Vitamina DK Nobile

18,60 IVA Inclusa

Conf. da 30 ml

13 disponibili

Descrizione

Vitamine D3 e K2 stabilizzate in olio extra vergine d’oliva biologico.

Vitamina K2 ottenuta dalla fermentazione naturale di farina di ceci.

Vitamina D3 ottenuta da Lichene islandico.

 

VITAMINA K
La vitamina K comprende un gruppo di composti liposolubili simili tra loro, ma non sovrapponibili per struttura e proprietà molecolari che condividono un comune nucleo 2-metil 1,4-naﬞftochinone sostituito in posizione 3 con diversi poliisoprenoidi. La vitamina K1, chiamata anche fillochinone, si trova perlopiù in alimenti di origine vegetale come pomodori, le verdure a foglia verde scuro come spinaci, radicchio, altri tipi di insalata e negli ortaggi appartenenti alla famiglia delle Brassicacee, e la vitamina K2, chiamata anche menachinone (MK), presente sopra מּu מּo in alimenti di origine animale, come carne, fegato di manzo e maiale, formaggio e uova.

La vitamina K è stata scoperta nei primi anni ’30 dal biochimico danese Henrik Dam e da alcuni suoi colleghi mentre studiavano nei polli, le malattie da carenza alimentare simili allo scorbuto. Gli animali, se nutriti con una dieta priva di grassi e colesterolo, sviluppavano grandi emorragie sottocutanee e intramuscolari. Rispetto allo scorbuto, questo fenotipo della mala מּia non poteva però essere prevenuto con la somministrazione di acido ascorbico portando quindi alla ricerca di un nuovo fa מּore antiemorragico liposolubile.

La Verdura, Vegetariano, Pomodori, Cibo, Vitamine

Questi risultati sperimentali esclusero le vitamine liposolubili A, D ed E come fa מּore antiemorragico, così si propose di nominare il nuovo fa מּore, vitamina K (per Koagulation dalla lingua tedesca e scandinava (Dam, H., 1935). Sebbene l’impatto della vitamina K sulla coagulazione del sangue fosse già riconosciuto a metà degli anni ’30 da Dam, il meccanismo concreto della sua azione era sconosciuto fino a quando non fu scoperto il ruolo della vitamina K nel ciclo della Gamma-carbossilazione post-traduzionale delle proteine.

La vitamina K è un partecipante necessario nella modificazione funzionale di proteine coinvolte nella coagulazione del sangue, nel metabolismo del calcio e in altri processi fisiologici. A מּraverso la carbossilazione, in cui la vitamina K agisce da cofattore, tutte queste proteine subiscono una modifica post traduzionale con la conversione di specifici residui glutamilici in residui gamma-carbossiglutamilici (Gla). Questi includono i fa מּori della coagulazione dipendenti dalla vitamina K: protrombina (fattore II), fa מּore VII, fa fattore IX e fattore X. Senza vitamina K, la carbossilazione non si verifica e le proteine che vengono sintetizzate non vengono modificate, con fattori di coagulazione biologicamente inattivi, e il possibile verificarsi di un’emorragia. (Su מּie JW., 1992)

La Verdura, Cestino, Cesto Di Verdure, Raccolto

La vitamina D è stata definita “D” in quanto era la quarta nella sequenza di vitamine scoperte (Moan J et al., 2008). Le due principali isoforme sono la vitamina D3 (colecalciferolo) e la vitamina D2 (ergocalciferolo) che condividono un metabolismo simile. La vitamina D negli alimenti si può trovare so מּo forma di vitamina D2 (nei vegetali) o D3 (nei prodotti di origine animale).

La vitamina D2 si trova ad esempio nelle verdure verdi in foglia, mentre la vitamina D3 si può trovare in alcuni pesci grassi, nel loro fegato e negli olii che ne derivano (es. aringa, sardina e salmone) e in minor quantità in uova e latticini. In ogni caso l’apporto alimentare di vitamina D non è in grado di fornire più del 20% del fabbisogno totale. La principale fonte di vitamina D per bambini e adulti è l’esposizione alla luce solare naturale. (European Food Safety Authority, 2012), (Moyad MA. ) (Bouillon R., 2017) (Cashman KD., 2018).

