In vendita!

ResolDyn

Conf. da 60 gellule

Il prezzo originale era: €65,00.Il prezzo attuale è: €60,00. IVA Inclusa

Disponibilità: 4 disponibili

ResolDyn

È studiato per fornire all’organismo i grassi buoni di cui ha bisogno, bilanciati nel modo giusto.

ResolDyn® è ricco in proresolvine: i metaboliti naturali di EPA e DHA.

  • Acidi grassi omega-3, distillati specificamente per ottenere un’alta concentrazione di proresolvine: standardizzati per la quantità di proresolvine 17-HDHA, 18-HEPE e 14-HDHA
  • Olio di pesce concentrato da acciughe, sardine e sgombri
  • Prodotto di alta qualità da LIPINOVA (Solutex GC), appositamente confezionato in vaso di vetro
  • Proresolvine = Mediatori Pro-risolutivi Specializzati (metaboliti naturali di EPA e DHA)
  • Macrofago M1: risponde alle citochine pro-infiammatorie, come INF-gamma, o prodotti microbici, e produce a sua volta citochine pro-infiammatorie, come IL-12, IL-23 e TNF-alfa.
  • Macrofago M2: fenotipo anti-infiammatorio, risponde alle citochine IL-4, IL-10, TGFbeta e ai glucocorticoidi.
  • Il macrofago M2 coordina il processo di risoluzione dell’infiammazione.
  • Tra i più importanti modulatori del fenotipo M2 vi sono le proresolvine.

Salmone, Di Pesce, Cibo, Sul Ghiaccio, Alla Griglia

Gli acidi grassi Omega-3 (EPA, DHA) possono essere convertiti in proresolvinele resolvine di serie E derivano da EPA, le resolvine di serie D di DHA, come le protectine/neuroprotectine e le maresine.

ResolDyn® è adatto a tutti, anche in gravidanza e in allattamento, e non ha effetti indesiderati.

ResolDyn® è disponibile in una confezione da 60 gellule; 1 gellula al giorno o aggiustato in base alle esigenze individuali (la dose massima è di 3 gellule al giorno).

Sardine, Di Pesce, Pranzo, Sano, Piastra, Delizioso

Ingredienti

Ingredienti per gellula Forma/componenti Quantità %RI
Olio di pesce 500 mg
Acidi grassi omega-3 337,5 mg
EPA (acido eicosapentaenoico) 100 mg
DHA (acido docosaesaenoico) 162,5 mg
17-HDHA (Acido 17-idrossi-docosaesaenoico) 120 µg
18-HEPE (Acido 18-idrossi-eicosapentaenoico) 112,5 µg
14-HDHA (Acido 14-idrossi-docosaenoico) 55 µg

PER COSA E’ UTILE?

Medicinale, Bambino, Malato

Alla famiglia degli Omega studi scientifici hanno attribuito benefici per la prevenzione di:

  • Problemi cardiovascolari, Asma, infiammazioni croniche, Ipercortisolemia, 
  • Funzionalità cerebrale, Microbiota, Intestino – cervello, ipercolesterolemia, 
  • Artriti e reumatismi, rinite, muco, seni paranasali, infiammazioni endotelio
  • Ipertensione
  • Proprietà antinfiammatorie

Capsule, Olio Di Pesce, Omega 3

I grassi buoni hanno tre importanti funzioni:

  • Formare le pareti cellulari
  • Sono il combustibile da bruciare per produrre energia
  • Partecipano alla formazione di diversi ormoni

Innumerevoli volte al giorno, la risposta infiammatoria acuta ci protegge dall’invasione di microbi, lesioni e insulti dall’interno, come nel danno tissutale indotto dalla chirurgia. Si risolvono naturalmente senza progredire verso l’infiammazione cronica.

I marcatori di infiammazione del sangue periferico sono presenti in molte malattie comuni, tra cui la malattia infiammatoria intestinale, le malattie cardiovascolari, le malattie neurodegenerative e il cancro. Mentre l’infiammazione acuta è protettiva, l’eccessivo sciame di neutrofili amplifica il danno tissutale collaterale e l’infiammazione.

Demenza, Morbo Di Alzheimer, Vecchio

Queste sono le resolvine: metabolomi bioattivi che stimolano le risposte innate autolimitate, migliorano l’uccisione e la clearance microbica innata e sono organi protettivi.

Proresolvine e lotta alla neuroinfiammazione

La maggior parte delle malattie del SNC sono associate a danno infiammatorio iperreattivo. L’infiammazione del SNC provoca perdita neuronale irreversibile e disturbi funzionali permanenti. Le proresolvine possono efficacemente migliorare l’infiammazione iperreattiva, abbreviare i tempi di risoluzione e accelerare la rigenerazione dei tessuti nei disturbi del SNC.

E’ possibile una valutazione quantitativa delle proresolvine nel SNC

Mano, Vecchio, Bizzarro, Donna Anziana

È stato dimostrato che le proresolvine riducono l’intervallo di tempo dell’infiltrazione dei neutrofili e il rilascio di citochine pro infiammatorie in molti modelli animali di infiammazione acuta, come ictus, trauma cranico e lesione del midollo spinale.

La biosintesi endogena di proresolvine è sempre ridotta nella malattia di Alzheimer (AD) ma a volte è potenziata come nelle fasi iniziali della SLA, probabilmente come reazione di difesa dell’organismo ai fattori scatenanti della patologia.

È stato dimostrato che gli individui con malattia di Alzheimer lo hanno livelli ridotti di proresolvine nel tessuto cerebrale. All’interno di questo gruppo di pazienti, i livelli più elevati di proresolvine nel liquido cerebrospinale (CSF) si correlavano con migliori punteggi delle funzioni cognitive.

Donna, Jogging, In Esecuzione, Esercizio

Le resolvine possono indurre una riduzione dei difetti comportamentali e neuroinfiammazione nei modelli animali della malattia di Parkinson (ratto transgenico Syn)

Le resolvine possono sostenere la funzione della barriera emato encefalica (BBB) e protezione dalle disregolazioni conseguenti ad intervento chirurgico.

Le resolvine possono favorire la riduzione delle dimensioni dell‘area ischemica e portare ad un miglioramento della funzione neurologica nel modello animale di ictus postischemico (streptozotocina intraperitoneale + occlusione arteria cerebrale mediana).

Spiaggia, Mare, Sabbia, Acqua, Estate

Le resolvine possono favorire la riduzione dell’edema e un miglioramento della funzione neurologica nell’ictus post emorragico.

Le resolvine possono favorire la riduzione dell’infiammazione e favorire il recupero nei modelli animali di lesione al cervello e lesioni del midollo spinale

Meccanismi con cui le proresolvine agiscono nella risoluzione della neuroinfiammazione:

Aumento della clearance della beta amiloide ( e miglioramento della patologia nei modelli di malattia di Alzheimer (Zhu et al 2016)

Mano, La Farfalla, Nuvole, Volante

Riduzione dei difetti comportamentali e neuroinfiammazione nei modelli animali della malattia di Parkinson (Yang et al 2019)

Sostegno alla funzione della barriera emato encefalica ( e protezione dalle disregolazioni conseguenti ad intervento chirurgico Terrando et al 2013

Riduzione delle dimensioni dell’area ischemica e miglioramento della funzione neurologica nel modello animale di ictus postischemico (Han et al 2016 Xian et al 2016 Xian et al 2019

Riduzione dell’edema e miglioramento della funzione neurologica nell’ ictus post emorragico Guo et al 2016 Liu et al 2019

Riduzione dell’infiammazione e del recupero nei modelli di lesione al cervello e lesioni del midollo spinale Luo et al 2013 Bisicchia et al 2018 Francos Quijorna et al 2017

Uso e dosaggio

1 gellula al giorno asseconda delle necessità o dell’infiammazione presente

 

Ti potrebbe interessare...

Ti potrebbe interessare…

Prodotti correlati

Carrello