa particelle di glucosio e dopo dieci processi chimici produce una quantità di soli due Atp.

Frittelle, Sciroppo D'Acero, Sweet, Cibo

Dalla glicolisi si ottiene anche una particella di acido piruvico, che dovrà subire un’altra lavorazione per trasformarsi in acetil-coA ed entrare nel mitocondrio.

La particolarità del processo glicolico è la sua velocità di produzione, che se pur inefficiente, risulta molto elevata. Difatti nel tempo che il mitocondrio impiega per produrre una particella energetica (Atp), la glicolisi ne produce cinque.

Le domande che ora vi pongo sono le seguenti:


Cereali, Cibo, Grano, Sano, Fibre, Avena

Se non abbiamo bisogno di tanta energia, perché dovremmo attivare la glicolisi ? (come il turbo di un motore). Quanto può durare il motore di una vettura se lo tenessimo sempre al massimo dei giri?

Le nostre cellule hanno un loro metabolismo basale, per il quale l’evoluzione le ha dotate di un numero di mitocondri (con una produzione costante di energia) capaci di produrre solo l’energia necessaria.

Cereali, Prima Colazione, Pasto, Cibo, Ciotola

Quando ingeriamo carboidrati, l’insulina per eliminare il glucosio dal sangue, lo pompa all’interno delle membrane cellulari con il sistema dell’osmosi, obbligando le cellule ad attivare la via glicolica e producendo energia in esubero, che le cellule non sanno come utilizzare.

Inoltre abbiamo già visto come, l’eccessiva presenza di Atp, causi la mancata produzione dell’agente riducente Nadph, fondamentale per riattivare il glutatione (e contrastare i radicali liberi generati dai mitocondri). Al contrario, quando la cellula ha bisogno di carburante (acidi grassi), li richiede direttamente alle lipoproteine (che ne rilasciano la quantità richiesta) e che non le obbligano a riempirsi di grasso.


Risultati immagini per danni glucosio
Un altro problema che coinvolge la cellula è l’eccessiva produzione di acido piruvico, dovuta al processo della glicolisi.

Se il mitocondrio è cinque volte più lento rispetto alla glicolisi, significa che solo una delle cinque particelle di piruvato può trasformarsi in acetilcoA per essere utilizzato dal mitocondrio.

Prima Colazione, Muesli, Sano, Grano, Bacca, Cibo

La cellula subirà una super produzione di acido piruvico che innalza l’acidità del Citosol. L’eccessiva presenza di scorie acide all’interno del cellula, causa il danneggiamento delle strutture proteiche.

Per evitare ciò, la cellula è costretta a riversare l’acido piruvico nella matrice extracellulare (aumentando l’acidità tissutale).

Tutto questo stress cellulare è dovuto all’utilizzo dei carboidrati come supporto energetico, mentre il consumo energetico dei grassi non determina alcuna modifica dell’omeostasi cellulare.

vivere 120 anni

Glicemia e Movimento sono correlati?

Come funziona il nostro metabolismo?

Usiamo un paragone per un momento:

Se il corpo umano sia come una macchina. Cosa serve ad una macchina per funzionare? Il carburante. E cosa serve per funzionare bene? Un buon carburante. Allo stesso modo perché il nostro corpo stia bene, non è sufficiente fornirgli gli alimenti, ma è necessario che siano quelli giusti.

Frittella, Schaumomelette, Frittata, Di Zucchero, Dolce

Anche perchè a volte anche se necessari e introdotti non è detto che vengano metabolizzati dal nostro intestino se “disbiotico”.

Qualsiasi cosa introduciamo come cibo viene trasformato in zuccheri dal nostro metabolismo per poter svolgere tutte le sue funzioni, tra le quali produrre energia. Ovviamente a seconda di cosa mangiamo, i tempi di conversione e le quantità di quest’ultima variano sensibilmente.

Mirtilli, Frittella, Prima Colazione, Banana, Cibo

Facciamo un esempio: un piatto di pasta o una banana verranno tradotti molto velocemente dal nostro corpo in molta energia, mentre una porzione di carne, o più in generale di proteine, verrà comunque trasformata in zuccheri e sfruttata dal corpo, ma in tempi più lunghi.

E’ bene ricordare che non tutto lo zucchero prodotto viene immesso nel sangue, ma i suoi livelli sono gestiti dall’insulina, un’importante ormone che serve a mantenerli sotto un certo limite.

Stollen Di Natale, Dolci Di Natale, Tunnel

La quantità in eccesso, per non essere sprecata, viene immagazzinata sotto forma di grasso in cellule specifiche.

Quando mangiamo, il picco glicemico (ossia la quantità massima di zucchero presente nel sangue) non avviene subito, ma in media un’ora e mezza dopo il pasto, giusto il tempo che impiega il nostro corpo per metabolizzarlo.

Fatte queste lunghe premesse, ti starai chiedendo, “cosa c’entra tutto questo con l’attività fisica?”

Abbassiamo la glicemia!

Sicuramente saprai che fare attività fisica è fondamentale per restare in salute e raggiungere una condizione di equilibrio e benessere.

Quello che forse non è così noto è come il movimento abbia anche degli enormi effetti positivi sulla gestione della glicemia e sul miglioramento delle condizioni di insulino-resistenza (la condizione in cui un corpo non è più in grado di produrre le giuste quantità di insulina per gestire i livelli di glicemia).

Frutta, Insalata Di Frutta, Fresco, Bio, Sano, Cuore

Questo perché il nostro organismo, sotto sforzo, richiede molta energia, che, come abbiamo visto prima, è fornita dagli zuccheri.

Se nel sangue ce ne sono a sufficienza, entrano direttamente nelle cellule muscolari, altrimenti il corpo converte le riserve di grassi fino a raggiungere il livello richiesto. L’attività fisica è quindi fondamentale anche per diminuire i valori alti di glucosio nel sangue.

Di che tipo di attività fisica si parla?

Alcuni studi dimostrano che non servono sport estremi o esercizi fisici troppo particolari per vedere un’azione benefica sulla glicemia. Può bastare anche un piccolo sforzo come una passeggiata giornaliera di almeno 30 minuti per vedere i primi effetti positivi.

Consiglio utile è alternare la tipologia di attività fisica: quella di tipo aerobico (camminata, corsa, aerobica, bicicletta, etc.,) e quella di tipo anaerobico (pesi, piegamenti, esercizi di potenza e di sforzo intenso).

Fitness, Sport, Sano, Esercizio, In Forma

Altra buona regola per ottimizzare l’attività fisica e il mantenimento della glicemia a livelli desiderati è quella di svolgere lo sforzo fisico non subito dopo aver mangiato, ma nel momento corrispondente al massimo picco glicemico, ossia circa un’ora e mezza dopo il pasto.

Così facendo infatti, lo zucchero, che è presente in elevate quantità nel sangue, entrerà velocemente nei muscoli e questi potranno avere più energia da consumare.

Fisioterapia, Allenamento Con I Pesi, Manubri

In conclusione, cosa dobbiamo fare per gestire al meglio i livelli di glicemia nel sangue?

È sufficiente solo una sana alimentazione? Può bastare solo una corretta attività fisica? Ebbene, entrambe singolarmente apportano dei benefici, ma se abbinate determinano risultati nettamente migliori!

Crossfit, Sport, Fitness, Formazione, Esercizio, Atleta

Partire con una buona alimentazione pensando prima al nostro metaboloma intestinale per l’aumento di Aminoacidi, ATP prodotta dalla Fibra fresca di frutta e verdura è l’azione migliore che si possa fare per mantenere ottimi livelli di energia, Triptofano, Dopamina , serotonina ecc..

Dott.ssa Carolina Capriolo Modificato Ciani Francesco.

Burro di Cocco

Di tutti i “super alimenti” sul mercato, l’olio di cocco potrebbe essere il campione in carica con una lista infinita di benefici.

L’olio di cocco biologico ha effetti positivi per tutti i sistemi del corpo umano, molti dei quali sono stati testati e confermati dalla ricerca scientifica. Dalla cura della pelle alla perdita di peso, per l’equilibrio ormonale e acutezza mentale ecc

AUMENTO DI ENERGIA

A differenza di molti altri grassi saturi, l’olio di cocco è costituito principalmente di trigliceridi a catena media (dall’inglese MCT).

Questi grassi metabolizzano in modo molto diverso rispetto ai loro cugini a catena lunga, che si trovano in abbondanza in carne e latticini.

Noce Di Cocco, Dado, Conchiglia, Marrone, Polpa

Gli MCT digeriti non vengono memorizzati come grasso nel corpo umano. Invece, essi sono trasportati direttamente al fegato dove vengono rapidamente convertiti in energia.

Il consumo di circa due cucchiai di olio di cocco ogni mattina ha dimostrato di aumentare i livelli di energia in media del 5% in un periodo di 24 ore!

LOTTA ALL’INFEZIONE

Circa il 50% del contenuto totale di acidi grassi contenuti nell’olio di cocco è composto da acido laurico, ed è l’ingrediente principale che rende questo olio così sorprendente.

Tra tutti i suoi tanti benefici per la salute, l’acido laurico è un potente anti-microbico, uccide i virus, batteri, protozoi e funghi, sciogliendo le loro pareti cellulari.

L’aggiunta di una porzione al giorno o due di olio di cocco nella tua dieta può aumentare la resistenza del corpo alla malattia, migliorare la salute dell’apparato digerente, e anche aiutare a guarire le ulcere della mucosa dello stomaco.

NORMALIZZARE LE FUNZIONI CEREBRALI

Quando vengono digeriti, gli MCT viaggiano direttamente verso il fegato, dove vengono sintetizzati in corpi chetonici. Questi composti chimici hanno un effetto positivo su molti disturbi cerebrali, in particolare epilessia ed alzheimer (la forma più comune di demenza).

Elevate concentrazioni di chetoni nel sangue hanno dimostrato di ridurre le crisi epilettiche nei bambini con epilessia farmaco-resistente. I chetoni forniscono anche una fonte alternativa di energia per le cellule del cervello che hanno perso la capacità di elaborare il glucosio, una delle principali cause dell’ Alzheimer.

DIMINUIRE LA FAME

I corpi chetonici formati dagli MCT hanno il vantaggio di ridurre la fame e le voglie. Quando viene mangiato ogni giorno, una porzione o due di olio di cocco può essere uno strumento di provata efficacia per aiutare a sentirsi sazia più velocemente, evitare di mangiare troppo, e fare meno spuntini tra i pasti.

PERDITA DI PESO

Un consumo giornaliero dell’olio di cocco è stato dimostrato aiutare con la perdita di peso, in particolare intorno all’addome. Regolando l’appetito e migliorando la digestione, l’olio di cocco può rendere molto più facile ridurre l’apporto calorico giornaliero e perdere peso ad un ritmo sano.

Poiché aiuta a regolare naturalmente lo stato d’animo, l’olio di cocco può aiutare a sentirsi più motivati ed energici, è questo può anche aiutare con la perdita di peso.

Noce Di Cocco, Dado, Conchiglia, Marrone, Polpa

L’olio di cocco aiuta nel bilanciamento ormonale concorrendo così a ridurre stress e ansia – due delle principali cause di un eccessivo grasso della pancia.

Basta ricordarsi che l’olio di cocco è ad alto contenuto di calorie. Limitane il consumo ad uno o due cucchiai al giorno in modo da non sabotare inconsapevolmente i tuoi sforzi nella perdita di peso.

RIDURRE IL RISCHIO DI MALATTIE CARDIACHE

Ignora il vecchio mito che tutti i grassi saturi sono un male per la salute e una delle principali cause di malattie cardiache. L’olio di cocco è stato indicato per migliorare il colesterolo, agisce contemporaneamente aumentando i livelli di quello buono (HDL) e abbassando i livelli di quello cattivo (LDL).

Lo fa aiutando il corpo a convertire il colesterolo nel sangue in una forma utilizzabile, riducendo così l’accumulo di placca nelle arterie. Gli MCT nell’olio di cocco possono anche lavorare per ridurre i trigliceridi, migliorare la coagulazione del sangue, e svolgere funzioni antiossidanti nel sangue, diminuendo ulteriormente il rischio di malattie cardiache.

SALUTE DELLA PELLE

Ricco di vitamina E antiossidante, l’olio di cocco è un meraviglioso idratante naturale che può aiutare a guarire la pelle danneggiata, ridurre i segni dell’invecchiamento, rafforzare l’epidermide contro la cellulite, schiarire smagliature ed eliminare cheratosi pilare.

L’olio di cocco offre una protezione naturale dai raggi UV dannosi. Può anche essere usato per prevenire o guarire le infezioni della pelle microbiche e fungine, come quelle che causano o aggravano talloni screpolati e l’acne.

Applica l’olio vergine di cocco biologico direttamente sulla pelle per un’esperienza terapeutica rilassante che profuma anche in modo fantastico.

MIGLIORE ASSORBIMENTO DEI NUTRIENTI

Una volta ingerito, l’olio di cocco aiuta l’apparato digerente ad assorbire meglio le vitamine grasso-solubili A, D, E e K. Se stai prendendo supplementi per questi nutrienti, considera di ingogliarli con un cucchiaio di olio di cocco biologico.

Se l’idea di inghiottire un cucchiaio di olio ti fa rabbrividire, prova ad utilizzare l’olio di cocco al posto dell’olio d’oliva o del burro quando cucini o condisci le verdure ricche di vitamine.

Ragazza, Donna, Ballerino, Artista, Circo, Gravitazione

Si sposa in modo unico con molte verdure a foglia verde, anche perchè la struttura dei suoi grassi a catena media non si rompe quando esposta al calore.

L’olio di cocco è anche una deliziosa aggiunta agli alimenti da forno, frullati e dessert.

STABILIZZA LA TIROIDE E GLI ZUCCHERI NEL SANGUE

Gli MCT nell’olio di cocco contribuiscono alla conversione del colesterolo in pregnenolone – uno degli elementi costitutivi per la sintesi degli ormoni umani, come i responsabili della funzione della tiroide sana.

Una dose giornaliera di olio di cocco può anche aiutare l’organismo a utilizzare l’insulina in modo più efficiente e stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue.

Fonti: www.naturalmentemamma.it

Glutammina

La Glutammina è un amino acido molto importante

quello che serve di più al nostro corpo. In linea teorica dovrebbe costituire la metà di tutto il fabbisogno di amino acidi del corpo.

Pane, Prosciutto, Max Stretto, Uovo, Fritto, Cibo

Gli amino acidi si distinguono in “Essenziali”, che non possono essere prodotti dal nostro corpo e quindi vanno assunti dall’esterno, e “Non Essenziali”, che sono invece formati dal corpo stesso utilizzando gli amino acidi essenziali.

La Glutammina è particolare perché, pur essendo un amino acido “Non Essenziale”, che quindi può essere prodotto internamente dal corpo, ha bisogno molto spesso di essere integrato in modo aggiuntivo perché il corpo non ne produce abbastanza.

Spinaci, Uovo, Di Patate, Mangiare, Alimentari

La Glutammina si trova ad esempio in alimenti come la carne, la soia, la frutta secca e i fagioli, ma integrane le quantità sufficienti attraverso l’alimentazione è difficile.

La Glutammina è fondamentale sotto molti punti di vista

aiuta i muscoli a funzionare meglio, rende il cervello più agile, aiuta il corpo a controllare i livelli di glucosio nel sangue rafforza i globuli bianchi, ma soprattutto ha un’importantissima funzione a livello intestinale.

Asparagi, Verde, Asparagi Verdi, Tempo Di Asparagi

E’ essenziale, infatti, per la riparazione della mucosa gastro-intestinale e per ricreare una normale funzione intestinale.

Questo è utile per normalizzare la funzione di assorbimento e permettere al corpo di avere energia.

 

Vitamine, Compresse, Pillole, Medicina

Per questo motivo la Glutammina è fondamentale nella prevenzione dei problemi intestinali.

La glutammina vanta importanti proprietà, tanto che in alcuni studi si è dimostrata in grado di aumentare la resistenza allo sforzo fisico, l’efficienza del sistema immunitario ed il rilascio di ormone della crescita (importante per l’ipertrofia muscolare).

SPECIFICHE:

Immagine correlata

La glutammina è un aminoacido polare non essenziale, in quanto viene sintetizzato endogenamente in quantità sufficienti a soddisfare il fabbisogno giornaliero, vista la particolare importanza per il corretto mantenimento dello stato di salute.

Infatti circa il 60% del totale pull aminoacidico plasmatico è rappresentato proprio da questo aminoacido la cui diminuzione, descritta in particolari condizioni patologiche come traumi, ustioni e malattie infiammatorie croniche, è associata all’insorgenza di uno stato di malessere generale e fortemente invalidante.

Frutta, Arancione, Apple, Frutti Di Bosco, Succoso

La sua importanza in termini biologici è da ricondurre alle molteplici attività che ne fanno un tassello fondamentale per il corretto funzionamento dei vari tessuti.

Più precisamente la glutammina garantisce 

– il corretto funzionamento del sistema nervoso, essendo precursore del glutammato, neurotrasmettitore ad attività eccitatoria, oltre che substrato energetico per i neuroni;

Salmone, Di Pesce, Pesce Alla Griglia, Grill, Piatto

– la sopravvivenza e proliferazione delle cellule intestinali e immunitarie, che utilizzano questo aminoacido come fonte plastica ed energetica;

– la detossificazione da scorie azotate, derivate dal comune metabolismo proteico;

– la produzione di energia, date le sue proprietà glucogeniche.

Anatra, Anatra Arrosto, Cucina, Fry, Barbecue, Fried

L’eventuale gap quantitativo di glutammina può essere agevolmente colmato dall’assunzione di integratori o di alimenti a base proteica, con particolare importanza per latte e derivati, carni e legumi.

L’utilizzo della glutammina in ambito sportivo nasce da importanti evidenze sperimentali che dimostrano come un intensa attività fisica, soprattutto se prolungata nel tempo, possa determinare un sensibile calo delle concentrazioni ematiche di questo aminoacido, che si ripercuote inevitabilmente sia sulla prestazione che sullo stato di salute dell’atleta.

Cibo Sano, Cibo, Potenza, Dietetico, Barattolo Di Pasta

Le variazioni dell’assetto ormonale, il maggior dispendio energetico e un intenso metabolismo proteico indotto dall’attività fisica provoca un elevato dispendio di glutammina e di conseguenza la necessità di ricorrere a protocolli di integrazione.

Numerosissimi studi infatti, mostrano come l’adeguata integrazione di questo aminoacido possa determinare:

Libri, Donna, Ragazza, Studio, Imparare, Stress

– Miglioramento della prestazione: studi dimostrano come la glutammina, soprattutto quando accompagnata da carboidrati, possa determinare un incremento delle scorte muscolari di glicogeno, predisponendo il muscolo ad una contrazione più efficace e prolungata.

Risultati particolarmente positivi ad esempio si sono registrati nei calciatori, nei quali la supplementazione di questo aminoacido ha determinato un incremento della distanza percorsa durante l’esecuzione di esercizi intermittenti utili a valutare le capacità muscolari degli atleti.

Risultati immagini per glutammina

Riduzione della sensazione di fatica

riducendo l’incremento di ammoniaca e metaboliti azotati in parte responsabili dell’insorgenza della fatica centrale e periferica, data la capacità di attraversare la barriera ematoencefalica raggiungendo il sistema nervoso centrale e ostacolando la contrazione muscolare.

Manhattan, Concerto, Assolo, Pianoforte, Park

Questo effetto risulta cruciale, nel mantenimento della performance in atleti di endurance come maratoneti e ciclisti.

– Mantenimento delle funzionalità immunitarie: ruolo particolarmente importante per gli atleti di endurance (ciclisti e maratoneti) sottoposti a carichi di lavoro molto intensi.

Bicicletta, Bici, In Bicicletta, Sport, Ciclo, Corsa

È stato dimostrato infatti come l’intensa attività fisica possa associarsi ad un calo delle difese immunitarie che se non adeguatamente recuperate espongono l’atleta al rischio dell’ overtraining, sindrome caratterizzata da infezioni ricorrenti, dimagrimento acuto, perdita di massa magra e calo vistoso della performance atletica.

Diversi lavori sostengono il ruolo sinergico della glutammina, dei carboidrati a medio rilascio e degli aminoacidi a catena ramificata nel promuovere il miglioramento della performance e sostenere la salute dell’atleta,

Acqua, Wave, Mare, Natura, Potere, Surfer, Pensione

BENEFICI:

L’integrazione con glutammina può risultare utile per:

– stimolare la sintesi proteica favorendo lo sviluppo muscolare indotto da attività fisica;

– prevenire i rischi associati al sovrallenamento, tra cui l’aumentata suscettibilità alle infezioni;

Bistecca, Carne, Manzo, Mangiare, Alimentari

– potenziare le difese immunitarie dell’organismo;

– migliorare l’omeostasi del pH ematico prevenendo l’eccessiva acidificazione del sangue;

– detossificare l’organismo dagli eccessi di diete iperproteiche o chetogeniche;

– ridurre la sensazione di affaticamento muscolare, aumentando la resistenza a sforzi fisici intensi ripetuti nel tempo;

Jause, Mangiare, Delizioso, Alimentari, Beneficiare Di

– migliorare il recupero dopo un intenso sforzo fisico;

– ridurre e prevenire i DOMS (dolori muscolari post-esercizio) ed il catabolismo muscolare;

– aumentare la ritenzione di acqua intracellulare; similmente alla creatina, dopo l’assunzione acuta, la glutammina può favorire un rapido e transitorio aumento di peso e delle circonferenze muscolari.

L’Arte di Vivere

Nessuno capita per caso nella tua vita

Chiunque vi arrivi è stato attirato da qualcosa presente nella tua emanazione.

Donna, Faccia, Testa, Mano, Scrivere, Vetro, Parola

Confrontandosi e Riconoscendosi si Amplifica L’Onda Manifesta dell’Anima, mentre lo Spirito si Riflette il Cuore riscrive la Vita di tutti i Colori dell’Universo!!!

Quando fai un passo fuori dal rumore del pensiero,

Quando scegli di danzare,

Quando ascolti il ritmo incessante del battito manifesto del Cuore,

Qui nell’Adesso! senza pensiero … con TE stesso o con chi Ami.

Ebbene quella è Meditazione, ed è anche il manifestarsi di un diverso stato di Coscienza, quella reale, dove finisci Tu e inizia Dio

Dove sei l’osservato e l’Osservatore, Dove possono accadere anche i Miracoli!

Il Primo Alimento … è ciò che manca nella malattia o squilibrio, ciò che liberà, ciò che dona la Vita, ciò che aiuta a guarire, è il primo vagito e l’ultimo respiro, alimenta ogni cellula e processo, non si vede, non si stringe, non si possiede, non si compra.. non ha colore, eppure è vibrazione

Energia, Aria = Anemos = Anima = Vita. Lascia che sia Respiro … l’Amore dentro e fuori di Te, per non piegarsi dentro per darsi di Più!!

(Francesco Ciani “Personal Experience”)