Dipendenza nutrizionale del cervello all’intestino

La dipendenza nutrizionale è …messo in evidenza dal fatto che molti importanti neurotrasmettitori sono sintetizzati unicamente da ammino acidi essenziali.

Termine che significa che non riusciamo a sintetizzarli dai grassi, come facciamo per quelli non essenziali, ma che ricaviamo unicamente dalla demolizione enzimatica delle proteine della dieta.

Prima Colazione, Cibo, Mangiare, Pasto, Mattina

Una riduzione della capacità dell’intestino di ricavarli dalla dieta diminuirà la disponibilità dei corrispondenti neurotrasmettitori cerebrali.

Per esempio la serotonina cerebrale è sintetizzata unicamente dal triptofano, ammino acido essenziale, captato dal cervello.

Uova Fritte, Prima Colazione, Toast, Cibo, Uovo, Tuorlo

Data la competizione per lo stesso trasportatore alla barriera emato encefalica, la sua captazione dipende dal rapporto plasmatico sui suoi competitori alla captazione, i large neutral amino acids (LNAAS: tirosina, valina, metionina, leucina, isoleucina, fenilalanina e triptofano).

Una riduzione della capacità dell’intestino di assorbirlo comporta una diminuzione di questo rapporto, quindi una sua minor captazione cerebrale e conseguente minor trasformazione in serotonina.

Prima Colazione, Sano, Hummus, Diffusione

Bassi livelli di triptofano sono riportati in diverse patologie neurologiche (1,2)

e dai livelli ematici dei LN.A.A.s è stato possibile valutare una significativa riduzione di 1/3 della sua captazione cerebrale (3), quindi della sintesi di serotonina dato che è stata riportata dipendere dal triptofano captato (4).

Prima Colazione, Cena, Uovo, Cibo, Fresco, Verde, Ham

Una flora intestinale disbiotica decarbossila eccessivamente il triptofano in indolo e scatolo, quindi una disbiosi intestinale riduce la disponibilità di serotonina cerebrale.

Elevati livelli urinari di scatolo sono stati riportati in pazienti epilettici (5), a conferma di una disbiosi ed è riportato che assunzioni orali di triptofano, non in grado di aumentare i livelli ematici, aumentano, invece, l’indolo urinario dei pazienti epilettici (6).

Uova, Bacon, Colazione, Becon, Caffè, Pane, Cibo

L’istamina, invece, deriva dalla decarbossilazione dell’ammino acido essenziale istidina, una disbiosi produce una sua eccessiva decarbossilazione ed elevati livelli di istamina provocano cefalea nei soggetti vulnerabili, così come l’assunzione di cibi ricchi di istamina.

Elevati livelli di istamina sono riportati nei pazienti cefalgici.

Dall’ammino acido essenziale tirosina il cervello ricava la dopamina, una cui carenza è responsabile del Parkinson, un suo livello eccessivo della schizofrenia.

Prima Colazione, Cibo, Piatto, Colazione Inglese

Dalla dopamina è sintetizzata la noradrenalina, coinvolta nelle funzioni cognitive, nella depressione e nell’epilessia. Dalla noradrenalina è sintetizzata l’adrenalina, un cui deficit comporta astenia.

nonostante il suo ruolo di capostipite di importanti neurotrasmettitori, coinvolti in importanti patologie neurologiche, non ci sono studi sulla decarbossilazione della tirosina ad opera di flora disbiotica nel Parkinson, nella depressione, nell’epilessia, nelle demenze, nella sindrome da affaticamento cronico, etc.

Risultati immagini per disbiosi

Una banale disbiosi intestinale potrebbe essere la causa di gravi sintomatologie, ma preferiamo affrontare il deficit di dopamina nel Parkinson con trapianti di neuroni dopaminergici che cercare di ridurre una eccessiva decarbossilazione del precursore della dopamina, la tirosina.

(Prof. Paolo Mainardi)

Libro: Alla Ricerca dell’Una Medicina

Cannella olio essenziale

Agisce sul fisiologico benessere dell’apparato del stomaco

Cannella (Cinnamomum zeylanicum) o.e. dalla scorza.

Note Bibliografiche:

Stelle Alla Cannella, Bastoncini Di Cannella, Pigne

Cinnamomum zeylanicum, albero originario dell’isola di Ceylon e dell’India. L’essenza, rosso-marrone, densa e dal sapore bruciante, si ottiene per distillazione in corrente di vapore della corteccia.

l principali costituenti dell’essenza sono l’aldeide cinnamica, l’aldeide o-metossi-cinnamica e l’eugenolo.

Anice, Anice Stellato, Schisandraceae, Cannella

Varie Farmacopee e diversi sistemi di medicina tradizionale descrivono l’uso della cannella nel trattamento di disturbi dispeptici come lievi spasmi del tratto gastrointestinale, senso di sazietà e flatulenza. 

L’olio essenziale ha anche attività carminativa e spasmolitica, attività queste di cui è responsabile l’aldeide cinnamica. L’olio essenziale di cannella ha una forte attività antimicotica e favorisce la circolazione periferica se frizionato sulla pelle.

Proprietà:

l’Attila degli oli essenziali: uccide il 99,99°/o dei microbi, anche quelli resistenti agli antibiotici! Perfetto per tutte le infezioni (respiratorie, intesti­nali, ginecologiche, urinario … ).

Potente antinfettivo, l’olio di cannella è estremamente stimolante per le ghiandole cortico-surrenali. Ha anche notevoli capacità antisettiche, anti­virali e antibatteriche.

Per la sua azione antisettica intestinale è considerato l’antidiarroico per ec­cellenza. Carminativo, antifermentativo, digestivo eupeptico, stomachico. Diabete – Pancreas

Risultati immagini per cannela

In generale, migliora la respirazione ed utile soprattutto nei casi di bron­chite asmatica, sibilante, raffreddore e influenza, colpo di freddo.

Ricorrete sempre a questo olio in caso di raffreddori e lievi malanni invernali. In supposta, necessita soltanto di 10 minuti per raggiungere i polmoni e fare il proprio lavoro!

Sfocatura, Torta, Cheesecake, Cannella, Close Up

Elimina i vermi e ogni tipo di parassiti presi in soggiorni all’estero. Stimolante, anche per la libidine! Attenua la fame.

L’olio essenziale di cannella è caldo e suadente. Il suo aroma speziato, crea atmosfe­re afrodisiache, avvolgenti e coinvolgenti dove trova rifugio chi desidera essere cullato e protetto, e chi è colpito da disequilibri nervosi di sonno e alimentazione, derivati da tensioni nervose originate dal senso di isolamento e mancanza di affetto.

Indicazioni :

Miele, Cannella, Ciotola, Miele Di Ape

Colica flatulenta, dispepsia con nausea, dispepsia flatulenta, anoressia, colica intestinale, diarrea infantile, raffreddore comune, influenza.

Problemi e infiammazioni della bocca, gola orofaringei, proprietà antisettiche, antimicrobiche, antibiotici, stimolante, tonificante dello stomaco, gonfiore, diarrea, mal di stomaco, nausea, vomito, vasocostrittore.

Azioni:

Spasmolitica, carminativa, orexigenica, antidiarroica, antimicrobica, rinfrescante, antielmintica.

Sinergismi frequenti:

Filipendula, Camomilla romana, Olmo rosso e Altea radice nella dispepsia flatulenta e gastrite. Geranio americano, Quercia, Calamo aromatico e Cathecu nella diarrea con colica.Sambuco, Menta piperita e Achillea nell’infezione influenzale.

Tazza Di Caffè, Coppa, Spezia, Cannella, Anice

Molte sostanze, da sempre considerate come afrodisiache, lo sono innanzitutto per il loro odore: pepe, tabacco, vaniglia, ylang-ylang, zenzero, zafferano, vetiver, cannella, geranio.

Fra le piante che sono considerate afrodisiache per eccellenza meritano di essere segnalate: Eleuterococco, Damiana, Ginseng, Epimedium, Salvia, Rosmarino, Santoreggia, Menta, Guaranà, Zenzero, ecc

W la Dislessia

Perché W LA DISLESSIA?

Tuo figlio non è malato Scopri il metodo definitivo per liberarlo da una vita di frustrazione e insuccesso.

“La dislessia è un disturbo specifico dell’apprendimento di origine neurobiologica, caratterizzato da difficoltà nella lettura, in un contesto in cui il livello scolastico globale e lo sviluppo intellettivo del soggetto sono nella norma con un’alterazione del Microbioma intestinale” Giusto? Sbagliato! La definizione di per sé è corretta.

Ciò che è sbagliato è l’approccio.

Dislessia, La Dislessia

È un approccio che ha una visione parziale della dislessia, quella tipica di una società che vede la dislessia solo come un limite, un’incapacità o, peggio ancora, un problema.

In realtà uno dei problemi oltre al tipo di alimentazione nei dislessici è proprio la scuola che non è pensata per valorizzare le diverse modalità di apprendimento.

Ed è proprio così che dovrebbe essere vista la dislessia: come una diversa modalità di apprendimento.

Adulto, Madre, Figlia, Beach, Bambini, Serata, Famiglia

Crediamo così fortemente in queste affermazioni, che abbiamo deciso di farle diventare un libro: W LA DISLESSIA!

Questo libro vuole essere un supporto per tutti i genitori che si trovano spaesati nel momento in cui a scuola arriva una frase come “suo figlio è un po’ lento, sicuri che non sia il caso di fare una diagnosi?”.

Ragazza, Bicicletta, Giardino, Persone, Outdoor

Da quel momento in poi inizia un percorso, spesso a ostacoli, che parte dalla visita dal Neuropsichiatra e finisce con una diagnosi che conferma o smentisce l’idea degli insegnanti.

E, una volta arrivata la diagnosi, il viaggio continua attraverso varie tappe: colloqui, compiti per casa fatti in un certo modo, Piani Educativi Personalizzati, uso di strumenti compensativi e altro ancora.

Ma ci siamo accorti che tutto quello non poteva essere sufficiente!

Serviva qualcosa che potesse dare un sostegno alle famiglie e che le aiutasse a vivere al meglio queste esperienze. Ecco quindi che abbiamo deciso di scrivere questo libro, di cui puoi scaricare gratuitamente il primo capitolo, lasciando la tua mail qui sotto. Il libro uscirà a Natale, ma vogliamo farti questo primo regalo in anticipo.

Buona lettura! Valentina, Paola e Alessandro

Homepage

http://www.ilgiardinodeilibri.it/libri/__w-la-dislessia-conte-saba-rocco.php?pn=5552

Cicoria (Cichorium intybus)

Coadiuvante tradizionale per il diabete e l’aumento della glicemia e sonnolenza post prandiale

nelll’iposecrezione gastrica; contiene, infatti, anche inulina.

Parti utilizzate: foglie, radici

Immagine correlata

La radice di cicoria è conosciuta per le sue funzioni amaro toniche, lassative, ipoglicemizzanti e diuretiche

La sostanza amara contenuta in essa, a cui si ascrivono la maggior parte degli effetti terapeutici è verosimilmente composta da lactucina e lactucopicrina.

Già nel 1939 alcuni autori misero in evidenza le proprietà ipoglicemizzanti della radice ed è stato osservato che essa è capace di contenere entro certi limiti la iperglicemia, determinata dagli amidi e dagli zuccheri nella dieta.

Modalità d’uso: preferibilmente foglie fresche nell’alimentazione

Immagine correlata

Infuso: foglie secche un cucchiaio da minestra per una tazza d’acqua bollente, coprire, lasciare in infusione 10 min, filtrare.

Decotto radici: un cucchiaino da tè delle radici sminuzzate per una tazza d’acqua. Bollire per 5 minuti, coprire, lasciare in infusione 15 minuti, filtrare, bere una tazza prima dei pasti.

Cicoria, Chicoreewurzeln, Verdure, Root, Cibo

La radice: seccata e tostata si può utilizzare come caffè.

L’uso: di cicoria fresca è consigliato per i diabetici, riduce la glicemia del 20-40 %.

Anteposta prima di ogni pasto principale.

Cicoria, Chicoreewurzeln, Verdure, Arabile, Campo, Root

Si consiglia: per anoressia, astenia, anemia, ittero ed epatismo, atonia gastrica, dermatosi, gotta, stipsi.

La cicoria è dotata inoltre di una chiara e spiccata attività antitiroidea, azione elettiva nella tiroide.