Fragole, Maturo, Fiori Di Prato, Natura Morta

È stato approssimativamente stimato che la produzione di vitamina D indo מּa dagli ultravioletti B (UV-B) nella pelle rappresenti circa l’80% dell’apporto di vitamina D, mentre l’assunzione alimentare (ad es. pesce, uova o alimenti arricchiti con vitamina D) di solito gioca solo un ruolo minore. (Maeda SSet al., 2007). Pertanto, la causa principale della l’ipovitaminosi D è l’esposizione inadeguata alla luce solare, non supportata da uno stile alimentare adeguatamente corretto. L’insufficienza di vitamina D è un problema di salute pubblica particolarmente importante perché l’ipovitaminosi D è un fa מּore di rischio di mortalità nella popolazione. (Kokwaro J., 2009)

L’insufficienza di vitamina D colpisce quasi il 50% della popolazione mondiale. (European Food Safety Authority, 2012). Si stima che 1 miliardo di persone in tutto il mondo, di tutte le etnie e fasce di età, abbia una carenza di vitamina D (VDD). (Lips P. et al., 2006). Inoltre, la carenza da vitamina D provoca una riduzione dell’assorbimento di calcio e fosforo nella dieta, con conseguente aumento dei livelli dell’ormone tiroideo (Birben E, et al., 2012) (Holick MF. et al., 2005).

Giovane Donna, Prato, Menzogna, Relax, Sole, Soleggiato

L’aumento dell’attività osteoclastica mediata dall’ormone tiroideo crea focolai locali di debolezza ossea e provoca una riduzione generalizzata di densità minerale ossea, con conseguente osteopenia e osteoporosi. (Holick MF et al., 2006) (Holick MF. , 2006) (Holick MF., 2007). Nei bambini piccoli che hanno poco minerale nel loro scheletro, questo difetto provoca una varietà di deformità scheletriche classicamente conosciute come rachitismo. VDD causa anche debolezza muscolare; i bambini affetti hanno difficoltà a stare in piedi e a camminare, (Birben E, et al., 2012)

Olea europaea L. è un albero da frutto originario dell’Asia Minore e della Siria normalmente distribuito nelle aree costiere del bacino del Mediterraneo orientale, nelle aree costiere contigue dell’Europa sud-orientale, nell’Iran se מּentrionale all’estremità meridionale del Mar Caspio, nell’Asia occidentale e nell’Africa se מּentrionale. (Darias,V. et al, 1996) (Erbay, Z. et al., 2010) (Zargari, A., 1997). L’olio extra vergine di oliva (EVOO), estratto fisicamente dal frutto, è noto per le sue proprietà nutritive e gli effetti sulla salute, in particolare contro le mala מּie cardiovascolari (CVD).

Frutta, Conchiglia, Banana, Uva, Mela

Queste proprietà sono dovute alla presenza di alti livelli di acidi grassi (98-99% del peso totale di EVOO), in particolare di acidi monoinsaturi come l’acido oleico, nonché di altri componenti preziosi come fenoli, fitosteroli, tocoferoli e squalene anche se presente in basse percentuali (1-2%). Inoltre, l’olio di oliva presenta un’alta percentuale di acidi grassi con un corretto equilibrio di acidi grassi insaturi stabilizzati da composti polari minori, con un cara מּere antiossidante. (Bendini A. et al., 2007) (Lawrendiadis G. , 1961) (Nadour M. et al., 2012).

La ricerca fitochimica condotta su O. europaea ha portato all’isolamento di due principali composti fenolici presenti nell’olio, vale a dire, idrossitirosolo, e l’oleuropeina che sono stati studiati per il loro effetto prote מּivo sui globuli rossi contro il danno ossidativo. Tutti e due i composti hanno mostrato in modo significativo l’effe מּo protettivo degli eritrociti da danno ossidativo in modo dose-dipendente. (Pieroni A. et al., 1996).

Olio, Olio D'Oliva, Bottiglia, Mediterraneo

Nello specifico, l’idrossitirosolo dall’olio extra vergine di oliva fu isolato nel 1993 e gli esperimenti in vitro iniziarono a investigare le sue proprietà antiossidanti. Nel 2000 è stata pubblicata la prima prova umana dell’assorbimento dei polifenoli dall’olio di oliva. (Omar S. H. , 2010) (Paiva-Martins F. et al., 2009) Da allora, molti studi ne hanno chiarito l’assorbimento e il metabolismo mostrando che la concentrazione urinaria di metaboliti dell’idrossitirosolo è predi מּiva di malattie cardiovascolari. (Erbay Z. et al., 2010).

Nel corso degli anni, molti studi sull’uomo sono stati eseguiti in vari contesti e la quasi totalità di essi indica che l’idrossitirosolo può modulare una varietà di marcatori surrogati di mala מּie cardiovascolari. Sebbene gli effe מּi dell’idrossitirosolo sulle concentrazioni di colesterolo siano modesti, molti altri fa מּori di rischio di coronaropatia sono modulati positivamente da tali molecole e quindi aggiunti almeno in parte spiegano le proprietà auto-protettive a מּribuite all’olio extra vergine di oliva (Zargari, A., 1997).

Relazioni Scientifica scaricabile PDF

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Vitamina DK Nobile”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare…