Naso Olfatto

Il naso è il nostro organo più prominente ed è certamente anche il più sincero.

In una situazione di dubbio, è sicuramente sulla sua punta che possiamo leggere la verità.

Adulto, Bellezza, Viso, Femminile, Fiore, Fresco

Trovandosi in una posizione particolarmente esposta, è diventato un terreno eloquente e carico di significato. Il detto ci suggerisce di seguire sempre il nostro naso, però dobbiamo ricordare che un naso storto potrebbe condurre su una strada storta.

Una naso a uncino indica un carattere «ostinato», uno elegantemente ricurvo designa una corrispondente eleganza, il naso aquilino sta a significare audacia, un naso grosso e sproporzionato è simbolo di goffaggine.

Dente Di Leone, Semi, Fiore Ha, Prato, Natura, Vicino

Il naso gocciolante rivela incuria, e quindi una tristezza che avanza lentamente, mentre i nasi deformati dai porri ricordano le streghe e la loro pericolosità, quelli all’insù sottintendono un’infantilità sveglia e curiosa, spesso in anticipo sugli altri.

Questo «naso alla francese» rientra nello schema infantile profondamente impresso nella nostra mente e determina il nostro comportamento in misura maggiore di quanto possa piacere alla ragione e all’intelletto. Proverbialmente inoltre il naso lungo e a punta si infila indiscretamente ovunque, mentre il naso rotondo, rosso e luminoso dei clown è simbolo della loro impertinenza.

Dente Di Leone, Semi, Fiore Ha, Impianto, Fiore, Natura

Mentre tutti cercano di truccarsi il naso in modo accorto, di eliminare la sua lucentezza con la cipria o con il fondotinta e di moderare la rigidità della sua struttura, i clown e i pagliacci ne fanno particolarmente mostra:

infatti, è portando prepotentemente alla luce le cose più nascoste ed equivoche che si rendono divertenti. A questo punto entra decisamente in gioco il rapporto tra la sessualità e il naso, che si riflette nel detto tedesco:

«Come è il naso dell’uomo, così è il suo Giovanni?».

Inverno, Redhead, Femminile, Ritratto, Freddo, Ragazza

Ancora una volta la saggezza popolare rivela molto intuito perché di fatto, nelle mucose del naso si trovano le zone di riflesso degli organi sessuali. Così ogni narice diventa una zona di riflesso attraverso la quale è possibile entrare in contatto con quello scabroso settore.

Per questo motivo le narici sono considerate zone delicate e difficili da tenere a freno: comunicano apertamente il desiderio. Soltanto quando il desiderio si trasferisce gradualmente verso il basso e raggiunge gli organi genitali, la «pressione delle narici» sparisce.

Fuça, Muso, Cane, Documentalista Dorato, Animale, Gara

Nell’odierna scala di valori, olfatto e gusto sono molto meno valutati dell’udito. Paragonato al cervello, che è abbastanza giovane, l’olfatto è antichissimo e, insieme al naso, forma un organo sensoriale relativamente locale.

Il naso che fiuta i temporali e la preda è un elemento tipico degli animali; noi ci limitiamo ad arricciare il naso.

Ci siamo orgogliosamente sollevati da terra, abbiamo alzato in alto il naso, col passare del tempo abbiamo perso il nostro buon olfatto; solo le narici restano rivolte verso il basso, verso le profondità del regno materno e del mondo materiale.

Amici, Cane E Gatto, Cani E Gatti, Animale Domestico

Riusciamo a percepire qualcosa soltanto se ce la mettono sotto al naso o ce la legano al naso. Mentre l’occhio ha la stessa struttura di una macchina fotografica e l’orecchio quella di uno strumento musicale, il naso necessita di contatti fisici di diverso tipo e si basa sul semplice principio della chiave e della serratura.

La mucosa del naso, nella parte superiore del naso, è formata da cinque milioni di cellule olfattive fornite di peli recettori che vengono stimolati attraverso il contatto.

Persone, Signora, Donna, Gli Occhi, Brown, Allievo

Essi fungono da serratura, le corrispondenti sostanze odorose da chiave. Per poter sentire il profumo di una rosa, alcune molecole-chiave del «profumo della rosa» devono trovarsi nella serratura del naso.

È lì che nel senso più autentico dell’espressione, noi ci apriamo al profumo.

Anche una grande parte della percezione dei sapori segue questa strada: di fatto percepiamo l’aroma dei cibi appunto attraverso la mucosa olfattiva. La conferma pratica ci viene data dal raffreddore, che ci fa sembrare tutto uguale e senza sapore.

Donna, Ragazza, Capelli Biondi, Donna Bionda

Mentre la vista si serve di onde elettromagnetiche, l’udito di quelle sonore, l’olfatto richiede un contatto fisico diretto tra mittente e destinatario.

Se l’udito e la vista possono essere paragonati a scritture alfabetiche, l’olfatto e il gusto corrispondono a quelle pittografiche, che sono ancora più antiche e in cui ogni concetto corrisponde a un simbolo. L’olfatto è perciò un senso che consente di percepire la realtà in modo più diretto e primitivo: penetra infatti non solo nel corpo, ma anche nella psiche.

Bambino, Maniglia, Piccolo, Padre, Famiglia, Tenerezza

La capacità di sentire gli odori corrisponde al grado di intensità delle nostre esperienze psicologiche. Il primo contatto avviene tramite gli occhi; attraverso il suono della voce impariamo a conoscerci, con l’olfatto percepiamo per la prima volta i corpi.

In un circolo in cui nessuno si conosce, i soci all’inizio sono guardinghi finché non impareranno a fidarsi gli uni degli altri, come hanno fatto i nostri antenati per migliaia di anni. Se prendiamo le distanze da qualcuno, significa che non lo vogliamo più vedere, ma se non vogliamo più sentire il suo odore, significa che lo disprezziamo profondamente.

Bambino, Ragazzo, Sorridente, Infante, Felice, Carino

Agli inizi della storia umana, l’olfatto raggiungeva il livello dell’intuizione; ancor oggi esistono persone in grado di fiutare il pericolo: hanno fiuto per le situazioni che sanno di bruciato. Il nostro fiuto si è notevolmente indebolito a confronto di quello degli animali: questi ultimi infatti non solo riescono a fiutare i pericoli, ma annusano il cibo e i loro compagni.

I cosiddetti primitivi sono ancor oggi capaci di avvertire per esempio con il naso la presenza di acqua nel deserto. Per noi moderni, metaforicamente parlando, tutto puzza, ma dobbiamo ricordare che il naso svolge anche per noi un ruolo maggiore di quanto vogliamo ammettere.

Rosa, Fiore, Rugiada, Rosa Rosa, Vicino, English Rose

Quanto sia importante l’odore del partner, lo rivela l’enorme volume di affari dell’industria dei profumi, che lavora quasi esclusivamente con i fiori, elementi naturali in grado di trasportarci lontano dalla ragione, nei luoghi arcaici dell’inconscio. Riaffiorano sentimenti primaverili e immagini paradisiache e non è un caso che in molte culture il paradiso sia concepito come un giardino. 

Noi cerchiamo di nascondere all’altro sesso il nostro odore primitivo:

Rose, Fiore, Rosa Rosa, Fiore Rosa, Rosa Fiori, Cesto

l’odore tipico del corpo umano ci appare gradevole solo in rare occasioni: è troppo sincero.

E quando il nostro odore naturale, già in partenza sgradevole, degenera fino a trasformarsi in lezzo, ecco arrivare in nostro aiuto l’industria dei profumi con le sue fragranze. Non possiamo più sopportare il nostro odore e per questo siamo sempre più obbligati a coprirlo con prodotti «artificiali».

Con il passare del tempo, non solo le donne, che in generale hanno un naso più sensibile, ma anche gli uomini hanno cominciato a servirsi di questi prodotti. Ognuno ha il proprio profumo, che sembra dargli un tocco di unicità.

Ragazza, Persona, Bambino, Abito Estivo, Estate

È tuttavia chiaro che ci troviamo di fronte a merce prodotta in serie che, con nomi attraenti e prezzi alti, viene spacciata per personale ed esclusiva. Per far sì che non ci si renda conto della mancanza di originalità sia della mercanzia che del cliente, ricorrendo ad abili trucchi pubblicitari, si ricorre alla presentazione fatta da personaggi particolari. Tuttavia, un profumo già di per sé caro, può costare a qualcuno ancora di più se non serve a coprire il proprio odore, ma a rafforzarlo. 


Abbiamo ghiandole odorifere sotto le ascelle e attorno ai genitali.

Bambino, Ragazzo, Ritratto, Bambini, Persone, Carino

Molti sono i motivi che ci spingono a non dare più importanza al nostro odore, che costituisce una caratteristica autentica e personale. In primo luogo, è perché abbiamo smesso di trovar piacere nell’annusare. In India si dice che un corpo è puro e privo di colpa se profuma del frutto appena gustato.

L’odore piacevole dei neonati richiama alla mente una condizione ancora vicina a quella paradisiaca. A questo proposito, noi abbiamo perso la nostra innocenza edenica, ad eccezione dell’aglio.

Ritratto, Bambino, Le Mani, Nascondi

Gli indiani hanno descritto i primi bianchi come facce pallide, che emanano cattivo odore dalla bocca. Il nostro modo di vita e, soprattutto, la nostra alimentazione hanno influenzato negativamente la nostra sudorazione. Abbiamo quindi reagito alla maniera funzionale che ci caratterizza.

Con deodoranti di diverso tipo e acque di colonia per tutte le occasioni copriamo ogni cattivo odore. Una pulizia dall’interno o dal profondo ci sembra troppo faticosa. Chi osa affrontarla, magari attraverso un digiuno, potrà verificare quale collezione di rifiuti, con relativi odori, scaturisce dalle profondità del proprio corpo.

Alkoghol, Narkomaniia, Paghubnaia Privychka, Spirt

Del resto nel nostro mondo industrializzato ci troviamo di fronte a un flusso di odori talmente forti e innaturali da indebolire la nostra sensibilità e la nostra capacità di distinguere. In conclusione la nostra individualità non ci piace più, perché di fatto siamo diventati uomini-massa. Invece di avere il nostro odore caratteristico preferiamo legarci a dei modelli di cui facciamo nostri i presunti contrassegni odorifici.

Non riusciremo però ad uniformarci del tutto dal punto di vista dell’odore, dato che la componente personale è così forte che lo stesso articolo prodotto su scala industriale ha un diverso odore su ogni tipo di pelle.

Nucleo Striato, Farfalle, Farfalla, Marrone, Insetto

Le farfalle trovano i loro partner esclusivamente attraverso l’olfatto, e anche nella ricerca del nostro partner il profumo ha un ruolo decisivo. Le ricerche hanno dimostrato che gli odori hanno un effetto più erotizzante delle impressioni ottiche; l’irresistibilità della persona amata e la comunicazione amorosa possono trovare qui un’ulteriore spiegazione.

L’irradiazione è essenziale quanto l’effusione e potremmo avere una capacità olfattiva molto più sviluppata se la prendessimo sul serio e smettessimo di combatterla e di reprimerla. Se sentiamo un cattivo odore, ci sentiamo male e, di conseguenza, puzziamo.

Pavone, Edelfalter, Farfalla, Farfalle, Vicino, Natura

Se non sopportiamo l’odore di una certa persona, significa che questa non va bene per noi. Se il nostro sudore è sgradevole, vuol dire che il nostro corpo sta cercando di liberarsi di qualcosa di nocivo, si disintossica attraverso la pelle.

I medici di un tempo davano grande importanza agli odori al momento di formulare la diagnosi:

non solo annusavano gli escrementi ma addirittura l’intera persona. In tal modo il naso poteva individuare delle tracce e spesso indicare la strada più corretta. 
li fatto che oggi ci affidiamo soprattutto al senso della vista, che di fatto resta ancorato alla superficie, dimostra quanto siamo diventati superficiali.

Farfalla, Blu, Insetto, Morphofalter Blu

Anche l’odorato opera esclusivamente dentro di noi, ma soddisfa meglio le esigenze di una vera percezione. Il metodo della serratura e della chiave ha origini più antiche ed è meno fallace del complicato sistema elettromagnetico visivo. Di conseguenza «poter sopportare l’odore di qualcuno» vale più che trovarlo gradevole. È un’attrazione sperimentata a un livello più profondo. Qui ci si adatta reciprocamente come la chiave e la serratura.

Vista dall’esterno, la diminuzione della nostra capacità olfattiva può non essere un problema e oggi potremmo addirittura rinunciarvi del tutto, ma alcune migliaia di anni fa per i nostri progenitori aveva un’importanza vitale.

Incinta, Madre, Corpo, Gestante, Gravidanza, Donna

D’altro canto la forza inconsapevole, che il naso continua ad avere su di noi e sulle nostre decisioni, dimostra quanto profondamente siamo radicati nel passato. Il sintomo dell’aumento della sensibilità agli odori, che caratterizza l’epilessia, gli attacchi isterici e la gravidanza, rivela un ritorno ai tempi arcaici, quando un naso sensibile era ancora importante.

Se noi moderni ricominciassimo a vivere affidandoci alle percezioni del nostro naso e dessimo valore all’olfatto, molte cose sarebbero più facili e più semplici. Formeremmo un altro «mondo» diverso da quello attuale che è «ottico».

Madre, Bambino, Felice, Sorridente, Estate, Persone

L’allontanamento dal naso si riflette in un mondo che puzza in molti campi e che quindi ci appare puzzolente. Avere naso per qualcosa significa avere intuizioni sicure: sarebbe auspicabile per noi e per il nostro mondo se imparassimo di nuovo a fidarci del naso.

Verificheremmo allora che l’aria che respiriamo, spesso non solo è un’offesa per l’olfatto, ma anche per gli organi della respirazione: il naso altro non è che l’inizio delle vie respiratorie.

Fratelli, Ragazzi, Bambini, Bambino, Neonato, Amore

Suo compito è provvedere alla purificazione dell’aria, facendo in modo che le particelle sporche siano bloccate da peli sottili. Deve poi riscaldare l’aria che entra nelle vie più profonde della respirazione, per cui ha a disposizione un ampio sistema di cavità. 


(Rudiger Dahlke)

Orecchio e Udito

Il padiglione auricolare, che costituisce la parte esterna dell’orecchio, ha, nel suo insieme, un forma femminea.

Mentre l’occhio è preposto a un’attività di controllo, l’orecchio risponde a una legge più passiva. Rimane sempre aperto, anche di notte, che rappresenta la metà femminile della giornata; non si lascia indirizzare, né controllare e di conseguenza non ha la stessa capacità di concentrazione dell’occhio.

Stato D'Animo, Natura, River, Acqua, Flusso, Primavera

Per questo nessuna parte dell’orecchio possiede maggiore sensibilità rispetto alle altre. Mentre l’occhio seleziona a piacere e in linea di principio percepisce solo la metà della realtà, quella limitata al proprio orizzonte, l’orecchio non può staccare e per questo è sempre informato più dettagliatamente di quello che accade.

Anche quando ci mettiamo a letto e posiamo un orecchio sul guanciale, l’altro rimane all’erta. L’ampiezza della frequenza percepita dall’orecchio sulla scala elettromagnetica supera ampiamente quella dell’occhio.

Autunno, Panorama, Natura, D'Oro, Settembre, Fiume

L’immobilità del padiglione auricolare, opposta alla estrema mobilità della palpebre, sottolinea ancora una volta il ruolo passivo di questo organo sensoriale, che trova la sua logica sede non al centro del volto come gli occhi, ma alla periferia.

Noi prestiamo orecchio a qualcuno o regaliamo qualche istante d’ascolto, mentre con gli sguardi facciamo centro sempre intorno a noi. Il fatto che gli animali abbiano la possibilità di muovere le orecchie e che tale facoltà sia rimasta solo a poche persone che la esercitano in modo abbastanza rudimentale, fa ipotizzare che questa capacità sia regredita perché trascurata. Soltanto in senso figurato possiamo tendere le orecchie.

Violino, Violinista, Musica, Classico, Melodia, Suono

Che ormai siamo giunti a una situazione limite lo dimostra il fatto che ridiamo se vediamo qualcuno muovere il padiglione auricolare, mentre troviamo tragico che qualcuno non sia in grado di muovere gli occhi. La diversa importanza che attribuiamo ai due sensi è rivelata anche dal nostro affidarci costantemente alle vista, mentre di rado riusciamo ad essere tutt’orecchi: abbiamo quasi dimenticato l’importanza dell’ascolto.

L’elemento più caratteristico dell’orecchio, che precede il padiglione, è la coclea che, collocata all’interno, rappresenta la parte preposta alla percezione dei suoni e ha la forma simile a quella di una chiocciola. La spirale è un simbolo antichissimo e, a differenza della linea retta, descrive molto bene la realtà.

Suono, Wave, Forma D'Onda, Aural, Audio, Sonic

I fisici nucleari l’hanno trovata là dove si forma nuova materia, nell’infinitamente piccolo, gli astrofisici studiando le dimensioni gigantesche dell’universo hanno incontrato la nebulosa a spirale, i biologi molecolari ne hanno trovato le tracce nel DNA, e gli psicoterapeuti la conoscono come il turbine con cui al momento del concepimento inizia il ciclo della vita che si conclude con la morte, quando l’anima abbandona il corpo.

La percezione dell’orecchio può di conseguenza essere vicina alla realtà, soprattutto se riflettiamo sul fatto che tutta la creazione ha avuto origine dal Big – bang. «Nada-Brahma, il mondo è suono»”. C. G. Carus ha detto:

Acqua, Ascolta, Bambini, Gioventù, Felice, Ragazza

«L’orecchio, e in particolar modo la sua parte interna, può essere l’organo più importante e più significativo dell’evoluzione psichica». Schopenhauer e Kant richiamarono l’attenzione sul rapporto dell’orecchio con il tempo, che fin da i tempi più remoti è stato misurato in base al movimento delle stelle, le cui «orbite» sono, in realtà, delle spirali.

La vita è ritmo, ha affermato Rudolf Steiner, e poiché anche il tempo scorre ritmicamente, esso è strettamente vincolato alla nostra vita. Con gli occhi noi vediamo la superficie del mondo, i fenomeni; con l’orecchio però ascoltiamo in profondità, fino a raggiungere le radici della nostra vita.

Bambino, Ragazzo, Lago, Acqua, Giocando

In questo senso agli occhi «fenomenologici» si contrappongono le orecchie «radicali» (dal lat. radix = radice). Ciò non rende le orecchie migliori dell’occhio, mostra soltanto che le utilizziamo in modo diverso e certamente più profondo.

Il rapporto di questi due importanti organi sensoriali si rivela nei rap¬porti interpersonali: noi ci vediamo e ci ascoltiamo reciprocamente. Attraverso il primo, entriamo in contatto, col secondo impariamo a comprenderci. Quanto profondamente l’udito ci coinvolga, lo dimostrano le nostre reazioni di fronte alla cecità e alla sordità.

Macchina, Meccanica, Occhio, Blu, Guardare, Lente

In genere si tende a ritenere la cecità come il male più grave, mentre l’esperienza mostra che questa è più facile da sopportare. Con l’udito, infatti, perdiamo la possibilità di vibrare, e di conseguenza di sentire insieme al mondo.

Da questa limitazione derivano disturbi psichici che possono arrivare fino alla depressione. La sordità tende a coincidere con l’insensibilità. Il proverbio dice che ascoltare e sentire possono sostituirsi l’uno con l’altro: «Chi non vuole ascoltare, deve sentire».

Equilibrio, Altezza, Pericoloso, Coraggioso, Pazzo

Se veniamo privati dell’udito, ci ritroviamo a vivere in un mondo senza suoni e abbiamo la sensazione di essere respinti, emarginati, cosa molto difficile da sopportare. Come la creazione è iniziata con un suono, così anche ogni nuova creatura ascolta, all’inizio della propria esistenza, il battito del cuore materno.

Ogni madre avverte l’importanza di questo cordone ombelicale acustico e stringe spontaneamente e intuitivamente il proprio bambino inquieto al cuore.

Raggiungere, Donna, Ragazza, Jumping, In Esecuzione

Nell’allattamento è proprio questo suono che riesce a rassicurare e tranquillizzare il piccolo. Anche tra le anatre si verifica lo stesso fenomeno: la mamma starnazza ininterrottamente e, finché gli anatroccoli riescono a sentirla, tutto è a posto. Non appena il suo richiamo si fa più debole, significa che è arrivato il momento di fare dietro-front.

L’indebolimento dell’udito ci suggerisce di smettere di ascoltare ciò che proviene dall’esterno e di non continuare ad aspettare che le risposte vengano da fuori. Non è più necessario stare in ascolto di ciò che è al di fuori di noi, bisogna invece ascoltare la voce interiore che ci viene indicata dalla malattia. Bisogna trovare il ritmo interiore.

Summerfield, Donna, Ragazza, Tramonto, Crepuscolo

Secondo natura, questo è il compito proprio della maturità, che costituisce il periodo della vita in cui la malattia tende a manifestarsi. Chi in età avanzata continua a rivolgersi soltanto all’esterno, deve tenere conto del fatto che il destino correggerà presto il suo atteggiamento.

Ciò si verificherà però soltanto se il soggetto sarà disposto a chiudere le orecchie esteriori. Udire la nostra voce interiore, come del resto la voce di Dio, è cosa indipendente dalle orecchie fisiche e, nei casi estremi, questo è l’unico legame che resta.

Bambino, Bolle Di Sapone, Divertimento, Bambini

Un tale evento può essere vissuto come dramma o come occasione. Potremmo a questo punto pensare ai compositori Beethoven e Smetana, che, nonostante fossero completamente sordi, scrissero musica divina sentendola solo a livello interiore.

Domande: 
1. In che modo affronto lo stress, o per meglio dire come mi comporto di fronte alle provocazioni e alle sollecitazioni che vengono dal mondo circostante? Come reagisco alle pretese eccessive? 
2. Cosa era successo la prima volta che ho udito i suoni? Come ho reagito? 
3. Cosa non voglio più udire, chi non voglio più ascoltare, a chi non voglio più obbedire? 
4. Come va con l’equilibrio, la stabilità, l’indipendenza e la capacità di farsi valere? Cammino su un terreno sicuro? 
5. Che cosa vogliono dirmi i suoni interiori? E che ha da dirmi la mia voce interiore? Che ruolo hanno l’intuizione e l’introspezione nella mia vita?

(Rudiger Dahlke)

Le unghie

Malattia Espressione dell’AnimA


Le unghie delle mani e dei piedi rappresentano un’evoluzione o un’involuzione degli artigli, e hanno quindi a che fare con la nostra eredità aggressiva e con le nostre origini.
Da quanto nella quotidiana lotta per la sopravvivenza non ne facciamo più uso in modo diretto, dobbiamo tagliarle.

Mano, Donna, Femminile, Uomo, Tocco, Dita, Raggiungere

Prima si consumavano come quelle degli animali.

A tale proposito sarebbe onesto e istruttivo guardarsi intorno nel regno animale per verificare quali animali, oltre a noi, siano dotati di artigli. In questo modo dovrebbe chiarirsi il rapporto aggressivo tra le unghie e gli uomini.
 
Oggi, vivendo in un tempo violento e straordinariamente aggressivo non è tanto facile mantenere a posto le unghie. Che siano assediate da parassiti, come ad esempio i funghi, o volontariamente amputate, soprattutto nei bambini che le mangiano, che diventino fragili e si scheggino, in ogni caso esse mettono in luce il nostro rapporto con l’aggressività.

Bella Donna, Ritratto, Sexy, Le Mani, Piuttosto, Faccia
 
In alcune culture la loro lunghezza era considerata un segno della distanza frapposta tra sé e il lavoro manuale. Inoltre questo costume mostrava quanto sia necessaria l’aggressività per riuscire a conquistarsi un simile stile di vita e per guadagnarsi con le unghie il potere.

Anche nella nostra società le unghie curate sono tipiche di coloro che svolgono un lavoro intellettuale e sottolineano il loro elegante rapporto con l’aggressività.
 
Unghie Pittura, Smalto Per Unghie, Cuori, San Valentino
 
Nella nostra cultura è soprattutto l’universo femminile che mette in mostra con orgoglio i suoi simboli aggressivi, che cura con grande attenzione ed evidenzia con i colori: lo smalto è diventato una componente stabile della vita.

Talvolta, ma solo in casi eccezionali, lo smalto ha il colore della madreperla, quella sostanza luminosa con cui diversi abitanti dell’acqua si ricoprono: la donna che ne fa uso ha simbolicamente trasformato la propria aggressività in qualcosa di brillante e prezioso.

Ragazza, Donna, Mani, Unghie, Bellezza, Pelle
 
Il rosso, che incontra i maggiori consensi, è simbolicamente molto adatto; del resto è il colore del dio della guerra, Marte, e della sua avversaria e compagna Venere, dea dell’amore.
 
Nelle unghie lunghe e dipinte di scarlatto, aggressività e amore si uniscono divenendo passione e seduzione erotica, che ha da sempre attinto a queste due fonti.
Non deve sorprendere che Eros, il dio dell’amore e dell’erotismo, sia figlio di Marte e Venere. Con le frecce e l’arco, le armi del padre, scocca nel cuore degli uomini l’amore, soddisfacendo i desideri della madre.
 
Red, Chiodi, Moda, Manicure, Manicure Nana, Donna
 
Se si pensa ai semafori, ci si rende conto che il rosso è anche il colore che tradizionalmente viene utilizzato per le segnalazioni, essendo il più visibile.

Le unghie dipinte di rosso attirano l’attenzione degli altri su di sé, sulle proprie qualità di seduzione o sul sangue che può cadere a gocce. In conclusione, le unghie hanno un carattere saturnino, che dà l’altolà gridando: «Fin qui va bene, ma non osare procedere oltre».
 
Doc. Thorwald Dethlefsen e Doc. Rudiger Dahlke
 
https://www.successclubprofessional.com/prodotto/erberos/
https://www.successclubprofessional.com/prodotto/klamath-rw-max-180/
https://www.successclubprofessional.com/prodotto/enervin/
https://www.successclubprofessional.com/prodotto/multinatural/
https://www.successclubprofessional.com/prodotto/osseovin/

Il Volto – Arrossire

Malattie Espressione dell’Anima

Il volto non è soltanto l’elemento del nostro corpo che ci permette di guardare il mondo, ma è anche quella parte di noi che il mondo riesce a vedere meglio e per prima.
Immagine generale e prima impressione dipendono dal viso. Ogni contatto inizia con gli occhi, gli organi della vista, che oggi rappresentano il nostro più importante strumento sensoriale.

Summerfield, Donna, Ragazza, Tramonto, Crepuscolo

Nell’antichità più remota era ancora più importante avere un «naso fine»; per questo il senso dell’olfatto è il più antico e il meglio sviluppato. Era inoltre vitale avere un udito acuto, in quanto questo permetteva di percepire i pericoli naturali che minacciavano gli uomini.

Perfino il gusto, diventato oggi quasi un organo di lusso, poteva decidere della vita e della morte tutte le volte in cui era necessario distinguere il cibo commestibile da quello guasto.


Risultati immagini per rossore in viso
Se oggi diamo a tutto il viso un nome che è vicino a quello di «vista», lo facciamo per valutazione evidente. È infatti agli occhi che va la nostra particolare attenzione, in quanto è grazie ad essi che valutiamo il mondo.

Peraltro la perdita dell’udito produce un effetto psicologico e spirituale ancora più devastante di quanto non faccia la perdita della vista, il che dimostra che nelle profondità dell’anima regna un criterio di valutazione diverso e più antico.

L'immagine può contenere: 1 personaNon soltanto gli organi sensoriali più importanti hanno la loro sede nel volto:

anche la nostra sensualità si rispecchia in lui e i nostri stati d’animo vi si rivelano. È allora chiaro il motivo per cui il nostro viso merita tutta la nostra attenzione. Noi cerchiamo ad ogni costo di salvare la faccia e abbiamo paura di perderla.

Sebbene il viso sia l’unica parte del corpo che nel nostro ambiente culturale lasciamo scoperta agli occhi del mondo, quello che noi mostriamo è solo di rado il nostro vero volto.

L'immagine può contenere: 1 persona

Nel corso della vita acquisiamo un’infinità di maschere, proprio per non dover rivelare il nostro stato d’animo autentico. Una delle maschere più note gode anche da noi di grande popolarità, nonostante il nome americano: si tratta del keep-smiling.

Indipendentemente da quello che succede, si continua a sorridere.

«Far buon viso a cattivo gioco»: così un proverbio definisce questa insincera sceneggiata che si muove sul piano della cortesia e della viltà, un matrimonio esteriormente felice, ma certamente infausto per la vita interiore.


Immagine correlata
Così, anche se angosciati, sorridiamo tutto il giorno, anche se non abbiamo nessun motivo per ridere. Questa discrepanza tra la nostra faccia vera e quella che mostriamo agli altri è responsabile di una grande quantità di tensioni muscolari, In questo campo gli asiatici sono certamente superiori a noi.


Il loro volto eternamente sorridente rivela solo ad un esperto quello che in realtà si cela dietro quella radiosa facciata. Il rovescio di questa sorridente medaglia è la maschera prudente e riflessiva delle gravi responsabilità, che i politici assumono tanto volentieri.

Ragazza, Donna, Depressione, Mi Dispiace Per

Certe persone si servono delle loro diverse maschere con disinvoltura e a seconda dei casi sostituiscono un sorriso affascinante con uno compassionevole, uno sguardo denso di significato e con una serietà eloquente.

Altri individui trasformano l’intera, maschera e di volta in volta presentano un volto allegro o, se necessario, uno triste. Ci si può orientare anche in base al calendario e sfoggiare una faccia da domenica o da giorno di festa, o una da lunedì mattina. La domanda: «Che faccia hai oggi?», ci ricorda all’occorrenza che sarebbe opportuno essere autentici.
Risultati immagini per arrossire
Tutti sanno che le labbra carnose riflettono una particolare sensualità e che una mascella larga e forte rivela una grande volontà. La fronte sfuggente rivela meno intellettualità rispetto a quella larga, gli occhi piccoli e profondi sono segno di riserbo, mentre gli occhi sporgenti tipici del morbo di Basedow hanno in sé qualcosa di curioso e al tempo stesso di spaventoso.


L’interpretazione inconscia del modello del volto ha un ampio ruolo nella vita quotidiana: ci porta a stabilire per esempio se una persona ci è simpatica o antipatica. Anche lo stato d’animo passa attraverso l’espressione del volto e anche in questo caso non sappiamo, come ciò avvenga.


Mani, Ragazza, Viso, Coperto, Femminile, Giovane

Tanta sincerità e altrettanti tentativi di mascherarla fanno sì che i sintomi a volte vanifichino dolorosamente i nostri mascheramenti. L’organismo esprime profonda sincerità anche sul volto. Quando nascondiamo col trucco quello che è scritto sul nostro viso, il destino utilizza uno scalpello più duro per imprimere i propri segni sulla matrice della realtà; in questo caso sulla pelle del nostro volto.


Prima di arrivare a segnali dolorosi e deformanti, il destino ha a disposizione mezzi più miti. L’arrossire frequentemente, ad esempio, è un fenomeno che tende a rendere il soggetto consapevole di qualcosa da cui si difende. Tale situazione ha in sé qualcosa di teatrale. Per lo più si tratta di un tema allusivo che, celato in un gioco di parole, resta sospeso in aria.


Immagine correlata

I soggetti cercano di ignorarlo e, ad esempio, si comportano come se non capissero lo scherzo e non avessero niente a che fare con esso. Loro in realtà preferirebbero sprofondare sotto terra e diventare invisibili, però la pelle sincera (del loro viso) annuncia arrossendo il loro coinvolgimento.

La «lampadina rossa» attira magicamente l’attenzione su di sé e più l’individuo si ribella a questa realtà, più rosso e caldo diviene il suo viso, e come un faro annuncia la dolorosa verità. Quello che i soggetti non vogliono ammettere, viene largamente amplificato dal loro volto.

Ragazza, Donna, Tristezza, Ritratto, Mi Dispiace Per

L’insegnamento è chiaro: solo quando avremo accettato il problema che rifiutiamo e avremo ammesso il suo rapporto con noi, il semaforo rosso si spegnerà. Ciò che si vive in modo normale e naturale, non può proiettare un pudico rossore sul viso.

Se è concretamente possibile raccontare una barzelletta sull’argomento senza morire di vergogna, significa che la tematica è integrata e non ci saranno segnali d’allarme.
Soprattutto ciò che inizialmente risultava carico di paura e dolore potrà essere vissuto apertamente e con gioia e integrato nella vita. Anche un sintomo apparentemente piccolo e innocuo può quindi offrire un grande insegnamento.


Bambino, Enfaticamente, Mi Dispiace Sentire Che

Domande
1. Quali aspetti della vita sono per me penosi? Di che cosa mi vergogno?
2. Quali pensieri e quali sentimenti non sono in grado-di sopportare?
3. Quali situazioni voglio evitare ad ogni costo?
4. Cosa potrei e dovrei imparare in queste situazioni?
5. Cosa significa per me l’opinione pubblica e essere al centro dell’attenzione?
6. Come potrei trasferire il tema erotismo dalla mia testa al cuore e all’apparato genitale?

Dott. Rüdiger DahlkeCon la collaborazione del Dottor Peter Fricke e del Dottor Robert Höβl

https://www.successclubprofessional.com/prodotto/enervin/
https://www.successclubprofessional.com/prodotto/klamin-gocce/
https://www.successclubprofessional.com/prodotto/serenvin/
https://www.successclubprofessional.com/prodotto/corevin/

Caduta dei Capelli

Malattie Espressione dell’Anima

Ogni volta che queste antenne così significative, questi gioielli, questi simboli di forza, libertà e vitalità ci abbandonano, bisogna rivolgere il pensiero a tutto ciò di cui abbiamo finora parlato. Ci sono poi altre situazioni altamente simboliche legate ai capelli. Se è stata ignorata la necessità di una muta psicologica e spirituale, l’organismo è costretto a una incarnazione idonea a supplire a tale mancanza.
caduta capelli
 
Poiché i capelli sono un’appendice della cute, si potrebbe pensare in questo contesto anche al simbolismo della muta, specialmente quando la caduta dei capelli avvie¬ne per desquamazione. Il serpente abbandona la propria pelle quando è pronto per una pelle nuova.
 

Si pone quindi la domanda: Ho trascurato di cambiare la mia vecchia pelle e di farmene crescere una nuova?

Risultati immagini per caduta capelli femminileEspressioni come «perdere i capelli», «lasciarci le penne» o «sentirsi spennato» alludono al fatto che si è dovuto pagare, o fare un sacrificio, cedendo qualcosa a cui non si è rinunciato volentieri. Non ne siamo usciti indenni, ma siamo stati spennati e abbiamo fatto brutte figure. E anche qui sorge una domanda: dove e quando ho trascurato di pagare, di fare cioè il sacrificio necessario?
 
L’apprendimento, che si cela dietro la perdita dei capelli, consiste di conseguenza nell’abbandonare consapevolmente tutto ciò che è vecchio e che è stato superato dal tempo per fare posto al nuovo.
 
alopecia areata
 
È essenziale compiere consapevolmente questo passo per sollevare il corpo dalla necessità di svolgere lui stesso questo compito. Inoltre tutto ciò sta ad indicare che la nuova crescita è insufficiente.
 
Una caduta totale di capelli e peli invita a separarsi definitivamente dai vecchi temi ormai superati, partendo letteralmente dalle radici (dei capelli).
Bella, Donna, Capelli, Biondo, Capelli Lunghi, Ritratto
 
L’altra possibilità consiste nell’ammettere l’avvenuta perdita di libertà accettandola. Anche in questo caso il corpo smetterà di presentare ogni mattina la stessa cosa sul guanciale. Chi capisce che la libertà consiste nel fare spontaneamente e consapevolmente quello che deve esser fatto, non deve temerne i simboli.
 
Tutto ciò è di particolare importanza quando si tratta di perdite inevitabili di libertà, come accade ad esempio quando si diventa adulti. I pazienti che già durante l’adolescenza perdono i capelli, evidenziano una insufficiente accettazione del ruolo di adulti.
 
Risultati immagini per caduta capelli
 
In tal modo la calvizie precoce mostra una doppia faccia: da un lato i soggetti in questione appaiono esteriormente precocemente «invecchiati», poiché la calvizie è certamente un segno di anni «più maturi», dall’altro possiamo attribuire a tale fenomeno un significato simbolico, ricordando che esso è tipico anche dei neonati, specialmente se viene a formarsi, al posto dei capelli, una peluria delicata.

L’espressione «calvo come il sederino di un marmocchio» esprime questo duplice aspetto. La soluzione va ricercata ancora una volta nella maturazione psicologica e spirituale quando la pelata è ormai un fatto. Non è mai troppo tardi per abbandonare i sotterfugi dell’infanzia per riscoprire la propria natura infantile a livelli più alti.

Donna, Asciugatura Dei Capelli, Ragazza, Femminile
 
Altri periodi tipici in cui si registra una perdita dei capelli sono quelli poco prima del matrimonio, prima di essere assunti stabilmente o di ottenere un lavoro impiegatizio e così via.
Qui è necessario riflettere sulle stesse cose: non è la rinuncia consapevole alla libertà e all’indipendenza a mettere in pericolo la chioma virile, ma l’inconsapevolezza talora crescente e il tentativo di non pagare nulla per i vantaggi in questione. Chi diviene impiegato per scelta e passione e rinuncia volentieri alla sua libertà per raggiungere questo scopo, può stare tranquillo per i suoi capelli.
 
Ritratto, Donna, Ragazza, Bello, Biondo, Testa Rossa
 
È invece seriamente minacciato chi si sente artista e fa sogni di gloria, e che a causa della propria non confessata angoscia esistenziale accetta di fare l’impiegato. Per questo passo falso dovrà pagare, o meglio dovrà lasciarci simbolicamente le penne.
Cambiamenti nella crescita dei capelli durante la gravidanza e dopo il parto mettono in luce lo stesso tema da un altro punto di vista.
 
Molte donne presentano nel periodo di gravidanza una chioma più fluente e più vitale; in alcune però questa manifestazione si blocca subito dopo il parto. L’aspetto del sacrificio è particolarmente evidente nella nascita.
 
Immagine correlata
 
Per donare la vita ad un bambino, la donna deve separarsi da lui e nel far questo la donna rinuncia a qualcosa di se stessa. Proprio nelle donne che hanno problemi col ruolo materno e col suo aspetto sacrificale, la caduta dei capelli dopo il parto avviene in misura più consistente.
 
Da un lato esse trasferiscono il sacrificio non accettato liberamente sulla testa, dall’altro vivono a livello di corpo anche l’aspetto del cambiamento che dopo la nascita del bambino avrebbe dovuto coinvolgere la loro vita.
Affetto, Barba, Splendidi Fiori, Ragazzo
 
Quando i capelli cadono a ciuffi, cioè nella cosiddetta alopecia areata, ci troviamo ancora una volta di fronte alla stessa tematica, riferita in questo caso a un ambito più limitato. Il compito consiste nello scoprire questo spazio limitato, nello staccarsi dalle strutture che ancora sopravvivono e nel far subentrare al loro posto impulsi nuovi.
Un caso particolare è quello della caduta dei capelli dell’uomo in una zona particolare che ricorda la tonsura dei monaci. Potrebbe trattarsi di un avvicinamento all’archetipo del frate, che con l’aiuto della tonsura praticata nel punto del chakra più alto sottolinea l’apertura verso dimensioni superiori?

Uomo, Maschio, Modello, Persona, Giovane, Persone

È forse un invito ad emulare il monaco e a separarsi tendenzialmente dal mondo esterno, per aprirsi maggiormente ai mondi superiori?

Lo stesso vale per la fronte stempiata, che conferisce un volto da pensatore ed enfatizza così l’aspetto filosofico della persona. Anche in questo caso è lecito chiedersi se qualcosa che è stato trascurato dal punto di vista psicologico e spirituale si esprima a livello corporeo, o se sia la fronte alta a contrassegnare il pensatore.
 
Taglio Di Capelli, Barber, Acconciatura
 
Domande:
1. Mi punisco per qualcosa o mi faccio punire?
2. Offro i miei capelli, simbolo della mia forza e della mia dignità, per espiare? Se sì, a che scopo?
3. Ho dimenticato di pagare per la libertà, la forza e la dignità di cui ho goduto?
4. Dove mi sono bloccato con idee di libertà immature e infantili?
5. Ho trascurato di abbandonare vecchie e superate strutture di forza?
6. Ho voluto salvare troppo a lungo strutture superate di dignità e apparenza?
7. Conservando le vecchie strutture, ho perso senza accorgermene la vera libertà, la forza autentica e la giusta dignità?
8. Dove ho trascurato di far germogliare nuovi impulsi e nuove forze della vita?
Doc. Thorwald Dethlefsen – Rudiger Dalke
 
 

Il Codice dell’AnimA

Oggi, dire che l’età e il sesso sembrano ininfluenti contrasta con le idee della nostra cultura. Eppure, il sospetto di attrazione puramente fisica, nasconde il segreto della sorgente dell’occhio percettivo. Perché esso è l’occhio del cuore. Qualcosa si smuove nel cuore, aprendolo alla percezione dell’immagine racchiusa nel cuore dell’altro.

Ragazza, Letto, Capelli, Camera Da Letto, Relax

Oggi quasi non riusciamo più a credere a queste relazioni basate sull’affetto del cuore. Abbiamo imparato a vedere le cose con l’occhio dei genitali. Non sappiamo immaginare rapporti basati sull’immaginazione. Per la nostra cultura, il desiderio deve per forza essere inconsciamente sessuale, le relazioni accoppiamenti, le confessioni sincere, sotto sotto, ma dettate da manipolazioni seduttive.

Nell’attrazione reciproca, in tutte le coppie che hanno sperimentano il proprio vero Sè, si scaturiva da una visione condivisa; si erano innamorate di una fantasia “mentore”. Io divento un mentore quando la mia immaginazione sa innamorarsi della fantasia di un altro.

Bellezza, Donna, Ritratto, Faccia, Capelli, Femminilità

Una componente erotica è necessaria, così come è sempre stata fondamentale nell’insegnamento da Socrate in poi, come lo è ancor oggi, anche se oggi o è eliminata dall’apprendimento attraverso il computer oppure è guardata esclusivamente con l’occhio genitale e vista come violenza, seduzione, molestia o bisogno di qualche impersonale ormone. L’occhio genitale non rivela ciò che va cercando l’AnimA.

Proviamo a esaminare, per esempio, le rubriche degli annunci personali. Superata la descrizione sociologica – conformazione fisica, colore della pelle, abitudini sessuali, professione, età, stato civile, ecco che incomincia a emergere la Verità dell’Immaginazione.

Giovane Ragazza, Rose, Donna, Mentire, Signora, Ragazza

Lunghe passeggiate, cucina, umorismo, ballo, coccole e parlare, parlare; e poi le preferenze musicali, i progetti per le vacanze, i gusti e, soprattutto, i sogni. Cerchiamo qualcuno che accompagni l’AnimA, non un compagno di letto. Un annuncio personale rivela «la sacralità degli affetti del Cuore». Un annuncio personale è un sogno romantico.

Vedere è credere, credere in ciò che si vede, e questo fatto conferisce immediatamente il dono della fede alla persona o alla cosa che riceve lo sguardo. Il dono della vista è superiore ai doni dell’introspezione. Perché tale vista è come una “benedizione”: trasforma.


Gambe, Finestra, Auto, Strada Sterrata, Relax, Donna

La terapia promuove la grande illusione dell’introspezione. Predica e pratica la cecità di Edipo. Edipo si interrogava su chi fosse veramente, come se si potesse trovare l’AnimA, il nostro vero essere, con la riflessione che si autointerroga.

La superstizione terapeutica poggia su un’altra falsa credenza: l’idea che l’AnimA sia celata alla vista, nascosta, sotterrata nell’infanzia, rimossa, dimenticata e dunque possa essere redenta soltanto con l’introspezione attiva nello specchio della mente. Ma gli specchi dicono solo mezze verità. La faccia che ti vedi allo specchio misura la metà delle dimensioni della tua faccia vera, è solamente la metà di quella che presenti e che gli altri vedono.

Ragazza, Bellezza, Favole, Fantasia, Femminile, Capelli

La ricerca terapeutica del vero essere sarebbe forse più efficace se seguisse scrupolosamente la massima posta, non a caso, esiste la forma passiva: percipi, «essere percepiti». Noi siamo fenomeni offerti alla vista. «Essere» è in primo luogo essere visibili. Il lasciarci passivamente vedere apre una possibilità di benedizione. Perciò noi cerchiamo amanti e mentori e amici, affinché possiamo essere visti, ed essere vivi.

Ma non tutto di noi è da subito visibile e lo troviamo in zone riservate e ombre invisibili. Si manifestano nelle reticenze, nelle circonlocuzioni e negli eufemismi, negli occhi ombrosi, distolti, nei lapsus, nei gesti esitanti, nei ripensamenti, nelle omissioni. Non c’è niente di ovvio in una faccia e niente di semplice in una superficie.

Ragazza, A Piedi, Teddy Bear, Bambino, Femminile

Il mentore (una mente consapevole9 percepisce le pieghe di una complessità, quelle curve dentro/fuori, sotto/ sopra dell’implicito che sono la verità dell’immaginazione in ogni sua forma, per cui possiamo ben definire l’immagine: il come globale del presentarsi di una cosa. Eccomi, sono qui, proprio davanti ai tuoi occhi. Riesci a leggermi?

Parliamo sociologichese, non la lingua dell’AnimA. Per leggere un’espressione occorre un numero di parole pazzesco. «La maggior parte della gente non sa “dire” come è la persona che ha davanti, ma l’essere incapaci di “dire” non implica che non si sia capaci di vedere» scrive il filosofo José Ortega y Gasset.

Bambino, Teddy Bear, Ascolta, Giocattolo, Teddy, Orso

Per vedere l’AnimA occorre avere occhio per le immagini, occhio per lo spettacolo, e avere il linguaggio per dire ciò che vediamo. I nostri fallimenti in amore, nelle amicizie, in famiglia spesso sono riconducibili a fallimenti della percezione immaginativa. Quando non guardiamo con l’occhio del cuore, allora sì l’amore è cieco, perché in quei casi non sappiamo vedere l’altro come portatore di una Coscienza di verità immaginativa.

Può esserci il sentimento, ma non la vista; e come la vista si appanna, così si appannano la simpatia e l’interesse. Ci sentiamo soltanto irritati, e ricorriamo a concetti diagnostici e tipologici della mente creando casino su casino dettati solo dalla mente quando il gioco x la tua Coscienza è finito da un pezzo.. basterebbe essere sinceri da subito e riconoscerlo..

Cuore, Herzchen, Amore, Romanticismo, Fortuna

Ma tuo marito non ha «un complesso materno»; piagnucola, ha aspettative, spesso è come paralizzato. Tua moglie non è «in preda all’Animus»; è perentoria, discute usando la logica, non si vuole dare per vinta. Il chi tuo marito o tua moglie sono, coincide con il come essi sono, non con ciò che le tipologie e le categorie dicono che essi sono.

Alcune forme di terapia cercano di correggere la miopia immaginativa incoraggiando l’«empatia» e la «identificazione controtransferale sintonica». E promuovono anche lo psicodramma e i giochi di ruolo per aiutare i pazienti a vedere in trasparenza certe concezioni tipologiche e ad arrivare al cuore dell’altro.

Coppia, Autunno, Sera Sole, Natura, Umano, Amore, Uomo

Mettiti nei panni di tuo marito, di tua moglie, di tuo figlio. Immagina quello che provano, come sarebbe essere loro. Immagina! Forse, se guardi meglio con l’immaginazione, riuscirai a scoprire un cuore di verità nel loro comportamento. La percezione immaginativa richiede grande pazienza.

Come dicevano gli alchimisti dei loro complicati, frustranti esperimenti: «Nella tua pazienza è la tua AnimA». Come reggere altrimenti l’incomprensibile comportamento dell’altro, quella stranezza, quella lentezza?

Mani, Amore, Coppia, Insieme, Dita, Persone, Umano

Il fisico atomico Edward Teller imparò a parlare solo dopo i tre anni, tanto che si pensava fosse ritardato. «Poi, un giorno, Edward incominciò a parlare, con frasi complete, non singole parole, come se si fosse risparmiato la fatica in attesa di avere qualcosa da dire».

Il codice dell’AnimA James Hillman

Irsutismo

Malattia Linguaggio dell’AnimA


La comparsa su un corpo femminile di una peluria irta e tipicamente maschile è sicuramente causa di profonda sofferenza per una donna. Fin troppo chiaramente questo sintomo sta ad indicare che gli aspetti maschili sono stati respinti nell’ombra e da lì tentano di riemergere nella superficie del corpo.

Rasatura, Rasoio, Lametta, Macchina, Il Rasoio, Taglio
 
La situazione ormonale, con questa prevalenza di elementi maschili, rispecchia il fenomeno più di quanto possa spiegarlo. Le donne che hanno questo problema vivono e scoprono sulla loro pelle la loro inconscia pretesa virile. Certamente è compito di ogni donna scoprire e sviluppare il proprio polo maschile, quello che Jung chiama animus.
 
Questo però dovrebbe avvenire a livello di coscienza, non di corpo. Questa tematica si presenta in modo particolare durante la menopausa e pertanto tale periodo è predestinato alla manifestazione della virilità corporea se ciò non è avvenuto sul piano dello spirito e dell’anima.

Risultati immagini per irsutismo femminile
 
La rivelazione delle energie maschili attraverso la crescita della barba, spiega l’esigenza inconscia di esprimere la propria forza di volontà e la propria capacità di imporsi. Molta peluria sul corpo rivela componenti animalesche: chi lamenta la comparsa di tali sintomi, vive troppo poco la propria componente animalesca maschile e questa si trova costretta ad esprimersi nel corpo.

Chihuahua, Cane, Pet, Piccoli, Carino, Chiwawa, Gara
 
Se, come accade di frequente negli uomini, non c’è sofferenza, allora l’aspetto esteriore rispecchia perfettamente l’interiorità. La forma estrema, non limitata al polo femminile sarebbe il cosiddetto «uomo-lupo», in cui la componente animale diviene predominante. Quando, parlando di qualcuno, lo paragoniamo a un cane, intendiamo dire che è caduto proprio in basso.

Con riferimento alla gerarchia dell’evoluzione, tutto ciò vale anche per l’uomo-lupo, che viene confrontato con un passato animalesco. Se nell’irsutismo prevalgono i peli del pube, viene sottolineata la tendenza fallica aggressiva in campo sessuale. Quasi sempre i segni virili (dal lat. vir = uomo), che si esprimono con la crescita di peli vanno nella stessa direzione.

Immagine correlata
La gente capisce immediatamente che quella donna è un «tipo difficile», una persona cioè con la quale non si può trattare facilmente e con la quale non vorremmo avere niente a che fare. Il sintomo esige che anche lei se ne renda conto.

Quello che bisogna imparare non è la lotta contro l’elemento maschile, ma al contrario la sua realizzazione nella propria vita. Invece di accentuare il mento facendosi crescere la barba, bisognerebbe aiutare la propria volontà ed esprimersi.

Risultati immagini per depilazione
 
Invece di difendersi chiudendosi in una spessa pelliccia, sarebbe molto meglio cercare protezione in senso figurato attraverso la conquista del rispetto.

Invece di una manifestazione maschile esteriore, deve venire alla luce una radiazione profonda di forza e potenza.

Immagine correlata
 
Invece di nascondersi agli occhi del mondo in quanto essere villoso, bisognerebbe far sapere a tutto il mondo che la donna non indietreggia di fronte a nulla, che eventualmente sa mostrare i denti ed essere anche molto pungente (dal lat. hirsutus = pungente).

Questo compito non viene però accettato facilmente. Peraltro quello maschile è uno dei due poli della realtà, e non c’è assolutamente la possibilità di estirparlo con una pinzetta: l’unica chance che abbiamo è di conciliarci con esso.
 
Doc. Thorwald Dethlefsen – Rudiger Dalke
 
 

Le orecchie

Malattia Espressione dell’AnimA


Prestiamo attenzione prima di tutto ad alcuni modi di dire e formulazioni in cui viene utilizzata l’immagine dell’orecchio o dell’udito:

Donna, Ragazza, Cuffie, Musica, Ascoltare, Si Rilassa

Tenere le orecchie aperte – prestare orecchio a qualcuno o a qualcosa – ascoltare qualcuno. Tutte queste formulazioni ci mostrano il chiaro rapporto delle orecchie col tema del lasciar passare, del mettersi in atteggiamento passivo e ubbidiente.

Confrontata con l’udito, la vista è un modo molto più attivo di percezione. È anche più facile distogliere lo sguardo o chiudere gli occhi che tapparsi le orecchie.

La capacità di sentire è espressione fisica dell’ubbidienza e della sottomissione. A un bambino che non ubbidisce può per esempio capitarci di chiedere:

udito
Non senti bene? Chi non sente bene, non vuole ubbidire. Queste persone fingono di non sentire quello che in realtà non vogliono sentire.

C’è un certo egocentrismo nel non prestare più orecchio all’altro, nel non lasciare più entrare nulla. Manca la modestia e la disponibilità ad ubbidire. Lo stesso vale per la cosiddetta sordità da rumori.
 
Scultura, Bronzo, L'Ascolto, Spiare, Per Ascoltare
 
Non è il volume alto a danneggiare, ma la resistenza psichica contro il rumore, è il ” non voler lasciar passare ” che porta al ” non poter lasciar passare “. Si è notato che i disturbi più frequenti dell’orecchio si presentano nei bambini nell’età in cui debbono imparare ad ubbidire.
 
La maggior parte delle persone anziane soffre di durezza di udito. La sordità senile, al pari della vista cattiva, della rigidità muscolare e della difficoltà di movimento rientra nel quadro dei sintomi somatici della vecchiaia, che sono tutti espressione della tendenza dell’uomo a diventare con l’età sempre più rigido e inflessibile.


L’uomo anziano perde in genere la capacità di adattamento e la flessibilità, ed è sempre meno disponibile a ubbidire. L’evoluzione qui indicata è tipica dell’età senile, ma non necessaria. L’età esaspera i problemi non ancora risolti e rende onesti al pari della malattia.

Malattie delle orecchie:


Chi ha problemi con le orecchie o con l’udito, farebbe bene a porsi queste domande:
1. Perché non sono disponibile a prestare orecchio a qualcuno?
2. A chi o a che cosa non voglio ubbidire?
3. I due poli egocentrismo e modestia sono in equilibrio in me?
Capita a volte che si verifichi un crollo improvviso dell’udito, in genere unilaterale, che può arrivare fino alla sordità; in seguito è possibile che perda l’udito anche il secondo orecchio.

Bambini, Fiume, Acqua, Il Bagno, Splash, Ragazzi
 
Per poter interpretare bene questo sintomo occorre considerare bene la situazione di vita della persona colpita da questo disturbo.
Il crollo improvviso dell’udito è una esortazione a prestare orecchio alla voce interiore, ad ascoltarsi dentro. Soltanto chi già da lungo tempo è sordo per la propria voce interiore diventa sordo davvero.

(Dott.ri Thorwald Dethlefsen Rudiger Dahlke)
 

Il Viso e gli Occhi

Dopo aver terminato la presentazione dei grandi sistemi organici, procediamo ora con le parti del corpo non appartenenti direttamente all’uno o all’altro, ma frequentemente utilizzate dalla nostro Coscienza Interiore per «parlarci».

Il viso e le sue malattie

viso, vista, acutezza

Il viso ha la particolarità di raggruppare i cinque sensi, vale a dire la vista, l’udito, l’olfatto, il gusto e il tatto.

Rappresentando l’identità, è anche la sede privilegiata della percezione «sottile» del mondo esterno attraverso dei sensori sofisticati che permettono di percepire livelli elaborati del mondo materiale (colori, suoni, sapori, odori e temperature). Attraverso i
cinque sensi, esprimiamo le nostre difficoltà a percepire o ad accettare questi livelli dentro di noi.

malattia espressione dell'AnimA

Possiamo farlo con gli occhi, le orecchie, il naso, la bocca o la pelle. I problemi generali del viso ci parleranno di un problema di identità, di una difficoltà ad accettare quella che abbiamo o crediamo di avere.

Acne, eczema, rossori, come pure barba, baffi, eccetera sono tutti mezzi che rivelano le nostre difficoltà ad accettare il nostro volto, sia perché non ci piace, sia perché è troppo bello e attira più di quanto vorremmo. Sono tutti modi atti a nasconderlo o ad imbruttirlo, a cambiare o rifiutare un’immagine d’identità che ci risulta insoddisfacente.

Gli occhi e le loro malattie


Hijab, Foulard, Ritratto, Velo, Donna, Occhio, Ragazza


Gli occhi sono gli organi della vista, della visione. Grazie ad essi, possiamo vedere il mondo esterno nei suoi colori (che sono la rappresentazione del sentimento) e, poiché sono due, in rilievo (che è la rappresentazione della struttura). L’occhio destro, che rappresenta la struttura dell’individuo (Yin), conferisce la visione «orizzontale» e l’occhio sinistro, rappresentante la personalità dell’individuo, dona la visione «verticale».

Gli occhi sono associati all’energia del Principio del Legno e in tal senso rappresentano il livello di percezione maggiormente in relazione con i sentimenti e con «l’essere».

Occhi Azzurri, Donna, Femminile, Trucco, Modello

Ciò ci permette di comprendere più facilmente perché numerose miopie fanno la loro comparsa durante l’adolescenza che, ricordiamocelo (vedi anche scoliosi), è il periodo della vita in cui il ragazzo verifica i suoi punti di riferimento affettivi rispetto al mondo esterno, al di fuori della struttura familiare.

Le malattie degli occhi indicano quindi che abbiamo difficoltà a vedere qualcosa nella nostra vita e in particolare qualcosa che ci tocca a livello affettivo. Cos’è che non voglio vedere? Cosa rimette in discussione il mio essere o l’idea del posto che secondo me dovrebbe avere?

Cat, Animale, Occhi Di Gatto, Occhi, Pet, Vista

Queste domande sono frequentemente associate ad una sensazione di ingiustizia. Se si tratta dell’occhio destro, la tensione è in rapporto con il simbolismo Yin (della madre) e se si tratta dell’occhio sinistro, ciò che ci rifiutiamo di vedere sarà in relazione con il simbolismo Yang (relativo al padre).

Ripenso qui al caso di Pascal che avevo citato per il femore. All’età di nove anni e mezzo, egli perse il padre in un incidente stradale avvenuto durante il lavoro. Questa scomparsa dovette, di fatto, essere accettata nel conscio e nella mente, ma la stessa cosa non avvenne per l’inconscio.

Inverni, Donna, Cerca, Biondo, Bella Donna, Bellezza

L’anno successivo, il giorno del suo compleanno, sei mesi dopo la scomparsa, l’occhio sinistro del bambino si gonfiò improvvisamente. Nonostante un ricovero in ospedale e ripetute analisi, l’equipe medica non poté trovare nulla. Di fronte a ciò i medici decisero, davanti al bambino che si presumeva non potesse comprendere niente, di operarlo il giorno seguente per «vedere cosa ci fosse dentro». L’indomani, al risveglio, l’edema era completamente sparito.

(La Consapevolezza è arrivata prima)

Persone, Donna, Ragazza, Abbigliamento, Occhio

È evidente che il bambino rifiutava di «vedere», di accettare di percepire qualcosa in relazione allo Yang (padre). La paura dell’intervento gli fece arrestare immediatamente la manifestazione della tensione, preferendo soffocarla dentro di sé. Tuttavia, parecchi anni dopo, all’età di ventotto anni, ebbe a sua volta un incidente d’auto, anche nel suo caso tornando dal lavoro, nel quale si fratturò il femore sinistro.

Esattamente in quel periodo egli stava vivendo una difficile fase di conflitto e di fuga nei confronti di tutto ciò che poteva rappresentare una forma d’autorità, che fosse sociale o familiare.

Occhiali, Vedere, Panoramica, Nitidezza, Lenti

Egli riviveva senza esserne consapevole quanto aveva passato all’epoca della morte di suo padre, ossia «qual è il mio posto, chi sono, nessuno mi può capire o aiutare, perché questa ingiustizia, eccetera?». Ogni manifestazione oculare fornirà una particolare precisazione.

La miopia, una difficoltà a vedere lontano, rappresenta la paura inconscia del futuro che ci sembra offuscato, ovvero mal definito, sfuocato.

Occhiali, Lettere, Test Degli Occhi, Visione, Dioptrin

La cataratta, caratterizzata da un oscuramento o addirittura da una scomparsa totale della vista, esprime la nostra paura del presente o del futuro che ci appaiono oscuri.

La presbiopia, che si manifesta mediante una difficoltà a vedere gli oggetti vicini, rappresenta il nostro timore di vedere ciò che è presente o relativo ad un futuro prossimo.

Questa «malattia», che riguarda principalmente le persone anziane, è sorprendentemente simile alla memoria, che segue in loro il medesimo processo in quanto si ricordano sempre meno dei fatti recenti e, al contrario, sempre più chiaramente dei fatti lontani nel tempo. 


Phoropter, Rifrazione, Prescrizione Degli Occhiali

La presbiopia va in particolar modo associata all’approssimarsi della morte che rappresenta una scadenza che non è possibile «aver voglia di vedere».

L’astigmatismo si caratterizza per il fatto di non vedere gli oggetti esattamente come sono, ma «deformati». Ciò simboleggia la nostra difficoltà a vedere le cose (o noi stessi) tali e quali sono nella nostra vita.

Qualsiasi cosa che percepiamo, o non vogliamo vedere , cogliere, comprendere, ci appare deforme, il mondo fuori che stai creando è parte del tuo universo interiore .. integrare tutte le proprie parti significa osservare e creare un’esperienza degna di essere vissuta e condivisa

Michel Odoul modificato Ciani Francesco Ciani

Il sistema riproduttivo

Malattia Espressione dell’AnimA

Come ci viene indicato dal nome, il sistema riproduttivo è quello che consente all’essere umano di riprodursi. È composto dagli organi sessuali, dalle ghiandole sessuali (testicoli, ovaie) e dall’utero nella donna. Attraverso questo sistema estremamente elaborato, la discendenza umana si perpetua nell’incontro tra un uomo, di natura Yang e penetrante, e una donna, di natura Yin e ricettiva.
 
L'immagine può contenere: una o più persone, nuvola, oceano, cielo, spazio all'aperto e acqua
 
La Vita ci mostra così fino a che punto l’evoluzione non sia possibile se non attraverso l’incontro dei contrari. Ciò può portarci a comprendere come sia necessario attuare la stessa cosa dentro di noi per poter evolvere. Dobbiamo andare incontro all’altro lato di noi stessi, della nostra parte «Yin, femminile» se siamo uomini, e della nostra parte «Yang, maschile» se siamo donne.

Non si tratta naturalmente di sessualità, ma di ciò che C.G. Jung definì «Anima» (femminile) e «Animus» (maschile). Si tratta del nostro lato dolce, tenero, passivo, artistico, estetico, accogliente, inconscio, profondo (femminile) e del nostro lato deciso, forte, attivo, guerriero, difensivo, penetrante, cosciente, superficiale (maschile).

L'immagine può contenere: una o più persone
 
Ci risulta allora possibile crescere, evolvere e giungere progressivamente a fare ciò che definisco «la pace dei contrari» (che Jung aveva battezzato come «riconciliazione degli opposti»), l’Unità in noi, creando, partorendo un altro noi stessi.

È interessante notare che questa (pro)creazione ha tutte le possibilità di realizzarsi nel piacere e nella gioia (godimento, orgasmo) come previsto dalla vita. Un fatto sul quale devono riflettere coloro il cui processo di sviluppo personale si attua mediante l’esercizio della volontà, della forza, della costrizione o dell’urgenza.

Il sistema riproduttivo è beninteso quello che ci consente di procreare, di donare fisicamente la vita. Per estensione, si tratta anche della nostra capacità generale di creare, di partorire (progetti, idee, eccetera) nel mondo materiale.

Risultati immagini per il sistema riproduttivo femminile
Infine è anche il sistema della sessualità, ossia della nostra capacità di creare nel godimento. Rappresenta la nostra azione sull’altro, il nostro potere su di lui poiché egli ci si abbandona, come noi a lui, in questa particolare relazione. Questo potere deve pertanto essere reciproco e rispettoso ed è ancora più grande quando si fonda sull’amore.

In ultimo, esso ha la peculiarità, come appena menzionato, di procurare il piacere, di poter (oserei dire) essere vissuto nel godimento in quanto è normalmente caratterizzato dall’orgasmo. Quest’ultimo rappresenta il godimento supremo della creazione, dell’azione creatrice e fecondatrice, compiuta insieme all’altro.

Le malattie del sistema riproduttivo


Le malattie del sistema riproduttivo ci parlano della nostra difficoltà a vivere o ad accettare questa «pace dei contrari» all’interno di noi. Possono manifestarsi in differenti modi, ma indicano sempre una tensione rispetto all’altro, si tratti del coniuge, di nostro figlio o delle loro rappresentazioni dentro di noi o all’esterno.

Risultati immagini per ciclo femminile
È il caso particolare dei problemi all’utero, che rappresenta la coppia, il focolare, il nido e che indica sovente tensioni o sofferenze relative al coniuge (assenze, frustrazione, decesso, conflitto, eccetera) o relative al posto occupato da ciascuno all’interno della casa.

Esprimono inoltre la nostra paura, il nostro timore di partorire, si tratti di un parto reale (bambino) o simbolico (progetti, idee, eccetera), per mancanza di fiducia, per senso di colpa o angoscia. I dolori ai testicoli o alle ovaie ci parlano di ciò, che si tratti di una cruralgia, di una cisti o di un cancro sviluppatosi nelle ghiandole riproduttive.

Le malattie «sessualmente trasmissibili» rappresentano spesso delle autopunizioni, inconsciamente provocate da un senso di colpa per una attività sessuale sviluppata al di fuori delle norme riconosciute dall’individuo o dal suo ambiente. Tale senso di colpa, consapevole o meno, lo conduce a punirsi da sé mediante un «atto mancato», oserei dire, e ad incontrare sessualmente colui o colei che gli trasmetterà una malattia «vergognosa».

Risultati immagini per ciclo femminile
Attraverso frigidità, impotenza o dolori e infiammazioni di varia natura che «impediscono» la sessualità, esprimiamo la nostra difficoltà a vivere i piaceri della vita e in particolare dell’attività, professionale, sociale o familiare. Non ci permettiamo di provare piacere, appagamento o godimento nell’esercizio del nostro potere personale sulle cose o sugli altri.
 
Tutto ciò ci appare troppo serio o meglio colpevole e non sappiamo più, come il bambino, provare la semplice gioia di aver fatto qualcosa che «va» e di cui possiamo andar fieri.

Crediamo che questo potere sia vergognoso o negativo, quando invece può essere creativo e fecondo poiché ciò che gli conferisce una connotazione positiva o negativa è l’utilizzo che ne facciamo e le intenzioni che gli attribuiamo, proprio come il potere conferito dall’amore e dalla sessualità può creare o distruggere, liberare o alienare, animare o spegnere l’altro o se stessi.

(Michel Odoul)