AnimA e Sogno

Gli esseri umani vivono in un perenne stato di sogno.

Sognano quando il cervello dorme, ma anche quando è sveglio.

Hanno saputo creare un grande sogno esteriore, il “sogno della società”, costituito da innumerevoli sogni personali” familiari e di comunità.

Alberi Di Ciliegio Giapponese, Fiori, Primavera

Questo sogno esteriore possiede una grande quantità di regole che sono state inculcate fin dalla nascita.

Abbiamo così imparato come comportarci in una data società, cosa credere, cosa è bene e cosa è male, bello o brutto, giusto o sbagliato.

Matrimonio, Fiore, Fiori Viola, Bouquet Di Fiori

Non abbiamo scelto queste credenze e queste regole ci siamo nati e le abbiamo apprese secondo un processo di “addomesticamento” in cui le informazioni sono passate dal sogno esteriore a quello interiore, andando a formare il nostro personale sistema di credenze.

A questo punto non c’è più bisogno di “istruttori” esterni giacchè diventiamo noi stessi i nostri giudici.

Fiore, Purple, Bella, Bellezza, Bloom, Fioritura

Tutto ciò che crediamo su noi stessi sul mondo rientra in quel sogno interiore, che tuttavia ci è giunto dall’esterno e che ci impedisce di vederci per come siamo veramente.

“Siamo nati nella verità, perchè siamo i costruttoti del nostro personale universo, ma siamo cresciuti nelle menzogne più grandi della storta dell’umanità è quella della nostra imperfezione”

– Don Miguel Ruiz – modificato Francesco Ciani

Crea la tua realtà

Quando siamo malati ci mettiamo in discussione, ci sentiamo tagliati fuori dalla vita, dallo scopo per cui siamo venuti al mondo.

Dubitiamo delle verità fondamentali intrinseche dentro di noi, come la capacità del corpo di guarire, perché non siamo ancora entrati in contatto con le vere cause che si celano dietro la nostra malattia.

Consapevolezza

Cogliendola come opportunità di riunire parti di noi, facendo precipitare la dualità dove ci specchiamo separandoci.

Passiamo da un medico all’altro, da una comunità medica all’altra, cercando delle risposte. 
Arriviamo a perdere fiducia nella vita, in noi stessi, nel proprio Sè “AnimA”.

Quando stiamo bene, però, i dubbi svaniscono. Abbiamo l’energia che ci serve per dedicarci al vero scopo della nostra vita, ci osserviamo trasformarci

Riso, Donne, Seduta, Vendemmia, Scrofa, Setaccio, consapevolezza

La Consapevolezza si espande, insieme alla Conoscenza, crediamo di nuovo nel bello della vita che si manifesta in ogni nostra infinita espressione.

Entriamo in contatto con le leggi dell’universo, a cominciare dalla legge del rinnovamento, leggi dinamiche, vitali, che vanno oltre ai programmi e modelli impressici dalla cultura e dalle tradizioni.

La verità sul mondo, su noi stessi, sulla vita, sul nostro scopo si riduce alla guarigione.

La Vita è la diretta manifestazione della Coscienza nel fare l’Esperienza.

Francesco Ciani

Il cancro, i tumori da un altro punto di vista Consapevole

Malattia Espressione dell’AnimA

Il cancro e le forme cancerogene sono proliferazioni cellulari anarchiche che fanno la loro comparsa e si sviluppano in una determinata zona dell’organismo.(Separazione da se stessi, ripetizioni deleterie)

Se vengono depistate in tempo, la malattia può essere circoscritta sin dall’inizio; in caso contrario vi è proliferazione.

(Comprensione di Sè dell’Esperinza messa in atto)

Risultati immagini per dammi la vita

L’organismo viene progressivamente invaso, colonizzato dalle cellule cancerogene che viaggiano attraverso il sistema sanguigno

(chi sei dove nel contesto sociale)

e la colonizzazione delle differenti parti del corpo si attua sempre mediante una sorta di effrazione nell’ambiente cellulare.
(persistenza e materializzazione dell’idea fatto dolore)

Data la gravità di questa malattia, vorrei ricordare le caratteristiche principali del suo processo:

Risultati immagini per dammi la vita

• disordine sotterraneo, inconscio e indolore all’inizio (incosapevolezza)
• sviluppo anarchico per perdita dei punti di riferimento cellulari (chi e cosa sei)
• invasione dell’organismo mediante colonizzazione (invasione ostruzione, impurità, sentirsi inquinati)
• colonizzazione mediante «effrazione» delle zone interessate (Cristallizzazione, rigidità statica)
• contaminazione dell’organismo attraverso il circuito sanguigno o linfatico (perdita dei punti di riferimento interni)
• conclusione mortale per autodistruzione, se non si interviene.

(perdita e abbandono della Vita, identificazione con la la malattia)

Abbiamo qui la descrizione di tutto il processo psicologico che precede e prepara il terreno alla malattia.

Risultati immagini per depressione intestino

Un giorno l’individuo vive un trauma (o un accumulo) emozionale o affettivo importante e lo serba nell’intimo.

Per forza, volontà, educazione, convinzione o fuga, egli non si permette di esprimere realmente o riconoscere la propria sofferenza e, in modo particolare, la perdita dei punti di riferimento, la distruzione profonda della convinzione o l’illusione che essa rappresenta.

Il trauma viene percepito come un’intrusione, un’effrazione nelle proprie strutture interiori e la sua ondata di choc comincia poco a poco a colonizzare tutta la costruzione psicologica della persona.

Immagine correlata

La crescita interiore dell’individuo perde poco a poco tutti i suoi punti di riferimento e diviene caotica e «suicida» per la struttura dell’essere (all’opposto del processo «allergico» che fa in modo che l’individuo detto «allergico» sia raramente, per non dire mai, predisposto al cancro).

Tutto questo processo ha la meglio e comincia a contaminare la gioia di vivere e le emozioni (sistema circolatorio) che poco a poco vengono impregnate dal ricordo del trauma e fanno progressivamente posto a sentimenti ed emozioni che a loro volta contribuiscono a «minare il terreno».

Tutto ciò è inconscio, sotterraneo e indolore fino al giorno in cui tutto «esplode» e si dichiara alla luce del sole.

Immagine correlata

Il cancro rappresenta quindi la distruzione della nostra programmazione interiore di equilibrio e si esprime in particolar modo attraverso la prima zona interessata.

Manifesta spesso rimorsi, ferite, aspettative, lesioni profonde che sanguinano sempre nella mente, che non si possono o non si vogliono rimarginare e che sono spesso associate ad un senso di colpa, di frustrazione, disagi mentalmente incolmabili.

Risultati immagini per dammi la vita

Si tratta di una sorta di autopunizione che vuole essere definitiva, una constatazione inconscia di fallimento rispetto alla propria vita o alle proprie scelte di vita.

In cosa ho fallito, per cosa mi punisco, cosa mi rimprovero così profondamente?

In ogni caso siamo qui in presenza dell’ultimo grido lanciato dal Maestro Interiore perché tutti gli altri hanno fallito o sono stati soffocati.

in Verità ci siamo identificati con l’esterno .. l’ambiente, separandoci da noi stessi, senza comprendere la dualità da noi stessi creata.

(Michel Odoul modificato Francesco Ciani)

Vendetta

L’Arte di Vivere

Viviamo in un mondo che approva i sentimenti di rancore e di vendetta. In una forma o in un’altra gli uomini sono quasi sempre in guerra. La guerra è lo strumento estremo per la risoluzione dei conflitti. La guerra tra le nazioni viene sobillata da chi all’interno dei singoli stati non è in pace con se stesso.

Uomo, Pistola, Gangster, Vendetta, Male, Mafia

Si dichiarano anche guerre per tentare di risolvere alcuni problemi, «guerre» alla povertà, alla droga, all’analfabetismo, alla fame. Onoriamo con la preghiera chi ha predicato il perdono, sosteniamo di amare e rispettare i grandi maestri di spiritualità e i loro insegnamenti, ma quando si tratta di mettere in pratica concretamente quel precetto, scegliamo la vendetta e la guerra.

Le fucilate a Betlemme il giorno di Natale e quelle a Gerusalemme la domenica di Pasqua sono tristi moniti che ci ricordano che spesso paghiamo un tributo di ipocrisia al perdono, mentre continuiamo a crocifiggere i nostri nemici.

Esplosione, Bolide, Fuoco, Marca, Estetica, Ceppi, Log

La vendetta è l’attuazione dei pensieri di condanna e colpevolizzazione: questi si manifestano nella mente, e la vendetta li attua nella forma; la traduzione in atto immobilizza chi la sceglie e viola il comandamento più sacro: non uccidere.

Eppure uccidiamo, un numero così alto di persone da essere incomprensibile, e costruiamo armi di enorme potenza distruttiva che possono incenerire intere città, con tutti i loro abitanti.

Immagine correlata
Mentre tutto ciò, per quanto appaia paradossale, fa pur sempre parte della perfezione dell’universo

ne fa anche parte il desiderio di porvi fine nutrito dalle persone pacifiche. Perciò mentre la violenza continua e si intensifica ci dobbiamo chiedere: «Quale lezione dobbiamo trarre, in quanto corpo complessivo dell’umanità che si sforza di imparare da tale situazione?»

Angel, Fuoco, Donna, Stone, Deserto, Vendetta, Fiamma

La nostra esistenza e quella delle generazioni future dipendono dal trovare una risposta a questa domanda.

Ogni giorno ci giunge notizia di persone cui viene fatto del male “ferite, uccise, mutilate, violentate, derubate” e del desiderio di vendetta contro chi ha perpetrato tali azioni. I familiari delle vittime sono pieni di rancore e desiderosi di vendicarsi. L’odio fiorisce di pari passo con le richieste di punizioni che comportino una sofferenza analoga a quella subita dalle persone care.

Buddista, Rituale, Acqua, Buddhismo, Meditazione

Eppure anche quando la punizione viene inflitta, le vittime continuano a provare dolore, sofferenza e odio. Avvelenano il proprio animo con una rabbia che le mina, e non riescono a riprendere a vivere libere da questa nuova fonte di dolore. Non sono vittime soltanto del criminale, ma del proprio bisogno di vendetta.

Ricordo un caso di cui mi parlò Earl Nightingale. Mi colpì molto, facendomi comprendere appieno l’importanza del perdono. Una donna aveva perso l’unica figlia, in seguito a un atto di violenza criminale.

Ombrello, Buddhismo, Monaco, Monastero, Asia, Ragazzo

Per i successivi diciotto anni la donna fu consumata dal desiderio di ottenere vendetta, frustrato, secondo lei, solo dal fatto che nello stato in cui il colpevole era stato giudicato era stata successivamente abolita la pena di morte.

Per diciotto anni la madre non riuscì a vivere una vita normale. Durante quel periodo cercò sollievo alla propria infelicità in ogni modo possibile; alla fine fu l’atto del perdono a liberarla.

Risultati immagini per vendetta
Andò a visitare e perdonò l’assassino della figlia, ancora in attesa che venisse ripristinata la pena di morte dopo diciotto anni, e descrisse quell’esperienza come un atto di amore per se stessa, la figlia e l’assassino.

Dare la colpa agli altri per le condizioni in cui si vive ingenera rancore. Molte persone comuni e numerosi studiosi approvano l’ira, considerandola una reazione salutare al mondo; nella misura in cui è una delle molte emozioni (pensieri) che siamo capaci di provare come esseri umani, sono d’accordo.

Bagan, Myanmar, Birmania, Viaggio, Tempio, Buddhismo

Una persona che non si arrabbiasse mai sarebbe altrettanto improbabile di un cielo sempre sereno. Il problema sorge quando ci attacchiamo deliberatamente o senza riserve a questo sentimento, e scopriamo di non poter o di non esser disposti a liberarci dal rancore, dal desiderio di vendetta e dall’abitudine a giudicare.

Non sono d’accordo con chi picchia i figli per insegnar loro a non picchiare gli altri, né credo che l’espressione della rabbia sia sempre terapeutica. Non credo neppure nell’efficacia di attribuire agli altri la colpa del mio stato psicologico.

Donna, Giovane, Pioggia, Stagno, Cambogia, Ragazza

Ti consiglio di essere gentile con te stesso e di amarti, indipendentemente da come il resto dell’universo ti risponde. Cerca di non attaccarti all’idea che gli altri dovrebbero essere diversi da come sono, e sforzati di comprendere che seguono la propria strada, che l’opinione che ne puoi avere tu non ha nulla a che fare con il loro comportamento.

Sii pieno di amore persino verso chi ti potrebbe fare del male, come ci hanno insegnato tutte le grandi guide spirituali dell’umanità, e guardati dentro per vedere se provi ancora rabbia e desiderio di vendetta.

Immagine correlata

È difficile solo se sei attaccato all’idea che il mondo sia diverso da come è.

Se puoi accettare anche ciò che non vorresti e sai trasmettere amore e non odio, non avrai più bisogno di nutrire rancore. Non avrai più bisogno di «fare i conti», anzi ti scoprirai incapace di rimanere attaccato alla rabbia, o di farti bloccare da quei pensieri.

Quando imparerai ad avere, cioè in definitiva a essere, pensieri armoniosi, e non di discordia e divisione, ti accorgerai di non provare più rabbia.

Donna, Piuttosto, Ragazza, Capelli, Bello, Donne

Una volta che avrai smesso di condannare e incolpare e ti sarai assunto la responsabilità di tutto il tuo mondo interiore, anche la rabbia si dissiperà. Infine quando te ne sarai completamente liberato, la tua vita non sarà più distorta dal bisogno di vendetta. Non sceglierai più di dare il controllo della tua esistenza a chi ritieni ti abbia fatto del male.

Attraverso l’atto del perdono proverai un senso di pace e rimarrai sul sentiero dell’illuminazione. Se un numero sufficiente di persone adottasse nella vita quotidiana il precetto del perdono, forse un giorno anche la nostra politica estera cambierebbe.

Giovane Ragazza, Rose, Donna, Mentire, Signora, Ragazza

Oggigiorno vi sono dei giovani che muoiono per vendicare i loro antenati. Combattono nella Terra Santa, che Gesù ha percorso a piedi predicando il perdono. E una guerra interminabile.

Che cosa vuole provare? Dove conduce? Alla pace? Sicuramente no!

I vinti rispondono vendicandosi e in queste battaglie per antiche inimicizie le perdite umane continuano a salire. Puoi cominciare a cambiare la situazione a partire da te stesso, adottando il principio universale del perdono, imparando a superare l’odio come risposta all’odio e trasmettendo in sua vece pace.

Buddista, Rituale, Acqua, Buddhismo, Meditazione

Perdonare non è debolezza, è un gesto di coraggio. La lotta logora chiunque vi partecipa. Tutto ciò contro cui ti opponi ti indebolisce in qualche modo. Come la Fisica Moderna ci insegna «Non farti sopraffare dal male, ma vinci il male con il bene»

Perchè entrambe sono facce della stessa medaglia, quando comprederai questa espressione di un finto duale vedrai , sentirai, comprenderai che la soluzione migliore, che non è detta che sia la più buona o peggiore, ma la migliore x la tua Consapevolezza intrecciata con le persone a TE Connesse.

Gocce D'Acqua, Acqua, Liquido, Fresco, Splash, Blu

Devi solo perdonare e non comportarti mai in modo che tu stesso disprezzi. Come ci dice un antico proverbio cinese: «Chi insegue la vendetta dovrebbe scavare due tombe».

(Wayne W. Modificato by Francesco Ciani)

L’universo non perdona perché non incolpa

L’Arte di Vivere

La vita è una serie di eventi che abbiamo creato e ci siamo portati dietro. Anche l’universo è una serie di eventi, che accadono indipendentemente da ciò che noi pensiamo.

Bolla, Bolla Di Sapone, Palle, Inverno, Freddo, Frost

L’universo esiste, ed è perfetto: le stelle sono tutte al loro posto; ogni fiocco di neve che arriva a terra cade esattamente dove deve;

la temperatura è ogni giorno quella che deve essere, in realtà persino l’assegnarle un certo numero sul termometro è una sorta di giudizio arbitrario; le tempeste, le alluvioni, le siccità, la posizione dei fiumi e delle montagne, l’orbita dei pianeti, tutto è e basta.

Uomo, Donna, Comporre, Controversia, Riflessivo

L’universo ci si offre in tutta la sua perfezione.

Non vi è nulla da perdonare, perché non vi è nulla da giudicare o a cui dare la colpa.

Risultati immagini per sensi di colpa
Quando sappiamo che siamo noi a creare tutto ciò di cui abbiamo bisogno nella vita, allora ci rendiamo conto di essere noi a creare l’odio e il rancore che proviamo verso gli altri. Abbiamo persino creato gli altri per avere qualcuno da incolpare.
Alla radice del bisogno di perdonare vi è un macroscopico fraintendimento. Credere che gli altri non avrebbero dovuto trattarci come hanno fatto è ovviamente un’assurdità lampante.
Donna, Disperata, Triste, Pianto, Grido, Depressione
L’universo va sempre come deve andare, come ogni cosa che ne fa parte, anche ciò che abbiamo giudicato sbagliato, inopportuno, crudele e doloroso per noi e gli altri.

Anche il desiderio di migliorarlo fa parte di questo universo perfetto.

Come avrebbero potuto gli altri trattarci diversamente? Invece di provare rancore, indipendentemente da quanto il loro comportamento ci sia parso orribile, dobbiamo imparare a vedere la situazione da un’altra prospettiva. Gli altri hanno fatto ciò che sapevano fare, date le condizioni della loro vita.

Risultati immagini per sensi di colpa
Il resto ce l’abbiamo messo noi.

E cosa nostra; se si tratta di odio o giudizi, significa che sono questi gli atteggiamenti che abbiamo scelto di adottare e saranno questi che trasmetteremo agli altri.
Consegni letteralmente il controllo della tua vita nelle mani di chi ritieni ti abbia fatto torto. Imparare a perdonare vuol dire imparare a correggere le impressioni errate che hai creato con il pensiero.
Pensione, Cuore, Ascolta, Sopra, Amore, Off, Fine
Una volta che i pensieri si siano chiariti, ti assumerai la completa responsabilità di te stesso, anche del modo in cui vieni trattato, e arriverai a uno stadio in cui non dovrai neppure esercitarti a perdonare.
Avrai corretto tutte le impressioni errate e eliminato le tre fonti di disagio psicologico che sono all’origine del bisogno di perdonare.
Divorzio, Separazione, Matrimonio Rottura, Split
Comprendere queste « distorsioni mentali» ti porterà a praticare il perdono e infine addirittura a liberarti dal bisogno di perdonare.
(Wayne W.)

A Se stessi con Amore

Alla parte più SACRA di Sè Stessi

Oggi mi libero dalle catene di un mondo costruito dalla mente ;
Oggi mi libero dalla paura di Amare e di essere amato ;
Oggi mi libero dalla sofferenza del passato, accogliendo con Amore il dolore che mi ha permesso di rivelare me stessa/o ;

Via Lattea, Stelle, Notte, Cielo, Panorama, Deserto

Oggi mi libero dalla tunica nera dei pensieri, involucri di stoffa , freddi e logoranti che annebbiano il colore luminoso del mio Essere ;
Oggi mi libero dal pregiudizio verso chiunque e qualunque cosa incontro nella vita, accettando la bellezza molteplice dell’Universo;

Oggi mi libero dalle difese che hanno irrigidito il mio Amare

Delicate Arch, Tramonto, Pietra, Formazione, Arenaria

Oggi mi libero dalle cerniere cucite sul cuore che mi hanno impedito di aprirmi verso l’altro, verso quella parte di me con cui necessitavo riconciliarmi, riconoscere;
Oggi mi libero dalla visione distorta della solitudine;

Oggi mi libero da tutte quelle voci che hanno affollato la mia anima, disperdendomi nel caos logico della razionalità cieca e calcolatrice;
Oggi mi libero dalla tortura mentale; dalla disperazione, dall’assenza di calore, da tutte le immagini scure che spegnevano l’emozione del cuore;

Risultati immagini per amare integrazioni x se stessi
Oggi mi libero dai Segreti di tutte le storie che hanno fatto soffrire i miei antenati;
Oggi mi libero dal disordine emozionale causato dall’incomprensione, dalla superficialità da una sola visione della vita;

Oggi mi libero dalla diversità, dall’estremismo, dal pessimismo, dall’incapacità di sorridere, dalla debolezza che non mi ha permesso di reagire;
Oggi mi libero dallo sguardo con cui ho osservato il cielo, senza apprezzarne la sua presenza nel mio cuore, tutto, vasto, immenso e così VERO !;

Tramonto, Papavero, Retroilluminazione, Fiori, Campo

Oggi e proprio oggi mi libero dai legami non armoniosi con la Vita

Oggi mi libero dall’ansia verso il futuro causato da un passato che ho permesso di insediarsi nel mio unico momento vero: il presente !

Oggi mi libero da ogni tipo di parassita che alberga nella mia mente e nel mio corpo, sia fisico, che emozionale, che spirituale, senza cedere mai più la mia Energia Vitale, bensì usandola per guarire Adesso ora ogni tipo di ferita, passata, presente e futura;

Tramonto, Barca A Vela, Barca, Mare, Nave

Oggi mi libero dalla incapacità di apprezzare tutto il bello e l’eterno che incontrano i miei occhi umani e il mio divino Cuore ;

Oggi mi libero da tutte le ferite che ho inferto al cuore per l’ennesima volta poiché non ho scelto per il mio bene e per il mio amore , pensando che la mia felicità derivasse da chi avevo accanto, pensando che l’altro avesse un valore superiore al mio, e che non fossi degna di un Amore vero, proprio, autentico e Illimitato .

Barca, Barca A Remi, Lago, Acqua, Paesaggio, Pesce

Oggi mi Guardo, curo le mie ferite mentali e ritorno a vedermi Intera, Forte, Semplice, profonda, finalmente Mia e unita al tutto e a tutti, c’è sempre una parte di me che appartiene agli altri, dove io mi rifletto. E’ un appartenere e non un possesso.

E’ come un odore che sento dentro me, fatto dello stesso odore di colui/colei che mi ha partorita.. AnimA.

Immagine correlata
Oggi viaggio, mi concedo la meraviglia di stupirmi dinanzi ad un fiore, di trasformare i miei vecchi pensieri in Abbracci che parlano il linguaggio del presente momento:

ti abbraccio adesso sentendo fra noi tutta la potenza del corpo che esprime sensazioni d’Anima, immediate, istintive, piene di un Amore che sa trascendere il corpo e unirci fino a toccare il nostro Comune e Immenso Amore.

Coppia, Facendo Fuori, Giovane, Persone, Donna, Uomo

Oggi mi inebrio di Allegria, che deriva dalla mia gioia Interiore, che deriva da un qualcosa che non voglio più definire: C’è, Esiste, Pieno, Soffice, Delicato, Tutti i colori dell’Universo racchiusi senza confini espressi sulla tavolozza dell’Anima, in cento attimi, con mille mani, con mille sguardi di luce . . .

So che questa meraviglia che mi afferra le mani è “il mio vero Sè ” mentre cado e mi riporta a camminare, come se la caduta non fosse mai esistita. Che meraviglia!

Natura, Mondo Animale, Tigre Di Bengala Bianca, Tigre

Oggi svuoto il fardello che mi trascino nell’esistenza: dentro ci sono ricordi meno belli e altri straordinari, dentro ci sono le pietre che premevano sul cuore affogandolo di mare scuro, della sofferenza d’Anima.
Queste sono le tracce dei miei antenati che da infiniti mondi mi chiedono aiuto, di

Liberarmi per poter liberare quella traccia che sanguina, note di una musica sorda, per poter ritornare ad udire la MIA sonora musica d’ANIMA.

Spirale, Strudel, Zigarrengalaxie, Orsa Maggiore

Oggi vivo il raggio di sole che riscalda la mia casa, il tetto come il camino sempre acceso della fiamma d’amore, che illumina le candele del mio tempio che ricordano l’amore verso chi non c’è più, ma che sento nel mio cuore perennemente, nel corpo temporale alberga AnimA che è Atemporale.

Oggi vedo la tua presenza, ed è per questo che ti ho cercato, forse per vederti nel mio cammino, per abbracciarmi, per acquietare il Bisogno che ho di me.

Immagine correlata

Nostalgica è l’emozione di chi come me sapeva che presto saresti entrato, in silenzio, sussurrando alla mia pelle piccoli canti che celebrano la sacralità del corpo, la divinità che fra quei tratti dimora, nel profondo.

Oggi ti cerco in un altro modo, come un bimbo che ti osserva per la prima volta, con la gioia di chi scopre ogni giorno una cosa nuova, e di questa esulta fino all’inverosimile. Oggi ho bisogno di scriverti mentre sei di là a leggermi, senza voce . . .

Frattale, Spirale, Astratto, Sfondo, Viola, Infinito

Tutto d’un fiato ci assaporiamo le lacrime che hanno impreziosito il nostro vivere, e saltiamo su cuscini di nuvole per amare e quindi guarire la TERRA su cui viviamo . . .
Così tocchiamo ogni creatura che respira questa umanità, raccolta nel nostro animo, nella Storia.

Sento che oggi, ora, adesso che ti scrivo ( che fuori spunta un tiepido sole) è una MERAVIGLIOSA GIORNATA; è PACE tra le corolle di una rosa di Maggio come anche nel mio cuore è VITA mentre mi avvicino al silenzio del tuo essere qui, prima a un passo da me, ora dentro il loto del mio spirito a illuminare il tragitto dell’esistenza.

Coppia, Uomo, Donna, Ragazza, Guy, Amore, Persone, Mare

Oggi è Cura, è Salute, è Appartenenza del Corpo e elevazione dello Spirito.
Oggi è questo il mio dirti Grazie, proprio a te che mi sorprendi con i tuoi segnali, con le tue mani dolci, con quel tuo modo di seguirmi, di accompagnarmi verso la Missione che hai affidato a me . . .

l’esperienza Consapevole della Vita che pulsa dentro di me, in ogni suo riflesso che si apre dal Cuore dove esisto veramente.

Fiore, Macro, Dimenticare, Gocciolamento, Acqua

Oggi queste lacrime scivolano sul raggio di sole su cui cammino, versandosi nella rugiada di ogni mio mattino, ove tutto Ricomincia.

Oggi sono LIBERA, oggi MI MUOVO, oggi RINGRAZIO, oggi BENEDICO, oggi L’ESISTENZA mi sposta i capelli e mi bacia una guancia, oggi il vento ha compiuto un gesto d’Amore per me, senza chiedermi nulla, solo per Amore!

Immagine correlata

OGGI SENTO CHE TUTTO CIO’ CHE MI ACCADE E’ PER AMORE ED E’ IL FRUTTO DI CIO’ CHE SCELGO .

OGGI SENTO CHE L’UNIVERSO SI MUOVE “PER AMORE” nelle nostre vite.
Gli errori, gli incontri che hanno causato sofferenza, le cadute, l’immobilità, il pessimismo è una parte della medaglia che l’universo ci mostra per AMORE,

Rose, Fiore, Bloom, Impianto, Fiore Rosa, Red, Autunno

perché tutto è Uno, affinché possiamo spingerci verso l’altra ed essenziale parte che dobbiamo riscoprire di noi, ciò che rende il nostro occhio capace di vedere INTERAMENTE, senza più escludere una parte.

Oggi vedo tutto Ciò che mi compone esternamente come internamente . . .
OGGI ti sto incontrando mentre muovo le dita sulla mia Anima . .

Coppia, Amore, Rapporto, Romanticismo, Umano, Romantica

OGGI so che PER AMORE SI INIZIA A VIVERE . . . SI SCOPRE LA MAGIA DEL PRESENTE .

PER AMORE SONO NATA e le difficoltà sorgono PER AMORE . . .
IL “PER AMORE” E’ UN CAMMINO CHE PERMETTE LA GUARIGIONE . .

Palloncino, Cuore, Amore, Romanticismo, Cielo

Scrivimi sul cuore la parola AMORE e quando l’ultima lettera avrà completato il tuo Nome, lasciami un fiore a terra, sulla tua terra su cui sei nata, così comprenderò che sei passata di qui per AMARTI, PER AMARE TUTTI, PER AMORE !

Grazie, oggi so chi sei, e mi riconosco, sento la presenza dal cuore mentre mi innalzo in volo in questa Vita, LIBERA in Alto dove Osano le Aquile.

Risultati immagini per amare integrazioni x se stessi
( Francesco Ciani Naturopata)

Di cosa sono fatte queste connessioni?

L’Arte di Vivere

Quando esaminiamo le connessioni tra forma e forma possiamo spiegare chiaramente la natura dei legami.
Ma quando ci spostiamo sul terreno dell’immaterialità, non possiamo più affidarci ai sensi e dobbiamo usare l’intuizione per sapere quali legami uniscano pensieri e forma, e pensieri e pensieri.
Colori, Polvere, Colore, Holi, Ritratto, Blu, Ragazza

Ci sono tre possibilità; il pensiero può essere

1) energia che risuona nell’universo;
2) onde invisibili, che vibrano così rapidamente che ci è impossibile percepirle o misurarle;
3) parte di campi morfogenetici simili a quelli magnetici che circondano gli appartenenti a una specie.
Acquerello, Ritratto, Carattere, Ragazza, Donna, Fiori
Tuttavia, nonostante tutte le speculazioni e le ricerche e molti libri dedicati all’analisi della questione, non c’è ancora accordo su che cosa sia il pensiero e come si trasmetta. Propongo quindi di passare dall’analisi alla sintesi.
L’analisi è una forma di violenza intellettuale con cui suddividiamo o smembriamo un oggetto da studiare, cerchiamo dei modelli, delle costanti, tentiamo di inquadrarlo da un punto di vista scientifico, e alla fine lo definiamo creando una formula.
Risultati immagini per connessione persone
La sintesi è un modo di riunire, di portare insieme tutto, a cominciare da ciò che è più ovvio. I pensieri sono senza forma, esistono nell’universo.

Noi, esseri umani, partecipiamo al processo.

Non abbiamo bisogno di una formula che ci dica che esiste un collegamento tra il pensiero e tutto ciò che facciamo.
Acero, Legno, Le Foglie, Ramoscello, Foglia, Struttura
Sappiamo che non possiamo conservare i pensieri in un contenitore. I pensieri sono in qualche modo parte del mondo invisibile, che esiste per quanto ci sia celato.
Reshad Feild, nel suo romanzo intellettualmente molto stimolante, The Invisible Way (La via invisibile), presenta questo breve dialogo:
« Capisco cosa dici, John », rispose Nur. «C’è stato un tempo in cui potevo vedere quell’altro mondo. Ogni idea era una forma che si poteva capire, invece che vedere con gli occhi.»
Caduta, Autunno, Red, Stagione, Boschi, Natura, Foglie
Le parole di Reshad Feild alludono a un mondo che ci è sconosciuto, perché viviamo quasi esclusivamente nella forma; si riferiscono al mondo delle idee, del pensiero: a questa cosa, amorfa, senza estensione, chiamata pensiero, che insieme ha origine dall’individuo ed è l’individuo.

Il pensiero è all’esterno e all’interno allo stesso tempo.

E dovunque. Energia? Forse. Una risonanza? Può essere. Una concatenazione di campi morfogenetici? E possibile. Invisibile? Sicuramente sì. Qualcosa cui non possiamo sfuggire? Assolutamente!
Risultati immagini per connessioni amorose
Prova a non pensare, anche solo per pochi istanti, e vedrai che il pensiero è qualcosa cui sei inesorabilmente vincolato.
Una volta che accetti l’idea che il pensiero possa esistere al di fuori di te, sei sulla buona strada per comprendere la sincronicità. Il collegamento tra eventi apparentemente indipendenti è allora in realtà il collegamento tra pensieri, l’essenza dell’universo, quest’energia che vibra e che non possiamo vedere né definire.
Donna, Uomo, Coppia, Mantenere, Trust, Passione
Analogamente, la connessione tra i tuoi pensieri e quelli di un altro diventa più facilmente inquadrabile, ipotizzando che il pensiero sia energia che scorre liberamente nell’universo, non solo all’interno di un individuo.
Quando ci sintonizziamo sulla dimensione del pensiero quelle apparenti coincidenze sembrano possedere un che di elegantemente appropriato. Alla domanda: «Di che cosa sono fatti questi collegamenti?», rispondo semplicemente;  «Sono pensieri».
Lampadina, Lightbulb, Luce, Energia, Energia Elettrica
I pensieri, considerati come energia, non si collegano tra loro per coincidenza, ma perché noi siamo insieme la loro fonte e parte del pensiero universale. La facoltà di essere pensati e di creare pensiero ci rende possibile istituire qualsiasi collegamento tra pensieri.
A mano a mano che ci risvegliamo a questa possibilità le coincidenze cessano di sorprenderci. Finiamo per aspettarcele.
Pansy, 400 – 500, Fiore, Primavera, Vicino, Viola
E poi, trasformazione! Siamo in grado di crearle a volontà. Riconoscere la sincronicità nella nostra vita ci permette di coltivare il nostro collegamento divino al mondo invisibile e senza forma.
Grazie a tale nuova consapevolezza compiamo i primi passi nel cammino di risveglio spirituale e ci rendiamo conto che possiamo utilizzare la facoltà di pensare e di essere pensati per trasformare e dirigere la nostra vita.
(Wayne W.)

Pancreas

Malattia Espressione dell’AnimA

Del campo della digestione fa parte anche il pancreas, che svolge due funzioni primarie: la parte esocrina produce i succhi gastrici essenziali, la cui attività rivela chiaramente un carattere aggressivo.

La parte endocrina del pancreas produce l’insulina. Una sottoproduzione di insulina porta a una malattia molto diffusa, il diabete.
 
Diabete, Di Zucchero Nel Sangue, Diabetici, Medicina
 
La parola diabete deriva dal verbo greco diabeinein, che significa passare. In origine questa malattia si chiamava anche caduta degli zuccheri.
 

Se richiamiamo alla mente il simbolismo precedentemente esposto della nutrizione, possiamo tradurre liberamente l’espressione caduta degli zuccheri con caduta dell’amore.
Risultati immagini per cistifellea sintomi
Il diabetico in mancanza di insulina non riesce ad assimilare gli zuccheri contenuti nel cibo,

 
Marmellata, Vasetti, Frutta, Naturale, Cibo, Organici
 
per cui lo zucchero passa attraverso di lui e finisce nell’urina.  Se sostituiamo la parola zucchero con la parola amore, abbiamo un quadro precisissimo della problematica del diabetico.
 
I dolci sono soltanto il surrogato di altri dolci desideri che rendono dolce la vita. Dietro al desiderio del diabetico di gustare cose dolci e alla sua contemporanea incapacità di assimilare gli zuccheri, si cela un desiderio non confessato di amore, accoppiato all’incapacità di accettare amore, di farsene compenetrare.
 
Vino, Vetro, White, Uva, Bevande, Alcool, Barile
 
Il diabetico deve quindi vivere di ” surrogati ” per quello che riguarda il cibo, e anche per quello che riguarda i suoi autentici desideri. Il diabete porta a una superacidificazione di tutto il corpo che può arrivare fino al coma.

Noi già conosciamo gli acidi come simbolo di aggressività. Continuamente ritroviamo questa polarità di amore e aggressività, di zucchero e acidi (in mitologia: Venere e Marte).
 
Immagine correlata
 
Il corpo ci insegna che chi non ama, diviene acido; o, per dirlo ancora più chiaramente: chi non sa godere, diviene ben presto non godibile!
 
Sa accogliere l’amore soltanto chi sa dare amore – e il diabetico manifesta l’amore soltanto sotto forma di zucchero non assimilato nelle urine.
 
Caffè, Chicchi Di Caffè, Tazza Di Caffè, Millk
 
Il diabetico vuole amore (cose dolci), ma non ha il coraggio di affrontare in maniera attiva il problema (” …io non posso proprio mangiare niente di dolce! “).
 
Continua a desiderare di’ poterlo fare (” …mi piacerebbe tanto, ma proprio non posso! “) – ma non riesce a ricevere amore perché non ha imparato a dare lui stesso amore; così l’amore passa attraverso di lui, come lo zucchero non assimilato.
 
(Thorwald Dethlefsen Rudiger Dahlke)

La sindrome delle spalle e delle braccia

Malattia Espressione dell’AnimA

Si tratta di una sintomatologia del dolore che interessa la zona delle spalle e delle braccia e che spesso si manifesta insieme a una sindrome che coinvolge l’intera colonna vertebrale.

Persona, Donna, Giovane, Bello, Spalla, Pelle, Indietro

La medicina tradizionale annovera più di venti cause che possono determinare l’insorgere di questi disturbi, dall’ernia del disco al tumore.

Per lo più si tratta di una sintomatologia dovuta a sovraccarico, con irritazione del plesso cervicale, cioè del plesso nervoso preposto al controllo delle braccia.

spalle e braccia

I movimenti del braccio diventano dolorosi e alla fine è quasi impossibile sollevare l’arto al di sopra del piano orizzontale.

Spesso si ha la sensazione che questa parte del corpo sia insolitamente pesante, per cui risulta difficile fargli lasciare la posizione di riposo, quella distesa lungo i fianchi.

Se il paziente non riesce più a sollevare l’arto, l’interpretazione non è difficile.

spalle, volontà, scelte

Il malato non è più in grado di prendere in mano la propria vita, di sostenerla e di mostrare chi è il padrone di casa (cioè il padrone del corpo).

Perché l’interpretazione sia corretta

è di vitale importanza sapere se ad essere bloccato è il braccio destro maschile, quello con il quale sguainiamo la spade della forza, oppure quello sinistro femminile, con il quale ci siamo limitati a elemosinare, facendo assumere alla mano la posizione di coppa.

spalle volontà risoluzione

Il sintomo fa chiaramente comprendere di fronte a cosa è necessario retrocedere nella vita nel momento in cui essa impedisce di prendere quello che si desidera.

Per troppo tempo i malati hanno cercato di afferrare tutto servendosi di una sola parte del proprio corpo.

Jeans Con Vita Alta, Acquistare, Mosca, Abbigliamento

Adesso, nel momento in cui viene loro vietato di stendere il braccio destro, sono obbligati a una pausa. Non possono più comandare e disporre come piace a loro. 

Con l’arto sinistro invece viene loro sottratta la facoltà di aggrapparsi e di tenersi saldi, e simbolicamente quella di pregare ed elemosinare. Il compito consiste allora nel far riposare la parte del corpo immobilizzata.

Se il polo maschile è bloccato, si sviluppa automaticamente il rapporto con quello femminile.

spalle e braccia

Solo la parte sinistra quindi rimane a disposizione dei soggetti, che sono costretti a utilizzare in misura maggiore questa metà del proprio corpo e a conformarsi al comportamento più rilassato e più disteso tipico del polo femminile e privo dell’umor nero del lato opposto.

Se invece ad essere bloccato è il lato femminile, significa che è necessario occuparsi di più del polo maschile.

Bisogna afferrare e prendere in mano la propria vita. La situazione suggerisce di guardare verso destra, di controllare personalmente la rotta della nave della vita e di determinare da soli il proprio futuro.

spalle e braccia

Domande

1. Quale lato non riesco più a controllare?
2. In che misura ho affrontato la tematica del lato bloccato? E in che modo?
3. A che scopo ho sollevato il braccio bloccato?
4. Per prestare un giuramento, perché sono stato colpito, per afferrare una bandiera, per prendere la parola … ?
5. Che cosa non ha funzionato?
6. Di quale parte finora trascurata del mio essere sono ora costretto a occuparmi di più?

(Dott. Rudiger Dahlke)

L’articolazione del gomito

Malattia espressione dell’AnimA

Con il suo aiuto possiamo attirare il mondo verso di noi e anche prenderlo a pugni.
È la classica leva con cui muoviamo cielo e terra, solleviamo gli altri o li attiriamo teneramente a noi.


Risultati immagini per articolazione gomito sintomi
Alcuni lavorano con tali limitazioni che sui loro gomiti crescono squame in quantità. La psoriasi si manifesta con maggiore frequenza proprio in questa zona, prediligendola come punto di partenza.

La chiazze squamose sono una sorta di fodera protettiva e combattiva dei gomiti. Quanto possano essere necessarie, lo mostrano i capi di vestiario che, se non vengono rinforzati in questo punto, si logorano.
 
Skateboard, Timone, Protezioni, Protezione, Salto
 
Molto diffusa è l’espressione «sgomitare» per indicare l’atto di farsi strada, pur se cortesemente, con l’aiuto dei gomiti.

Il gomito del tennista è una malattia piuttosto diffusa ed è causata da una sollecitazione eccessiva e da un uso improprio della leva.
 
Pirata, Nave, Sangue, Imbarco, Pistole, Pistola, Spada
 
È un esempio classico dell’esistenza parallela dell’impulso alla spinta e della contemporanea resistenza ad essa. La racchetta come estensione del braccio, accresce enormemente la forza della leva.
 
Se allora si «gioca» in atteggiamento contratto, con forza eccessiva e per ambizione, l’articolazione del gomito viene costretta a un lavoro esagerato e manifesta il suo stato attraverso il dolore. Tutto ciò che viene fatto solo perché è necessario può portare a queste conseguenze.

gomito
Se l’articolazione del gomito è dolorante, è impossibile continuare a giocare e si impone immediatamente una pausa di riflessione, in cui il giocatore abbia la possibilità di esaminare le ragioni profonde dei suoi movimenti esasperati.
 
Il problema diventa grave solo quando i soggetti fanno finta di non udire il chiaro richiamo del corpo, continuano imperturbabili a fare sforzi e continuano a mettere gli altri al muro.

Il compito consisterebbe nel capire le regole del gioco e nel parteciparvi in modo giocoso.

 
Immagine correlata
Quello che deve essere fatto per prevenire il gomito del tennista vale naturalmente non solo per il tennis, ma anche per tutte le situazioni in cui si presentano problemi simili. Anche chi non ha mai tenuto in mano una racchetta può presentare gli stessi sintomi.
 
Domande
 
1. Cosa voglio veramente quando metto in movimento tutte le cose?
2. Chi voglio sollevare? Dove esagero il mio sforzo?
3. Quali sollecitazioni al riposo ho ignorato?
4. Quale opposizione si crea in me se esercito la mia leva?
5. Quali motivazioni non confessate (quale ambizione?) esistono in me?
6. Quali colpi si abbattono su di me e mi scuotono (con la mia articolazione)?
7. Per chi erano stati pensati?
(Dott. Rudiger Dahlke)