Posted on Lascia un commento

Chiodo di Garofano O.E.

Parti usate: boccioli di fiori essiccati.

L’Olio essenziale di Garofano svolge un’azione analgesica e anestetizzante a livello locale.

Distrugge i germi patogeni, e i di conseguenza, è utile in caso di carie e disinfetta la bocca e le cavità dentarie.

Il Garofano è inoltre un grande afrodisia­co, dalle qualità calde e suadenti, in grado di aprire ognuno di noi alla sensualità.

Modalità d’uso: un cucchiaino d’erba polverizzata per una tazza d’acqua bollente, coprire, riposo 10-20 minuti, filtrare.

Dose 3 tazze al giorno. In commercio si trova come OE, o in MicroDose, Quintessenza spagyrica. (2-4 gocce su un cucchiaino di zucchero, 3 volte al giorno).

Decotto: 1-2 chiodi con un frammento di cannella per 2 tazze d’acqua, bollire per 2-3 minuti, infusione 20 minuti, filtrare, aggiungere succo di limone o arancio, tre tazze al giorno per l’influenza.

Uso esterno: 1 goccia introdotta nel dente cariato da pronto sollievo; sciacqui contro ulcere, afte e gengiviti (qualche goccia in 1 bicchiere d’acqua).

Eugenia fa parte: di molti ovuli e dentifrici, si usa per calmare i dolori delle carie dentali.

Come suffumigi: in sinergismo con altri OE per inalazioni, per sinusiti e problemi bronchiali.

Si sconsiglia: l’uso con anamnesi di cancro. Le sigarette al chiodo di garofano sono altrettanto pericolose come quelle di tabacco puro.

(Christian Duraffourd, Jean -Claude Lapraz)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *