Gli psicobiotici sono il futuro

Alterazioni nel microbiota umano possano essere responsabili anche di casi di depressione, ansia, sindrome da fatica cronica, ed altre patologie

Relazione tra sintomo e causa

Nel gennaio del 2013, Thomas Insel, faceva il punto della situazione in un post sul blog del suo istituto: appurare in che modo le differenze nel nostro mondo microbico influiscano sullo sviluppo del nostro cervello e del nostro comportamento sarร  una delle grandi frontiere della neuroscienza clinica nel prossimo decennio.

Allโ€™orizzonte degli studi sulle relazioni tra microbiota intestinale e biochimica cerebrale si profila un nuovo campo di ricerca e applicazione medica: la futura messa a punto dei cosiddetti ยซpsicobioticiยป.

Il termine ยซpsicobioticoยป รจ stato coniato dal dottor Ted Dinan e dai suoi colleghi e definito, senza possibile ambiguitร , sulle pagine della rivista della Society of Biological Psychiatry: ยซUn organismo vivente che, se ingerito in quantitร  adeguate, produce un beneficio sulla salute di pazienti affetti da malattie psichiatricheยป.

Da tempo la scienza ha stabilito che dietro vari disturbi psichiatrici possono nascondersi determinate infezioni causate da microrganismi. La sifilide, per esempio, รจ causata da Treponema pallidum, un batterio che, come รจ noto, puรฒ provocare demenza.

Attualmente, perรฒ, una compagine sempre crescente di scienziati รจ persuasa che alcune alterazioni nel microbiota umano possano essere responsabili anche di casi di depressione, ansia, sindrome da fatica cronica, ed altre patologie.

In linea con questo programma di ricerca, la squadra di ricercatori diretta da Dinan ha pian piano dimostrato indubbie relazioni fra microbiota intestinale e problemi psico โ€“ emotivi, per lo meno in ratti e topi.

Per esempio, ha constatato che se questi animali, da giovani, non possiedono microbi intestinali, il loro sistema serotoninergico non si sviluppa correttamente, il che puรฒ avere conseguenze gravi.

Dal momento che in tale sistema i neuroni utilizzano serotonina, un neurotrasmettitore legato a fattori emotivi associati, per esempio, alla depressione.

Hanno inoltre osservato che somministrando alle cavie il batterio Bifidobacterium infanti, il loro sistema serotoninergico si sviluppava in assoluta normalitร , e che introducendo nella loro dieta Lactobacillus rhamnosus, lโ€™ansia si riduceva in maniera estremamente significativa.

Nel tentativo di spiegare il perchรฉ di queste modificazioni positive, i ricercatori hanno constatato che entrambi i probiotici secernono grandi quantitร  di acido gamma-amminobutirrico, un amminoacido che agisce sul cervello come uno dei principali neurotrasmettitori inibitori.

Oggi sono convinti che la possibilitร  di sviluppare psicobiotici dipenda solo da una corretta identificazione dei composti chimici rilasciati da batteri come Candida, Escherischia o gli streptococchi, che producono serotonina.

In conclusione, รจ importante sottolineare che la relazione tra microbiota intestinale e situazione emotiva รจ una strada a doppio senso. Attualmente si รจ appurato, per esempio, che stress cronico e altre emozioni negative come lโ€™ansia, la tristezza e la collera, possono scatenare sintomi e alterazioni nellโ€™ecosistema intestinale.

Detto con le parole degli scienziati dellโ€™Universitร  di Harvard: La psicologia, combinandosi con i fattori corporei, causa dolori e altri sintomi intestinali. I fattori psicosociali influiscono sia sulla fisiologia dellโ€™intestino, sia sui sintomi.

In altre parole, lo stress (ma anche la depressione o altri fattori psicologici) puรฒ influire su moti e contrazioni delle vie del tratto gastrointestinale, provocando infiammazione o aumentando lโ€™esposizione alle infezioni.

In sintesi, la scienza medica sta prendendo sempre piรน coscienza che le perturbazioni nelle linee di trasmissione fra cervello e sistema immunitario dellโ€™ecosistema intestinale possono essere dei fattori scatenanti di problemi

Quali schizofrenia, disturbo ossessivo โ€“ compulsivo, autismo, unโ€™ampia gamma di disturbi emotivi, disturbo da deficit di attenzione, anoressia nervosa, narcolessia o sindrome da fatica cronica.

Ristabilire una corretta comunicazione fra intestino e cervello รจ un traguardo che puรฒ essere a portata di mano a medio termine.

Una volta raggiunto, disporremo di un intero arsenale di terapie, rimedi e farmaci in grado di risolvere un gran numero di disturbi e sofferenze che, al giorno dโ€™oggi, vengono curati con trattamenti invasivi e insufficienti.

Bibliografia: Intestino secondo cervello Le rivoluzionarie scoperte scientifiche sulla microflora intestinale

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarร  pubblicato.