Master in Medicina Nutrizionale Funzionale

Cerca

Glutatione o Covid

La resistenza alle malattie virali dipende dalle fisiologiche riserve di glutatione.

La guarigione è prendersi cura di Sé

La resistenza alle malattie virali dipende dalle fisiologiche riserve di glutatione.

Livelli più elevati sono stati associati a una migliore reattività dell’individuo alle infezioni virali, proteggendo le cellule immunitarie sottoposte a stress ossidativo e favorendo il loro funzionamento[575].

Le alterazioni della risposta immunitaria indotte dalle specie reattive dell’ossigeno (ROS) sono state proposte come fattore chiave nella patogenesi del COVID-19, pertanto l’antiossidante N Acetilcisteina (NAC) è raccomandato come strategia preventiva e terapeutica[576].

La N-Acetilcisteina è il derivato N-Acetile della cisteina, dove un gruppo acetile si è unito ad un atomo di azoto.

La cisteina è un aminoacido presente nella carne, nel pesce, nelle uova e nei latticini ed è utilizzata sottoforma di NAC, come integratore alimentare, per il suo ruolo di precursore del glutatione assieme agli aminoacidi glicina e acido glutammico.

L’integrazione dei precursori del glutatione, unita ad altri micronutrienti antiossidanti, come vitamina C, vitamina D, luteina, quercitina e lattoferrina, aiuta a sostenere l’attività del sistema immunitario quando:

si assumono farmaci, si è in sovrappeso, oltre i 50 anni, sono presenti delle patologie, l’alimentazione è disordinata, si soffre di ansia o depressione, si è soggetti a stati influenzali frequenti.

si assumono farmaci, si è in sovrappeso, oltre i 50 anni, sono presenti delle patologie, l’alimentazione è disordinata, si soffre di ansia o depressione, si è soggetti a stati influenzali frequenti.

Le somministrazioni più efficaci per aumentare i livelli di glutatione sono 2:

per via endovenosa oppure assunzione orale dei precursori Same, Antiossidanti, glicina, luteolina, cisteina e acido glutammico. L’integrazione orale di glutatione ha un’efficacia ridotta perché finisce per degradarsi perlopiù nello stomaco.

«Studi recenti hanno esaminato il carico di sintomi più duraturi e l’impatto di COVID-19 su diversi pazienti» 1,2,3,4.

«Questi risultati hanno portato alla descrizione della sindrome long-COVID (nota anche come post-COVID), una sindrome che comprende un decorso prolungato di vari sintomi fisici e neuropsichiatrici che persistono per più di 12 settimane senza una spiegazione alternativa »5,6.

«I sintomi più comuni sono la disfunzione cognitiva e l’affaticamento, in particolare la cosiddetta “nebbia cerebrale” [chiamata anche nebbia mentale o nebbia cognitiva].

La patogenesi della nebbia cerebrale è attualmente sconosciuta, ma può comportare la neuroinfiammazione attraverso i mastociti stimolati dagli stimoli patogeni e dallo stress a rilasciare mediatori infiammatori che attivano la microglia e portano all’infiammazione nell’ipotalamo. Questi processi potrebbero essere mitigati dal flavonoide naturale LUTEOLlNA»7.

Bibliografia: Stress, Alimentazione, Infiammazioni nascoste 

modificato Francesco Ciani

Ilenia Contrafatto
Ilenia Contrafatto
Brescia
Leggi Tutto
Scrivere una recensione su di te è limitativo … Francy sei immenso! La tua positività ed energia mi hanno toccato il cuore. Non sei solo un grande professionista ma un Grande Uomo dal Grande Cuore Hai un dono che pochi hanno … Ma certe sensazioni non si spiegano. La mia vita sta cambiando grazie a te che con pazienza dedizione e disponibilità sei sempre presente e mi guidi con i tuoi preziosissimi consigli ed i tuoi magici trattamenti di benessere … Ora sono certa che gli angeli esistono ❤️🙏❤️

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carrello