Ossa e vitamina D

La Vitamina D attiva ha effetti epigenetici, ovvero la capacità di influenzare l’espressione di centinaia di geni legati ai processi di divisione cellulare, riparazione del materiale genetico, espressione di proteine recettoriali e citochine con effetto transgenerazionale.

Relazione tra sintomo e causa

Sono passati alcuni decenni dalla scoperta di una sostanza lipofila, poi denominata Vitamina D, in grado di prevenire forme di rachitismo infantile.

Da allora i suoi effetti trofici sull’apparato muscolo-scheletrico sono stati ampiamente indagati ed è stato evidenziato che la Vitamina D è in grado di regolare, insieme al paratormone e agli estrogeni, il metabolismo del calcio e dei fosfati.

Si è poi individuato il recettore nucleare per la Vitamina D, chiamato VDR, espresso ubiquitariamente nei tessuti dell’organismo. È stata una scoperta inaspettata che ha permesso di evidenziarne l’azione pleiotropica ed il ruolo di “regista” di molti processi metabolici fondamentali (Gombart AF et al. 2005).

sole, abbronzatura, vitamina A, provitamina A

Da pochi anni si indaga sui polimorfismi genetici legati all’espressione del recettore VDR, che possono spiegare in parte la variabilità individuale nella relazione tra Vitamina D e salute.

La produzione endogena di colecalciferolo avviene nei cheratinociti della pelle grazie all irradiazione solare a partire da un metabolita del colesterolo. Il colecalciferolo di origine endogena o alimentare ha una emivita plasmatica di 20-30 ore e viene immagazzinato nel tessuto adiposo o idrossilato dagli epatociti.

Il metabolita intermedio 25(OH)colecalciferolo, non attivo, ha una emivita maggiore (7-14 gg) e deve subire una seconda idrossilazione in sede renale per produrre la forma attiva della vitamina-ormone 1,25(OH)colecalciferolo.

bambino vitamine

Il metabolita intermedio è la prevalente forma di Vitamina D che troviamo nel nostro corpo ed è utilizzata come biomarker nei test di laboratorio. La forma attiva viene rapidamente degradata da una idrossilasi autoindotta dopo avere esercitato la sua attività autocrina e paracrina in tutti i distretti corporei.

La Vitamina D attiva ha effetti epigenetici, ovvero la capacità di influenzare l’espressione di centinaia di geni legati ai processi di divisione cellulare, riparazione del materiale genetico, espressione di proteine recettoriali e citochine con effetto transgenerazionale.

I LARN della SINU (Società Italiana di Nutrizione) del 2012 e la revisione del 2014 hanno stabilito nuovi valori per le assunzioni di riferimento (A.R.) definendo per la prima volta i livelli di assunzione massima sicura giornaliera di questa vitamina.

vitamina k 2

Nel caso dell’adulto fino a 74 anni (maschio e femmina) viene indicato un valore di assunzione raccomandata per la popolazione (PRI) di 15μg, equivalente a 600 U.I., un fabbisogno medio (AR) di 10μg, equivalente a 400 U.I ed un livello massimo tollerabile di assunzione giornaliera (UL) di 100μg, equivalente a 4000 U.I (LARN 2012).

Anche l’EFSA, Ente Europeo di Sicurezza Alimentare, si è pronunciato sull’opportunità di integrare la Vitamina D, in particolare nelle fasce di popolazione a rischio di carenze, a causa della dieta, della scarsa esposizione alla luce solare o all’uso di farmaci. (EFSA 2010; EFSA 2008).

I livelli di assunzione raccomandata per la Vitamina D tengono conto del fatto che solo il 20% del nostro fabbisogno può essere ottenuto dagli alimenti; l’80% deve essere sintetizzato dalla pelle con l’esposizione ai raggi solari.

La scarsa esposizione al sole, tipica della vita moderna, è alla base della epidemica deficienza di Vitamina D e delle sue gravi conseguenze sulla salute.

La Comunità Europea ha approvato numerosi claims salutistici per la Vitamina D, molti dei quali legati alla salute delle ossa e al metabolismo minerale, ma ne ha riconosciuto anche gli effetti extra-scheletrici, come il mantenimento delle normali difese immunitarie (EFSA, 2010).

Linee guida e protocolli integrativi per la prevenzione ed il trattamento dei deficit di Vitamina D e delle fratture osteoporotiche sono state proposte dalla FIMG (Federazione Italiana dei Medici di Medicina Generale) e dalla SIOMMMS (Società Italiana Osteporosi, del Metabolismo Minerale e Malattie dello Scheletro).

benzina

In queste linee guida, nel capitolo Terapie con evidenza di efficacia, si legge:” In Italia la supplementazione con Vitamina D (D2 o D3) si è rivelata utile persino in prevenzione primaria tra gli anziani (Livello 1 A; Raccomandazione grado A)”.

La Stessa SIOMMMS ha redatto anche le linee guida per la prevenzione dell’ipovitaminosi D con colecalciferolo in cui si afferma che “la carenza di Vitamina D, specialmente se protratta nel tempo, può portare a quadri di vera e propria disabilità” e che “carenze subcliniche sono presenti nella maggioranza degli anziani in Italia” (Linee guida SIOOOMS).

L’EFSA stabilisce in 4.000 UI/die l’apporto giornaliero integrativo massimo sicuro per la Vitamina D in pazienti adulti sani.

girasole

Resta ancora da definire l’apporto ottimale ottimale in persone affette da patologie reumatologiche, dermatologiche, autoimmuni e metaboliche; centinaia di studi clinici hanno mostrato risultati incoraggianti.

Quando si sospetta uno stato carenziale è possibile una valutazione laboratoristica dei valori ematici del 25(OH) colecalciferolo.

Questo intermedio inattivo è un valido indicatore dei livelli tissutali della Vitamina D attiva 1,25(OH)colecalciferolo, difficilmente misurabile per la sua breve emivita.

sfoghi pelle

Quando si dosa la Vitamina D è opportuno dosare in parallelo anche paratormone (PTH), calcemia e calciuria.

Nel caso di carenze documentate le linee guida suggeriscono un carico iniziale seguito da un mantenimento con le concentrazioni di 1.000/2.000 UI/die (Linee guida Adami 2011).

Deve essere preferito il colecalciferolo perché è la forma di Vitamina D con maggiore profilo di sicurezza (Linee guida Adami 2011). Il colecalciferolo è infatti un pre-ormone che richiede per l’attivazione due idrossilazioni, la prima nel fegato e la seconda a livello renale.

Recentemente si è scoperto che la seconda idrossilazione avviene anche in molti tessuti periferici per le esigenze regolatorie locali e che il processo è quantitativamente rilevante.

Gli studi hanno mostrato per il colecalciferolo un profilo di alta tollerabilità e sicurezza per assunzioni giornaliere fino a cinque volte i dosaggi massimi ammessi negli integratori.

La Vitamina D rappresenta oggi un conveniente investimento sulla salute visto il profilo di tollerabilità ottimale ed il vantaggioso rapporto costo/efficacia sia in prevenzione che in trattamento, documentato da studi di farmacoeconomia.

L’integrazione con vitamina D è controindicata nei soggetti con insufficienza renale, ipocalciuria, ipercalcemia, calcoli renali e iperparatiroidismo.

PANCIA MALESSERE

Bibliografia scientifica: Salute della Donna Metagenics

 

Giulia Ferroni
Giulia Ferroni
Porto San Giorgio (FM)
Leggi Tutto
Il mio cuore ringrazia!!! Un'esperienza incredibile! Grazie Francesco Ciani🙏💗💗

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carrello