Reflusso gastrico

10 maniere per potenziare i livelli di acido gastrico

Ci sono delle cose che si possono fare per aiutarti a migliorare la digestione nel caso tu soffra di ipocloridria. Seguendo queste strategie puoi ridurre lo stress cui è sottoposto il tuo sistema digestive e puoi assorbire meglio i nutrienti. Questo aiuterà il tuo corpo ad avere le risorse di cui ha bisogno per produrre corrette quantità di succhi gastrici nel futuro.

Vulcano, Acqua, Gocciolamento, Goccia D'Acqua, Rosa, reflusso gastrico,

1. Utilizzate nutrizione liquida durante tutto il giorno: Dovreste fare almeno metà dei vostri pasti in una forma liquida come un integratore liquido di proteine (protein shake) o un succo di foglie fresche e frutta (green smoothie).

Gli integratori liquidi di proteine sono pre-metabolizzati (pre-digeriti) e molto facili da digerire anche perché la loro digestione non dipende dalla produzione di HCL. Se avete bassi livelli di HCL è saggio assumere 1-2 integratori liquidi di proteine ogni giorno per aumentare l’assorbimento degli aminoacidi e ridurre lo stress sul sistema gastrointestinale.

Dolore Addominale, Dolore, Cieco, Gonfiore

2. Utilizzate lo zenzero: Lo zenzero è una delle migliori cose per migliorare la quantità dei succhi gastrici. Lo zenzero fa parte di un gruppo di erbe dette carminative e che comprende anche pepe, anice, cardamomo, coriandolo, etc. Io raccomando di bere 2-3 tazze di tisana di zenzero ogni giorno:

potete mettere gocce di olio essenziale di zenzero nell’acqua (2-3 gocce in una tazza), spremere 1,5 cm di radice di zenzero in un succo di verdura ogni giorno e utilizzare lo zenzero in polvere o in scaglie sui cibi. Potete assumere anche zenzero fermentato, un cibo comunemente utilizzato nelle preparazioni dei piatti asiatici come il kimchi.

Disperazione, Da Solo, La Solitudine, Archetipo

3. Sottoponetevi a super idratazione lontano dai pasti: Io sono un FORTE sostenitore dell’ottima idratazione, che è molto importante nel caso soffriate di ipocloridria. La buona idratazione aiuterà ad attivare la motilità intestinale e a spingere il cibo attraverso il sistema digestivo, l’acqua a sua volta ridurrà la fermentazione microbica e la tossicità nel vostro corpo.

Donna, Corpo, Snello, Stomaco, Addome, Ragazza, Vita

4. Bevete molto poco con pasti che contengono la carne: Ogni volta che state per mangiare carne o qualche genere di cibo più pesante (non un estratto di frutta e verdura né una insalata), dovreste evitare di bere acqua almeno 30 minuti prima del pasto eccetto forse 60 ml che possono servirvi per assumere giù un integratore. Questo ridurrà ogni potenziale diluizione dei succhi gastrici e permetterà una migliore digestione.

Stomaco, Salute, Dieta, Dessert, Mangiare, Pancia

5. Astenetevi dall’acqua dopo i pasti: Per permettere una digestione ottimale io raccomando l’astensione da acqua o liquidi fino ad almeno 30 minuti dopo i pasti. Questo permette di avere una corretta acidità gastrica, la corretta sterilizzazione, il corretto metabolismo delle proteine, etc.

6. Utilizzate il limone o l’aceto di mele: Spremere limone fresco o utilizzare succo di limone o aceto di mele sulla carne e sulle verdure aiuta a pre-metabolizzare il cibo. Ciò permette a sua volta di migliorare la digestione e l’assorbimento dei nutrienti.

Potete marinare il cibo col limone o con l’aceto di mele, oppure aggiungerli come un

condimento appena prima di mangiare il cibo.

Tums, Pillole, Compresse, Antiacido, Indigestione

7. Mangiare i cibi proteici all’inizio del pasto: Lo stomaco inizierà a secernere i succhi gastrici quando iniziate a mangiare, specialmente quando mangiate proteine. É molto comune che la gente mangi prima l’insalata e dopo un cibo proteico, ma questo non va bene per la produzione di HCL. È molto meglio mangiare le proteine assieme all’insalata o alle verdure.

8. Utilizzate verdure fermentate: Cibi fermentati come i crauti, il kimchi, sottaceti, zenzero fermentato, etc. contengono tutti acidi organici, enzimi e probiotici che aiutano

Bottiglia, Acqua Minerale, Bottiglia Di Acqua

ad aumentare la secrezione di succhi digestivi. Io raccomando di utilizzare uno di questi con tutti i vostri pasti più pesanti e specialmente con tutti i pasti che contengono proteine.

9. Utilizzate bevande fermentate: Bevande fermentate come l’aceto di mele, il kefir di acqua di cocco e acqua e limone (non fermentato) contengono acidi organici che hanno effetti anti-microbici. In tal modo essi aiutano a ridurre il carico batterico, specialmente dei batteri nello stomaco come l’H pylori.

Uomo, Stress, Maschio, Viso, Adulto, Giovane, Persona

Mantenere bassi i livelli di H Pylori è importante per permettere al corpo di produrre abbastanza succhi gastrici.

10. Mangiate il vostro pasto principale quando siete più rilassati: Per riuscire a produrre la giusta quantità di succhi gastrici, il vostro corpo richiede l’attivazione del sistema nervoso parasimpatico. Se siete indaffarati e siete di fretta, siete nella modalità simpatica “fuggi o combatti”. Se combattete con l’ipocloridria, questo non vi permetterà di produrre mai abbastanza succhi gastrici.

Acqua, Frutta, Lamponi, Mirtilli, Himbeerblätter

Utilizzate nutrimento liquido e cibo crudo come estratti vegetali, integratori liquidi di proteine e insalate leggere nei periodi in cui siete più indaffarati, perché la digestione di questi cibi non dipende molto dalla produzione di HCL. Pianificate i vostri pasti che contengono la carne in periodi della giornata in cui potete stare rilassati almeno per 30 minuti prima del pasto e per 1-2 ore dopo il pasto.

Se mangiate carne durante un momento maggiormente stressante, provate a prendere pochi respiri profondi prima di consumare il pasto in modo tale da rilassare il vostro corpo e uscire dalla modalità “combatti o fuggi”.

Integrare con acido ipocloridrico:


Farmacia, Antiquariato, Vecchio, Prodotti Chimici

Uno dei più importanti integratori con cui io abbia mai lavorato è l’acido ipocloridrico. Ho visto come esso possa fare una enorme differenza nella vita di molte persone. Si tratta delle capsula di HCL. Dovreste reperirle in dosaggi tra i 300 e i 500 mg per capsula in combinazione con 100-200 mg di Pepsina.

Ci sono due protocolli che utilizzo con i miei pazienti. Uno è per chi soffre regolarmente di reflusso acido mentre gli altri sono per quelli che di reflusso soffrono raramente (una volta al mese o meno) o non ne soffrono affatto.

Farmacia, Isolato, Salute, Medico, Bottiglia, Droga

Assumete sempre la Betaina HCL o a metà del pasto o alla fine del pasto. Non prendetela mai prima del pasto o potreste avere una brutta esperienza di bruciore di stomaco e bloccherete la vostra naturale produzione di succhi gastrici per la digestione del pasto stesso. Inoltre, se state assumendo un qualsiasi tipo di farmaco anti-infiammatorio non steroideo (FANS) come ibuprofene, tylenol o aspirina allora non dovete prendere HCL.

Se non soffrite di reflusso acido:


Capsula, Pillola, Salute, Medicina, Farmaco, Vitamine

Assumete 1 capsula durante o dopo il pasto (mai prima del pasto) e osservate se percepite una leggera sensazione di bruciore nello stomaco, nella zona del petto. Ciò significa una leggera indigestione o bruciore di stomaco. Quando notate ciò con una capsula di HCL, è segno che state producendo abbastanza HCL.

Se non vi succede, allora non ne state producendo abbastanza.

Al vostro prossimo pasto, provate a prendere 2 capsule e continuate [ad aumentare] fino a quando continue scoprite quante capsule dovete prendere per indurre una sensazione di indigestione/bruciore di stomaco.

Coppa, Tee, Porcellana, Drink, Arredamento, Rottura

Se 4 capsule inducono l’indigestione, allora prendetene 3 con i pasti in cui assumete le dosi maggiori di proteine (non quando ingerite integratori di proteine o brodo – ma solo quando mangiate carne e proteine). Una volta che iniziate a sentire indigestione con 3 capsule diminuite a 2 e così via.

Se soffrite di reflusso acido:


Caffè, Tazza Di Caffè, Torta, Copertina, Pausa, Schiuma

Non prendete farmaci anti-acido o contro il reflusso.


Assumete 1 capsula durante o subito dopo il pasto (mai prima del pasto) e osservate se smettete di soffrire di indigestione. Se continuate a soffrire di indigestione, ne avete un bisogno maggiore.

Al vostro pasto successive, prendete 2 capsule e continuate questo processo fino a quando trovate la giusta dose di cui avete bisogno per non soffrire di indigestione. Continuate a utilizzare questa dose fino a quando vi rendete conto di soffrire nuovamente di indigestione. Quando ciò succede, diminuite la dose di una capsula al pasto successivo.

Farmaci, Cura, Compresse, Farmacia, Medica, La Malattia

Quindi se 4 capsule vi hanno eliminato l’indigestione allora restate Fermi a quella dose fino a quando iniziate a SOFFRIRE di indigestione. Allora diminuite il dosaggio a 3 capsule fino a quando notate ancora una volta di soffrire di indigestione.

Quando notate indigestione con 3 capsule, scendete a 2 e continuate così fino a quando arrivate a un punto in cui la situazione è stabile oppure fino a quando non riuscite ad eliminare completamente l’assunzione di integratori di HCL.

Ho bisogno di prendere Betaina HCL per tutta la vita?


Zenzero, Pianta, Asia, Rizoma, Cucina, Spezia

Questa è la domanda più frequente che mi rivolgono i pazienti dopo che vedono i notevoli risultati ottenuti ottimizzando i loro livelli di acidità di stomaco e utilizzando le capsule di Betaina HCL. Siccome i succhi gastrici sono qualcosa che il nostro corpo dovrebbe produrre naturalmente, questa è una questione molto importante.

La risposta è forse.


Ginger, Polvere, Cucina, Ingredienti, Fragrante

Gli individui che sono più giovani e più sani possono assolutamente riprendere una produzione di HCL quasi ottimale e mantenerla per tutta la vita con i corretti accorgimenti. Gli individui più anziani o quelli che hanno sofferto con problemi di salute cronici per un periodo di tempo più lungo potrebbero avere bisogno di una integrazione di acido gastrico per tutta la vita.

In ogni caso, la vostra vita sarà molto migliore prendendo gli integratori di HCL di cui avete bisogno per ottimizzare la vostra digestione piuttosto che cercando di farne a meno o di utilizzarli in maniera marginale. Fortunatamente si tratta degli integratori meno costosi che si possono trovare in commercio.

Tra le fonti di questo articolo ci sono:


Spezie, Aromi, Stagionatura, Cibo, Ingrediente

1. Dukowicz AC, Lacy BE, Levine GM. Small Intestinal Bacterial Overgrowth: A Comprehensive Review. Gastroenterology & Hepatology. 2007;3(2):112-122.
2. Pereira SP, Gainsborough N, Dowling RH. Drug-induced hypochlorhydria causes high duodenal bacterial counts in the elderly. Aliment Pharmacol Ther. 1998 Jan;12(1):99-104. PMID: 9692707
3. Champagne ET. Low gastric hydrochloric acid secretion and mineral bioavailability. Adv Exp Med Biol. 1989;249:173-84. PMID: 2543192
4. Low Stomach Acid: The Risks, the Symptoms, and the Solutions Link Here
5. Saltzman JR, Kowdley KV, Pedrosa MC, Sepe T, Golner B, Perrone G, Russell RM. Bacterial overgrowth without clinical malabsorption in elderly hypochlorhydric subjects. Gastroenterology. 1994 Mar;106(3):615-23. PMID: 8119531
6. Tennant SM, Hartland EL, Phumoonna T, Lyras D, Rood JI, Robins-Browne RM, van Driel IR. Influence of gastric acid on susceptibility to infection with ingested bacterial pathogens. Infect Immun. 2008 Feb;76(2):639-45. PMID: 18025100
7. Cater RE 2nd. The clinical importance of hypochlorhydria (a consequence of chronic Helicobacter infection): its possible etiological role in mineral and amino acid malabsorption, depression, and other syndromes. Med Hypotheses. 1992 Dec;39(4):375-83. PMID: 1494327
8. Britton E, McLaughlin JT. Ageing and the gut. Proc Nutr Soc. 2013 Feb;72(1):173-7. PMID: 23146206
9. Betesh AL, Santa Ana CA, Cole JA, Fordtran JS. Is achlorhydria a cause of iron deficiency anemia? Am J Clin Nutr. 2015 Jul;102(1):9-19. PMID: 25994564

Perchè la verdure non vanno mangiate?

Succhi freschi di frutta e verdura

Come nei casi iniziali di infiammazioni croniche degenerative, disbiosi, morbo di Crohn, diverticolite ecc

Se non si conoscono i principi che stanno alla base dell’utilizzo delle verdure e della frutta fresche crude, una domanda sorge legittima: «Perché non mangiare le verdure e i frutti interi anziché estrarne il succo e scartare le fibre?».

Insalata, Frutta, Frutti Di Bosco, Sano, Vitamine

La risposta è semplice: il cibo solido richiede molte ore di attività digestiva prima che il rispettivo nutrimento sia infine disponibile per le cellule e i tessuti del corpo. Le fibre nel cibo solido non hanno praticamente alcun valore nutritivo ma funzionano come una scopa nell’intestino durante l’attività peristaltica, quindi c’è bisogno di mangiare cibi crudi oltre ai succhi da bere.

Insalata, Cibo, Italiano, Saporito, Fondo In Legno

Ma è anche vero che l’eliminazione delle fibre che avviene quando si estrae il succo, rende i succhi stessi velocemente digeribili e assimilabili, a volte nel giro di pochi minuti, con il minimo sforzo e lavoro da parte dell’apparato digerente. Per esempio, è noto che il sedano, grazie al suo elevato contenuto di cloruro di sodio, è l’alimento migliore per contrastare gli effetti del gran caldo.

Ma mangiare il sedano richiede così tanto tempo nella digestione che una persona fa in tempo a essere sopraffatta dal caldo intenso prima che si manifestino gli effetti benefici. Invece, se beviamo un bicchiere o ½ l di succo fresco di sedano crudo, otteniamo risultati velocissimi.


Risultati immagini per digestione difficile
È proprio questo che ha reso per me sopportabile il caldissimo deserto dell’Arizona. I vegetali e i frutti interi sono costituiti da una considerevole quantità di fibre. Negli interstizi di queste fibre sono racchiusi gli atomi e le molecole che rappresentano gli elementi nutrizionali essenziali di cui abbiamo bisogno.

Sono proprio questi atomi e molecole e i loro rispettivi enzimi che si trovano nei succhi freschi che agevolano il nutrimento delle cellule e dei tessuti, delle ghiandole, degli organi e di ogni parte del nostro corpo.

Insalata, Fichi, Formaggio, Formaggio Di Capra

Comunque, anche le fibre dei vegetali e della frutta sono preziose. Quando mangiamo cibo crudo, non cucinato e non lavorato, queste fibre servono a ripulire l’intestino. Quando il cibo viene cotto, il calore intenso ne distrugge la vita.

Le fibre perdono il loro magnetismo a causa del calore e divengono senza vita, morte, agiscono come uno straccetto che tenta maldestramente di dare una strofinata all’intestino e nulla più, il tutto spesso lasciando comunque uno strato di sostanze sulle pareti intestinali.


Immagine correlata

Nel corso del tempo questa patina si ispessisce, si putrefà e causa tossiemia.

Allora il colon diventa pigro e si deforma portando costipazione, colite, diverticolite e altri disturbi. I succhi freschi estratti da vegetali e frutti crudi sono il mezzo attraverso il quale possiamo rifornire tutte le cellule e i tessuti del corpo degli elementi e degli enzimi nutrizionali di cui necessitano nel modo in cui possono essere maggiormente digeribili e assimilabili.

Avete notato come io abbia parlato di enzimi nutrizionali?

Verdure, Giardino, Vendemmia, Organici, Verde

Ha a che fare con gli enzimi presenti in ciò che mangiamo. Le cellule e i tessuti del nostro corpo hanno i loro enzimi corrispondenti che assistono il processo della digestione e dell’assimilazione del cibo e vi collaborano.

Inoltre la composizione di ogni atomo e molecola del nostro corpo ha una abbondante scorta di enzimi. L’ossigeno è fissato dall’azione degli enzimi e quindi dal sangue.

Per esempio, l’aria che respiriamo entra nei polmoni in una combinazione di circa il 20% di ossigeno e l’80% di azoto. L’aria che espiriamo dai polmoni contiene soprattutto acido carbonico e anidride carbonica.

Cosa accade all’azoto?

Fragola Dessert, Fragole, More, Dessert, Yogurt, Crema

Ecco quello che succede quando respiriamo. Due principali classi di enzimi nei nostri polmoni entrano in azione nel momento in cui l’aria raggiunge le piccolissime sacche simili a grappoli d’uva all’interno dei polmoni, note come alveoli.

Un gruppo di enzimi, noti come ossidasi, separa l’ossigeno mentre l’altro gruppo di enzimi, noti come nitrasi, separa l’azoto dall’aria. L’ossigeno entra in circolo nel sangue, grazie all’azione degli enzimi, e raggiunge quindi tutto il corpo, mentre l’azoto, grazie all’azione di enzimi “vettori”, passa all’organismo per la creazione di proteine. Il nostro intero sistema è composto da innumerevoli enzimi.

Essi si trovano nella bocca, nello stomaco e nell’intestino.

Arancione, Orange, Orange Tree, Agrumi, Frutta

Oltre una dozzina di essi è coinvolta nella digestione e nell’assimilazione del cibo. Lavorano insieme agli enzimi che si trovano negli atomi e nelle molecole contenuti nel cibo stesso.

Succhi freschi di frutta e verdura byDottorNormanW.Walker
 

La salsa di rafano tedesco (barbaforte)

Noi non utilizziamo il succo di rafano tedesco

poiché i suoi eteri sono già sufficientemente potenti quando è finemente pestato o tritato (polverizzato).

L’effetto che si ottiene assumendo mezzo cucchiaino da caffè di rafano tedesco sminuzzato (polverizzato) ci lascerà un ricordo indelebile e scioglierà il muco presente nelle cavità nasali.

Verdure, Carote, Aglio, Sedano, Cibo, Salute, Vitamine

E averlo provato in polvere vi lascerà talmente impressionati e liberi dal muco, che riuscirete a comprendere perché non lo si usa sotto forma di succo.

La polpa del rafano fresco sminuzzato mischiata immediatamente con succo di limone e presa due volte al giorno nella dose di ½ cucchiaino nell’intervallo tra i pasti, è efficace per sciogliere il muco.

Risultati immagini per rafano nero barbaforte

Questo avviene non solo nelle cavità nasali ma anche nel resto del corpo e senza danno per le membrane mucose.

Agisce come un solvente e un depurativo sul muco in eccesso presente nell’organismo. Se usato con giudizio, come indicato, e mischiato solo con succo di limone, non irrita i reni, la vescica né le membrane mucose dell’apparato digerente.

Smoothie, Succo, Drink, Cibo, Vegetariano, Vegan, Sano

Oltre al fatto che gli eteri sciolgono il muco, la salsa di rafano ha anche proprietà diuretiche e fa bene soprattutto in caso di idropisia.

Questa salsa va preparata fresca e andrebbe usata entro una settimana dalla preparazione. Va conservata al fresco in una bottiglia o un contenitore chiusi; se lasciata a temperatura ambiente prima di usarla, aumenta l’efficacia.

Va inumidita con succo di limone

Zuppa, Verdure, Pentola, Cucina, Cibo, Sano, Carota

La salsa di rafano, quando assunta come vi abbiamo suggerito, ½ cucchiaino la mattina e ½ nel pomeriggio ogni giorno, potrebbe in un primo momento provocare un forte eccesso di lacrimazione, a seconda di quanto muco è fermo nelle cavità nasali e in altre parti dell’organismo.

Ad eccezione del succo di limone, nient’altro vi andrebbe mischiato e per un po’ non si dovrebbe bere niente dopo avere mangiato la salsa.

Spiedino Di Verdure, Verdure, Verdure Alla Griglia

Tale procedura può essere osservata per settimane o mesi, fino a che la salsa non viene mangiata senza avvertire alcuna reazione. Allora vorrà dire che il muco si è completamente sciolto. Per il muco nasale questa salsa si è rivelata un efficace strumento naturale per rimuovere anche la causa di questo fastidio.

Di norma, i migliori risultati si ottengono quando si mischia il succo di 2 o 3 limoni con 125 ml di rafano polverizzato, dando alla miscela la consistenza di una salsa.

Succhi freschi di frutta e verdura byDottorNormanW.Walker

Il glucosio ed i danni alle cellule 

Quante volte ci siamo sentiti dire che il nostro corpo va a zucchero?

Ci raccontano che il glucosio rappresenta il miglior combustibile per le nostre cellule.
Siamo veramente convinti che sia così?

Lampone, Bacca, Estate, Primo Piano, Vendemmia, Mature

La natura strutturale delle nostre cellule ci suggerisce una verità opposta. Esse sono predisposte per utilizzare il grasso come carburante (substrato energetico) e solo saltuariamente, dovrebbero utilizzare il glucosio.

L’unica eccezione si registra con le cellule nervose e con le fibrocellule di tipo 2b (fibra bianca muscolare). In tal caso, il neurone ha necessità di produrre molta energia per attivare le pompe sodio potassio (per produrre lo stimolo elettrico, grazie alla polarizzazione delle cellule) e ne possiede 100 volte in più delle cellule normali.

Caffè, Coppa, Espresso, Mani, Cibo, Cappuccino

La fibrocellula dei muscoli (della fibra bianca) utilizza molta energia per la contrazione veloce (scatto e forza), possedendo pochi mitocondri ed una riserva di glicogeno (cristalli di glucosio prodotti dal fegato) di circa 300 grammi.

Le altre cellule sono totalmente diverse da neuroni e fibrocellule, dovendo produrre energie centesimali proprio per il numero ridotto di pompe sodio-potassio (senza avere la necessità di accelerare il proprio metabolismo).

Prima Colazione, Sano, Hummus, Diffusione

Come vi ricorderete nella spiegazione della produzione energetica delle cellule esistono due vie: la prima è il mitocondrio, la seconda è la glicolisi.

Il mitocondrio produce con una particella di acetil-coA (acido grasso) 34 Atp (particelle energetiche), utilizzando l’ossigeno che respiriamo dai polmoni .
La glicolisi invece, usa particelle di glucosio e dopo dieci processi chimici produce una quantità di soli due Atp.

Frittelle, Sciroppo D'Acero, Sweet, Cibo

Dalla glicolisi si ottiene anche una particella di acido piruvico, che dovrà subire un’altra lavorazione per trasformarsi in acetil-coA ed entrare nel mitocondrio.

La particolarità del processo glicolico è la sua velocità di produzione, che se pur inefficiente, risulta molto elevata. Difatti nel tempo che il mitocondrio impiega per produrre una particella energetica (Atp), la glicolisi ne produce cinque.

Le domande che ora vi pongo sono le seguenti:


Cereali, Cibo, Grano, Sano, Fibre, Avena

Se non abbiamo bisogno di tanta energia, perché dovremmo attivare la glicolisi ? (come il turbo di un motore). Quanto può durare il motore di una vettura se lo tenessimo sempre al massimo dei giri?

Le nostre cellule hanno un loro metabolismo basale, per il quale l’evoluzione le ha dotate di un numero di mitocondri (con una produzione costante di energia) capaci di produrre solo l’energia necessaria.

Cereali, Prima Colazione, Pasto, Cibo, Ciotola

Quando ingeriamo carboidrati, l’insulina per eliminare il glucosio dal sangue, lo pompa all’interno delle membrane cellulari con il sistema dell’osmosi, obbligando le cellule ad attivare la via glicolica e producendo energia in esubero, che le cellule non sanno come utilizzare.

Inoltre abbiamo già visto come, l’eccessiva presenza di Atp, causi la mancata produzione dell’agente riducente Nadph, fondamentale per riattivare il glutatione (e contrastare i radicali liberi generati dai mitocondri). Al contrario, quando la cellula ha bisogno di carburante (acidi grassi), li richiede direttamente alle lipoproteine (che ne rilasciano la quantità richiesta) e che non le obbligano a riempirsi di grasso.


Risultati immagini per danni glucosio
Un altro problema che coinvolge la cellula è l’eccessiva produzione di acido piruvico, dovuta al processo della glicolisi.

Se il mitocondrio è cinque volte più lento rispetto alla glicolisi, significa che solo una delle cinque particelle di piruvato può trasformarsi in acetilcoA per essere utilizzato dal mitocondrio.

Prima Colazione, Muesli, Sano, Grano, Bacca, Cibo

La cellula subirà una super produzione di acido piruvico che innalza l’acidità del Citosol. L’eccessiva presenza di scorie acide all’interno del cellula, causa il danneggiamento delle strutture proteiche.

Per evitare ciò, la cellula è costretta a riversare l’acido piruvico nella matrice extracellulare (aumentando l’acidità tissutale).

Tutto questo stress cellulare è dovuto all’utilizzo dei carboidrati come supporto energetico, mentre il consumo energetico dei grassi non determina alcuna modifica dell’omeostasi cellulare.

vivere 120 anni

Tarassaco

Il tarassaco fiorisce in primavera, quando il nostro corpo aspetta le pulizie di stagione.

Il tratto saliente del tarassaco è il gusto amaro, ed è proprio da questa caratteristica che derivano le sue proprietà ricostituenti; quell’essenza amarognola è una medicina derivata dagli acidi e dagli alcaloidi curativi della pianta.

Pancia, Cuore, Amore, Ragazza, Relax, Rilassarsi

Il tarassaco risveglia dal letargo, fa pompare il sangue e aiuta gli organi a ripulirsi da radiazioni, metalli pesanti, DDT e altre tossine. Ciò che lo rende unico è che si può utilizzare ogni parte della pianta: le radici, le foglie, il fiore e persino il gambo.

Ogni elemento ha un diverso grado di amarezza e questa diversificazione corrisponde ai diversi gradi di pulizia di cui le varie aree del corpo necessitano. Per cominciare, i fiori (che hanno un gusto dolce-amaro) depurano gli organi cavi, come stomaco e intestino, cistifellea, vescica, polmoni, utero e cuore.

Risultati immagini per tarassaco immagini

Poi ci sono le foglie. I composti fitochimici delle foglie di tarassaco purificano il sangue e l’aiutano a raggiungere i punti più impervi, il che le rende un rimedio irrinunciabile per chi ha problemi circolatori. Il loro grado di amarezza serve anche a espellere le tossine dal sistema linfatico, perciò le foglie sono ideali per curare linfomi non Hodgkin, linfonodi ingrossati e edemi.

Quando si arriva al gambo, che è ancora più amaro dei fiori e delle foglie, comincia la depurazione degli organi pieni, come fegato, cervello e milza: per esempio con l’espulsione della bile che non serve più. Ho riscontrato che il consumo costante dei gambi di tarassaco ricupera la piena funzionalità della milza.

E una volta giunti alla radice la disintossicazione degli organi pieni è ancora più risolutiva.

Retroilluminazione, Dente Di Leone, Sun, Natura, Vicino

Questa è la parte più amara della pianta e costringe gli organi a depurarsi a un livello profondo e intenso. Quando si tratta di disintossicare, la radice di tarassaco non conosce mezze misure. Il tarassaco non ha soltanto un effetto depurativo.

È come un addetto di un albergo di lusso che, dopo aver pulito la camera e rimosso la spazzatura, lascia un cioccolatino sul cuscino.

Dente Di Leone, Fiore, Fioritura, Giallo, Impianto

Solo che il regalo del tarassaco è meglio di un cioccolatino: prima di congedarsi lascia importanti sostanze nutritive, come vitamina A, vitamine del gruppo B, manganese, iodio, calcio, ferro, magnesio, selenio, silicio e clorofilla, che danno energia e aiutano il corpo a prevenire le malattie.

Il tarassaco aiuta a prevenire praticamente qualunque malattia ed è benefico in particolare per la prostata.

MALATTIE
Risultati immagini per tarassaco immagini

Se hai una delle seguenti malattie, prova a introdurre il tarassaco nella tua vita.

Linfomi (anche non Hodgkin), edema, prostatite, cancro alla pelle, tigna, acne rosacea, obesità, calcoli renali, cirrosi epatica, epatite C, SLA, emicrania, infezioni alle vie urinarie, squilibri ematici, malattie ematiche, disturbi della digestione, steatosi epatica, celiachia, malattie ai reni.

SINTOMI
Fegato, Epatica, Organo, Ittero, Bile, Fegato Grasso

Se hai uno dei seguenti sintomi, prova a introdurre il tarassaco nella tua vita.
Problemi circolatori, ritenzione idrica, linfonodi ingrossati, accumulo di peso, orticaria, fegato pigro e/o stagnante, distensione e/o crampi addominali, reflusso gastrico, intossicazione del sangue, congestione, costipazione, cisti epatiche, digestione difficile, disfunzioni del fegato, milza ingrossata, eccesso di muco, pre-steatosi epatica, pressione alta, appendicite, infiammazione alla cistifellea, allo stomaco, all’intestino tenue e/o al colon, reazioni all’istamina, insufficienza digestiva.

SUPPORTO EMOTIVO


Immagine correlata

A  volte abbiamo la sensazione di aver perso dei pezzi, oppure le nostre emozioni ci portano a dire cose che non pensiamo o di cui in seguito ci pentiamo. Spesso questo accade perché la Mente, Spirito, AnimA, e Corpo non lavorano all’unisono.

Per chi vuole ritrovare la propria integrità, il tarassaco è il rimedio unificante ideale perché è il modello stesso della coesione.

INSEGNAMENTO SPIRITUALE

Fritto, Spinaci, Formaggio Del Fegato, Patate Fritte

Spesso siamo ossessionati dal bisogno di primeggiare, e ciò compromette la nostra autostima. La mentalità da primo della classe inizia a formarsi in tenera età. Alcuni temono di perdere per sempre il riconoscimento o le opportunità se non dimostrano a se stessi di essere i primi.

La fioritura primaverile del tarassaco cessa con la calura estiva, ma la vita della pianta non è ancora finita: il tarassaco ricompare di frequente in autunno.

Se ti senti incompleto o un incapace quando non primeggi, ecco una lezione importante da tenere a mente: il tarassaco rialza sempre la testa e c’insegna che possiamo essere soddisfatti e contenti anche senza arrivare per primi in quello che facciamo, perché ci sono sempre nuove opportunità all’orizzonte con cui confrontarci e grazie alle quali crescere.

SUGGERIMENTI


Risultati immagini per tarassaco immagini

Se non ti piace il gusto amaro del tarassaco, prova a bere una tisana di radici tostate. È un tonico disintossicante straordinario, e la tostatura ne mitiga l’amarezza.

I fiori di tarassaco sono meravigliosi per preparare una tisana fredda. Prendi i fiori freschi e lasciali in infusione in acqua fredda per tutta la notte: rilasceranno minerali, vitamine e fitonutrienti.

Per addolcire, aggiungi del miele grezzo. È una bevanda deliziosa e incredibilmente rinvigorente.

Le Erbe, Frullati, Succo, Verdure, Frutta, Fresco

Ogni volta che ne hai l’occasione, raccogli una foglia di tarassaco selvatico (nel tuo giardino o in campagna, purché senza pesticidi) e mangiala cruda. Le foglie di tarassaco selvatico hanno una lanugine che di solito non notiamo ma che crea l’ambiente ideale a microrganismi benefici, simbiotici elevati.

In effetti le foglie di tarassaco selvatico hanno la più alta concentrazione di di principi simbiotici elevati disponibili.

Verdure, Succo, Bio, Organico, Nutrizione, Paprika

Se non puoi procurarti il tarassaco fresco, non esitare a prendere quello che trovi nei negozi di cibi naturali: anche in questa forma le foglie sono molto benefiche per il corpo e per la mente.

Prova a fare il vecchio gioco di soffiare sulla testa di tarassaco che stai sfiorendo: è una vera e propria seduta di meditazione profonda.

SUCCO VERDE AL TARASSACO
Per una/due porzioni
Risultati immagini per succo di tarassaco

Il sapore forte delle foglie di tarassaco è perfettamente mitigato in questo centrifugato dal gusto morbido. Bere qusta bevanda rinfrescante è il modo ideale per portare le foglie di tarassaco nella tua vita.

1 testa di sedano, da cui prelevare gli steli
2 cetrioli
2 arance medie sbucciate
10 foglie di tarassaco (con i gambi se sono disponibili)
Metti tutti gli ingredienti nella centrifuga. Aumenta le dosi di tarassaco a piacere. Versa la bevanda in un bicchiere e gustala!

by (Anthony William cibi che ti cambiano la vita) modificato

Zenzero

In questo nostro mondo viviamo sull’onda delle reazioni.

 
Cominciamo la giornata con degli obiettivi in mente e, prima ancora di rendercene conto, una telefonata ci avvisa di una piccola urgenza, un elettrodomestico si rompe o un cliente ci chiama perché ha una richiesta immediata.
 
Ginger, Rimedi Naturali, Tubero, Spezia, Tagliente
 
All’improvviso entriamo in modalità di emergenza e magari non ne usciamo per il resto della giornata, perché nel momento in cui un problema si risolve ne arriva subito un altro.
 
Tutto il giorno, tutti i giorni, dobbiamo spegnere incendi grandi e piccoli. La reattività è necessaria per sopravvivere nell’era dell’Accelerazione; allo stesso tempo, però, se non abbiamo un attimo di tregua diventiamo iperreattivi, come quando c’è traffico e tu sei già in ritardo per andare a prendere tuo figlio agli allenamenti di calcio e, senza nemmeno pensarci, ti metti a suonare il clacson a quello davanti a te che si è fermato con il giallo.
 
Ginger, Ingber, Immerwurzel, Root, Tagliente, Spezia
 
Lo zenzero è una delle risorse più importanti per darci un attimo di tregua. Se hai corso dalla mattina alla sera, al termine della giornata, quando finalmente inizi a staccare la spina emotivamente e mentalmente, il corpo fisico spesso rimane in uno stato reattivo, sovreccitato, spasmodico.
 
È così che possono svilupparsi malattie legate allo stress, come affaticamento surrenale, reflusso gastrico, apnea notturna, vescica spastica, insonnia, problemi come la gastrite e gli spasmi al colon, nonché dolori muscolari cronici.

Lo zenzero è l’antispasmodico per eccellenza:

Ginger, Polvere, Cucina, Ingredienti, Fragrante
 
nei momenti di tensione, una tisana allo zenzero può calmare lo stomaco scombussolato e sciogliere ovunque la tensione per dodici ore. Non è un tonico per i nervi bensì per gli organi e i muscoli, e dice al corpo che è il momento di lasciarsi andare, che tutto è sotto controllo.

Se i muscoli della gola sono contratti perché hai urlato o parlato troppo, o perché trattieni qualcosa che vorresti dire ma che reprimi dentro di te, lo zenzero è straordinario per rilassare questa parte del corpo. Aiuta anche ad alleviare i mal di testa di origine tensiva e a far defluire dai tessuti l’acido lattico in eccesso, portandolo nel sangue per poi espellerlo dal corpo.
 
Ginger, Tè Allo Zenzero, Bevanda Calda, Drink
 
L’acido lattico, infatti, non viene rilasciato solo per l’attività fisica ma anche per lo stress; se stai seduto tutto il giorno alla scrivania pompando acido lattico nei muscoli, questa sostanza deve trovare una via d’uscita.
 
Le proprietà antispasmodiche dello zenzero derivano da oltre sessanta oligoelementi, oltre trenta aminoacidi (molti dei quali non ancora scoperti) e più di cinquecento enzimi e coenzimi che lavorano in sinergia per calmare la reattività.
 
Tè, Ora Del Tè, Persona, Estate, Tea Party, Tè Freddo
 
Ed essendo antivirale, antibatterico e antiparassitario, lo zenzero merita ogni riconoscimento per la sua capacità di rafforzare le difese immunitarie. Lo zenzero è ottimo anche per supportare lo stress, ricostruire il DNA, aumentare la produzione di vitamina B12 e molto altro. Passeranno cent’anni prima che si scoprano tutte le sue potenzialità.
 
MALATTIE
Tè, Limone, Bevande, Limonata, Still Life, Teiera
 
Se hai una delle seguenti malattie, prova a introdurre lo zenzero nella tua vita.
Pancreatite, calcoli biliari, affaticamento surrenale, spasmi al colon, apnea notturna, spasmi alla cistifellea, insonnia, laringite, raffreddore, influenza, ernia iatale, virus di Epstein-Barr/mononucleosi, emicrania, sindrome da proliferazione batterica nell’intestino tenue, malattie della tiroide, malattia infiammatoria pelvica, HHV-6, eczema, psoriasi, ansia, SLA, fascite plantare, sindrome di Raynaud, esposizione alle radiazioni, tutti i tipi di cancro (specialmente alla tiroide e al pancreas), celiachia, sinusite cronica, infezioni all’orecchio, micosi, papilloma virus, insonnia, linfedema, lupus, artrite reumatoide, artrite psoriasica, herpes zoster.
 
SINTOMI

Visualizza immagine di origine
 

Se hai uno dei seguenti sintomi, prova a introdurre lo zenzero nella tua vita.

Spasmi, crampi o dolori muscolari, cisti, rigidità muscolare, disfunzioni dell’articolazione temporo-mandibolare, ansia, gastrite, gonfiore, crampi, dolori o disturbi allo stomaco, afta, reflusso gastrico, mal di testa, spasmi alla cistifellea, dolore pelvico, mal di schiena, capogiri, stordimento, problemi ai seni nasali, congestione (in particolare al petto e ai seni nasali), tosse, frequente bisogno di urinare, incontinenza, ritenzione idrica, accumulo di peso, allergie alimentari, anomalie negli esiti del Pap test, carenza di minerali, intolleranze alimentari, eruttazione, diarrea, confusione mentale, nausea cronica, spasmi al colon, disturbi della digestione, colesterolo alto, disturbi del sonno, spossatezza.
 
SUPPORTO EMOTIVO
 
Frutta Disidratata, Zenzero, Frutta, Nutrizione
 
Lo zenzero è ideale per chi si sente costretto a trattenersi dal dire ciò che vorrebbe. Quando il silenzio è forzato, ci sono circostanze in cui è giusto parlare comunque, mentre in altre hai l’impressione che dire la tua opinione, per quanto valida, non farebbe che peggiorare le cose.
 
Lo zenzero è l’ideale per quest’ultimo caso. Siccome trattenere i tuoi veri sentimenti può darti un senso di soffocamento – e anche causare spasmi muscolari – è molto importante rilasciare tutta la tensione, e lo zenzero svolge questo lavoro in modo splendido.
 
INSEGNAMENTO Spirituale
 
Pan Di Zenzero Coppa, Pan Di Zenzero, Biscotto
 
Lo zenzero c’insegna che non sempre dobbiamo avere un’intuizione, una chiave, una soluzione per lasciar andare ciò che non ci aiuta. Non dobbiamo elaborare ogni cosa o stressarci per avere un po’ di sollievo. Non dobbiamo necessariamente reagire: sono già tante le situazioni in cui dobbiamo essere reattivi e non c’è ragione di crearne altre.
Così come puoi rivolgerti allo zenzero per alleviare gli spasmi muscolari e sciogliere i nodi allo stomaco, puoi lasciare che il suo magico effetto curi anche la tua AnimA, che sani le ferite e ripari i danni senza che tu faccia niente.
 
SUGGERIMENTI
 
Cibo, Salute, Carne, Pasti, Rinfreschi Di Zenzero
 
Lo zenzero si può riutilizzare più volte nell’arco della giornata. Con la stessa radice puoi preparare diverse tazze di tisana.
In corrispondenza della luna piena, l’effetto dello zenzero aumenta del 50 per cento.
Prima di prendere una decisione importante, consuma dello zenzero per un breve periodo.
Appena prima di fare un bagno terapeutico, bevi dell’acqua con zenzero o una tisana allo zenzero per aumentare il potere curativo del bagno.
 
SUCCO DI LIME E ZENZERO
Per due/quattro porzioni
 
Lime, Verde, Limone, Frutta, Sano, Agrumi, Vitamine
 
Questo succo è straordinariamente tonificante e molto utile per chiunque cerchi di ridurre il consumo di caffeina. Il gusto pungente dello zenzero fresco renderà questa bevanda una delle tue preferite.
¼ di tazza di miele
4 tazze d’acqua, da tenere separate
1 cucchiaio di succo di zenzero (una radice di circa 7,5 cm)
1 tazza di succo di lime (circa 10 frutti)
¼ di tazza di foglie di menta fresca
 
Calce, Soda Club, Drink, Cocktail, Succo, Freddo, Vetro
 
Scalda il miele in una tazza d’acqua finché si scioglie completamente e poi ascialo intiepidire. Intanto spremi i lime e lo zenzero e versali in una caraffa. Unisci le restanti tazze d’acqua, aggiungi il miele sciolto e le foglie di menta fresca e mescola. Lascia raffreddare in frigorifero.
 
by (Anthony William cibi che ti cambiano la vita)

Radice di liquirizia

La radice di liquirizia è la nostra salvezza.

È l’erba più importante del nostro tempo, il cammello che ci fa attraversare il deserto delle malattie croniche. Perché è così importante?

Perché è il rimedio supremo per combattere l’esplosione virale. “Mette in salvo”, da i virus erpetici (compresi l’Epstein-Barr, l’HHV-6, il citomegalovirus e l’herpes zoster) spesso sono alla base di malattie del mistero come fibromialgia, sindrome da stanchezza cronica, malattia di Lyme, malattia di Ménière e affaticamento surrenale;

Liquirizia, Radice, Radice Di Liquirizia

inoltre sono all’origine di sintomi quali vertigini, stordimento, dolori diffusi, nevralgie alla mascella, al collo, alla spalla, per non parlare del ruolo che hanno in patologie come l’artrite reumatoide e la tiroidite di Hashimoto, definite “autoimmuni”.

Il corpo non attacca se stesso, ad attaccarlo sono i ceppi e le mutazioni dei virus erpetici, per questo abbiamo bisogno di avere al nostro fianco un potente antivirale: la radice di liquirizia. I suoi composti fitochimici e le sue proprietà impediscono ai virus di riprodursi.

Liquirizia, Sweet, Radici, Cibo

Così associato anche al Sambuco e al contempo li espellono dal corpo, rendendo l’organismo inospitale per quelli che vogliono insediarvi.

Di fronte alla confusione che dilaga sulle malattie autoimmuni, la radice di liquirizia è la risorsa più potente di cui disponiamo. La radice di liquirizia è ottima anche per chi soffre di pressione bassa e per chi ha problemi al fegato, perché aiuta ad attenuarne il calore. È inoltre il miglior ricostituente per le ghiandole surrenali.

Sonno, Letto, Donna, Camera Da Letto, Sogno, Stanco

Altre erbe comunemente apprezzate, come la rodiola, il tulsi (o basilico santo), il ginseng e il ginseng indiano, non fanno neanche un centesimo di quello che fa la radice di liquirizia per le ghiandole surrenali.

Mentre le altre erbe le mantengono allo stato in cui si trovano – per esempio, se le ghiandole sono ipoattive impediscono che la loro attività rallenti ancora di più – la radice di liquirizia agisce come un caricabatterie: le fa uscire dallo stato di affaticamento e ne aumenta la funzionalità.

Persone, Emozione, Drammatico, Femminile, Donna

Tieni presente che esistono opinioni contrastanti sulla radice di liquirizia, alcune delle quali si fondano su concezioni errate. Non farti condizionare, altrimenti ti privi di una preziosa risorsa.

MALATTIE
Se hai una delle seguenti malattie, prova a introdurre la radice di liquirizia nella tua vita.
Fibromialgia, sindrome da stanchezza cronica, malattia di Lyme, malattia di Ménière, affaticamento surrenale, neuropatia, morbo di Graves, cistite interstiziale, diverticolite, diverticolosi, tutte le malattie e i disturbi autoimmuni (in particolare tiroidite di Hashimoto, lupus e artrite reumatoide), osteomielite, emicrania,   infezioni da streptococco alla gola, vertigini, virus di Epstein-Barr/mononucleosi, herpes zoster, depressione, insonnia, laringite, acne, infezioni alle vie urinarie, sciatica, reflusso gastroesofageo.

SINTOMI

Risultati immagini per liquirizia

Se hai uno dei seguenti sintomi, prova a introdurre la radice di liquirizia nella tua vita.
Capogiri, dolori diffusi, ansia, nevralgie, dolore alla mascella, al collo, alla spalla, confusione mentale, formicolio e intorpidimento, costipazione, dolori allo stomaco, mal di testa, spossatezza, nausea, ipertiroidismo, ipotiroidismo, appendicite, gastrite, allergie alimentari, paralisi di Bell, mani e piedi freddi, sintomi della menopausa, afta, reflusso gastrico, fischio o ronzio all’orecchio (acufene), spalla congelata, infiammazione al cervello, disfunzioni dell’articolazione temporo-mandibolare, sindrome premestruale, carenza di acido cloridrico, bruciore vaginale, dolori vaginali, ulcera (anche peptica), tic, spasmi, difficoltà a deglutire, palpitazioni, fegato stagnante, dolore pelvico, calo della libido, infiammazione alla milza.

Emozioni, Dolore, Emotivo, Vista, Occhi, Uomo

SUPPORTO EMOTIVO

La radice di liquirizia è meravigliosa per chiunque elabori le emozioni con la pancia invece che con la testa. Se senti che una semplice incomprensione ti provoca un mal di stomaco da stress, o se trattieni la tensione nell’intestino, entri facilmente in agitazione o hai le farfalle nello stomaco, la radice di liquirizia ti aiuta ad alleviare e a prevenire questi disturbi.

INSEGNAMENTO SPIRITUALE
Donna, Solitudine, Tristezza, Emozioni, Giovane Donna

Se usata correttamente, la radice di liquirizia può ridare la salute a chi da molto tempo convive con una malattia. Se sei stato malato, sai che la guarigione è un prodigio divino: tutto ciò che contribuisce a ridare benessere a una persona è di per sé un miracolo.
La radice di liquirizia c’insegna che siamo circondati da miracoli come questi, dobbiamo solo toglierci i paraocchi per poterli riconoscere. C’è qualcos’altro nella tua vita che ti sembra banale ma in realtà è una meraviglia dell’universo?

SUGGERIMENTI
Risultati immagini per estratto di liquirizia

Se stai cercando di eliminare la caffeina, prova la tisana di radice di liquirizia: se la bevi al mattino a digiuno, ti darà una formidabile carica di energia.
Quando hai difficoltà a digerire, o hai appena consumato un pasto poco sano al ristorante, bevi una tisana di radice di liquirizia per agevolare subito la digestione.
Sentiti libero di usare la liquirizia in forma di tisana o di tintura senz’alcool.

TISANA DI RADICE DI LIQUIRIZIA ALLA CANNELLA
Per quattro tazze

Sparkler, Azienda, Mani, Fuoco D'Artificio, Scintillii

Il gusto ricco e l’aroma di questa tisana evocano emozioni calde. A ogni sorso, immagina di essere tornato bambino e di mangiare una caramella alla liquirizia, e lascia che i ricordi ti scaldino il cuore donandoti gioia.
2 cucchiai di radice di liquirizia essiccata
1 cucchiaino di scorza d’arancia
1 cucchiaino di cannella in polvere
½ cucchiaino di chiodi di garofano interi
Mescola tutti gli ingredienti in una ciotola. Fai bollire quattro tazze d’acqua e metti un cucchiaino di miscela per ogni tazza.3 Lascia in infusione per almeno cinque minuti.

by (Anthony William cibi che ti cambiano la vita) modificato

Salvia officinale

Olio Essenziale Salvia officinale (Salvia officinalis)
Favorisce il benessere femminile e sudorifero

Erbe, Aromatizzante, Stagionatura, Ingrediente

Modo d’uso:
1-2 cucchiaini di foglie secche per una tazza d’acqua bollente, coprire, lasciare in infusione per 10 minuti, filtrare.

Dose:
massima 3 tazze al giorno. Salvia si trova anche sotto forma di TM, 10-40 gocce in poca acqua 2-4 volte al giorno. Disponibile anche come OE 2-4 gocce 3 volte al giorno su una zolletta di zucchero oppure diluita con olio d’oliva o mandorle dolci spalmata direttamente sulla parte da trattare (anche alcune gocce sull’ombelico).
Meglio:

Essenza Spagyrica o MicroDose. Salvia stimola il metabolismo, rigenera il sangue ed i tessuti. Trova il suo utilizzo nelle sudorazioni eccessive delle mani e delle ascelle soprattutto con i pazienti reumatici e convalescenti indeboliti da lunghe malattie ed astenie, si usa anche per sudorazioni notturne dei tubercolotici.

Salvia, Le Erbe, Erbe Culinarie, Sano, Erbe Tea, Salute

Per piccoli tagli e sbucciature premere sulla ferita la foglia di salvia. Salvia rilassa la muscolatura liscia dell’apparato digerente e si usa anche come antispastico digestivo. Recenti studi hanno dimostrato che la salvia abbassa il livello della glicemia nei diabetici dopo aver bevuto l’infuso a stomaco vuoto.  Infuso nel vino si usa per gargarismo nel caso di stomatite, afte, gengivite, faringite, laringite e tonsillite.


Risultati immagini per ciclo
Salvia ha effetto emmenagogo e favorisce la comparsa delle mestruazioni. Salvia è ricca si fitoestrogeni, favorisce il concepimento, e si consiglia per amenorrea e dismenorrea, sterilità femminile e disturbi della menopausa per prolungare le mestruazioni, per vampate e come apporto ormonale nelle cure preventive dell’osteoporosi.

Salvia è considerata un’erba sicura, ma si raccomanda di non superare il dosaggio indicato, in alte quantità può causare seri disturbi, come convulsioni. Si sconsiglia di usarla per usi interni pura.
Salvia è usata per dare forza all’organismo, digestione difficile, vertigini, asma e bronchite, linfatismo e scrofulosi, per far cessare la lattazione.


Immagine correlata
Antinfiammatoria. Indicata nell’infermità, tremori, paralisi, contro i polipi della vescica. Eccitante nervino e cortico-surrenale, epatismo, affezioni polmonari, pleuriche, equilibratore del vago-simpatico, affezioni nervose, come tremori, paralisi, apoplessia, febbri intermittenti, diarree dei tubercolotici e lattanti.

Aumenta la pressione arteriosa, alcune scuole attribuiscono attività anticancerogena, per uso esterno irrigazioni nella leucorrea, gargarismi per afte, stomatite, angina, laringite, nevralgie dentarie, piaghe atone, ulcere, dermatosi, alopecia, Per bambini utilizzare per assorbimento cutaneo.

Tè Alle Erbe, Le Erbe, Tee, Menta, Salvia

Si possono fare i bagni con aggiunta dell’infuso forte di salvia per debolezza infantile, rachitismo e scrofolosi. Si sconsiglia l’uso della salvia in soggetti pletorici e ipertesi.
Disponibili come OE – Essenza Spagyrica, MicroDose e in fiale monodose in abbinamento con Mg+Cu+Zn+Mn (Oligranuli) per il trattamento degli stati infettivi.

Azioni:

Koli Batteri, Escherichia Coli, Batteri, Malattia

Antivirale, antibatterico specifici ( gram+, Staphylococcus aureus, Streptococco)
Infezioni (cavo orofaringeo) (AZIONE ELETTIVA)
Infiammazione (cavo orale) (AZIONE ELETTIVA)
Laringite (AZIONE ELETTIVA)
Anti-fungine (Candida albicans)
Potente antivirale
Allatamento (antigolattologo) (AZIONE ELETTIVA)
È un valido disintossicante epatico
Antiacido (antisecretivo gastricoparasinpaticolitico)
Afrodisiaco
Espettorante, mucolitico
Lipolitico (facilita l’eliminazione dei grassi), anti-cellulite
Colagogo e coleretico (stimola secrezione di bile e secrezioni pancreatiche, ipercolesterolemia moderata)
Emmenagogo e imita gli estrogeni
(regola i cicli mestruali e alleviare i problemi legati ai cicli e la menopausa) (AZIONE ELETTIVA)
Pelle di guarigione, previene la sudorazione e vampate di calore, diminuzione delle secrezioni salivari


Risultati immagini per salvia officinale
Indicazioni :
Influenza, bronchite, sinusite
Meningite virale, neurite virale, l’herpes labialis
Enterite virale, insufficienza biliare
Irregolare e / o ciclo mestruale dolorose premenopausa
Cicatrici, cheloidi, problemi di guarigione, infezioni e problemi della pelle, sudorazione eccessiva, cellulite
Uso esterno :
Immagine correlata
In sinergie localizzate con altri oli per applicazioni di cura della pelle
In alcune gocce di attrito, in sinergia con altri oli essenziali, al basso addome e schiena per i disturbi legati al ciclo mestruale

In qualche goccia di attrito, in sinergia con altri oli essenziali sul torace e parte superiore della schiena per aiutare a prevenire e combattere contro le infezioni ORL
Aromatica, antisettica, astringente, spasmolitica, antiidrotica, mucolitica, estrogenica, galattofuga. Cicatrizzante (U.E.).

Indicazioni:


Immagine correlata
Infiammazioni della bocca, lingua o gola (in gargarismo o sciacquo), dispepsia flatulenta, faringiti, infiammazioni dell’ugola, stomatiti, gengiviti, glossiti, sia per uso interno che in gargarismo, pennellature o sciacquo, afte, galattorrea.

Assunta internamente riduce la sudorazione e il flusso del latte. In compresse esterne (impacchi) coadiuva la guarigione delle ferite; in ulcere che tardano a formare il tessuto di granulazione giova qualche goccia del succo fresco.


Risultati immagini per allattamento
Fitoterapia italo-francese:
T.M.: 30 gocce 3 volte al dì dopo i pasti.
O.E.: 3-5 gocce 2-3 volte al dì. Soluzione al 10% in olio di Mandorle dolci per frizioni.
Succo: un cucchiaio 3 volte al dì.
Consigli: Molto utile nel periodo della menopausa, se si presentano problemi di secchezza vaginale e di inappetenza sessuale, così come in caso di caldane.

Avvertenze e controindicazioni:
dell’Olio Essenziale puro: Può concorrere nel favorire il concepimento. Evitare in gravidanza; in questo caso dosi intense possono divenire concausa d’aborto. Riduce la produzione di latte fino ad arrestarla, senza interferire nello svezzamento del neonato. Riduce la produzione delle ghiandole sudoripare; utile in maniluvi e pediluvi.


Risultati immagini per infiammazione gola
Controindicata nei soggetti pletorici, ipertesi. Per essere usato con grande cautela a causa del suo contenuto di tujone, sostanza neurotossica e abortiva.
Vietato per le donne incinte ei bambini, le persone con epilessia, ipertensione o molto malati.

Uso limitato nel tempo, soprattutto se è per uso interno. Uso interno solo sotto controllo medico.
Attenzione: da non confonderla con la salvia divinorum, allucinogena, pianta da evitare assolutamente.
Risultati immagini per salvia officinale
PIANTE AD AZIONE FITOESTROGENICA E ANTIANDROGENA
In virtù della loro azione estrogenica alcune piante si dimostrano efficaci nell’impiego terapeutico per le turbe legate a un’insufficienza ovarica, per sindromi deficitarie dopo isterectomia e ovariectomia,

per turbe mestruali della pubertà e per alcune manifestazioni fastidiose che caratterizzano la manifestazioni funzionali della menopausa come vampate di calore, turbe dell’umore, secchezza della mucosa vaginale, ecc. e per la sindrome premestruale.
Immagine correlata
Alcuni inconvenienti, come per es. le vampate, hanno una stretta relazione con l’ormone ipofisario; altri invece, come prurito, infiammazione pelvica e secchezza vaginale, sono relativi alla caduta del tasso ematico di estrogeni e possono migliorare con l’utilizzo di queste piante.

In questi casi la fitoterapia rappresenta una terapia attiva e/o complementare alla terapia ormonale classica.

Le piante estrogeniche e progesterone-like sono:
Angelica, Aletris, Erba medica, Salvia, Luppolo, Ginseng, Alchemilla, Verbena, Salsapariglia, Soia, Cimicifuga; l’Ortica ha azione antiandrogena e la Cimicifuga è attiva sulla secrezione dell’ormone ipofisario.
Immagine correlata
L’Agnocasto aumenta la produzione dell’ormone luteinizzante, inibisce il rilascio dell’ormone che stimola il follicolo, portando ad uno spostamento del rapporto a favore degli estrogeni rispetto ai gestageni, producendo effetti ormonali utilizzati contro disturbi connessi alla menopausa;

inoltre, sperimentalmente, inibisce la secrezione della prolattina, risultando efficace sia nella sindrome premestruale che nella iperprolattinemia.
Tratto da: Enrica Campanini “Dizionario di fitoterapia e piante medicinali”; A.Y. Leung & S. Foster “Enciclopedia delle piante medicinali”; Fabio Firenzuoli “Le 100 erbe della salute

Angelica Pianta Officinale & O.E.

E’ inconfondibile per i suoi grandi ombrelli ed i suoi fiori circondati da sciami d’api.

(Angelica archangelica), famiglia Apiaceae.

Note Bibliografiche:

Giardino Angelica, Sedano Selvatico, Impianto, Fiore

Note Bibliografiche

Ancora oggi nei paesi nordici l’angelica viene consumata come verdura. L’angelica rivitalizza tutto l’organismo, aumenta la resistenza fisica e psichica, combatte crampi e flaccidità e previene la depressione.

Acqua, Drink, Detox, Acqua Disintossicazione, Limone

Nel medioevo l’angelica era conosciuta come medicamento “guarisci tutto” poichè molte malattie hanno la loro origine nella psiche.

L’angelica calma, rilassa, armonizza e riequilibra. E’ pertanto molto adatta in caso di stress che causa disturbi gastrici ed intestinali.

Olio Da Bagno, Olio, Lavanda, Olio Profumato, Etereo

L’angelica ha però anche proprietà eccitanti ed il momento dell’assunzione è quindi d’importanza fondamentale: con il pasto stimola la digestione; dopo il pasto è stimolante, prima di dormire ha azione rilassante.

L’angelica costituisce un buon trattamento nei casi di digestione difficile (aerofagia, gonfiori, flatulenza), spasmi digestivi nervosi, mal di pancia (colite), angoscia, emotività, insonnia e nervosismo.

Durante la gravidanza evitare le dosi elevate poiché la pianta stimola l’utero. I diabetici dovrebbero assumerne solo piccole dosi.

Azione Terapeutiche sia come Olio Essenziale in MicroDosi che Tintura Madre Spagyrica:

  • Gastrite atonica, con riduzione dei succhi gastrici, acidosi e dispepsia.
  • Potente sedativo nervoso
  • Rilassante, calmante
  • Eupeptico, carminativo

Olio In Acqua, Sospensione, Liquido, Astratto, Macro

  • Colite, dismenorrea, turbe psicosomatiche.
  • Anticoagulante
  • Purificante del sangue, stimola il sistema linfatico, stimolante ghiandolare, diuretico, favorisce la traspirazione
  • Anoressia, mancanza di appetito.
  • Dolori cronici dell’ apparato gastrointestinale, gastralgia.

Ragazza, Lavanda, Addormentato, Felicità, Purple, Fiori

  • Debolezza fisica e psichica, carenza dello stato immunitario.
  • Vaginite da Candida, Herpes genitale e Papilloma virus.
  • Debolezza cardiaca, disturbi circolatori alle estremità.
  • Ipofollicolinismo, mancanza di estrogeni.
  • Antispasmodica, carminativa, digestiva.
  • Amaro – aromatica, stimolante l’appetito.
  • Stimolante immunitario (produzione interferone).
  • Antibatterica, antifungina, antivirale.
  • Facilita la produzione di sangue.Sedativa delle surrenali.
  • Azione estrogenica.Miorilassante, sedativa.

Primavera, Albero, Fiori, Prato, Tronco D'Albero

FOGLIE: pleurite e bronchite, applicate come compresse; dispepsia flatulenta.

RADICE: bronchite associata con deficienza vascolare, catarro, catarro respiratorio, asma d’origine psicosomatica, dispepsia flatulenta, anoressia nervosa, malattie reumatiche, disturbi vascolari periferici.

Sinergismi frequenti

Foglie: Camomilla romana per i disturbi digestivi.

Radici: Farfara nel catarro bronchiale.

Camomilla romana nell’anoressia e dispepsia.

Avvertenze e controindicazioni

I preparati di Angelica danno buoni risultati nell’anoressia mentale.

Note

L’E.S.C.O.P. sconsiglia l’uso di tutta la parte aerea in ragione della presenza di furocumarine. Le foglie possono tuttavia essere usate per farne compresse per infiammazioni pettorali