Posted on Lascia un commento

Camomilla blu O.E.

Utile per favorire il fisiologico benessere del sistema nervoso

Camomilla Blu, Chamomilla matricaria, famiglia Asteraceae.

Note Bibliografiche:

Ha proprietà digestive, carminative, emmenagoghe, sedative, antispasmodiche, diaforetiche (aumenta la sudorazione), stimolanti, antinfiammatorie e disinfettanti. La droga contiene un olio essenziale costituito da bisabololo, camazulene e matricina, a cui sono ascritte proprietà antinfiammatorie, flavonoidi, tra cui apigenina, con attività spasmolitica, vitamina B1 e C.

L’I-bisabololo svolge azione protettiva nei confronti dell’ulcera gastrica ed è inoltre dotato di proprietà antibatteriche e fungicide. Prima della scoperta del chinino la camomilla veniva usata nelle febbri malariche.

Della pianta si usano le sommità fiorite (capolini). Questa pianta può essere molto utile come coadiuvante in insonnia nervosa, isterismo, ipertensione, lombalgie, mal di testa, cefalee, emicranie, nevralgie facciali, dolori reumatici, aerofagia, coliche epatiche, amenorrea (assenza di ciclo), infiammazioni dell’intestino, esofagite e gastrite.

Azione Terapeutica in MicroDosi

  • Acidità (ipercloridria o ipersecrezione gastrica anche con reflusso) AZIONE ELETTIVA
  • Esofagite AZIONE ELETTIVA
  • Gastrite AZIONE ELETTIVA
  • Digestiva, spasmolitica, antispastica, carminativa, antisettica, analgesica.
  • , antimicrobica, rinnova la flora batterica.
  • Cicatrizzante, ulceroprotettiva
  • Diarrea, colite.
  • Decongestionante, lenitiva, antipruriginosa.
  • Analgesica, sedativa, aromatica,
  • Tonico, stimolante digestivo, migliora le secrezioni digestive, antispasmodiche, eupéptica, dispepsia, irritazione gastrointestinale, gonfiore, crampi allo stomaco, disturbi digestivi, coliche, spasmi, dolori addominali.
  • Alterazioni della flora intestinale, e dopo terapie antibiotiche.
  • Cefalea, eruzione dentaria dei bambini.
  • Dismenorrea, ansia, insonnia.
  • Dermatiti, prurito.
  • Dismenorrea, , nevrosi, antinfiammatoria, .

Uso Topico diluito su base Carrier:

Emorroidi, mastiti, ulcere alle gambe. Si può usare come colluttorio per infiammazioni della bocca e in impacco per occhi arrossati. Utile nella gola infiammata. Inalata in suffumigi, spesso risolve catarri nasali dei bambini.

Sinergismi frequenti:

Altea, Filipendula, Ballota, Luppolo nella dispepsia nervosa. Valeriana, Passiflora, Luppolo nel nervosismo.

Avvertenze e controindicazioni :

L’uso continuativo e prolungato può provocare insonnia e nausea.

L’uso come antinfiammatorio oftalmico, se prolungato, può determinare irritazione all’occhio.

Esistono bambini ed adulti a cui la camomilla è paradossalmente irritante per il SNC, benché si tratti di casi non frequenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *